Erdogan attacca Merkel, ordine d’arresto per Hakan Sukur

Pubblicato il 12 agosto 2016 da ansa

Erdogan attacca Merkel

Erdogan attacca Merkel

ROMA. – La Germania dovrebbe pensare alle epurazioni seguite al crollo del muro di Berlino e non ai provvedimenti presi in Turchia dopo il fallito golpe. La stoccata, indirizzata alla cancelliera Merkel, è arrivata direttamente dal presidente turco Erdogan.

E le sue purghe dopo il fallito golpe, che stanno smantellando la rete di Fetullah Gulen, non hanno risparmiato nemmeno una star del calcio nazionale come Hakan Sukur. L’ex idolo dei tifosi, passato in politica con il presidente ma finito a difendere l’ex imam, è stato colpito da un ordine di arresto per “terrorismo”.

L’oggetto del contendere, tra Merkel e Erdogan, è stata una telefonata del 18 luglio, tre giorni dopo il fallito golpe militare, ha spiegato il presidente turco nella sua prima intervista ad una tv tedesca, sottolineando di aver criticato la cancelliera perché gli aveva chiesto di rispettare lo stato di diritto nelle epurazioni seguite al fallito golpe.

E negando che in Turchia sia in corso una vendetta, Erdogan ha aggiunto polemicamente: “Allora, quando c’è stata la riunificazione tedesca, ci sono state migliaia di persone che sono state licenziate. Come dovremmo valutarlo?”. Le epurazioni in Turchia, intanto, procedono.

Dopo le decine di migliaia tra militari, giornalisti, funzionari e impiegati pubblici, il nuovo bersaglio è stato stavolta uno dei simboli del calcio turco. Hakan Sukur, oggi 44enne, è stato una star in patria e non solo in vent’anni di carriera. Attaccante più prolifico nella storia del calcio turco, ha guidato la sua nazionale nello storico terzo posto ai mondiali del 2002. Ha lasciato un buon ricordo anche in Italia, militando nel Torino, nel Parma e nell’Inter.

Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, è passato in politica facendosi eleggere in Parlamento nel 2011 con l’Akp, il partito di Erdogan. Due anni dopo però si è dimesso in concomitanza con la cosiddetta ‘Tangentopoli del Bosforo’, una maxi-inchiesta sulla corruzione che secondo Erdogan è stata diretta da Gulen.

Sukur, in particolare, ha dato voce alle proteste contro il governo che aveva iniziato a smantellare la rete dell’ex imam, a partire dalla sue scuole. Lo scorso anno ha lasciato il Paese, ma è stato processato in contumacia nei mesi scorsi con l’accusa di aver insultato Erdogan sui social media.

Il suo attivismo contro il padre-padrone della Turchia gli è costato anche un mandato d’arresto per appartenenza ad ”un gruppo terroristico armato”. E’ stato disposto l’arresto anche del padre, Selmet Sukur, ed il sequestro dei loro beni, ma non sono stati trovati nelle loro residenze turche. I due, con il resto della famiglia, si troverebbero negli Stati Uniti.

Oltreoceano, per il momento, resta anche Gulen, che dalle colonne del quotidiano francese Le Monde ha smentito ancora una volta di essere l’ispiratore del fallito golpe del 15 luglio, ma si è impegnato a rientrare in Turchia e scontare la sua pena se dovesse essere riconosciuto colpevole, “anche solo di un decimo delle accuse”.

A patto che, ha precisato, sia una commissione internazionale indipendente a condurre le indagini, perché “la probabilità di ottenere un processo equo è quasi nulla” con un “sistema giudiziario sotto tutela del potere”. Le autorità turche, in ogni caso, insistono nella caccia al “traditore”.

Il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu ha spiegato di avere ricevuto “segnali positivi” dagli Stati Uniti sulla richiesta di estradare Gulen. Se ne parlerà il 22 agosto in un incontro ad Ankara tra una delegazione americana del Dipartimento di Giustizia e gli omologhi turchi. Intanto, per non allentare la morsa, un tribunale ha ordinato il sequestro dei beni e dei conti bancari dell’ex amico ed ora acerrimo rivale del ‘sultano’.

Alle purghe sarebbero invece sfuggiti due addetti militari dell’ambasciata turca in Grecia, imbarcati per l’Italia per poi tentare di raggiungere l’Olanda. Con loro restano all’estero, nonostante il richiamo, anche altri 32 diplomatici.

(di Luca Mirone/ANSA)

Ultima ora

00:04Calcio: Cristiano Ronaldo premiato come miglior giocatore

(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Cristiano Ronaldo ha ricevuto il Best Fifa Awards come miglior giocatore della scorsa stagione, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi a Londra. La stella del Real Madrid e della nazionale portoghese, vincitore dell'ultima edizione della Champions League, ha battuto la concorrenza di altri due 'marziani' del calcio come Neymar (da questa stagione al Psg) e Messi (Barcellona). Il premio come miglior allenatore è andato al tecnico del Real Madrid, Zinedine Zidane, che ha superato due tecnici italiani: Massimiliano Allegri ed Antonio Conte, vincitori rispettivamente del campionato italiano con la Juventus e della Premier inglese con il Chelsea.

23:14Calcio: Serie B, Brescia-Bari 2-1

(ANSA) - BRESCIA, 23 OTT - Prima vittoria per il Brescia di Marino ai danni di un Brescia che in trasferta continua a non ingranare. L'anticipo dell'undicesima giornata di Serie B finisce 2-1 con la squadra di casa che passa al 17' con un gol di Caracciolo che infila Micaj con un diagonale in progressione. Il pareggio del Bari al 33' con Galano che batte Minelli di testa sotto misura. All'8' st Brescia di nuovo avanti con un autogol di Capradossi a deviare un innocuo cross di Furlan. Il Brescia sale a 13 punti in classifica, il Bari resta a 16.

22:01Calcio: Tavecchio, Var da valutare in base ai dati

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Il Var si valuta sulle statistiche, non sulle dichiarazioni dei singoli. Bisogna vedere quanti elementi sono stati giudicati, quanti sono stati ritenuti errori e quanti quindi sono stati ripristinati nella legalità'". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le ultime polemiche scatenate dalla video assistenza agli arbitri, con Montella protagonista ("mi gioco la carriera"). "Certamente è un periodo di studio - aggiunge Tavecchio - dovete tenere conto che ci sono dieci campi di calcio e almeno tre arbitri che controllano: in totale sono 30 arbitri che devono avere una preparazione molto particolare e non è semplice. Ma il Var sarà il futuro del controllo del calcio".

21:56Calcio: Best Fifa Awards, Buffon miglior portiere

(ANSA) - LONDRA, 23 OTT - Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere al mondo della passata stagione. Il n.1 della Juventus si è aggiudicato il 'The best Fifa awards', ed è stato preferito a Keylor Navas e Manuel Neuer. "Sono felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età - le parole di un Buffon commosso -. Ringrazio il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo. L'ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria".

21:52Calcio: Bonucci, squadra è con Montella

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "Nel calcio moderno gli allenatori sono sempre messi in discussione ma la squadra è con Montella: vogliamo uscire da questo momento tutti insieme": così il capitano del Milan, Leonardo Bonucci, schierandosi con l'allenatore. "Ieri anche in dieci si è vista la voglia di rispondere sul campo alle critiche che ci stanno piovendo addosso dopo il grande mercato e le aspettative iniziali - ha detto a Premium Sport -. Dobbiamo rimanere uniti, credere nel lavoro: sono molto fiducioso e positivo per quello che verrà".

21:42Insulti antisemiti: Tavecchio, fatto inqualificabile

(ANSA) - MILANO, 23 OTT - "I volantini antisemiti offendono una comunità e tutto il nostro Paese. E' un atteggiamento inqualificabile". Così il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, a margine della consegna delle 'Stelle al Merito Sociale' al teatro Dal Verme di Milano, commenta le scritte antisemite apparse ieri sera allo stadio Olimpico di Roma durante la partita Lazio-Cagliari.

21:10Battisti, ‘se sarò estradato in Italia mi uccideranno’

(ANSA) - BRASILIA, 23 OTT - Nel caso in cui fossi estradato in Italia, "gli agenti penitenziari italiani hanno detto che mi uccideranno": lo ha detto alla stampa brasiliana Cesare Battisti alla vigilia della riunione del Supremo Tribunale brasiliano, ricordando "l'odio alimentato in tutti questi anni da una parte dei media e dalle forze politiche italiane. Quelli che mi vogliono uccidere sono quelli che dovranno avere cura di me in carcere... ho paura della violenza fisica da parte dell'Italia", ha aggiunto l'ex terrorista dei Pac condannato all'ergastolo per quattro omicidi. Battisti ha tuttavia affermato: "Sto aspettando la risposta del Supremo Tribunal Federal, credo sarà positiva. Stiamo parlando della legge, e secondo la legge la mia estradizione è impossibile. Un decreto non può essere derogato dopo cinque anni" dall'approvazione, ha detto alla stampa brasiliana Battisti. Domani è in programma a Brasilia un'udienza dell'Alta corte che esaminerà l'habeas corpus richiesto dai legali di Battisti.

Archivio Ultima ora