Erdogan attacca Merkel, ordine d’arresto per Hakan Sukur

Pubblicato il 12 agosto 2016 da ansa

Erdogan attacca Merkel

Erdogan attacca Merkel

ROMA. – La Germania dovrebbe pensare alle epurazioni seguite al crollo del muro di Berlino e non ai provvedimenti presi in Turchia dopo il fallito golpe. La stoccata, indirizzata alla cancelliera Merkel, è arrivata direttamente dal presidente turco Erdogan.

E le sue purghe dopo il fallito golpe, che stanno smantellando la rete di Fetullah Gulen, non hanno risparmiato nemmeno una star del calcio nazionale come Hakan Sukur. L’ex idolo dei tifosi, passato in politica con il presidente ma finito a difendere l’ex imam, è stato colpito da un ordine di arresto per “terrorismo”.

L’oggetto del contendere, tra Merkel e Erdogan, è stata una telefonata del 18 luglio, tre giorni dopo il fallito golpe militare, ha spiegato il presidente turco nella sua prima intervista ad una tv tedesca, sottolineando di aver criticato la cancelliera perché gli aveva chiesto di rispettare lo stato di diritto nelle epurazioni seguite al fallito golpe.

E negando che in Turchia sia in corso una vendetta, Erdogan ha aggiunto polemicamente: “Allora, quando c’è stata la riunificazione tedesca, ci sono state migliaia di persone che sono state licenziate. Come dovremmo valutarlo?”. Le epurazioni in Turchia, intanto, procedono.

Dopo le decine di migliaia tra militari, giornalisti, funzionari e impiegati pubblici, il nuovo bersaglio è stato stavolta uno dei simboli del calcio turco. Hakan Sukur, oggi 44enne, è stato una star in patria e non solo in vent’anni di carriera. Attaccante più prolifico nella storia del calcio turco, ha guidato la sua nazionale nello storico terzo posto ai mondiali del 2002. Ha lasciato un buon ricordo anche in Italia, militando nel Torino, nel Parma e nell’Inter.

Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, è passato in politica facendosi eleggere in Parlamento nel 2011 con l’Akp, il partito di Erdogan. Due anni dopo però si è dimesso in concomitanza con la cosiddetta ‘Tangentopoli del Bosforo’, una maxi-inchiesta sulla corruzione che secondo Erdogan è stata diretta da Gulen.

Sukur, in particolare, ha dato voce alle proteste contro il governo che aveva iniziato a smantellare la rete dell’ex imam, a partire dalla sue scuole. Lo scorso anno ha lasciato il Paese, ma è stato processato in contumacia nei mesi scorsi con l’accusa di aver insultato Erdogan sui social media.

Il suo attivismo contro il padre-padrone della Turchia gli è costato anche un mandato d’arresto per appartenenza ad ”un gruppo terroristico armato”. E’ stato disposto l’arresto anche del padre, Selmet Sukur, ed il sequestro dei loro beni, ma non sono stati trovati nelle loro residenze turche. I due, con il resto della famiglia, si troverebbero negli Stati Uniti.

Oltreoceano, per il momento, resta anche Gulen, che dalle colonne del quotidiano francese Le Monde ha smentito ancora una volta di essere l’ispiratore del fallito golpe del 15 luglio, ma si è impegnato a rientrare in Turchia e scontare la sua pena se dovesse essere riconosciuto colpevole, “anche solo di un decimo delle accuse”.

A patto che, ha precisato, sia una commissione internazionale indipendente a condurre le indagini, perché “la probabilità di ottenere un processo equo è quasi nulla” con un “sistema giudiziario sotto tutela del potere”. Le autorità turche, in ogni caso, insistono nella caccia al “traditore”.

Il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu ha spiegato di avere ricevuto “segnali positivi” dagli Stati Uniti sulla richiesta di estradare Gulen. Se ne parlerà il 22 agosto in un incontro ad Ankara tra una delegazione americana del Dipartimento di Giustizia e gli omologhi turchi. Intanto, per non allentare la morsa, un tribunale ha ordinato il sequestro dei beni e dei conti bancari dell’ex amico ed ora acerrimo rivale del ‘sultano’.

Alle purghe sarebbero invece sfuggiti due addetti militari dell’ambasciata turca in Grecia, imbarcati per l’Italia per poi tentare di raggiungere l’Olanda. Con loro restano all’estero, nonostante il richiamo, anche altri 32 diplomatici.

(di Luca Mirone/ANSA)

Ultima ora

02:16Football Americano: Atlanta Falcons qualificati a Super Bowl

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Sono gli Atlanta Falcons la prima squadra qualificata al Super Bowl, la finalissima del campionato Nfl del football americano, che si giocherà domenica 5 febbraio (in Italia sarà l'alba di lunedì 6) a Houston. I Falcons hanno conquistato l'accesso alla sfida per il titolo battendo i Green Bay Packers per 44-21 nel match giocato al Georgia Dome. A Houston affronteranno la vincente dell'altra semifinale dei playoff, New England Patriots-Pittsburgh Steelers, che si giocherà in nottata. Atlanta torna a giocare un Super Bowl a 18 anni dall'ultima apparizione.

01:05Calcio: tutto facile per il Barcellona, poker gol ad Eibar

(ANSA) - BARCELLONA, 22 GEN - Tutto facile per il Barcellona, che vince 4-0 sul campo dell'Eibar nel posticipo della 19/a giornata della Liga. I campioni di Spagna al 10' pt perdono Busquets per infortunio: il bollettino medico diffuso dal club catalano riporta "una distorsione al legamento collaterale laterale della caviglia destra", ma per la prognosi bisognerà attendere domani con gli accertamenti del caso. A sbloccare il risultato è proprio il sostituto di Busquets, Denis Suarez, al 31'. Nella ripresa, al 5', raddoppio di Lionel Messi, mentre lo 0-3 lo firma Luis Suarez al 23'. Quarta rete di Neymar al 91', ed è poker. Così in classifica il Barcellona si porta a quota 41, a -1 dal Siviglia secondo e a due lunghezze dal Real Madrid capolista (che però deve ancora recuperare una partita). L'Eibar rimane decimo con 26 punti.

00:57Calcio: Spalletti,Juve fortissima, conti si fanno alla fine

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Non abbiamo fatto un partita brillantissima, anche perché loro hanno fatto molto intensità in mezzo. Non siamo stati gli stessi delle scorse gare ma non ci siamo fatti prendere dal panico e non abbiamo fatto confusione. Abbiamo attaccato e creato ma non siamo stati cattivi negli ultimi metri, anche un po' per scelta, per evitare contropiedi. La partita comunque l'abbiamo fatta e la vittoria è meritata". Luciano Spalletti commenta così il successo della Roma sul Cagliari. "Nella ripresa abbiamo fatto bene, la difesa non ha concesso niente e siamo stati equilibrati - aggiunge Spalletti -. Abbiamo portato a casa una vittoria importante contro un Cagliari che sta bene. Lo scudetto è una corsa a tre? Il cammino è ancora lungo e bisogna essere bravi a rimanere sul pezzo. La Juve è fortissima ma noi dobbiamo far vedere che siamo attrezzati: i conti si fanno alla fine. La crescita di Fazio?Se ne parla poco ma gioca sempre lui, e qualcosa vorrà dire. In questo momento non possiamo fare a meno di Fazio".

00:55Trump a Netanyahu, ‘pace solo con negoziati diretti’

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - "La pace fra Israele e i palestinesi può essere solo negoziata direttamente fra le due parti, e gli Stati Uniti lavoreranno con Israele per compiere progressi verso questo obiettivo". Lo ha detto il presidente Donald Trump al premier israeliano Benyamin Netanyahu, secondo quanto riferisce la Casa Bianca in un colloquio telefonico, nel quale Trump ha anche invitato Netanyahu alla Casa Bianca in febbraio. I due si sono detti d'accordo sul continuare a "consultarsi su vari temi, incluse le minacce poste dall'Iran". Trump ha ribadito "l'impegno senza precedenti alla sicurezza di Israele e messo in evidenza come la lotta all'Isis e agli altri gruppi terroristici del radicalismo islamico saranno una priorità della sua amministrazione".

00:43Hockey ghiaccio: 3-2 ad Asiago, Rittner è campione d’Italia

(ANSA) - ASIAGO, 22 GEN - Il Rittner Buam si conferma club campione d'Italia di hockey ghiaccio dopo aver battuto in rimonta la Migross Asiago per 3-2 nella finalissima per il titolo tricolore. Dopo una partenza molto buona dei padroni di casa, c'è stata la rimonta degli ospiti che hanno recuperato un doppio svantaggio tra primo e secondo tempo. Nel terzo periodo il Rittner ha conservato la rete di vantaggio di Alex Frei e così ha vinto il secondo scudetto consecutivo, il terzo in quattro anni. Il Rittner Sport, club che ha sede a Renon, comune di quasi 8.000 abitanti della provincia di Bolzano, e l'Asiago erano arrivate alla sfida per l'83/o scudetto della storia dell'hockey ghiaccio italiano battendo nelle semifinali scudetto rispettivamente il Cortina Hafro (5-2) e il Val Pusteria (3-1).

00:38Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Risultati della prima giornata di ritorno del campionato di serie A di basket: Dolomiti Energia Trentino - Enel Brindisi 84-48 The Flexx Pistoia - Vanoli Cremona 64-59 Openjobmetis Varese - Banco di Sardegna Sassari 76-83 Umana Reyer Venezia - Red October Cantù 93-72 Germani Brescia - Consultinvest Pesaro 99-68 EA7 Armani Milano - Betaland Capo d'Orlando 90-74 Grissin Bon Reggio E. - Pasta Reggia Caserta 85-86 Fiat Torino - Sidigas Avellino 84-79 - Classifica: Milano 28; Venezia 24; Avellino 22; Reggio Emilia e Sassari 18; Caserta, Capo d'Orlando, Brescia, Torino e Pistoia 16; Trentino e Brindisi 14; Cantù 12; Pesaro 10; Cremona e Varese 8.

00:22Calcio: Roma-Cagliari 1-0, giallorossi di nuovo a -1 da Juve

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Roma ha battuto il Cagliari per 1-0 nel posticipo serale della 21/a giornata. A decidere il match è stata una rete di Dzeko al 10' della ripresa. Per i giallorossi, ora di nuovo a -1 dalla Juventus capolista, è la 13/a vittoria consecutiva all'Olimpico, un record per le partite in casa. Nel finale nel Cagliari, che rimane a 26 punti in classifica, rosso diretto a Joao Pedro, entrato al 21' st, per un brutto fallo su Strootman.

Archivio Ultima ora