Salari, un salto del 50 per cento. Osa, la carica dei 15

Pubblicato il 15 agosto 2016 da redazione

Aumento salarial impactará a 11 millones de trabajadores

Aumento salarial impactará a 11 millones de trabajadores

Mauro Bafile

Era ormai nell’aria. Se ne parlava da tempo. E poi il vicepresidente della Repubblica, Aristóbulo Istúriz, lo aveva assicurato già alcune settimane fa. Quindi, non è stata una sorpresa. Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha annunciato un congruo aumento del salario minimo. Si tratta di un incremento del 50 per cento, e cioè da 15mila 51bolívares a 22mila 576.

Anche i “cesta-ticket” (buoni per comprare generi alimentari e medicine) che accompagnano lo stipendio, pur senza gravare sul calcolo dei contributi che l’azienda deve versare, sono stati oggetto di attenzione da parte del capo dello Stato che ha deciso di portarli da un valore di 18mila 585 bolívares a 42mila 480.

Che ci fosse la necessità di rivedere il livello dei salari per adeguarlo alla nuova realtà del Paese, non c’erano dubbi. Come averne di fronte ad un’inflazione galoppante che quotidianamente erode la qualità di vita dei venezuelani? Si discute, invece, sul metodo.

In passato, senza entrare in considerazioni di altra indole, una commissione del governo dialogava con le organizzazioni imprenditoriali e i sindacati. L’entità del salario era il frutto di approfondite discussioni durante le quali si analizzavano la realtà del paese e i provvedimenti indispensabili per stimolarne la crescita. Ora non è più così.

L’esperienza insegna che in politica economica, i provvedimenti isolati spesso sono condannati al fallimento. Pretendere di evitare il deterioramento del salario solamente con un suo incremento, senza intervenire sul contesto globale dei fenomeni che lo provocano, è come arare nel mare. Lo è anche pensare che l’inflazione sia unicamente il risultato della speculazione e non dell’insieme di decisioni prese o semplicemente rimandate per ragioni di convenienza politica.

Una delle variabili della politica economica keynesiana, che attribuisce allo Stato la funzione di vivacizzare l’economia attraverso l’incremento di opere pubbliche con effetti a ventaglio sulle attività private, è l’incremento dei salari per spingere il consumo e stimolare la produzione privata.

Ma, per ottenere dei risultati, è necessaria innanzitutto l’esistenza di un complesso di aziende private produttrici di beni e, poi, l’applicazione di regole chiare che permettano agli imprenditori di calcolare i rischi e di mettere in agenda nuovi investimenti.

In Venezuela, purtroppo, le politiche del governo hanno decimato l’imprenditorialità privata, attraverso il controllo dei prezzi, la proibizione di licenziamento con giusta causa, l’assegnazione arbitraria della valuta, gli espropri e un discorso politico tutt’altro che conciliante.

In un passato recente, le entrate provenienti dalla vendita del greggio a oltre 100 dollari il barile, permettevano al governo di soddisfare le esigenze dei consumatori attraverso un volume sufficiente di importazioni di prodotti venduti, poi, a “prezzi politici”; prezzi con i quali l’industria locale non poteva competere.

A differenza della politica promossa dalla Cepal di Prebisch e fatta propria dai governi democratici del secolo scorso, che privilegiava l’industrializzazione sostitutiva delle importazioni attraverso una politica di dazi, i governi dell’estinto presidente Chávez, prima, e del presidente Maduro, poi, hanno agevolato le importazioni favorendo lo sviluppo dell’industria di altri paesi.

Oggi che l’economia venezuelana dipende per un 95 per cento dal petrolio, e il fabbisogno di prodotti di ogni tipo si soddisfa quasi unicamente attraverso l’importazione, la crisi economica si fa sempre più acuta. La contrazione del Prodotto Interno Lordo, stando al Fondo Monetario Internazionale, sarà del 10 per cento; ma organismi privati proiettano una recessione dell’11 o del 12 per cento. Comunque, sarà la più alta dell’America Latina.

Da aprile, i prezzi del greggio sono in lenta ascesa. Buone notizie per il Venezuela, anche se i quasi 40 dollari al barile non sono sufficienti a soddisfare le esigenze del Paese. All’incremento dei prezzi, comunque, corrisponde una preoccupante riduzione della produzione.

Stando alle cifre ufficiali dell’Opec, a settembre del 2008 il Venezuela produceva 3,20 milioni di barili al giorno. Oggi la produzione è scesa a 2,36 milioni di barili. Una riduzione rilevante, dovuta alla mancanza di efficienza dell’industria e alla carenza di nuovi investimenti per la manutenzione e rinnovo dell’infrastruttura.

Quindi l’economia venezuelana presenta una realtà economica complessa alla quale si sommano un precario equilibrio istituzionale e un permanente e irrisolto conflitto tra Esecutivo, Parlamento e Potere Giudiziario.

La polemica del Mercosur e l’intervento di ben 15 paesi dell’Osa continuano a tener banco. Il braccio di ferro tra il Venezuela, che reclama il diritto di presiedere l’organismo multilaterale del “Cono Sur”, e l’Argentina, il Brasile e il Paraguay, che ritengono che non ne abbia i requisiti, probabilmente avrà una soluzione nei prossimi giorni.

I paesi, che la ministro Rodríguez ha battezzato “Triplice Alleanza” – leggasi Argentina, Brasile e Paraguay -, sono preoccupati per le conseguenze di un “semestre di presidenza” venezuelano che potrebbe ritardare, dopo quasi vent’anni di discussione, la firma di accordi commerciali con l’Europa.

Il Venezuela, dal governo del presidente Chávez, ha cercato di trasformare il Mercosur in un organismo politico, critico con i grossi capitali, gli Stati Uniti e l’Europa. Il resto dei paesi membri, invece, vede nell’organismo un’opportunità per il loro sviluppo economico e commerciale.

In quanto all’Osa, per la prima volta ben 15 nazioni sono intervenute non per invitare al dialogo Governo e Opposizione, ma per esortare l’esecutivo a rispettare i diritti umani e a permettere, senza ritardi, la realizzazione del referendum.

E’ un atteggiamento inedito che potrebbe incidere anche sulle prossime decisioni dell’Osa rispetto all’applicazione della “Carta Democratica”. Perché ciò avvenga è necessaria l’approvazione di 18 membri.

Il comunicato che ha dato una svolta all’atteggiamento dell’Osa è stato firmato non soltanto da Argentina, Brasile, Canada, Cile, Colombia, Messico, Paraguay, e Stati Uniti, ma anche da Belice, Costa Rica, Guatemala, Honduras, Panamá, Perù e Uruguay. Anche in questo caso, si attende una decisione nelle prossime settimane.

Ultima ora

21:52Azzardo: Piemonte ribadisce sì a propria legge regionale

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - Il Consiglio regionale del Piemonte ribadisce il sì alla legge contro il gioco d'azzardo, più restrittiva di quella nazionale, i cui vincoli sono entrati in vigore lunedì. Un ordine del giorno impegna la Giunta Chiamparino a dare "piena applicazione" alla legge. Il documento, proposto da Pd e maggioranza, è stato approvato anche con i voti del M5S, dopo una piccola modifica. Astenuti invece Fi, Lega e Mns. In una lettera al ministero dell'Economia, l'associazione Astro che raccoglie i gestori di slot machine, aveva chiesto di "sospendere l'applicazione del prelievo erariale su circa 20 mila macchine da gioco in Piemonte, per le quali la nuova legge regionale impone la rimozione". E in una recente intervista, Pier Paolo Baretta, aveva paventato un danno erariale. "Con questa discussione - ha detto Chiamparino, durante un acceso dibattito - mi pare si metta una parola chiara e definitiva che ci permette di assumerci piena responsabilità per garantire l'applicazione di questa importante legge". (ANSA).

21:51Champions: Pjanic, con Barca possiamo prenderci gli ottavi

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Il nostro obiettivo è qualificarci per gli ottavi e domani abbiamo l'occasione di centrarlo. Cercheremo di impedire al Barcellona di sviluppare il suo gioco e di fargli gol". Così Miralem Pjanic alla vigilia della partita dei bianconeri contro i blaugrana. "La sconfitta con la Sampdoria ci rode, non doveva capitare - ha detto il centrocampista bosniaco - dobbiamo riprendere subito in mano la situazione e il modo migliore per riuscirci è una bella vittoria. Nel Barcellona ci sono giocatori straordinari, ma giochiamo alla pari: siamo in casa, siamo la Juve, vogliamo i tre punti per arrivare alla qualificazione già domani".

21:49Calcio: Allegri, per ora Juve è da quarto posto

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Per i numeri che abbiamo espresso finora, siamo da quarto posto in campionato". Così Massimiliano Allegri: "Tutti, dall'allenatore al magazziniere - ha detto l'allenatore della Juventus - dobbiamo voglia di arrivare fino in fondo, a vincere questo benedetto 7/o scudetto di fila che sarebbe storico. Dobbiamo avere grande dedizione e in certi momenti essere un blocco unico come squadra".

21:46Allegri, Barca ha equilibrio mancato finora a Juve

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Rispetto all'anno scorso il Barcellona ha più equilibrio, concede di meno agli avversari". Ed è quello che è mancato finora alla Juventus, dice Massimiliano Allegri. "Dobbiamo arrivare a quell'equilibrio che ci consenta di concedere meno tiri. Non è una questione di sistema di gioco - ha aggiunto - ma di caratteristiche dei giocatori messi in campo. Specie in trasferta dobbiamo imparare a essere più ordinati: nel finale di Genova eravamo spaccati in due, sembrava quasi una partita scapoli-ammogliati".

21:13Renzi, Mdp? Pronto riunire i cocci ma no all’art.18

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Non sono ottimista" sull'unità di tutto il centrosinistra ma "abbiamo tempo: Mdp e la sinistra di Fratoianni hanno scelto di fare un'assemblea il 3 dicembre. Ho dato l'incarico a una personalità autorevole come Piero Fassino di provare a rimettere insieme i cocci. Ma le nozze si fanno in due, poi tocca a loro". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi a Porta a Porta. Alla domanda se sia disposto ad aprire alla reintroduzione dell'articolo 18, risponde: "No, lo abbiamo detto da sempre".

21:02Appalti sanità, corruzioni prescritte per fratelli Tarantini

(ANSA) - BARI, 21 NOV - Il Tribunale di Bari ha dichiarato la prescrizione di tutti i reati di corruzione, concussione e turbativa d'asta contestati ai fratelli Gianpaolo e Claudio Tarantini e all'ex primario di neurochirurgia del Policlinico di Bari Pasqualino Ciappetta, relativi alle presunte gare truccate per forniture di attrezzature chirurgiche fra il 2006 e il 2009. I giudici hanno condannato il medico a 1 anno e 6 mesi di reclusione per l'unico reato non ancora prescritto, la presunta truffa ai danni del Policlinico. Nonostante avesse un contratto in esclusiva con l'azienda ospedaliera barese, Ciappetta operava infatti nei fine settimana nella clinica 'Villa del Rosario' a Roma. Per questo i giudici hanno disposto anche il sequestro di circa 70mila euro, pari all'ingiusto profitto, e hanno condannato Ciappetta al risarcimento danni nei confronti delle parti civili costituite: Policlinico, Università degli Studi di Bari e Regione Puglia. Ciappetta ha ottenuto la pena sospesa, a patto che risarcisca i danni entro sei mesi.

21:00Calcio: Valverde, Messi? Per adesso godiamocelo

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Messi? Per adesso è qua, godiamocelo senza parlare più di tanto e senza pensare alla firma che non arriva ancora...". Il tema del futuro del fuoriclasse del Barcellona tiene banco anche a Torino, alla vigilia del match contro la Juventus. Ne ha parlato, a lungo, anche Ratikic, nella conferenza stampa nell'Allianz stadium. "Anch'io vorrei vedere la firma - ha detto il centrocampista croato - e tutti noi al Barca lo appoggeremo, perché vogliamo che resti con noi e confido in questo. Se ha deciso di aspettare per la firma del nuovo contratto avrà i suoi buoni motivi. Sono fiducioso, ma lasciamolo tranquillo, senza farlo impazzire con tutte queste parole".

Archivio Ultima ora