Messico: guerra tra bande a Puerto Vallarta, raid in ristorante

Pubblicato il 16 agosto 2016 da ansa

Messico: guerra tra bande a Puerto Vallarta, raid in ristorante

Messico: guerra tra bande a Puerto Vallarta, raid in ristorante

CITTA’ DEL MESSICO. – Il misterioso sequestro di sei persone in un ristorante di Puerto Vallarta, nota località turistica sulla costa pacifica del Messico, potrebbe essere un regolamento di conti al vertice fra cartelli di narcotrafficanti, e uno dei rapiti sarebbe niente di meno che Ivan Archivaldo Guzman, il figlio di Joaquin “El Chapo” Guzman.

L’ipotesi, ancora tutta da verificare, è stata lanciata da Eduardo Almaguer, procuratore dello stato di Jalisco – dove si trova Puerto Vallarta – secondo il quale però “si tratta di una possibilità, ora bisogna analizzarla e trovare conferme” per accertare se il figlio del “Chapo” è fra i sequestrati.

Le circostanze dell’episodio sono ancora confuse. Secondo testimonianze raccolte dalla stampa locale, un gruppo di sette persone è arrivate al ristorante “La Leche”, nel centro turistico di Puerto Vallarta, a bordo di due pick up, e ha portato via un gruppo di una decina di persone.

Almaguer ha spiegato che le persone sequestrate in realtà erano sei, provenienti dagli stati di Sinaloa, Nayarit e Jalisco ed “esistono chiari indizi che si tratti di membri di una organizzazione criminale: non erano turisti o cittadini che si dedicano ad attività lecite”.

La polizia, infatti, ha trovato sei macchine abbandonate nel parcheggio del ristorante, una con targhe false di Sinaloa, e alcuni dei sequestrati sarebbero stati in possesso di documenti anch’essi falsi. L’ipotesi è che la cena fosse in realtà una festa fra boss criminali.

Il procuratore ha sottolineato che in realtà non si può nemmeno parlare di un sequestro giacché in merito non è stata presentata nessuna denuncia alle autorità.

Ivan Guzman è considerato l’erede del “Chapo” al vertice del cartello di Sinaloa, dopo che il superboss è stato catturato dalla polizia e rinchiuso nel carcere di Ciudad Juarez, dove attende di essere estradato verso gli Usa.

Secondo la stampa locale, i sequestratori di Puerto Vallarta potrebbero appartenere al cartello di Jalisco Nueva Generacion, che è in guerra con quello di Sinaloa. Alcuni esperti però sostengono che, senza l’appoggio del padre, Ivan Guzman potrebbe essere stato “punito” da elementi della sua stessa banda, a causa del suo gusto per l’ostentazione della riccheza.

Ultima ora

13:24Voucher: Lupi, per Palazzo Chigi ci saranno, bene

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Basta fare melina e confusione sui voucher. La nota di palazzo Chigi dice chiaramente che nella manovra verranno inseriti gli strumenti per regolamentare il lavoro saltuario. D'altronde il presidente del Consiglio si era così impegnato con me e con la capogruppo di Alternativa popolare al Senato Laura Bianconi. Ci sono in gioco centinaia di migliaia di giovani che altrimenti resterebbero senza questi lavori o sarebbero costretti ad accettarli in nero, una cosa ingiusta e inaccettabile". Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare.

13:22Cei: Bassetti, riflettere su grido bimbi in fondo al mare

(ANSA) - PERUGIA, 26 MAG - "Invito a riflettere sul grido dei bambini in fondo al mare mangiati dai pesci, sul grido delle persone straziate e su quello dei tanti poveri che vanno solo in cerca di pace e benessere": lo ha detto stamani il presidente Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, alla sua prima uscita pubblica, a Perugia, dopo la nomina a capo dei vescovi italiani. "Meno male che c'è chi li accoglie e speriamo che l'Europa faccia uno sforzo più grande", ha auspicato Bassetti. Secondo il porporato, "non sono le religioni che provocano violenze e terrorismo, sono loro schegge impazzite. Vediamo creature pazze di furore e impazzite di odio, ma anche per noi in passato è stato così: i terroristi rossi venivano anche dalle nostre università cattoliche". "Musulmani, ebrei e cristiani credono in un unico creatore - ha detto - e il mescolarsi delle razze è inevitabile".

13:22Egitto: attaccato bus copti, almeno 23 morti

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Almeno 23 persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite dopo che un gruppo di uomini armati ha attaccato un bus sul quale viaggiavano cristiani copti. Lo riferiscono i media locali. L'attacco è avvenuto a Minya, nel sud dell'Egitto. Il bilancio delle vittime è stato poi confermato dal governatore di Minya alla Tv CNBC e dal ministero della Sanità. A quanto si apprende, il bus con a bordo i cristiani copti era diretto al monastero di Anba Samuel, sulla rotta desertica a ovest dell'Alto Egitto. Gli uomini armati, riferisce Al Arabiya, hanno usato mitragliatrici nell'attacco contro il bus. Alcuni dei feriti, secondo quanto si apprende, sarebbero gravi.

13:19Migranti: Boldrini, no a commozione selettiva

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Si fa fatica a ricordare i lutti, questa sequenza continua di morti. Ci sono le stragi del terrorismo, ci sono i morti in mare: dovremmo riuscire a sentire lo stesso dolore per gli uni e per gli altri. Invece c'è chi si commuove in modo selettivo, c'è chi dà un ordine di commozione a scopo di consenso politico, abituando le persone alla disumanità. Perché questo è il tentativo: diventare disumani per essere più felici. Delegittimando le ong, che salvano le vite in mare, così nessuno ci farà sapere quanti sono i morti e giù la campagna di fango contro le ong. Tutto questo è molto inquietante". Così la presidente della Camera, Laura Boldrini, parlando di sicurezza, accoglienza e cittadinanza durante un incontro a Montecitorio per i 60 anni dell'Arci.

13:18Non si ferma all’alt e travolge carabiniere, arrestato

(ANSA) - LA SPEZIA, 26 MAG - Non si ferma all'alt e travolge un carabiniere, nella fuga sperona l'auto dell'Arma e, rimasto con l'auto in panne, prova a fuggire a piedi ma viene arrestato. Protagonista, la notte scorsa a Sarzana (La Spezia), un uomo di 27 anni, Andrea Lombardi, residente a Santo Stefano, nullafacente, già conosciuto per guida in stato di ebbrezza. All'uomo è stata ritirata la patente. Il militare investito, trasportato al pronto soccorso dell'ospedale di Sarzana, e' stato ricoverato per accertamenti. Su una Golf, Lombardi ha rallentato a un posto di controllo ma ha poi accelerato travolgendo uno dei militari. Nel successivo inseguimento ha speronato l'auto dei carabinieri ma quando è fuggito a piedi è stato arrestato a Ponzano Magra. In attesa del rito direttissimo di stamani, è stato fermato per tentato omicidio aggravato, resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale e per essersi rifiutato di sottoporsi all'etilometro.

13:16Papa: nomina mons. De Donatis nuovo vicario di Roma

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 26 MAG - Papa Francesco ha nominato mons. Angelo De Donatis suo nuovo vicario generale per la diocesi di Roma. De Donatis, 63 anni, originario di Casarano (Lecce), attuale vescovo ausiliare della diocesi di Roma, succede al cardinale Agostino Vallini, di cui il Pontefice ha accettato la rinuncia per raggiunti limiti di età. Mons. De Donatis succede al card. Vallini anche come arciprete della Basilica Papale di San Giovanni in Laterano. L'annuncio della sua nomina è stato dato, in contemporanea, dal bollettino della Sala stampa vaticana e, in Laterano, dal vicario uscente Vallini. De Donatis, nato il 4 gennaio 1954 è sacerdote dal 1980. Dal 1983 è a Roma dove ha svolto numerosi incarichi, sia a livello parrocchiale che diocesano. Dal 2003 è stato parroco in San Marco Evangelista al Campidoglio. Nel 2015 è stato nominato vescovo ausiliare di Roma da Papa Francesco. In precedenza, nella Quaresima del 2014, ha tenuto le meditazioni per gli Esercizi Spirituali della Curia Romana.

13:15Turbativa d’asta, arrestati 2 funzionari prefettura Oristano

(ANSA) - ORISTANO, 26 MAG - Due funzionari della prefettura di Oristano sono stati arrestati questa mattina con l'accusa di turbativa d'asta in merito a appalti pubblici. Il provvedimento è stato disposto dalla magistratura oristanese ed è stato eseguito dai carabinieri del Comando provinciale. Al momento non si conoscono ulteriori dettagli sui fatti contestati né sono state rese note le generalità dei due funzionari finiti sotto accusa e che sono stati accompagnati nella sede del Comando oristanese dell'Arma in via Loffredo.

Archivio Ultima ora