I 90 anni di Fidel, attacca Obama e compare in pubblico con Maduro

Pubblicato il 15 agosto 2016 da ansa

I 90 anni di Fidel, attacca Obama e compare in pubblico con Maduro

I 90 anni di Fidel, attacca Obama e compare in pubblico con Maduro

L’AVANA. – Prima un lungo intervento scritto per attaccare Barack Obama. Poi in serata si presenta a sorpresa in un teatro dell’Avana dove è accolto da un’ovazione. Fidel Castro ha festeggiato così i suoi 90 anni, tenendo fede alla sua fama di inossidabile combattente.

Una giornata punteggiata da mille celebrazioni ed eventi, preparati per settimane in tutto il paese, e trascorsa nell’attesa di sapere se il “comandante” si sarebbe fatto vedere, dato che da qualche mese non compariva in pubblico.

La giornata era cominciata con la sua presenza sui quotidiani locali per ricordare quanto si debba “martellare sulla necessità di preservare la pace” e sul fatto che “nessuna potenza si prenda il diritto di uccidere milioni di essere umani”.

Non è d’altra parte mancata la zampata contro il nemico di sempre, gli Stati Uniti. Durante la visita fatta in Giappone, Barack Obama “non è stato all’altezza, sono mancate” le scuse per la morte “di centinaia di migliaia di persone a Hiroshima, nonostante fosse a conoscenza delle conseguenze della bomba. E altrettanto criminale è stato l’attacco a Nagasaki, città scelta a caso dai padroni della vita”.

Fidel ha anche ringraziato per “i saluti e gli ossequi” ricevuti per il compleanno, che intende “ricambiare attraverso le idee che trasmetterò ai militanti del nostro Partito e gli organismi pertinenti”.

Poi in tarda serata: la sorpresa. Si è presentato al Teatro Karl Marx della capitale con una tuta sportiva bianca ed una maglia verde, sua tenuta ormai abituale, scatenando l’entusiasmo delle circa 5 mila persone presenti, tra le urla “Fidel, Fidel” e “complimenti”.

Si è seduto tra il fratello Raul, suo successore alla guida di Cuba, e il presidente venezuelano Nicolás Maduro.

La televisione lo ha ripreso solo con brevi immagini che lo hanno mostrato con lo stesso aspetto fragile degli ultimi anni, inquadrandolo tra l’altro mentre salutava alcuni dei presenti. Tra il pubblico c’era un gruppo di vecchi compagni della revolución del ’59, “eroi di Cuba e del lavoro”, hanno precisato i media, mentre sullo schermo del teatro scorrevano le immagini di alcuni momenti della vita dell’ex lider máximo.

E così come sempre avviene il “comandante” resta al centro dei media: una onnipresenza che secondo la blogger dissidente Yoani Sanchez rappresenta “il suo addio, le celebrazioni sono in realtà un tentativo per toglierlo dall’oblio”.

  • Gordiano Lupi

    Ma lo conoscete il “Son dell’embargo” di Nicolas Guillén?

    Son dell’embargo

    Kennedy con il suo embargo

    ci vuol chiudere il mare,

    Kenedí, kenedá,

    radere i barbuti,

    tornarci a schiavizzare.

    Kenedí, kenedá,

    che tonto è lo Zio Sam!

    Kenedá.

    Non un passo indietro, compagni,

    amici, non un passo indietro,

    Kenedí, Kenedá,

    piombo su piombo al nemico,

    piombo su piombo e niente più.

    Kenedí, Kenedá,

    che tonto è lo Zio Sam!

    Kenedá.

    Martí volle Cuba libera

    e Fidel disse: Eccola qua!

    Kenedí, Kenedá,

    con embargo o senza embargo

    libera per sempre sarà.

    Kenedí, Kenedá,

    che tonto è lo Zio Sam!

    Kenedá.

    Vattene, yankee, da qui!

    Kenedí.

    Lasciaci, Kennedy, in pace!

    Kenedá.

    Altrimenti vedrai,

    vedrai

    il piombo che pioverà

    Kenedá.

Ultima ora

11:08Case, aziende e B&b, confiscati 50 mln a imprenditore barese

(ANSA) - BARI, 27 LUG - Beni due valore di 50 milioni sono stati confiscati dai Carabinieri al pregiudicato Giuseppe Cassone, 68enne di Gravina in Puglia. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di Prevenzione dal Tribunale di Bari su richiesta della Dda. Cassone, condannato negli anni scorsi per bancarotta fraudolenta, truffa e ricettazione, avrebbe costruito fra gli anni '70 e '90 e un vero e proprio impero basato soprattutto sul commercio di slot machine. Il provvedimento di confisca, che fa seguito al sequestro disposto nel maggio 2015, è stato notificato nelle province di Bari, Taranto, Messina e Matera. Le indagini dei Carabinieri hanno consentito di documentare una sproporzione per decine di milioni di euro fra i redditi dichiarati e i beni accumulati. Tra i beni confiscati ci sono dieci società, un call center, un pub ad Altamura, un Bed & Breakfast a Gravina in Puglia, oltre a quattro ville, 12 appartamenti e sette locali commerciali.

11:06Basket: la Fiat Torino ingaggia Trevor Mbakwe

(ANSA) - TORINO, 27 LUG - La Fiat Torino si rinforza sotto canestro ingaggiando Trevor Mbakwe. Alto 207 centimetri e dotato di ottima stazza, il centro statunitense, ma con passaporto nigeriano, ha già conosciuto il campionato italiano avendo vestito la maglia della Virtus Roma nella stagione 2013/14. In Europa ha giocato anche nel Bamberg Brose, Maccabi Tel Aviv e, lo scorso anno, Zenit San Pietroburgo.

11:02Calcio: Juve, Rincon ‘con Psg una buona partita’

(ANSA) - TORINO, 27 LUG - "Abbiamo disputato una buona gara: fisicamente stavamo meglio rispetto alla sfida col Barcellona". Questo il bilancio di Tomas Rincon, centrocampista venezuelano della Juventus, dopo la vittoria a Miami contro il Paris Saint-Germain. "È stato un buon allenamento - prosegue Rincon sul sito della società bianconera -, utile per mettere minuti nelle gambe, nonostante il caldo e l'umidità". Una partita speciale per il portiere Carlo Pinsoglio, entrato in campo per sostituire Buffon a partita in corso e autore di interventi decisivi. "Un onore tornare alla Juve e avere avuto la possibilità di esordire in amichevole - sono le parole del numero uno, cresciuto nelle giovanili bianconere e lo scorso anno in prestito al Latina -. Le parate su Jesé e Lo Celso? La prima è stata più istintiva, diciamo che è andata bene. Lavorando con Buffon e Szczesny non si può che migliorare".

10:50Calcio: Dybala, felice alla Juventus darò il massimo

(ANSA) - TORINO, 27 LUG - "Sono felice alla Juventus, mi trovo bene e mi allenerò al massimo per disputare una grande stagione". L'entusiasmo di Paulo Dybala al termine dell'amichevole vinta dalla Juventus sul Paris Saint-Germain spazza via le voci di mercato che lo coinvolgono. "È stata una bella partita, utile per allenarci fisicamente e per conoscere i compagni nuovi - spiega la 'Joya' sul sito della società bianconera -. Sono appena arrivati, ma il mister riuscirà a farli integrare nel gruppo".

10:47Capo polizia municipale spara a figlio e si uccide

(ANSA) - GROSSETO, 27 LUG - Il comandante della polizia municipale di Monte Argentario, Loredana Busonero, ha sparato al figlio di 17 anni e poi si è tolta la vita. Anche il ragazzo è morto per le gravi ferite riportate. È accaduto stamani a Porto Santo Stefano. Sul posto i carabinieri della compagnia di Orbetello.

10:45Nuoto: Mondiali, Pellegrini in semifinale

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Dopo il fantastico oro di ieri nei 200 sl, Federica Pellegrini è tornata in vasca stamattina ai Mondiali di nuoto di Budapest per le batterie dei 100 sl. La campionessa veneta ha ottenuto il nono tempo in 53"92 qualificandosi per le semifinali, in programma nel pomeriggio. Eliminata Silvia Di Pietro, 19/a in 54"74. Miglior tempo per la svedese Sarah Sjostrom in 53"01.

10:28Giappone: si dimette Renho, leader partito opposizione

(ANSA) - TOKYO, 27 LUG - La leader del partito democratico giapponese, la 49enne Renho, ha annunciato le proprie dimissioni. Conosciuta col solo nome di battesimo Renho, di padre taiwanese, è stata la prima donna eletta alla carica di presidente della principale forza all'opposizione nel settembre dello scorso anno, e la prima con doppia cittadinanza. Dopo l'abbandono nei giorni scorsi del segretario generale del partito, l'ex premier Yoshihiko Noda, a ridosso del deludente risultato delle elezioni a Tokyo, negli ambienti del partito già circolavano voci su un possibile cambio al vertice. La stessa Renho aveva espresso il desiderio di rinnovare la leadership del partito e creare una nuova generazione di politici all'interno dell'opposizione.

Archivio Ultima ora