Asse Mosca-Teheran sulla Siria, raid russi dall’Iran

Pubblicato il 16 agosto 2016 da ansa

Asse Mosca-Teheran sulla Siria, raid russi dall'Iran

Asse Mosca-Teheran sulla Siria, raid russi dall’Iran

BEIRUT. – Si rafforza l’asse strategico tra Iran e Russia nella guerra in Siria, con Teheran che, con una decisione senza precedenti dalla rivoluzione del 1979, ha concesso l’uso di una sua base ai bombardieri di Mosca per i raid sul territorio siriano. L’annuncio è stato fatto dai due governi quasi simultaneamente, mentre cominciavano i bombardamenti su tre province siriane: Deyr az Zor, Idlib e Aleppo.

Gli obiettivi presi di mira, ha detto il ministero della Difesa russo, erano postazioni dell’Isis e del Fronte al Nusra, che recentemente ha cambiato il suo nome in ‘Fath al Sham’, dichiarando di essersi separato da Al Qaida.

Tuttavia un responsabile americano che ha voluto mantenere l’anonimato ha detto all’agenzia Ap che i bombardieri hanno poi fatto ritorno in Russia, e quindi non si può parlare di un dispiegamento stabile dell’aviazione di Mosca nella Repubblica islamica.

Da parte sua, il colonnello Christopher Garver, portavoce militare Usa a Baghdad, ha sottolineato che i russi hanno avvisato la coalizione internazionale a guida americana prima che cominciasse l’operazione, al fine di evitare incidenti con aerei statunitensi sui cieli iracheni e siriani.

Non è chiaro se siano stati aerei russi o siriani a compiere anche oggi raid sui quartieri di Aleppo nelle mani degli insorti, compreso proprio Fath al Sham, con un bilancio che secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) è di almeno 20 civili uccisi. La stessa organizzazione parla di altri 9 civili morti nei bombardamenti nella provincia di Deyr az Zor e tre bambini uccisi in quella di Idlib.

La notizia dell’uso di una base nei pressi di Hamadan, nell’ovest dell’Iran, da parte dei bombardieri russi Tupolev Tu-22 e Sukhoi Su-34 è venuta dopo che il ministro della Difesa di Mosca Serghiei Shoigu, aveva parlato di una intesa vicina con gli Stati Uniti per fare cessare i combattimenti ad Aleppo.

Ma le reazioni americane sono state fredde. La portavoce del Dipartimento di Stato Elizabeth Trudeau ha sottolineato che al momento “non c’è niente da annunciare”. Mentre in serata si sono parlati al telefono i capi delle diplomazie Serghiei Lavrov e John Kerry.

La Turchia intanto non nasconde il nervosismo per l’avvicinarsi alla sua frontiera della coalizione a predominanza curda che nei giorni scorsi ha strappato all’Isis la città di Manbij, nel nord della Siria, con il sostegno degli Usa.

Il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu ha affermato che Washington, in cambio dell’assenso di Ankara all’offensiva, aveva promesso che dopo la presa della città le milizie curde si sarebbero ritirate a est dell’Eufrate, lasciando il controllo di Manbij alle forze arabe della coalizione.

Cavusoglu ha quindi chiesto agli Stati Uniti di far arretrare i miliziani curdi dell’Ypg, alleati dei separatisti curdi del Pkk, che sia gli Usa sia la Ue considerano terroristi.

Per quanto riguarda i bombardieri russi, l’ammiraglio russo Vladimir Komoedov, che presiede la commissione Difesa del Parlamento, ha detto che la decisione è stata presa perché la minore distanza tra l’Iran e la Siria consente notevoli risparmi anche economici rispetto all’impiego fatto finora delle basi nel sud della Russia. Ma la decisione potrebbe significare un’intensificazione dei bombardamenti in Siria.

Intanto Human Rights Watch (Hrw) ha accusato le forze siriane e russe di aver usato almeno 18 volte nelle ultime sei settimane ordigni incendiari, che provocano ustioni e ferite strazianti, in violazione delle leggi internazionali. Tra quelli denunciati vi sono attacchi avvenuti ad Aleppo e a Idlib il 7 agosto scorso.

(di Alberto Zanconato/ANSAmed)

Ultima ora

15:30Calcio: Montella, Han Li coinvolto, preparato e ci apprezza

(ANSA) - MILANO, 19 SET - ''David Han Li viene spesso a Milano, è molto coinvolto e preparato. Ci trasmette sempre grandissima serenità e apprezzamento per quello che stiamo facendo''. Così il tecnico del Milan Vincenzo Montella racconta il rapporto con la nuova proprietà dopo circa un mese dall'inizio del campionato. Il Milan, che finora ha conquistato nove punti, cerca la vittoria anche contro la Spal domani a San Siro. Montella però non vuole che i rossoneri sottovalutino l'avversario: ''La partita di domani è quella più importante, l'anno scorso abbiamo sofferto con le neopromosse. Domani abbiamo come unico obiettivo vincere la partita. Poi penseremo alla Samp''.

15:24Calcio: Montella difende Bonucci, con lui più esperienza

(ANSA) - MILANO, 19 SET - "Il trasferimento di Bonucci ha fatto molto effetto, sono aumentate le sue responsabilità ma l'esperienza e la solidità in difesa dipendono anche da lui, al di là dei piccoli difetti in partita che possono capitare a tutti". Il tecnico del Milan Vincenzo Montella alla vigilia della partita contro la Spal difende le prestazioni del nuovo capitano rossonero. "Credo che la squadra abbia un'identità a prescindere dai moduli. Escludendo la partita di Roma – continua Montella - non ho mai trovato una prestazione insufficiente dal punto di vista difensivo. Non sono preoccupato se subiamo gol da tre partite consecutive, se ne facciamo uno in più degli avversari sono sereno".

15:21Brexit: ‘ultimatum Johnson a May, pronto a dimettersi’

(ANSA) - LONDRA, 19 SET - Il ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, é pronto a dimettersi entro il week end se la premier Theresa May non accetterà la sua linea sulla Brexit. Lo scrive il Telegraph, secondo cui Johnson vuole garanzie che non verrà accettato un conto di divorzio con Bruxelles troppo 'salato' e che non sarà negoziata una sorta di membership come meno diritti sul modello delle relazioni fra Ue e Svizzera. Una riunione chiave del governo Tory sul dossier Brexit é prevista per domani, alla vigilia di un discorso che May terrà a Firenze.

15:21Wikileaks: ecco aziende russe con cui Mosca spia i cittadini

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Decine di documenti sulle aziende private utilizzate da Mosca per spiare i cittadini russi sono stati pubblicati da Wikileaks in esclusiva con Repubblica e Mediapart. Trentaquattro documenti in russo, tranne uno, accompagnati da grafici articolati e spiegazioni complesse che rivelano quali sono le tecnologie utilizzate dal Cremlino per accedere ai telefoni e alla posta elettronica della gente comune. La serie di file si chiama 'Spy Files Russia' e copre un lasso di tempo che va dal 2007 al 2015. L'azienda più importante al soldo di Mosca, si legge nell'unico documento in inglese, si chiama Peter-Service ed è stata fondata nel 1992 a San Pietroburgo. Oggi ha oltre 1.000 impiegati e uffici in diverse città della Russia e dell'Ucraina. Il ruolo di Peter-Service, rivelano i documenti, è di collaborare con "l'apparato dei servizi di intelligence". Per le leggi russe, soprattutto la Yarovaya, non c'è alcuna differenza tra 'intercettazioni legali' e spionaggio di massa senza mandato di un tribunale.

15:09Lega: finora sequestrati 1 mln e 800 mila euro

(ANSA) - GENOVA, 19 SET - Un milione e 800 mila euro: è la cifra finora bloccata dalla guardia di finanza sui conti della Lega sparsi in tutta Italia secondo quanto trapela da Palazzo di Giustizia. Le fiamme gialle, come ha anticipato oggi Il Secolo XIX, hanno eseguito il provvedimento in circa il 70% degli istituti dove il Carroccio ha un conto.

15:08Grillo a cronisti,vi mangerei solo per gusto vomitarvi

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Questo è sequestro di persona, io vi mangerei soltanto per il gusto di vomitarvi, voi siete i principi del pettegolezzo, quindi non mi coinvolgerete più". Lo afferma, uscendo dall'hotel Forum, Beppe Grillo rivolgendosi ai cronisti che lo attendevano. "Un minimo di vergogna voi la percepite per il mestiere di che fate, sì o no? O perché fate il vostro lavoro da 10 euro al pezzo" pensate che "giustifichi tutto questo", è l'attacco che Grillo, mentre sale sulla sua auto, rivolge ai media.

15:04Calcio: Montella, Andrè Silva sarà titolare

(ANSA) - MILANO, 19 SET - "André Silva deve essere più cinico, pensare più al gol. Ancora in questo deve crescere. Deve 'Inzaghiarsi'": lo dice il tecnico del Milan Vincenzo Montella alla vigilia della sfida contro la Spal. L'allenatore rossonero annuncia che l'attaccante domani sarà titolare: "Silva era coinvolto domenica, ha sentito la vittoria come sua anche se non ha giocato. Ad oggi l'unica certezza dei titolari è lui, ora sto valutando il secondo giocatore che potrebbe essere anche un centrocampista alle sue spalle". La concorrenza nel reparto offensivo è un pregio di questo nuovo Milan: "In qualsiasi squadra la competitività interna è fondamentale, prima l'accettano e meglio sarà per loro e per l'allenatore. Abbiamo la possibilità di alternare alcuni giocatori in base alle caratteristiche, all'aspetto fisico. Serve freschezza, soprattutto tra gli attaccanti".

Archivio Ultima ora