Rio 2016: Paltrinieri fatica d’oro, “un sogno, ora il record”

Pubblicato il 15 agosto 2016 da ansa

The italian swimmer Gregorio Paltrinieri Gold medal, behind him  the italian  Gabriele Detti bronze medal winner of the men's 1500m Freestyle Final race of the Rio 2016 Olympic Games Swimming events at Olympic Aquatics Stadium at the Olympic Park in Rio de Janeiro, Brazil, 14 August 2016 Ansa / Ciro Fusco

The italian swimmer Gregorio Paltrinieri Gold medal, behind him the italian Gabriele Detti bronze medal winner of the men’s 1500m Freestyle Final race of the Rio 2016 Olympic Games Swimming events at Olympic Aquatics Stadium at the Olympic Park in Rio de Janeiro, Brazil, 14 August 2016
Ansa / Ciro Fusco

RIO DE JANEIRO. – Si portava dietro un peso da 10mila chili, eppure sull’acqua è andato senza nemmeno spostarla. ‘Motoscafo’ Greg Paltrinieri ha il potere di galleggiare come solo una macchina costruita ad hoc sa fare: non lo dice lui, ma chi da anni segue l’evoluzione di questo ragazzo che non ha ancora 22 anni, eppure ha già fatto quasi tutto.

Titolo europeo, mondiale e ora anche quello olimpico, perché con l’oro nei 1500 Rio il Greg nazionale ha riportato l’Italia (dei maschi) sul tetto dei Giochi sedici anni dopo Sydney, e non ha fallito l’appuntamento con la sua storia fatta di amore e acqua.

“Me la sono goduta, e ora non è finita qui” promette il fondista di Carpi, che in quelle 30 vasche ha messo a segno il suo assolo. Sempre in testa, prima degli ultimi cento metri anche sotto il record del mondo, fino al magico tocco finale. Il primato non c’è, ma lui voleva solo vincere.

“Il record arriverà, lo sento già nelle braccia ma non c’è fretta, qui contava solo la medaglia più preziosa – racconta da Casa Italia all’indomani della sua gara l’azzurro, che con le ore prende consapevolezza dell’impresa compiuta – Non è stato così facile vincere, tutti se lo aspettavano, sembrava fosse solo una formalità. Ma non è così, avevo tanta pressione, le aspettative di tutti: per questo sono partito a bomba, volevo tenere tutti dietro. Il tempo era irrilevante, se avessi voluto fare il record serviva una gara diversa. Ma per me contava vincere e sentire le emozioni che ho provato. E’ stata una gara di cuore”.

Greg si porta dietro l’allegria delle sue parti, quell’Emilia che mamma Lorena – a Rio insieme a papà Luca e alla storica fidanzata del neo campione olimpico Letizia – promette di fargli subito riassaporare in cucina. Ma dietro al sorriso c’è molto altro: come quell’attitudine alla fatica – inusuale nei ventenni -, a quelle otto ore al giorno in piscina di allenamenti senza fine che lo hanno portato fino alla gloria a cinque cerchi.

E ora che anche questa è fatta – a Londra 4 anni fa si era affacciato timidamente chiudendo al 5/o posto – dopo essere diventato campione europeo e mondiale, davanti c’è ancora un’autostrada da percorrere, traguardi da tagliare, esperienze da vivere: il podio condiviso con l’amico, Gabriele Detti – bronzo per la doppietta-show dell’Italia – che non sarà mai un rivale, ma un compagno d’avventura che dicono è solo alle prime bracciate.

“Questo momento l’ho sognato – racconta mentre accarezza il suo oro più bello – ed è arrivato come volevo. Divertendomi”. Tifoso juventino, appassionato di Nba (“Resto qualche giorno a Rio e andrò a vedere il Dream team, è una priorità…” sorride l’azzurro).

Quando torna in Italia le meritate vacanze, a nuotare si riprende il 15 settembre, prima un po’ di riflettori tv a Miss Italia, dove è stato chiamato per fare il giurato nella finale di Jesolo. Una breve divagazione, perché in vasca si torna subito a fare sul serio: ci sono i mondiali in vasca corta in Canada, e già bisogna pensare alla rassegna iridata del prossimo anno.

A Rio si è liberato di un macigno, libero di testa e cuore ha solo il peso di quell’oro che lo ha già fatto grande.

(dell’inviata Alessandra Rotili/ANSA)

Ultima ora

21:50Raggi: difficile governare Roma, ma città sta cambiando

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Governare Roma "non lo definirei un peso ma un onore, certo è una città difficile, ci sono responsabilità, le conoscevamo prima di candidarci e siamo pronti a farcene carico come stiamo già facendo". Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi intervistata a 'di Martedì' su La7. "La città sta cambiando ma quando si costruisce si deve fare la buca, scavare, costruire le fondamenta. Gli operai sono a lavoro a costruire solide fondamenta", ha aggiunto. "La macchina amministrativa è uscita fuori da Mafia Capitale a pezzi, quindi noi tutti insieme ci stiamo facendo carico di ricostruire la macchina - ha sottolineato -. Quando è ricostruita possiamo iniziare a guidare". La Raggi ha parlato anche del caso Marra ("è stato un errore ma ora è un capitolo chiuso") e della collega di Torino, Chiara Appendino, in testa ai gradimenti. "Ognuno deve fare il sindaco della propria città, è brava", ha detto. E sul possibile avviso di garanzia: "si leggono e si valuta cosa fare".

21:21Calcio: Crotone, Cordaz, vogliamo giocarcela fino al termine

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - "Ci crediamo, siamo vivi e vogliamo giocarcela fino al termine". Così Alex Cordaz, portiere e capitano del Crotone, cerca di risollevare il morale della squadra dopo il ko casalingo con il Bologna ed in vista della gara di domenica prossima a Marassi contro il Genoa. "Quella contro l'undici di Juric - dice il numero uno del Crotone - è una gara fondamentale, come sarà peraltro da qui alla fine per ogni partita. Il morale deve essere alto. Non dobbiamo guardare a quello che è successo o non è successo perché non ne abbiamo il tempo. Dobbiamo solo concentrarci su Genoa e cercare di ottenere il massimo". Contro i rossoblu liguri il Crotone ritroverà Ivan Juric, l'allenatore che ha permesso ai calabresi la conquista della Serie A. "Conosciamo bene Juric - dice Cordaz - ma lui ha le sue armi e la sua squadra. Noi adesso non possiamo guardare l'avversario. Che sia Genoa, Empoli o Juventus, dobbiamo giocarcela con chiunque e fare punti''.

21:06Killer Florida, ‘ho agito in nome dell’Isis’

(ANSA) - NEW YORK, 17 GEN - Esteban Santiago, l'uomo accusato di aver ucciso cinque persone all'aeroporto di Fort Lauderdale, in Florida, ha detto agli agenti dell'Fbi di aver effettuato l'attacco a nome dell'Isis: lo ha detto l'agente speciale del Bureau Michael Ferlazzo durante la sua testimonianza in udienza, secondo quanto riporta la Cnn. L'agente non ha spiegato se Santiago sostiene di avere legami con lo Stato Islamico o se e' stato solo ispirato dall'organizzazione terroristica.

20:54Maltempo: partoriente da Desulo a Nuoro in sei ore

(ANSA) - NUORO, 17 GEN - Quasi un'odissea quella vissuta oggi da una partoriente di Desulo che ha impiegato sei ore per percorrere la strada provinciale 7, che collega il paese del Mandrolisai, dove la neve ha superato il mezzo metro, con Nuoro. Tutto comunque è andato bene, la donna è stata ricoverata all'ospedale San Francesco e potrebbe partorire nelle prossime ore. Una vicenda che il sindaco di Desulo, Gigi Littarru, ha stigmatizzato su Facebook: "Secondo voi può una partoriente fare un viaggio di sei ore per raggiungere l'ospedale di Nuoro? In Sardegna, a Desulo accade anche questo. Mi tengo per me le maledizioni di rito. Siamo governati da incapaci, che puntualmente non capiscono o non vogliono capire". La donna, con la gravidanza a termine, è partita verso Nuoro alle prime ore del mattino, dopo le prime avvisaglie del parto, ma raggiungere il capoluogo barbaricino si è rivelato più complicato del previsto. "Con la riforma sanitaria ci hanno chiuso l'ospedale di Sorgono, che era a pochi chilometri, ora però ci permettano di avere i mezzi per liberare la strada - ha dichiarato il sindaco all'ANSA - Chi ci governa ancora non sa che siamo paesi di montagna distanti ore dal primo ospedale. Qui non stiamo chiedendo la luna ma solo mezzi per permetterci di vivere in questo territorio. Quando siamo venuti a conoscenza del viaggio della donna abbiamo allertato la Protezione civile e tutto è andato bene. Ma non si può vivere in queste condizioni. La Regione deve sapere che anche nei piccoli paesi dimenticati dal mondo c'è bisogno della presenza dello Stato". (ANSA).

20:41Maradona: de Magistris’evento per tutti magari il 10 maggio’

(ANSA) - NAPOLI, 17 GEN - "Un evento organizzato e voluto da Alessandro Siani". Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, parlando, nel corso della diretta Facebook dalla pagina di Repubblica Napoli, dello spettacolo di ieri sera al Teatro di San Carlo con Maradona, sottolineando che "è stata una bella serata, il teatro era stracolmo". "Noi lavoriamo a un evento allo stadio San Paolo in occasione dei 30 anni dallo scudetto - ha affermato - se possibile il 10 maggio, ma comunque in quel mese". "Pensiamo a un evento accessibile a tutti - ha aggiunto - durante il quale conferire la cittadinanza onoraria a Maradona". "Noi consideriamo Maradona un bene comune - ha concluso - e per lui deve esserci un evento popolare, accessibile a tutti".

20:39Attivista Femen contro statua Trump a Museo Cere

(ANSA) - MADRID, 17 GEN - Un'attivista dell'organizzazione femminista Femen ha fatto irruzione nel Museo delle Cere di Madrid per contestare a seni nudi l'inaugurazione di una statua dedicata al presidente eletto americano Donald Trump. La donna ha gridato varie volte in inglese "stringete il patriarcato per i testicoli" e "fascista!", prima di essere allontanata dai dipendenti del museo. Femen Spagna ha rivendicato l'iniziativa pubblicando sul proprio sito una foto di spalle della donna, affermando che "Femen ha preso per i testicoli la statua di Trump nel Museo delle Cere".

20:30Calcio: Bologna, problemi difesa,out Gastaldello e Torosidis

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - Doppio stop nella difesa del Bologna. Il capitano Daniele Gastaldello, con uno stiramento all'otturatore interno sinistro, ne avrà per due-tre settimane. Il terzino greco Vasilis Torosidis, per un problema al pettineo sinistro, tornerà invece a disposizione tra dieci giorni. Gli esiti degli esami sono resi noti dal club, impegnato in serata in Coppa Italia con l'Inter a Milano.

Archivio Ultima ora