Messico: guerra tra bande a Puerto Vallarta, raid in ristorante

Pubblicato il 16 agosto 2016 da ansa

Messico: guerra tra bande a Puerto Vallarta, raid in ristorante

Messico: guerra tra bande a Puerto Vallarta, raid in ristorante

CITTA’ DEL MESSICO. – Il misterioso sequestro di sei persone in un ristorante di Puerto Vallarta, nota località turistica sulla costa pacifica del Messico, potrebbe essere un regolamento di conti al vertice fra cartelli di narcotrafficanti, e uno dei rapiti sarebbe niente di meno che Ivan Archivaldo Guzman, il figlio di Joaquin “El Chapo” Guzman.

L’ipotesi, ancora tutta da verificare, è stata lanciata da Eduardo Almaguer, procuratore dello stato di Jalisco – dove si trova Puerto Vallarta – secondo il quale però “si tratta di una possibilità, ora bisogna analizzarla e trovare conferme” per accertare se il figlio del “Chapo” è fra i sequestrati.

Le circostanze dell’episodio sono ancora confuse. Secondo testimonianze raccolte dalla stampa locale, un gruppo di sette persone è arrivate al ristorante “La Leche”, nel centro turistico di Puerto Vallarta, a bordo di due pick up, e ha portato via un gruppo di una decina di persone.

Almaguer ha spiegato che le persone sequestrate in realtà erano sei, provenienti dagli stati di Sinaloa, Nayarit e Jalisco ed “esistono chiari indizi che si tratti di membri di una organizzazione criminale: non erano turisti o cittadini che si dedicano ad attività lecite”.

La polizia, infatti, ha trovato sei macchine abbandonate nel parcheggio del ristorante, una con targhe false di Sinaloa, e alcuni dei sequestrati sarebbero stati in possesso di documenti anch’essi falsi. L’ipotesi è che la cena fosse in realtà una festa fra boss criminali.

Il procuratore ha sottolineato che in realtà non si può nemmeno parlare di un sequestro giacché in merito non è stata presentata nessuna denuncia alle autorità.

Ivan Guzman è considerato l’erede del “Chapo” al vertice del cartello di Sinaloa, dopo che il superboss è stato catturato dalla polizia e rinchiuso nel carcere di Ciudad Juarez, dove attende di essere estradato verso gli Usa.

Secondo la stampa locale, i sequestratori di Puerto Vallarta potrebbero appartenere al cartello di Jalisco Nueva Generacion, che è in guerra con quello di Sinaloa. Alcuni esperti però sostengono che, senza l’appoggio del padre, Ivan Guzman potrebbe essere stato “punito” da elementi della sua stessa banda, a causa del suo gusto per l’ostentazione della riccheza.

Ultima ora

16:33Podemos ‘sotto shock, sospesa democrazia’

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Podemos è "sotto shock" davanti alla "sospensione della democrazia non solo in Catalogna ma anche in Spagna". Lo ha affermato il numero due del partito 'viola' Pablo Echenique dopo l'annuncio delle misure decise da Madrid contro la Catalogna.

16:31Calcio: Delneri, ci occorre autostima per futuro

(ANSA) - UDINE, 21 OTT - L'Udinese arriva alla sfida di domani con la Juventus con le motivazioni alle stelle. A caccia di "autostima per il futuro, al di là del risultato concreto", ricordando la svolta nel cammino dei friulani arrivata lo scorso anno proprio a partire dalla gara contro la Juve. "Per noi le motivazioni sono molto alte, credo la squadra abbia le caratteristiche per lottare - ha dichiarato nella consueta conferenza stampa della vigilia il tecnico dei friulani Gigi Delneri - Se guardiamo la tecnica penso che la Juve sia superiore. Quindi è chiaro che noi dobbiamo buttare sul campo un altro tipo di armi, vale a dire l'intensità fino a quando possiamo tenerla, per mettere in difficoltà una squadra quadrata". Fofana guarderà la partita dalla panchina, in dubbio Widmer e Larsen.

16:31Attacco a Monaco: polizia, sono 8 i feriti, anche dodicenne

(ANSA) - BERLINO, 21 OTT - C'è anche un bambino di 12 anni fra le persone rimaste ferite oggi a Monaco, dove un uomo ha aggredito con un coltello alcuni passanti in strada. Secondo il bilancio finale dato dalla polizia in conferenza stampa, i feriti sono 8 (e non 4 come si era detto nelle ore precedenti), ma nessuno sarebbe in condizioni gravi.

16:29Calcio: Lazio, Immobile rinnova fino al 2022

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La Lazio ha prolungato i contratti di Ciro Immobile e Thomas Strakosha sino al 30 giugno 2022. Lo rende noto la società attraverso un comunicato stampa.

16:12Gasolio rubato in Libia: c’era ‘cartello’ di contrabbandieri

(ANSA) - CATANIA, 21 OTT - A Darren Debono, 43 anni, ex difensore della nazionale di calcio maltese (56 presenze tra il 1996 e il 2002), arrestato ieri a Lampedusa con l'accusa di fare parte di di un'associazione per delinquere internazionale dedita al riciclaggio di gasolio libico, militari del Gico del nucleo di polizia tributaria di Catania sono arrivati grazie a utenze telefoniche di suoi familiari. Era ricercato nell'inchiesta 'Dirty Oil' della guardia di finanza di Catania. Nei suoi confronti era pendente un'ordinanza del Gip emessa nei confronti di 9 indagati per il furto di gasolio dalla raffineria di Zawyia poi portato illegalmente in Europa. Il maltese era il punto di contatto con il libico Fahmi Mousa Saleem Ben Khalifa, alias "il Malem" (il capo), al vertice di una milizia armata, ora ricercato. Da intercettazioni emerge un "'cartello' tra contrabbandieri" per gestire a prezzi bassissimi ingenti quantitativi di petrolio trafugato in Libia e commercializzato con la complicità dell'Ad della Maxcom Bunker, Marco Porta.

16:10Rugby: Australia-Nuova Zelanda 23-18 in un test match

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Ci sono voluti due anni, ma finalmente l'Australia è riuscita a battere di nuovo la Nuova Zelanda, imponendosi 23-18 in un test match valido per la Bledisloe Cup disputato a Brisbane (Australia). Gli All Blacks avevano chiuso il primo tempo in vantaggio 13-12, ma neo secondi 40' hanno subito la rimonta dei Wallabies, che grazie al sostegno dei 45mila tifosi del Suncorp Stadium hanno segnato una meta con l'ala Marika Koroibete e due calci piazzati di Reece Hodge, autore anche della prima meta della sua squadra. Per gli All Blacks, in meta due volte con Waisake Naholo e Rieko Ioane, si tratta della prima sconfitta dopo sette partite.

16:06Catalogna: Madrid prenderà controllo Mossos e Radio-Tv

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Madrid prevede di prendere il controllo fra l'altro dei Mossos d'Esquadra, la polizia regionale catalana, della Radio-Tv pubblica (Tv3 e Radio Catalunya), grazie all'art. 155. Lo precisa il documento con le misure previste dall'esecutivo spagnolo inviato al Senato, che lo approverà probabilmente il 27 ottobre. Il governo spagnolo, attraverso i delegati che nominerà in Catalogna, potrà destituire e sostituire i dirigenti di polizia e radio-tv catalane.

Archivio Ultima ora