I 90 anni di Fidel, attacca Obama e compare in pubblico con Maduro

Pubblicato il 15 agosto 2016 da ansa

I 90 anni di Fidel, attacca Obama e compare in pubblico con Maduro

I 90 anni di Fidel, attacca Obama e compare in pubblico con Maduro

L’AVANA. – Prima un lungo intervento scritto per attaccare Barack Obama. Poi in serata si presenta a sorpresa in un teatro dell’Avana dove è accolto da un’ovazione. Fidel Castro ha festeggiato così i suoi 90 anni, tenendo fede alla sua fama di inossidabile combattente.

Una giornata punteggiata da mille celebrazioni ed eventi, preparati per settimane in tutto il paese, e trascorsa nell’attesa di sapere se il “comandante” si sarebbe fatto vedere, dato che da qualche mese non compariva in pubblico.

La giornata era cominciata con la sua presenza sui quotidiani locali per ricordare quanto si debba “martellare sulla necessità di preservare la pace” e sul fatto che “nessuna potenza si prenda il diritto di uccidere milioni di essere umani”.

Non è d’altra parte mancata la zampata contro il nemico di sempre, gli Stati Uniti. Durante la visita fatta in Giappone, Barack Obama “non è stato all’altezza, sono mancate” le scuse per la morte “di centinaia di migliaia di persone a Hiroshima, nonostante fosse a conoscenza delle conseguenze della bomba. E altrettanto criminale è stato l’attacco a Nagasaki, città scelta a caso dai padroni della vita”.

Fidel ha anche ringraziato per “i saluti e gli ossequi” ricevuti per il compleanno, che intende “ricambiare attraverso le idee che trasmetterò ai militanti del nostro Partito e gli organismi pertinenti”.

Poi in tarda serata: la sorpresa. Si è presentato al Teatro Karl Marx della capitale con una tuta sportiva bianca ed una maglia verde, sua tenuta ormai abituale, scatenando l’entusiasmo delle circa 5 mila persone presenti, tra le urla “Fidel, Fidel” e “complimenti”.

Si è seduto tra il fratello Raul, suo successore alla guida di Cuba, e il presidente venezuelano Nicolás Maduro.

La televisione lo ha ripreso solo con brevi immagini che lo hanno mostrato con lo stesso aspetto fragile degli ultimi anni, inquadrandolo tra l’altro mentre salutava alcuni dei presenti. Tra il pubblico c’era un gruppo di vecchi compagni della revolución del ’59, “eroi di Cuba e del lavoro”, hanno precisato i media, mentre sullo schermo del teatro scorrevano le immagini di alcuni momenti della vita dell’ex lider máximo.

E così come sempre avviene il “comandante” resta al centro dei media: una onnipresenza che secondo la blogger dissidente Yoani Sanchez rappresenta “il suo addio, le celebrazioni sono in realtà un tentativo per toglierlo dall’oblio”.

  • Gordiano Lupi

    Ma lo conoscete il “Son dell’embargo” di Nicolas Guillén?

    Son dell’embargo

    Kennedy con il suo embargo

    ci vuol chiudere il mare,

    Kenedí, kenedá,

    radere i barbuti,

    tornarci a schiavizzare.

    Kenedí, kenedá,

    che tonto è lo Zio Sam!

    Kenedá.

    Non un passo indietro, compagni,

    amici, non un passo indietro,

    Kenedí, Kenedá,

    piombo su piombo al nemico,

    piombo su piombo e niente più.

    Kenedí, Kenedá,

    che tonto è lo Zio Sam!

    Kenedá.

    Martí volle Cuba libera

    e Fidel disse: Eccola qua!

    Kenedí, Kenedá,

    con embargo o senza embargo

    libera per sempre sarà.

    Kenedí, Kenedá,

    che tonto è lo Zio Sam!

    Kenedá.

    Vattene, yankee, da qui!

    Kenedí.

    Lasciaci, Kennedy, in pace!

    Kenedá.

    Altrimenti vedrai,

    vedrai

    il piombo che pioverà

    Kenedá.

Ultima ora

17:51Basket: Olimpia a Vitoria per trovare continuità in Eurolega

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - Dopo la vittoria su Malaga, subito un nuovo esame di spagnolo per l'Ax Milano. Domani sera l'Olimpia (5-13) affronta a Vitoria il Baskonia (8-10) dello spauracchio Shengelia per restare aggrappata e rilanciare il sogno playoff. Milano cerca continuità: appena una volta in questa Eurolega è riuscita a centrare due successi consecutivi, a metà novembre contro Valencia e Bamberg. ''A Vitoria - la speranza di coach Pianigiani - vorremmo distribuire le energie e attaccarli su tutto il campo perché non giochino con regolarità: ruotano molto i giocatori e con questo possono imporre ritmi alti in difesa e in attacco. In sostanza è una partita in cui vogliamo crescere e competere perché è quello che dobbiamo fare fino alla fine per vincere qualche partita in più di quelle punto a punto e scalare posizioni in classifica''. Unica defezione in casa Olimpia quella del lungodegente Young.

17:50Terremoto: anche risorse a lotta dissesto idrogeologico

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - La 'cabina di regia' per la ricostruzione post sisma, presieduta a Pieve Torina (Macerata) dal commissario straordinario Paola De Micheli insieme ai rappresentanti delle Regioni e al capo della Protezione Civile Borrelli, ha dato il via libera anche al cronoprogramma per arrivare entro fine febbraio a definire il piano d'intervento sul dissesto idrogeologico nelle zone colpite dalla scia sismica. "Ci siamo fatti autorizzare dalle Camere - ha detto De Micheli - con una modifica del decreto 189, e far sì che una parte dei fondi della ricostruzione possano essere utilizzati per interventi per il dissesto idrogeologico consentendo una ricostruzione più sicura". "E' la prima volta che accade - ha detto il commissario - in una ricostruzione, e rappresenta un punto di non ritorno per la visione complessiva della ricostruzione". La riunione, ha concluso, è stata occasione pure per fare il punto sulla ricostruzione privata che sembra dare "segnali in controtendenza rispetto ai mesi scorsi".

17:38Editoria: Alessandro D’Avenia scriverà sul Corsera

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il Gruppo RCS annuncia l'arrivo di Alessandro D'Avenia tra i collaboratori del Corriere della Sera. A partire da lunedì 22 gennaio 2018, lo scrittore curerà "Letti da rifare", la nuova rubrica settimanale in prima pagina sul quotidiano di via Solferino. Ogni lunedì, D'Avenia offrirà ai lettori del Corriere riflessioni e provocazioni sugli argomenti più attuali che riguardano il mondo dei giovani, della cultura, dell'educazione, della scuola, dell'insegnamento. Palermitano, 40 anni, dottore di ricerca in lettere classiche, D'Avenia è scrittore e insegnante. Con i suoi libri, tradotti in tutto il mondo, ha fatto leggere milioni di persone. Ha ottenuto riconoscimenti per l'impegno a favore dei ragazzi; con "L'arte di essere fragili - come Leopardi può salvarti la vita", poi diventato anche rappresentazione teatrale, ha riempito i teatri e sta per inaugurare il racconto teatrale ispirato al suo libro più recente: "Ogni storia è una storia d'amore". Insegna italiano, latino e greco in un liceo milanese.

17:37Mafia cinese: gip, costanti e univoci indici di mafiosità

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "E' difficile immaginare un caso nei quali gli indici" di mafia "siano costantemente presenti ed univocamente indicativi come in questo caso" dell'operazione China Truck, dove "emerge un gruppo gerarchicamente organizzato e con più livelli, dedito al controllo di diversificate attività economiche, a cominciare da quelle di trasporto dei manufatti provenienti dalle aziende cinesi con sede a Prato ed anche in gran parte del resto del territorio nazionale, con ramificazioni a livello continentale in Francia, Germania, Spagna, Portogallo, ramificazioni in Polonia, Repubblica Ceca, Romania e Grecia". Lo scrive il gip Alessandro Moneti nell'ordinanza che ha stabilito 33 custodie cautelari in carcere eseguite oggi. "In Italia - scrive il gip - il controllo economico risulta esteso, in Prato soprattutto, ma anche nell'intera area metropolitana di Firenze e a Roma, in aree del Veneto (Padova) e della Sicilia (Catania) ma anche in Campania e Lombardia".(ANSA).

17:31Giustizia: va in pensione presidente Corte Appello di Torino

(ANSA) - TORINO, 18 GEN - "Tenete la schiena ritta e la mente aperta. Siate curiosi e indipendenti. Non smettete mai di studiare. E, come dice Stephen Hawking, guardate le stelle, non i vostri piedi". E' il pensiero che Arturo Soprano, presidente della Corte d'appello del Piemonte che lascia la magistratura dopo 43 anni di servizio, ha dedicato ai più giovani colleghi nel suo saluto a Palazzo di giustizia. Soprano, che si era insediato tre anni fa, ha detto di avere trovato a Torino "giudici di immenso valore" che corrispondono al suo "modello" di magistrato: "un uomo - ha spiegato - che non si preoccupa di soddisfare i desideri del pubblico, che non cerca il consenso dei media, che non si propone come un eroe". "In Soprano ho sempre percepito un messaggio di indipendenza e rispetto verso le altre istituzioni", ha detto il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, ringraziandolo per l'impegno nella salvaguardia della Curia Maxima. "Gratitudine e grande stima" anche da parte della sindaca, Chiara Appedino.(ANSA).

17:27Calcio: Benali si presenta, darò tutto per il Crotone

(ANSA) - CROTONE, 18 GEN - "Sono pronto ad impegnarmi per aiutare il Crotone a raggiungere l'obiettivo salvezza". È soddisfatto dell'impatto con la sua nuova squadra Amede Benali, centrocampista inglese di origini libiche arrivato dal Pescara a rinforzare il Crotone di Walter Zenga. "Ho parlato con il mister ieri - afferma - e mi ha detto quello che vuole e si aspetta da me. Io cercherò di dare tutto per aiutare il Crotone". Benali spiega come é arrivato in Calabria: "Il Crotone mi aveva cercato anche in estate, ma la cosa non si era potuta fare. Poi, quando si è riproposta l'opportunità sono venuto di corsa perché la società ha dimostrato tanta fiducia nei miei confronti. Grazie anche al presidente del Pescara che mi ha concesso la possibilità di tornare a giocare in A".

17:26Calcio: Lopez, voglio la Champions e Icardi è un fenomeno

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - "Voglio aiutare la squadra a raggiungere gli obiettivi, non siamo lontani dal primo posto e speriamo di qualificarci in Champions". Lisandro Lopez, il rinforzo in difesa scelto dall'Inter nel mercato di riparazione, racconta ambizioni e sensazioni, rispondendo alle domande dei tifosi sui social. 'Licia', così come viene chiamato sin da bambino in Argentina, è stato introdotto nell'ambiente nerazzurro da Mauro Icardi, suo connazionale: "Sapevo che era forte. E' un fenomeno e si merita il momento che sta vivendo. E' una persona eccellente, non lo conoscevo ma è fantastico. E' il capitano". E un altro argentino, Walter Samuel, uno degli eroi del Triplete, è l'idolo di Lisandro: "Aveva grande grinta e spirito di sacrificio, molto forte. Samuel e Cordoba? Spero di ripetere quello che hanno fatto qui". Anche perché l'Inter è un sogno realizzato per il rinforzo nerazzurro: "Sono stato subito contento, speravo che questo sogno si realizzasse''.

Archivio Ultima ora