Erdogan attacca Merkel, ordine d’arresto per Hakan Sukur

Pubblicato il 12 agosto 2016 da ansa

Erdogan attacca Merkel

Erdogan attacca Merkel

ROMA. – La Germania dovrebbe pensare alle epurazioni seguite al crollo del muro di Berlino e non ai provvedimenti presi in Turchia dopo il fallito golpe. La stoccata, indirizzata alla cancelliera Merkel, è arrivata direttamente dal presidente turco Erdogan.

E le sue purghe dopo il fallito golpe, che stanno smantellando la rete di Fetullah Gulen, non hanno risparmiato nemmeno una star del calcio nazionale come Hakan Sukur. L’ex idolo dei tifosi, passato in politica con il presidente ma finito a difendere l’ex imam, è stato colpito da un ordine di arresto per “terrorismo”.

L’oggetto del contendere, tra Merkel e Erdogan, è stata una telefonata del 18 luglio, tre giorni dopo il fallito golpe militare, ha spiegato il presidente turco nella sua prima intervista ad una tv tedesca, sottolineando di aver criticato la cancelliera perché gli aveva chiesto di rispettare lo stato di diritto nelle epurazioni seguite al fallito golpe.

E negando che in Turchia sia in corso una vendetta, Erdogan ha aggiunto polemicamente: “Allora, quando c’è stata la riunificazione tedesca, ci sono state migliaia di persone che sono state licenziate. Come dovremmo valutarlo?”. Le epurazioni in Turchia, intanto, procedono.

Dopo le decine di migliaia tra militari, giornalisti, funzionari e impiegati pubblici, il nuovo bersaglio è stato stavolta uno dei simboli del calcio turco. Hakan Sukur, oggi 44enne, è stato una star in patria e non solo in vent’anni di carriera. Attaccante più prolifico nella storia del calcio turco, ha guidato la sua nazionale nello storico terzo posto ai mondiali del 2002. Ha lasciato un buon ricordo anche in Italia, militando nel Torino, nel Parma e nell’Inter.

Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, è passato in politica facendosi eleggere in Parlamento nel 2011 con l’Akp, il partito di Erdogan. Due anni dopo però si è dimesso in concomitanza con la cosiddetta ‘Tangentopoli del Bosforo’, una maxi-inchiesta sulla corruzione che secondo Erdogan è stata diretta da Gulen.

Sukur, in particolare, ha dato voce alle proteste contro il governo che aveva iniziato a smantellare la rete dell’ex imam, a partire dalla sue scuole. Lo scorso anno ha lasciato il Paese, ma è stato processato in contumacia nei mesi scorsi con l’accusa di aver insultato Erdogan sui social media.

Il suo attivismo contro il padre-padrone della Turchia gli è costato anche un mandato d’arresto per appartenenza ad ”un gruppo terroristico armato”. E’ stato disposto l’arresto anche del padre, Selmet Sukur, ed il sequestro dei loro beni, ma non sono stati trovati nelle loro residenze turche. I due, con il resto della famiglia, si troverebbero negli Stati Uniti.

Oltreoceano, per il momento, resta anche Gulen, che dalle colonne del quotidiano francese Le Monde ha smentito ancora una volta di essere l’ispiratore del fallito golpe del 15 luglio, ma si è impegnato a rientrare in Turchia e scontare la sua pena se dovesse essere riconosciuto colpevole, “anche solo di un decimo delle accuse”.

A patto che, ha precisato, sia una commissione internazionale indipendente a condurre le indagini, perché “la probabilità di ottenere un processo equo è quasi nulla” con un “sistema giudiziario sotto tutela del potere”. Le autorità turche, in ogni caso, insistono nella caccia al “traditore”.

Il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu ha spiegato di avere ricevuto “segnali positivi” dagli Stati Uniti sulla richiesta di estradare Gulen. Se ne parlerà il 22 agosto in un incontro ad Ankara tra una delegazione americana del Dipartimento di Giustizia e gli omologhi turchi. Intanto, per non allentare la morsa, un tribunale ha ordinato il sequestro dei beni e dei conti bancari dell’ex amico ed ora acerrimo rivale del ‘sultano’.

Alle purghe sarebbero invece sfuggiti due addetti militari dell’ambasciata turca in Grecia, imbarcati per l’Italia per poi tentare di raggiungere l’Olanda. Con loro restano all’estero, nonostante il richiamo, anche altri 32 diplomatici.

(di Luca Mirone/ANSA)

Ultima ora

10:58Pugilato: Mondiale welter Ibf, Spence detronizza Brooks

(ANSA) - SHEFFIELD (GRAN BRETAGNA), 28 MAG - L'imbattuto americano Errol "The Truth" Spence Jr. (22 incontri tutti vinti, 19 prima del limite) ha conquistato il titolo mondiale versione Ibf dei pesi welter battendo per Ko a 1'47''del'11/a ripresa il britannico Kell "The Special One" Brook (36-2, 25 KO) nel match disputato ieri notte sul ring allestito nel Bramall Football Ground di Sheffield, davanti a 27mila spettatori. Per Brook, con l'occhio sinistro completamente chiuso dopo la fine del match, è stata la seconda sconfitta consecutiva dopo quella subìta contro il campione del mondo dei medi Gennadi Golovkin quando il britannico ha tentato d'impossessarsi del titolo della categoria superiore.

10:42Migranti: a Napoli la nave di Msf con 1500 persone

(ANSA) - NAPOLI, 28 MAG - E' arrivata nel porto di Napoli e sono iniziate le operazioni di sbarco dei 1449 immigrati che si trovavano a bordo della nave ong 'Vos Prudence' di Medici Senza Frontiere. La nave è stata fatta ormeggiare al molo Carmine e sono state predisposte tutte le attività logistiche per effettuare lo sbarco. Ancora non è stata resa nota la destinazione dei migranti raccolti da Msf e da motovedette della Guardia Costiera da ben dodici diversi barconi in appena 10 ore. Alle 21 di ieri, dopo l'allarme lanciato sull'assenza di generi di prima necessità a causa del sovraffollamento era stata fatta approdare a Palermo per essere prima di ieri sera,attorno alle 21, dopo l'allarme lanciato dai responsabili di Msf sull'assenza di generi di prima necessità a causa del sovraffollamento della nave - la capienza è di 600 persone - era stata fatta approdare a Palermo per essere rifornita di beni di prima necessità. A bordo 140 donne, 45 bambini, uno dei quali di appena una settimana e due cadaveri recuperati da un gommone.

07:59Corea Nord: media, Usa inviano terza portaerei

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo riportano i media americani, sottolineando che la USS Nimitz si unirà alla USS Carl Vinson e alla USS Ronald Reagan già presenti nell'area.

07:56Usa: Mattis, Trump ‘molto aperto’ su clima

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Il presidente Donald Trump è "molto aperto" sul tema dell'accordo sul clima di Parigi e "valuta i pro e i contro" di un'eventuale permanenza degli Stati Uniti nell'intesa. Lo afferma il segretario alla Difesa, James Mattis, in un'intervista alla Cbs di cui sono stati diffusi gli estratti. "Stiamo valutando quale sarà la nostra politica sul tema. Ho partecipato ad alcuni degli incontri a Bruxelles dove il clima è stato uno degli argomenti, e il presidente era aperto. Era curioso del perché gli altri avevano assunto una certa posizione sul tema", mette in evidenza Mattis.

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

Archivio Ultima ora