Lo shopping è online, crisi per i grandi magazzini Usa

Pubblicato il 16 agosto 2016 da ansa

Shopping e' online, crisi per grandi magazzini Usa

Shopping e’ online, crisi per grandi magazzini Usa

NEW YORK. – L’e-commerce rivoluziona lo shopping Usa, e manda in pensione i grandi magazzini. Da Macy’s a J.C. Penney la crisi si fa sentire: sempre meno consumatori varcano le porte dei loro punti vendita, preferendo fare acquisti da casa.

Il modello tradizionale di business va così in crisi, complici anche i maggiori sconti offerti online: si afferma infatti la tendenza ad andare nei negozi solo per provare l’oggetto del desiderio, per poi andare a caccia online del prezzo più basso.

Il trend in atto ormai da anni fa pagare un caro prezzo ai big del commercio al dettaglio tradizionale, in uno scenario che appare simile a quello di decenni fa con l’ascesa dei grandi magazzini a scapito dei piccoli esercenti. Ora però sono i colossi a chiudere.

Dopo l’ennesimo trimestre di difficoltà Macy’s annuncia la chiusura di 100 grandi magazzini. Conti in rosso anche per J. C. Penney. Kohl’s rivede al ribasso i target per il 2016 e Nordstrom annuncia una serie di sconti per smaltire le scorte. Non va meglio a Gap, che continua registrare vendite in calo e non riesce a ritrovare lo smalto degli anni passati.

Alla realtà di crisi dei negozi si contrappone il boom dei colossi delle vendite online. Amazon procede la sua corsa incontrastata e macina utili. Alibaba non si ferma neanche si fronte al rallentamento cinese, e aumenta i ricavi.

Cosciente della tendenza in atto e della difficoltà a tenere il passo di Amazon, Wal-Mart raddoppia gli sforzi sull’online, acquistando Jet.com per rilanciare le sue attività web. La strada per Wal-Mart, così come per gli altri colossi tradizionali che si affacciano all’online, è in salita: il modello di Amazon è difficile da emulare.

La società di Jeff Bezos è il maggiore protagonista del web, con un portafoglio prodotti gigante e prezzi competitivi per tutti i generi. A spingere il boom dell’e-commerce è la facilità degli acquisti: sono a portata di mouse e le modalità di restituzione, nel caso in cui non si è soddisfatti, sono semplici e a costo zero.

A questo si aggiungono consegne sempre più veloci, anche nel giro di poche ore. Finora infatti il lasso di tempo fra l’acquisto online e la consegna a domicilio è stato considerato un ostacolo alla crescita dell’e-commerce. Ma i consumatori attenti ai prezzi e i tempi sempre più ridotti fra l’ordine e la consegna hanno fatto sì che l’ostacolo fosse aggirato senza problemi.

La decisione di Macy’s si chiudere 100 punti vendita ”dovrebbe essere un esempio” per gli altri grandi magazzini, afferma Green Street, società di ricerca. J. C. Penney dovrebbe chiudere 320 dei suoi 1.000 negozi. Sears dovrebbe chiuderne 300 su 700 per far tornare la produttività ai livelli di 10 anni fa.

Ultima ora

09:43‘Ndrangheta: traffico internazionale droga, 12 arresti

(ANSA) - TORINO, 22 NOV - I carabinieri del Ros hanno smantellato un'organizzazione criminale legata alla 'Ndrangheta e dedita al traffico internazionale di stupefacenti. Dodici gli arresti eseguiti su richiesta della Procura distrettuale antimafia di Torino, tra cui due pericolosi latitanti localizzati a Malaga, in Spagna. L'operazione 'Bellavita', come è stata ribattezzata, ha permesso di individuare i canali di approvvigionamento di ingenti quantità di cocaina e hashish, le modalità di trasporto e la rete di distribuzione. Le misure cautelari sono state eseguite, oltre che in Spagna grazie alla collaborazione della polizia spagnola, nell'area metropolitana di Torino e in altre località italiane. L'organizzazione criminale era dedita anche alla detenzione illecita di armi. (ANSA).

09:01Russiagate: Wsj, Mueller indaga Kushner per risoluzione Onu

(ANSA) - NEW YORK, 22 NOV - Il team investigativo del procuratore speciale del Russiagate, Robert Mueller, sta indagando sui contatti del genero del presidente Donald Trump, Jared Kushner, con leader stranieri e in particolare sul ruolo da lui giocato nel tentativo di fermare una controversa risoluzione Onu approvata il 23 dicembre che condannava Israele per gli insediamenti nei territori occupati. Lo scrive il Wall Street Journal sul suo sito online. Non e' chiaro motivo per cui Mueller sia interessato a Kushner ma il nuovo filone di inchiesta, secondo il quotidiano, apre uno spiraglio sul tipo di domande che gli investigatori del Russiagate stanno facendo dietro le quinte.

08:58Argentina: sottomarino, Marina, entriamo in fase critica

(ANSA) - BUENOS AIRES, 22 NOV - "Non abbiamo perso le speranze, ma stiamo entrando in una fase critica": così Enrique Balbi, portavoce della Marina argentina, ha descritto la situazione dopo sei giorni di intensa ricerca dell'Ara San Juan, il sottomarino sparito nel Sud Atlantico, che non hanno dato finora alcun risultato. In una conferenza stampa, il portavoce militare ha ammesso che "siamo preoccupati, e la nostra preoccupazione va crescendo", anche a causa del problema dell'esaurimento delle riserve d'ossigeno del sottomarino. Interrogato sulle stime degli esperti, citate dai media, secondo i quali -se si è mantenuto in immersione dallo scorso mercoledì- il San Juan avrebbe sette giorni di ossigeno per l'equipaggio di 44 persone, Balbi ha detto che "non esiste un valore preciso, dipende da molte circostanze", ma ha poi aggiunto che "siamo ormai al sesto giorno, e in quanto all'ossigeno questo ci preoccupa".

08:56Corea Nord:Comando Onu,violato armistizio su disertore

(ANSA) - PECHINO, 22 NOV - La Corea del Nord ha violato per due volte, quando i suoi soldati hanno sparato verso il Sud e attraversato il confine nella 'caccia' al commilitone fuggitivo, l'armistizio che chiuse la Guerra di Corea del 1950-53: il caso è quello del 13 novembre che ha visto un militare disertare al varco di Panmunjom. I risultati delle indagini sono stati diffusi dal Comando Onu, a guida Usa, accompagnate dal rilascio del video di 7 minuti che riprende la drammatica successione degli eventi accaduti alla cosiddetta 'Joint Security Area'.

03:03Uber, hackerati dati 57 milioni utenti a fine 2016

(ANSA) - WASHINGTON, 22 NOV - Uber ha tenuto nascosto per oltre un anno di aver subito l'hackeraggio dei dati di 57 milioni di utenti nel mondo, di cui 600 mila conducenti. E secondo Bloomberg avrebbe preferito pagare un riscatto di 100 mila dollari agli autori del maxifurto per evitare che divulgassero la notizia. Ad ammettere il pirataggio e' stato il ceo Dara Khosrowshahi, che ha preso la guida di Uber da agosto e che ha sostenuto di aver saputo dell'incidente solo "recentemente". In particolare sono stati hackerati i nomi, le email e i numeri di telefono degli utenti, oltre ai numeri di patente dei conducenti. Sulla base di accertamenti esterni, ha spiegato Uber, i numeri della carte di credito e dei conti bancari, i numeri della sicurezza sociale (l'equivalente del nostro codice fiscale con cui negli Usa si può rubare l'identità di una persona) e le date di nascita degli utenti non sarebbero stati piratati. Idem i percorsi dei viaggi.

01:14Lasseter, capo Pixar, ammette molestie

(ANSA) - NEW YORK, 21 NOV - John Lasseter, il capo creative della Pixar e degli studi di animazione di Disney, si è messo in aspettativa citando una serie di "passi falsi" da lui compiuti. In un memo allo staff, l'executive che ha costruito i Pixar Animation Studios e resuscitato il business dei cartoni animati Disney, ha spiegato che la decisione è stata presa dopo una serie di "conversazioni difficili". L'aspettativa di Lasseter arriva sulla scia dello scandalo delle molestie sessuali scoppiato con le accuse al capo della Miramax, Harvey Weinstein.

01:09Champions: Mertens, qualificazione agli ottavi è possibile

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Insigne ha fatto un grande gol, un gol che ci voleva in una partita come questa e che ci ha sbloccato. Noi alla qualificazione ci crediamo: il City può passare il turno a punteggio pieno, per loro può essere una motivazione, e noi abbiamo le qualità per vincere in Olanda. Sono contento della prestazione della squadra, abbiamo fatto vedere che ci teniamo anche alla Champions". Così Dries Mertens dopo il successo per 3-0 sullo Shakhtar, nel quale il belga è stato l'autore della terza rete.

Archivio Ultima ora