Rio 2016: Paltrinieri fatica d’oro, “un sogno, ora il record”

Pubblicato il 15 agosto 2016 da ansa

The italian swimmer Gregorio Paltrinieri Gold medal, behind him  the italian  Gabriele Detti bronze medal winner of the men's 1500m Freestyle Final race of the Rio 2016 Olympic Games Swimming events at Olympic Aquatics Stadium at the Olympic Park in Rio de Janeiro, Brazil, 14 August 2016 Ansa / Ciro Fusco

The italian swimmer Gregorio Paltrinieri Gold medal, behind him the italian Gabriele Detti bronze medal winner of the men’s 1500m Freestyle Final race of the Rio 2016 Olympic Games Swimming events at Olympic Aquatics Stadium at the Olympic Park in Rio de Janeiro, Brazil, 14 August 2016
Ansa / Ciro Fusco

RIO DE JANEIRO. – Si portava dietro un peso da 10mila chili, eppure sull’acqua è andato senza nemmeno spostarla. ‘Motoscafo’ Greg Paltrinieri ha il potere di galleggiare come solo una macchina costruita ad hoc sa fare: non lo dice lui, ma chi da anni segue l’evoluzione di questo ragazzo che non ha ancora 22 anni, eppure ha già fatto quasi tutto.

Titolo europeo, mondiale e ora anche quello olimpico, perché con l’oro nei 1500 Rio il Greg nazionale ha riportato l’Italia (dei maschi) sul tetto dei Giochi sedici anni dopo Sydney, e non ha fallito l’appuntamento con la sua storia fatta di amore e acqua.

“Me la sono goduta, e ora non è finita qui” promette il fondista di Carpi, che in quelle 30 vasche ha messo a segno il suo assolo. Sempre in testa, prima degli ultimi cento metri anche sotto il record del mondo, fino al magico tocco finale. Il primato non c’è, ma lui voleva solo vincere.

“Il record arriverà, lo sento già nelle braccia ma non c’è fretta, qui contava solo la medaglia più preziosa – racconta da Casa Italia all’indomani della sua gara l’azzurro, che con le ore prende consapevolezza dell’impresa compiuta – Non è stato così facile vincere, tutti se lo aspettavano, sembrava fosse solo una formalità. Ma non è così, avevo tanta pressione, le aspettative di tutti: per questo sono partito a bomba, volevo tenere tutti dietro. Il tempo era irrilevante, se avessi voluto fare il record serviva una gara diversa. Ma per me contava vincere e sentire le emozioni che ho provato. E’ stata una gara di cuore”.

Greg si porta dietro l’allegria delle sue parti, quell’Emilia che mamma Lorena – a Rio insieme a papà Luca e alla storica fidanzata del neo campione olimpico Letizia – promette di fargli subito riassaporare in cucina. Ma dietro al sorriso c’è molto altro: come quell’attitudine alla fatica – inusuale nei ventenni -, a quelle otto ore al giorno in piscina di allenamenti senza fine che lo hanno portato fino alla gloria a cinque cerchi.

E ora che anche questa è fatta – a Londra 4 anni fa si era affacciato timidamente chiudendo al 5/o posto – dopo essere diventato campione europeo e mondiale, davanti c’è ancora un’autostrada da percorrere, traguardi da tagliare, esperienze da vivere: il podio condiviso con l’amico, Gabriele Detti – bronzo per la doppietta-show dell’Italia – che non sarà mai un rivale, ma un compagno d’avventura che dicono è solo alle prime bracciate.

“Questo momento l’ho sognato – racconta mentre accarezza il suo oro più bello – ed è arrivato come volevo. Divertendomi”. Tifoso juventino, appassionato di Nba (“Resto qualche giorno a Rio e andrò a vedere il Dream team, è una priorità…” sorride l’azzurro).

Quando torna in Italia le meritate vacanze, a nuotare si riprende il 15 settembre, prima un po’ di riflettori tv a Miss Italia, dove è stato chiamato per fare il giurato nella finale di Jesolo. Una breve divagazione, perché in vasca si torna subito a fare sul serio: ci sono i mondiali in vasca corta in Canada, e già bisogna pensare alla rassegna iridata del prossimo anno.

A Rio si è liberato di un macigno, libero di testa e cuore ha solo il peso di quell’oro che lo ha già fatto grande.

(dell’inviata Alessandra Rotili/ANSA)

Ultima ora

16:03Catalogna: ex ministro, ‘tutta Spagna deve fare autocritica’ (2)

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Durante l'incontro, Piqué ha sottolineato che "la Catalogna non vuole l'indipendenza" e che l'indipendentismo catalano ha radici molto lontane nel tempo. Dagli anni Ottanta "sono stati inseriti discorsi nella cittadinanza che hanno portato a pensare di poter raggiungere indipendenza", attraverso i media e "diminuendo la presenza della nazione spagnola". Questi "argomenti populisti" hanno convinto "buona parte della cittadinanza, ma non la maggioranza". Una dichiarazione di indipendenza è "possibile solo se si ha una maggioranza molto ampia, un riconoscimento internazionale, una classe dirigente affidabile, cose che non ci sono" in Catalogna. "Oggi la Spagna sta bene, ha superato la crisi, e questo rende ancora più contraddittoria la richiesta d'indipendenza". In ogni caso, "continua a essere una realtà che quasi metà della Catalogna pensa che l'indipendenza sia la scelta migliore. È nostra responsabilità capire cosa fare, per convincerli che la Spagna è un buon affare".

16:01Morto Gesualdi: i funerali domani alle 12 a Barbiana

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - I funerali dell'ex presidente della provincia di Firenze ed ex allievo di Don Milani Michele Gesualdi, si terranno domani a Barbiana alle 12. E' aperta invece dalle 12,30 la camera ardente, a Firenze nella sede dell'Opera della Madonnina del Grappa. Gesualdi è morto ieri pomeriggio nella sua abitazione a Calenzano dopo aver combattuto a lungo con la sla. (ANSA).

16:00Figc: incontro Tommasi-Sibilia

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - I presidenti dell'Associazione italiana calciatori, Damiano Tommasi, e della Lega nazionale dilettanti, Cosimo Sibilia, entrambi candidati ala presidenza della Figc, si sono incontrati a Roma per discutere dei rispettivi programmi federali. Il confronto - fa sapere l'Aic - ha evidenziato "le numerose convergenze sulle progettualità future". Lunedì prossimo è in programma il consiglio direttivo dell'Aic.

15:53Calcio: Prandelli ancora un flop, via anche dall’Al Nasr

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - E' finita con un divorzio consensuale l'esperienza di Cesare Prandelli al club calcistico di Dubai Al Nasr, dove era giunto lo scorso maggio. L'annuncio è stato dato dalla stessa società all'indomani dell'eliminazione della squadra negli ottavi di finale della Presidents Cup ad opera del Dibba Al Fujairah. La panchina è stata affidata al serbo Ivan Jovanovic, che torna al club emiratino dopo un'esperienza di tre anni tra il 2013 e il 2013. Prandelli, 60 anni, era reduce da esperienze non brillanti al Galatasaray, che lo ha esonerato dopo pochi mesi nell'autunno 2014, e al Valencia, che l'allenatore ha lasciato a fine dicembre 2016 dimettendosi dopo tre mesi di gestione.

15:47Adozione per figlio coppia aggressioni con acido

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - La Cassazione ha confermato l'adottabilità del bambino nato dalla relazione tra Martina Levato e Alexander Boettcher, i due giovani responsabili delle aggressioni all'acido messe a segno a Milano. La Suprema Corte ha respinto anche i ricorsi dei nonni del bambino che si proponevano come adottanti. Martina Levato nel ricorso in Cassazione aveva chiesto di dichiarare illegittima la sentenza con cui la Corte d'Appello di Milano, lo scorso marzo, ha confermato l'adottabilità del piccolo. Nel ricorso i legali scrivevano che a "nessun figlio minore", nemmeno nel caso di Annamaria Franzoni, "è stato riservato il trattamento (discriminatorio e privativo del diritto alla propria identità personale e familiare)" applicato al bimbo partorito nell'agosto 2015 da Martina Levato, l'ex studentessa bocconiana condannata a 20 anni per le aggressioni con l'acido. La difesa della Levato ha fatto sapere che ricorrerà alla Corte europea dei diritti dell'Uomo (Cedu).

15:31Maroni, Bongiorno? Io e Bossi combattevamo Andreotti

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - "Giulia Bongiorno dice: 'Questa Lega nazionale l'avrebbe approvata anche Andreotti'. È davvero cambiato il mondo: io e Bossi quelli come Andreotti li abbiamo sempre combattuti". Lo ha scritto Roberto Maroni commentando su Twitter le parole della neo-candidata della Lega, Giulia Bongiorno.

15:20Figc: Malagò, Club Italia a Buffon? Perchè no

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Buffon al Club Italia? Mettere un giocatore in quel ruolo sarebbe una cosa logica". Lo ha dichiarato il presidente del Coni, Giovanni Malagò, commentando l'ipotesi di affidare il Club Italia a Buffon. "Gigi è una persona alla quale farei fare tutto - ha aggiunto il numero uno dello sport italiano parlando della sfida elettorale tra Sibilia, Tommasi e Gravina a margine di un convegno organizzato da Figc e Ussi all'Acqua Acetosa - ma bisogna capire cosa ha deciso di fare da grande. Il 29 gennaio ci saranno le elezioni della Figc: Buffon ha manifestato certe intenzioni per fine stagione, ma c'è anche la possibilità che continui a giocare, una cosa che mi augurerei da suo tifoso personale". "Al momento io osservo attentamente - ha concluso Malagò - sono uno spettatore molto interessato. Chi farà bottino pieno? Mi sembra un parolone, perché per fare bottino pieno servono numeri e consensi importanti, che tra l'altro sarebbero indispensabili in un momento come questo".

Archivio Ultima ora