Ferragosto: lontano da casa il 54% di italiani

Una ragazza si ripara dal sole con un ombrellino, in piazza Signoria oggi 14 luglio 2011 a Firenze. Piogge al nord e sud bollente: il meteo ha diviso in due ieri l'Italia. La prima ondata di calore della stagione estiva si sta comunque esaurendo, con temperature in calo su tutta la Penisola. Le città da bollino rosso scendono oggi da 13 a cinque, mentre da domani l'allerta cesserà in quasi tutti i centri monitorati dalla Protezione civile. ANSA/MAURIZIO DEGL' INNOCENTI
Una ragazza si ripara dal sole con un ombrellino, in piazza Signoria oggi 14 luglio 2011 a Firenze. Piogge al nord e sud bollente: il meteo ha diviso in due ieri l'Italia. La prima ondata di calore della stagione estiva si sta comunque esaurendo, con temperature in calo su tutta la Penisola. Le città da bollino rosso scendono oggi da 13 a cinque, mentre da domani l'allerta cesserà in quasi tutti i centri monitorati dalla Protezione civile.   ANSA/MAURIZIO DEGL' INNOCENTI
Una ragazza si ripara dal sole con un ombrellino, in piazza Signoria oggi 14 luglio 2011 a Firenze. Piogge al nord e sud bollente: il meteo ha diviso in due ieri l’Italia. La prima ondata di calore della stagione estiva si sta comunque esaurendo, con temperature in calo su tutta la Penisola. Le città da bollino rosso scendono oggi da 13 a cinque, mentre da domani l’allerta cesserà in quasi tutti i centri monitorati dalla Protezione civile. ANSA/MAURIZIO DEGL’ INNOCENTI

ROMA – Lungo la Penisola resiste la tradizione del picnic con oltre 5,3 milioni di italiani che hanno scelto di trascorrere il giorno di Ferragosto all’aria aperta con grigliate, sul posto o piatti portati da casa. E’ quanto emerge dall’indagine Coldiretti/Ixe’ dalla quale si evidenzia peraltro che più della metà degli italiani (54%) ha scelto di trascorrere il Ferragosto fuori casa, da parenti/amici, in vacanza, al mare, in campagna o in montagna.

Solo per un italiano su cinque (21%) – sottolinea la Coldiretti – si tratta di un giorno come gli altri e non intende fare nulla di particolare mentre il 25% coglie l’occasione per stare in casa a riposare. Tra le mete più gettonate nell’occasione, con il 15%, c’è la casa di parenti e amici per trascorrere la giornata in un clima di relax ma in molti (12%) scelgono la campagna, i parchi o le aree naturali come alternativa al mare e alla montagna.

La convivialità a tavola è spesso l’ingrediente principale della giornata di Ferragosto e non mancano quanti, in alternativa al picnic o alla tavolata casalinga, preferiscono mangiare in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi. Sono circa 360mila i vacanzieri che hanno scelto di trascorrere il Ferragosto 2016 in agriturismo all’insegna della buona tavola e del relax all’aria aperta secondo le stime Coldiretti sulla base delle indicazioni di Terranostra.

A far scegliere l’agriturismo è certamente l’opportunità di conciliare la buona tavola con la possibilità di stare all’aria aperta avvalendosi anche delle comodità e dei servizi offerti. Ovunque a prevalere sono infatti i piatti regionali della tradizione di ferragosto e su tutti il cocomero che quest’anno grazie alle condizioni climatiche particolari che hanno favorito la concentrazione zuccherina e particolarmente gustoso e con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Dalla caponata di melanzane tipicamente siciliana alle frittole di maiale calabresi, dalla pastasciutta al sugo di papera che – sono un cavallo di battaglia dell’Umbria agli zitoni di ferragosto tipica pasta caratteristica della Costiera Amalfitana condita con pomodori freschi e secchi, dal coniglio all’ischitana tipico dell’Isola del Golfo di Napoli alle lumache di Belluno.

Condividi: