Serie A: Juve mai così forte, sesto scudetto in vista

Pubblicato il 16 agosto 2016 da ansa

Foto Marco Alpozzi / LaPresse 14-5-2016  Torino (Italia)  Juventus vs Sampdoria Nella foto: Corogreafia Stadio Photo Marco Alpozzi  / LaPresse 14-5-2016  Torino (Italy) Juventus vs Sampdoria In the photo: choreographed stage

Foto Marco Alpozzi / LaPresse
14-5-2016 Torino (Italia)
Juventus vs Sampdoria
Nella foto: Corogreafia Stadio
Photo Marco Alpozzi / LaPresse
14-5-2016 Torino (Italy)
Juventus vs Sampdoria
In the photo: choreographed stage

ROMA. – Una Juve stellare anni luce davanti a tutti per arpionare il sesto scudetto di fila e concentrarsi sulla Champions; un trio di inseguitrici (Napoli, Roma e Inter) a giocarsi il secondo posto con speranze e punti interrogativi; a distanza un altro terzetto (Fiorentina, Milan e Lazio) a contendersi il quinto posto che vale l’Europa, con un occhio al Sassuolo all’italiana. Tra le possibili sorprese il Toro di Mihajlovic mentre tra le neopromosse promette bene il Cagliari.

Questo il quadro della serie A che comincia il prossimo weekend, con due sfide interessanti come Juve-Fiorentina, già sabato, e Milan-Torino, domenica. Dopo un buon Europeo il calcio italiano cerca conferme facendo i conti con i soliti scarsi proventi che aumentano il gap coi tornei d’elite.

Inter e Milan passano in mani cinesi con l’addio di Berlusconi ma la Juve non è mai stata così forte. E’ la stagione che, dopo l”occhio di falco’, sperimenta la moviola, ma senza influenzare le gare.

JUVENTUS: una fuoriserie che si è attrezzata per dare del tu alle grandi d’Europa. Il ‘sacrificio’ di Pogba per 110 milioni finanzia un mercato stellare depauperando Napoli e Roma di Pjanic e Higuain. A rinforzare un organico che perde Morata e attende un centrocampista, gli esperti Dani Alves e Benatia e la stellina Pjaca. Per ora stenta Higuain e la difesa ancora non si è assestata. Allegri teme solo il ruolo di superfavorita.

NAPOLI: Le vittorie e i gol a raffica attutiscono gli effetti del terremoto Higuain. Sarri ricomincia dal secondo posto e dal gioco. Milik e Gabbiadini sono chiamati a sostituire l’argentino ‘traditore’: è arrivato Zielinski, è atteso Rog mentre la fuga di Maxsimovic complica il suo innesto. Un bel Napoli condotto da capitan Hamsik ma sarà arduo fare a meno dei 36 gol del Pipita.

ROMA: Garcia lasciava fare, Spalletti si fa sentire. Difesa nuova (con due portieri titolari) dopo gli infortuni in serie: Vermaelen dovrebbe integrarsi bene con Manolas; Juan Jesus sostituirà per ora Mario Rui e a destra è arrivato il poderoso Bruno Peres. Spalletti si giova di uno Strootman rigenerato, di uno Dzeko recuperato, ha tante opzioni fra cui Gerson e Totti all’ultima stagione in un attacco che è stato il più prolifico. Il nodo è il playoff col Porto che indirizzerà la stagione.

INTER: Nerazzurri estate folle. Il club è passato ai cinesi col cambio tra Mancini e De Boer dopo l’1-6 col Tottenham. L’olandese si gode una squadra rinforzata dal geniale Banega, dal poderoso Candreva alle spalle di Icardi che resterà dopo il no ai 55 mln del Napoli. A centrocampo in arrivo il tuttofare Joao Mario, colpo da 45 mln. Convincono meno in difesa Ansaldi e Erkin.

MILAN: Berlusconi vende ai cinesi ma il budget mercato per ora è limitato. Montella ha una squadra frizzante ma acerba. Bacca garantisce gol e Niang fantasia. Gomez rafforza una difesa da rivedere, serve un innesto a un centrocampo esperto non eccelso.

FIORENTINA: pochi soldi e tanti no per Badelj, Borja , Kalinic. Paulo Sousa dopo qualche titubanza resta per migliorare il buon lavoro fatto ma la società non fa il salto di qualità. Il tecnico dà una chance a Rossi, attende Tello e altri innesti, ma bissare il quinto posto sarebbe un successo

LAZIO: dopo lo psicodramma Bielsa, Lotito ha tenuto i big salvo Candreva. Ma gli innesti mancano di appeal, salvo Immobile che deve carburare. Rinforzata la difesa con Wallace e Bastos, manca il vice Candreva. Molto dipende dagli estri di Anderson e Keita.

LE ALTRE: il Sassuolo mantiene il ruolo di emergente ma senza Sansone e Vrsaljko. Matri potrà essere utile. Molta attesa per il Toro senza Glik, Peres e con la grana Maxsimovic, ma con la coppia affidabile Ljajic-Belotti. Di pari livello l’Empoli del trio Saponara-Maccarone-Gila e il collaudato Chievo di Maran mentre danno garanzie il Bologna di Donadoni e la nuova Atalanta di Gasperini con Paloschi.

Per il resto la rivoluzionata Samp di Giampaolo e il Genoa di Juric, che mantiene Pavoletti, sono delle incognite come l’Udinese di Iachini che ha cominciato malissimo. Delle neopromosse convince solo il Cagliari di Restelli con gli innesti di Isla, B.Alves e un Borriello in grande spolvero. Pescara, Crotone e Palermo dovranno faticare per salvarsi.

(di Giorgio Svalduz/ANSA)

Ultima ora

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

23:24Calcio: playoff serie B, Benevento-Perugia 1-0

(ANSA) - BENEVENTO, 27 MAG - Il Benevento supera 1-0 il Perugia e si aggiudica il primo atto della semifinale playoff di serie B. Di Chibsah, al 14' st, la rete che decide il match e consente ai sanniti la possibilità di passare il turno anche con un pareggio nel ritorno allo stadio 'Curi'. I giallorossi partono a spron battuto ma al 10' una conclusione sbilenca di Mustacchio diventa un assist per Dezi che di testa batte Cragno. Dopo un lungo conciliabolo, però, l'arbitro annulla per offside. Il gol decisivo giunge nella ripresa. Ingenuità di Gnahoré che al limite dell'area si fa rubar palla da Chibsah, lesto ad entrare in area e freddo nel battere Brignoli. La reazione del Perugia è veemente ma sterile e di nitide chance non se ne registrano.

23:01Calcio: Borussia Dortmund vince la coppa di Germania

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Borussia Dortmund si aggiudica la coppa di Germania battendo 2-1 l'Eintracht Francoforte nella finale disputata allo stadio olimpico di Berlino. Dopo tre ko consecutivi nella partita decisiva, la squadra guidata ha Thomas Tuchel ha conquistato la quinta coppa nazionale della sua storia, ritrovando un successo che mancava dal 2012. Andato in vantaggio all'8' con Dembele, il Borussia ha subito al 29' il pareggio di Rebic, tornando poi avanti in maniera definitiva grazie ad un rigore trasformato da Aubemeyang al 22' della ripresa.

22:59Donna alpinista precipita a 3 mila metri in Valtellina

(ANSA) - VALFURVA (SONDRIO), 27 MAG - E' precipitata in un burrone profondo alcune centinaia di metri sotto gli occhi atterriti del marito e di alcuni amici e non ha avuto scampo. Vittima della tragedia in montagna avvenuta oggi pomeriggio in Alta Valtellina è una donna di 45 anni, residente a Vobarno, in provincia di Brescia. Si chiamava Paola Ferrari. L'incidente alpinistico si è verificato lungo le pendici del pizzo San Matteo, a quasi 3 mila metri di altitudine, nel territorio comunale di Valfurva (Sondrio), il paese turistico dell'ex campionessa olimpica di sci Deborah Compagnoni e dello scalatore degli Ottomila Marco Confortola. L'allarme, alla centrale operativa del 112, e' stato dato attorno alle 13 dal coniuge con il cellulare. La moglie, come tutti i componenti della comitiva di escursionisti d'alta quota, non era in cordata. Procedeva da sola, in fila indiana lungo il ripido pendio, quando all'improvviso e' accaduta la disgrazia.

22:27Calcio: Allegri “la Juve è pronta per una grande finale”

(ANSA) - BOLOGNA, 27 MAG - La Juve sta bene, meglio non potrebbe. Vincente, in forma, con tutti gli uomini a disposizione. Pronta "per fare una gran finale", dice Massimiliano Allegri al termine della partita vinta al 94' a Bologna. La settimana di Cardiff è già scandita: domani giorno di riposo, "poi lunedì cominciamo a preparare la partita, a questo punto serve un grande risparmio di energie per sprigionarle tutte nella finale. Serve attenzione ai dettagli e ci vuole un po' di buona sorte", aggiunge, mettendo nel mirino il Real. Allegri è contento, "per i ragazzi, perché abbiamo chiuso con una vittoria, perché abbiamo fatto 91 punti che sono una cosa importante in un campionato di alto livello. Dovevamo chiudere bene, l'abbiamo fatto nel migliore dei modi, con un'ottima mezz'ora finale e una bella reazione". Ormai è recuperato anche Khedira: "Ha fatto alcune strappate delle sue - ha detto il tecnico - qualche buon inserimento. Era la prestazione che mi aspettavo da lui, ha una settimana ancora per migliorare la condizione.

Archivio Ultima ora