Messico: guerra tra bande a Puerto Vallarta, raid in ristorante

Pubblicato il 16 agosto 2016 da ansa

Messico: guerra tra bande a Puerto Vallarta, raid in ristorante

Messico: guerra tra bande a Puerto Vallarta, raid in ristorante

CITTA’ DEL MESSICO. – Il misterioso sequestro di sei persone in un ristorante di Puerto Vallarta, nota località turistica sulla costa pacifica del Messico, potrebbe essere un regolamento di conti al vertice fra cartelli di narcotrafficanti, e uno dei rapiti sarebbe niente di meno che Ivan Archivaldo Guzman, il figlio di Joaquin “El Chapo” Guzman.

L’ipotesi, ancora tutta da verificare, è stata lanciata da Eduardo Almaguer, procuratore dello stato di Jalisco – dove si trova Puerto Vallarta – secondo il quale però “si tratta di una possibilità, ora bisogna analizzarla e trovare conferme” per accertare se il figlio del “Chapo” è fra i sequestrati.

Le circostanze dell’episodio sono ancora confuse. Secondo testimonianze raccolte dalla stampa locale, un gruppo di sette persone è arrivate al ristorante “La Leche”, nel centro turistico di Puerto Vallarta, a bordo di due pick up, e ha portato via un gruppo di una decina di persone.

Almaguer ha spiegato che le persone sequestrate in realtà erano sei, provenienti dagli stati di Sinaloa, Nayarit e Jalisco ed “esistono chiari indizi che si tratti di membri di una organizzazione criminale: non erano turisti o cittadini che si dedicano ad attività lecite”.

La polizia, infatti, ha trovato sei macchine abbandonate nel parcheggio del ristorante, una con targhe false di Sinaloa, e alcuni dei sequestrati sarebbero stati in possesso di documenti anch’essi falsi. L’ipotesi è che la cena fosse in realtà una festa fra boss criminali.

Il procuratore ha sottolineato che in realtà non si può nemmeno parlare di un sequestro giacché in merito non è stata presentata nessuna denuncia alle autorità.

Ivan Guzman è considerato l’erede del “Chapo” al vertice del cartello di Sinaloa, dopo che il superboss è stato catturato dalla polizia e rinchiuso nel carcere di Ciudad Juarez, dove attende di essere estradato verso gli Usa.

Secondo la stampa locale, i sequestratori di Puerto Vallarta potrebbero appartenere al cartello di Jalisco Nueva Generacion, che è in guerra con quello di Sinaloa. Alcuni esperti però sostengono che, senza l’appoggio del padre, Ivan Guzman potrebbe essere stato “punito” da elementi della sua stessa banda, a causa del suo gusto per l’ostentazione della riccheza.

Ultima ora

12:41Violenza sessuale: narcotizzarono ragazza, 3 arresti

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - Tre italiani sono stati arrestati per violenza sessuale nei confronti di una ragazza che era stata invitata a uscire da un componente del gruppo e che poi è stata narcotizzata con le benzodiazepine, la cosiddetta droga dello stupro, versata nel drink all'interno di un locale di Milano. L'episodio è avvenuto nell'aprile 2017 e oggi è stata comunicata l'esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare da parte dei carabinieri.

12:39Migranti:iniziata pulizia ponte su Roja, no sgomberi forzati

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 17 GEN - E' iniziata stamani alle 8 la pulizia di parte del greto del fiume Roja e dei 'fornici', i vani all'interno degli archi del ponte ferroviario dentro i quali i migranti hanno ricavato piccoli accampamenti di fortuna. Grazie all'attività di alcuni mediatori culturali, i migranti che vivevano dentro il ponte sono stati invitati per tempo a allontanarsi. Gli ultimi se ne sono andati questa mattina, portando via i bagagli. L'allontanamento dei migranti dal greto del fiume e la pulizia degli argini erano stati disposti con ordinanza del sindaco della città di confine, Enrico Ioculano che ha annunciato la necessità di mettere in sicurezza il ponte ferroviario per il pericolo di ondate di piena in caso di abbondanti precipitazioni. L'accampamento principale è rimasto. Presenti alle operazioni vigili del fuoco, polizia, polizia locale e associazioni umanitarie.

12:39Maltempo: vento 115 kmh, impianti sci Piemonte ancora chiusi

(ANSA) - TORINO, 18 GEN - Continua a soffiare con grande intensità il vento in alta quota sulle montagne piemontesi : 115 kmh - registrati dalla stazione Arpa - sul Monte Fraiteve, questa mattina sopra Sestriere. Per le forti raffiche restano chiusi, nel comprensorio sciistico della Vialattea, i collegamenti Sestriere-Sauze d'Oulx, Sestriere-Sansicario e Sauze d'Oukx-Sansicario. Vento forte anche più in basso: a Susa raffiche oltre gli 85 km. (ANSA).

12:38Tennis: Australia, ko Monfils, Djokovic torna e passa turno

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Novak Djokovic è tornato. Il campione serbo, ex numero uno del mondo, reduce da un lungo periodo di infortuni e guai fisici, ha vinto e convinto agli Australian Open la sua partita contro il francese Gael Monfils, e passa quindi al turno successivo. Il serbo ha perso il primo set, poi è esploso mandando al tappeto l'avversario con il punteggio di 4-6 6-3 6-1 6-3. Il 30enne di Belgrado, sei volte vincitore del primo Major stagionale pur se non ancora al 100% ha fornito un'altra risposta significativa sulle sue condizioni dopo i sei mesi di assenza dal circuito. Il match è stato giocato in condizioni climatiche proibitive, e una temperatura di quasi 40 gradi, cosa di cui si è lamentato soprattutto il francese. Sulla strada per gli ottavi Djokovic (n. 14 del ranking) troverà sabato lo spagnolo Albert Ramos Vinolas, numero 22 del mondo. "Abbiamo sofferto entrambi tantissimo oggi per via del caldo terribile, erano condizioni di gioco molto dure, in particolare per due set e mezzo" - ha detto Djokovic. Sapevo bene che era una sfida, considerando che Gaël è uno dei migliori atleti in circolazione: serve forte e recupera molte palle. Il quarto set è stato incerto e poteva andare anche dalla sua parte. Le mie condizioni fisiche? Non ancora al massimo, però sto crescendo e credo in me stesso. Soprattutto in questo torneo dove ho conosciuto i maggiori successi della mia carriera". (ANSA).

12:32Arabia Saudita: a Gedda il grattacielo più alto del mondo

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - E' stato firmato in Arabia Saudita il contratto da oltre 165 milioni di dollari per avviare la costruzione a Gedda del grattacielo più alto del mondo. Secondo quanto riportato da Arab News, il lavoro verrà realizzato dalla Al Fouzan General Contracting Co. e verrà completato entro 12 mesi. Il grattacielo, chiamato Jeddah Tower, sarà alto un chilometro, superando gli 828 metri del Burj Khalifa di Dubai.

12:31Navalni all’ANSA, con Putin regime feudale, non mollo

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - "Vladimir Putin ha scelto di restare al potere con la formula del presidente a vita e sta costruendo un sistema feudale basato sui clan familiari, che ormai controllano l'85% della nostra economia. L'attività politica indipendente in Russia comporta oggi dei rischi ma io vado avanti, non c'è alternativa: noi lottiamo per il nostro diritto di partecipare alla costruzione del futuro della Russia". Lo afferma Alexei Navalni in un'intervista esclusiva all'ANSA.

12:30Navalni a ANSA, Italia sia amica dei russi, non di oligarchi

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - "Fra l'Italia e la Russia esiste un rapporto solido e i russi considerano gli italiani un popolo speciale. Io vorrei vedere da parte dell'Italia una posizione più attiva sulle sanzioni individuali perché il vostro Paese è meta massiccia dei soldi sporchi degli oligarchi, che rubano qui e poi vanno a divertirsi nei vostri resort: vorrei che fosse più amica del popolo russo e meno degli oligarchi di Putin". Così Alexei Navalni in un'intervista esclusiva all'ANSA, la prima a un media italiano dopo essere stato escluso dalle elezioni.

Archivio Ultima ora