Industria privata sull’orlo del precipizio in Venezuela

Industria privata sull’orlo del precipizio
Industria privata sull’orlo del precipizio
Industria privata sull’orlo del precipizio

CARACAS – Sull’orlo del precipizio; insomma, aziende a rischio di chiusura. L’allarme è stato lanciato dalle organizzazioni imprenditoriali più importanti del Paese: Conindustria e Fedecámaras.

Juan Pablo Olalquiaga, presidente di Conindustria, ha affermato che le aziende obbligate per legge a vendere i propri prodotti ai prezzi stabiliti dal governo, difficilmente potranno sopravvivere all’aumento salariale: il loro destino sarà calare definitivamente la saracinesca.

– L’aumento dei salari e la politica di controllo dei prezzi rendono la vita delle industrie insostenibile – ha assicurato Olalquiaga -. Nel concedere un aumento così elevato dei “ticket de alimentación” – ha fatto notare il leader degli industriali -, il governo sta riconoscendo che le aziende non potranno affrontare l’impatto dell’aumento.

Dal canto suo, il presidente di Fedecámaras, Francisco Martìnez, ha sottolineato che le piccole e medie imprese saranno le più colpite dal provvedimento presidenziale. Ha quindi affermato:

– La materia salariale deve essere discussa da governo, lavoratori e industriali.

E sostenuto che oltre ai salari il governo dovrebbe porre particolare attenzione agli aspetti macroeconomici. Ad esempio, l’inflazione, la produzione e la mancanza di beni.

– Quando si osserva attentamente il ritmo degli incrementi ci si rende conto che questo avviene ogni quattro mesi. Ciò vuol dire che il modello economico attuale ha solo provocato inflazione.

Condividi: