Serie A: Juve mai così forte, sesto scudetto in vista

Pubblicato il 16 agosto 2016 da ansa

Foto Marco Alpozzi / LaPresse 14-5-2016  Torino (Italia)  Juventus vs Sampdoria Nella foto: Corogreafia Stadio Photo Marco Alpozzi  / LaPresse 14-5-2016  Torino (Italy) Juventus vs Sampdoria In the photo: choreographed stage

Foto Marco Alpozzi / LaPresse
14-5-2016 Torino (Italia)
Juventus vs Sampdoria
Nella foto: Corogreafia Stadio
Photo Marco Alpozzi / LaPresse
14-5-2016 Torino (Italy)
Juventus vs Sampdoria
In the photo: choreographed stage

ROMA. – Una Juve stellare anni luce davanti a tutti per arpionare il sesto scudetto di fila e concentrarsi sulla Champions; un trio di inseguitrici (Napoli, Roma e Inter) a giocarsi il secondo posto con speranze e punti interrogativi; a distanza un altro terzetto (Fiorentina, Milan e Lazio) a contendersi il quinto posto che vale l’Europa, con un occhio al Sassuolo all’italiana. Tra le possibili sorprese il Toro di Mihajlovic mentre tra le neopromosse promette bene il Cagliari.

Questo il quadro della serie A che comincia il prossimo weekend, con due sfide interessanti come Juve-Fiorentina, già sabato, e Milan-Torino, domenica. Dopo un buon Europeo il calcio italiano cerca conferme facendo i conti con i soliti scarsi proventi che aumentano il gap coi tornei d’elite.

Inter e Milan passano in mani cinesi con l’addio di Berlusconi ma la Juve non è mai stata così forte. E’ la stagione che, dopo l”occhio di falco’, sperimenta la moviola, ma senza influenzare le gare.

JUVENTUS: una fuoriserie che si è attrezzata per dare del tu alle grandi d’Europa. Il ‘sacrificio’ di Pogba per 110 milioni finanzia un mercato stellare depauperando Napoli e Roma di Pjanic e Higuain. A rinforzare un organico che perde Morata e attende un centrocampista, gli esperti Dani Alves e Benatia e la stellina Pjaca. Per ora stenta Higuain e la difesa ancora non si è assestata. Allegri teme solo il ruolo di superfavorita.

NAPOLI: Le vittorie e i gol a raffica attutiscono gli effetti del terremoto Higuain. Sarri ricomincia dal secondo posto e dal gioco. Milik e Gabbiadini sono chiamati a sostituire l’argentino ‘traditore’: è arrivato Zielinski, è atteso Rog mentre la fuga di Maxsimovic complica il suo innesto. Un bel Napoli condotto da capitan Hamsik ma sarà arduo fare a meno dei 36 gol del Pipita.

ROMA: Garcia lasciava fare, Spalletti si fa sentire. Difesa nuova (con due portieri titolari) dopo gli infortuni in serie: Vermaelen dovrebbe integrarsi bene con Manolas; Juan Jesus sostituirà per ora Mario Rui e a destra è arrivato il poderoso Bruno Peres. Spalletti si giova di uno Strootman rigenerato, di uno Dzeko recuperato, ha tante opzioni fra cui Gerson e Totti all’ultima stagione in un attacco che è stato il più prolifico. Il nodo è il playoff col Porto che indirizzerà la stagione.

INTER: Nerazzurri estate folle. Il club è passato ai cinesi col cambio tra Mancini e De Boer dopo l’1-6 col Tottenham. L’olandese si gode una squadra rinforzata dal geniale Banega, dal poderoso Candreva alle spalle di Icardi che resterà dopo il no ai 55 mln del Napoli. A centrocampo in arrivo il tuttofare Joao Mario, colpo da 45 mln. Convincono meno in difesa Ansaldi e Erkin.

MILAN: Berlusconi vende ai cinesi ma il budget mercato per ora è limitato. Montella ha una squadra frizzante ma acerba. Bacca garantisce gol e Niang fantasia. Gomez rafforza una difesa da rivedere, serve un innesto a un centrocampo esperto non eccelso.

FIORENTINA: pochi soldi e tanti no per Badelj, Borja , Kalinic. Paulo Sousa dopo qualche titubanza resta per migliorare il buon lavoro fatto ma la società non fa il salto di qualità. Il tecnico dà una chance a Rossi, attende Tello e altri innesti, ma bissare il quinto posto sarebbe un successo

LAZIO: dopo lo psicodramma Bielsa, Lotito ha tenuto i big salvo Candreva. Ma gli innesti mancano di appeal, salvo Immobile che deve carburare. Rinforzata la difesa con Wallace e Bastos, manca il vice Candreva. Molto dipende dagli estri di Anderson e Keita.

LE ALTRE: il Sassuolo mantiene il ruolo di emergente ma senza Sansone e Vrsaljko. Matri potrà essere utile. Molta attesa per il Toro senza Glik, Peres e con la grana Maxsimovic, ma con la coppia affidabile Ljajic-Belotti. Di pari livello l’Empoli del trio Saponara-Maccarone-Gila e il collaudato Chievo di Maran mentre danno garanzie il Bologna di Donadoni e la nuova Atalanta di Gasperini con Paloschi.

Per il resto la rivoluzionata Samp di Giampaolo e il Genoa di Juric, che mantiene Pavoletti, sono delle incognite come l’Udinese di Iachini che ha cominciato malissimo. Delle neopromosse convince solo il Cagliari di Restelli con gli innesti di Isla, B.Alves e un Borriello in grande spolvero. Pescara, Crotone e Palermo dovranno faticare per salvarsi.

(di Giorgio Svalduz/ANSA)

Ultima ora

15:06Mafia: stragi ’92, Messina Denaro rinviato a giudizio

(ANSA) - CALTANISSETTA, 23 GEN - Il gup di Caltanissetta Marcello Testaquatra ha rinviato a giudizio il boss latitante Matteo Messina Denaro, ritenuto uno dei mandanti degli attentati di Capaci e via D'Amelio in cui vennero uccisi Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e otto agenti delle scorte. E' di strage l'accusa della quale Messina Denaro dovrà rispondere davanti alla Corte d'assise nissena nel processo che inizierà il 13 marzo.

15:02Terremoto: Salvini, Charlie Hebdo disgustoso

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "A me non sono piaciute le vignette di Charlie Hebdo, anche quelle passate. Ritengo che il modo migliore per reagire sia quello di ignorarli. Come era disgustosa questa ne ritengo disgustose parecchie anche precedenti. Quando ci sono di mezzo dei morti bisognerebbe ironizzare su qualcosa d'altro". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, commentando ai microfoni di Radio Cusano Campus la vignetta di Charlie Hebdo sul terremoto.

14:55Terremoto: crepe a sede, lavoratori Afm L’Aquila non entrano

(ANSA) - L'AQUILA, 23 GEN - Sede mai ristrutturata dal terremoto del 2009 e danni in aumento per le continue scosse con nuove crepe evidenti: per questo motivo 10 dipendenti dell'Azienda farmaceutica municipalizzata di L'Aquila, società comunale che gestisce sette farmacie pubbliche, si sono rifiutati di entrare a lavoro. La notizia è stata diffusa dall'Ugl con una nota del segretario provinciale Giuliana Vespa, che chiede prima di tutto una sede sicura per i dipendenti amministrativi, "fosse pure un container". "La sede della Afm, come da noi più volte ribadito anche in sede prefettizia il 19 dicembre 2014, non è stata mai oggetto dei lavori di ristrutturazione post-sisma - afferma -. In quella sede ci fu detto che lo stabile che ospita l'Afm aveva ottenuto la agibilità parziale con classificazione 'B' e che era stato interessato, quale proprietario dell'immobile, il Comune per i lavori di ristrutturazione, mai avvenuti".

14:49Calcio: Real, Marcelo salta il Napoli

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Brutte notizie per Marcelo, il terzino sinistro del Real uscito anzitempo durante la sfida di Liga contro il Malaga: il brasiliano ha riportato una lesione di secondo grado al bicipite femorale destro e starà fuori almeno un mese, saltando quindi la sfida di andata di Champions contro il Napoli, con qualche speranza di averlo per il ritorno (7 marzo). Questo l'esito dell'esame cui si è sottoposto stamani il giocatore, visitato insieme a Luka Modric che invece tornerà in campo tra circa 10 giorni: per il croato solo un sovraccarico all'adduttore della gamba destra. Marcelo sarà invece certamente indisponibile contro Celta (Liga e Coppa del Re), Real Sociedad, Osasuna, Espanyol, Valencia e Villarreal (Liga) e, appunto, Napoli. Per la sfida contro il Celta di mercoledì prossimo (che i blancos devono recuperare dopo il ko casalingo dell'andata), Zidane oltre a Marcelo e Modric, dovrà fare a meno anche di Carvajal, Pepe e Bale.

14:47Sindaci dopo allarme Grandi rischi, no a scaricabarile

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 23 GEN - "Mi assumo la responsabilità di riaprire domani le scuole di Ascoli Piceno perché sono nelle condizioni in cui erano prima del terremoto del 24 agosto. Alla luce dell'allarme della Commissione Grandi Rischi, ho però scritto al presidente del consiglio Gentiloni, al ministro Fedeli, a Errani e Curcio chiedendo loro di dirmi se la mia decisione è amministrativamente corretta o se, in assenza dei certificati di vulnerabilità che non abbiamo per nessun edificio scolastico, come del resto praticamente in tutta Italia, devo tenerle chiuse e dichiarare finito anche l'anno scolastico". Così il sindaco Guido Castelli. ''Scaricare sui sindaci responsabilità che è impossibile sostenere è il sintomo di un Paese malato'' dice il sindaco di Fabriano Giancarlo Sagramola. ''Ho fatto quello che posso fare: ho disposto che in tutte le scuole di ogni ordine e grado e in tutti gli uffici pubblici si effettuino prove di evacuazione ogni settimana. Non posso certo rafforzare le strutture''.

14:44Trump: Barron insultato sul web, Chelsea Clinton lo difende

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Chelsea Clinton in campo per difendere Barron Trump. A poche ore dall'insediamento del padre alla Casa Bianca il più piccolo dei figli del presidente americano, l'unico avuto dalla First Lady Melania, è stato vittima di violenze e insulti su internet. Così Chelsea, che sa cosa vuol dire crescere con gli occhi del mondo puntati addosso, ha deciso di difenderlo. D'altronde lei, oggi madre di due bambini, aveva 13 anni, solo tre in più di Barron, quando ha varcato per la prima volta la soglia della Casa Bianca. "Barron Trump ha il diritto che tutti i bambini devono avere: quello di essere un bambino", ha scritto su Twitter la figlia di Hillary e Bill che non ha anche colto l'occasione per lanciare una frecciata a Trump. "Difendere i diritti di tutti i bambini, vuol dire anche opporsi a quelle politiche del presidente (Potus) che li danneggiano", ha puntualizzato Chelsea.

14:42Tennis: Internazionali Italia, le rassicurazioni di Frongia

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Gli Internazionali di tennis erano, sono e resteranno a Roma". Ne è certo l'assessore allo Sport del Comune di Roma, Daniele Frongia, a margine della presentazione del Sei Nazioni di rugby avvenuta oggi al Salone d'Onore del Coni. "Stiamo lavorando insieme alla Fit per rendere questo evento per la prima volta estremamente positivo anche per la mobilità e i servizi - ha aggiunto Frongia - Binaghi chiede uno spazio a Piazza del Popolo e la cerimonia del sorteggio al Colosseo? Ci siamo già attivati e stiamo lavorando su entrambi i fronti. Di più non posso dire". Il responsabile del Campidoglio ha quindi affrontato il tema della copertura del Centrale del tennis: "È in fase di completamento un'istruttoria dell'ufficio urbanistica - ha spiegato l'assessore - Stiamo parlando anche di questo con Mibact, Coni e Fit. Avremo degli aggiornamenti entro la data della conferenza stampa di presentazione degli Internazionali, a marzo".

Archivio Ultima ora