Obama svuota Guantanamo, trasferiti altri 15 detenuti

Pubblicato il 16 agosto 2016 da ansa

Obama svuota Guantanamo, trasferiti altri 15 detenuti

Obama svuota Guantanamo, trasferiti altri 15 detenuti

NEW YORK. – Barack Obama svuota Guantanamo. Anche se il suo sogno di chiudere il supercarcere entro la fine del mandato sembra svanire, il presidente americano non molla e trasferisce altri 15 detenuti, stavolta negli Emirati Arabi Uniti. Si tratta del trasferimento più numeroso dell’era Obama, con il quale la popolazione del carcere sull’isola di Cuba scende a 61 prigionieri. Fra i detenuti trasferiti ci sono 12 yemeniti e tre afgani, rimasti lì per 14 anni senza essere stati processati.

Consapevole della quasi impossibilità di mantenere la sua promessa di chiudere il carcere durante la presidenza, Obama sta cercando almeno di trasferire tutti i detenuti che sono già stati dichiarati ‘idonei’ a lasciare Guantanamo. Con l’ultima ondata si riduce a 20 il numero dei prigionieri approvati per il trasferimento.

Quando Obama ha assunto l’incarico, a Guantanamo c’erano 242 prigionieri. I suoi tentativi di chiudere il carcere sono finiti nel vuoto per l’opposizione del Congresso, dove la Camera e il Senato sono a maggioranza repubblicana. “Gli Stati Uniti sono riconoscenti agli Emirati Arabi Uniti per la continua assistenza nel chiudere il carcere di Guantanamo”, ha affermato Lee Wolosky, l’inviato speciale del Dipartimento di Stato per trattare i trasferimenti.

L’amministrazione Obama è impegnata da tempo in un pressing diplomatico sui paesi del Golfo per il ricollocamento dei detenuti di paesi come lo Yemen. I paesi del Golfo sono infatti ritenuti una destinazione ideale per i detenuti per motivi di lingua e per le autorità americane che, sul posto, hanno la capacità di monitorarli.

L’Oman è stato il primo paese del Golfo ad aiutare gli Stati Uniti, accettando il ricollocamento di 10 detenuti in due tranche, all’inizio e alla metà del 2015. Gli Emirati Arabi Uniti hanno accettato cinque yemeniti lo scorso novembre, inserendoli in una programma di custodia riabilitativa messo a punto per i suoi cittadini legati all’estremismo islamico.

L’Oman in gennaio ha accettato altri 10 detenuti e l’Arabia Saudita in aprile nove. Il Qatar ha assunto un atteggiamento differente, accettando cinque prigionieri che l’amministrazione Obama ha scambiato per il sergente Bowe Bergdahl.

Fra i detenuti trasferiti nell’ultima ondata c’è l’afgano chiamato Obaydullah, arrestato nel 2002 con l’accusa di aver offerto materiale a sostegno del terrorismo. Accusa successivamente rivista. Nel decidere il suo trasferimento, “abbiamo valutato il fatto che il prigioniero non ha espresso alcuna intenzione di impegnarsi nuovamente in attività terroristiche, non ha manifestato nessun atteggiamento anti americano e che né il detenuto né la sua famiglia hanno legami con estremisti fuori da Guantanamo”, si legge nelle motivazioni delle autorità americane per il rilascio.

Ultima ora

22:39Calcio: Crotone ingaggia Izco, contratto annuale con opzione

(ANSA) - CROTONE, 23 LUG - Mariano Izco è un calciatore del Crotone. Il suo tesseramento è stato ufficializzato nella tarda serata dalla società calabrese. Il centrocampista argentino di 34 anni, che era svincolato dopo l'ultima stagione al Chievo, ha firmato con la squadra calabrese un contratto annuale con opzione sul secondo. Izco vanta un curriculum di tutto rispetto con quasi 300 presenze in Serie A avendo vestito le maglie del Catania per otto stagioni e quella del Chievo Verona negli ultimi tre anni. Il neo-acquisto ha già effettuato le visite mediche e ha raggiunto il gruppo nel ritiro di Moccone.

22:37Atletica: Mondiali Paralimpici, Caironi e Legnante d’oro

(ANSA) - LONDRA, 23 LUG - Italia ancora grande protagonista ai Mondiali di atletica paralimpica, chiusisi a Londra. Il 'bottino' della giornata conclusiva è stato di 2 ori, con Martina Caironi nel salto in lungo e Assunta Legnante nel peso, e un bronzo, quello della staffetta 4X100 T42/47. C'è voluto il sesto salto, a 4.72, per Martina Caironi, già sul trono del mondo pochi giorni fa per la vittoria sui 100 metri T42. Oggi nel lungo non ha tradito le aspettative, compiendo una spettacolare progressione finale. Argento alla giapponese Maegawa. Puntuale anche questa volta, Assunta Legnante ha 'toccato' il cielo con il peso, mettendosi al collo un altro oro, dopo quelli di Rio 2016, dei Mondiali 2015, degli Europei 2014, e di Londra 2012. La lanciatrice campana realizza 15.82 al 2/o tentativo e il distacco dall'uzbeka Burkanova, argento, è di oltre un metro. Sul podio sale anche la staffetta 4x100 uomini T42/47: per Di Marino, Manigrasso, Lanfri e Bagaini arriva anche, in 43.32, il nuovo record italiano, alle spalle di Usa e Germania.

22:06Calcio: amichevoli, Parma-Pieve di Bono 14-0

(ANSA) - PARMA, 23 LUG - Sono 14 (a zero) le reti segnate dal Parma nella sua prima uscita stagionale, in amichevole a Pinzolo (Trento), contro il Pieve di Bono che disputa il campionato di Prima categoria. Protagonisti Baraye e Calaiò, con due triplette, e doppietta per Nocciolini.

22:03Scherma: Mondiali, delusione Garozzo, bronzo? volevo l’oro

(ANSA) - LIPSIA (GERMANIA), 23 LUG - "Non ce la faccio a vedere il bicchiere mezzo pieno. Sognavo di vincere nel giro di un anno Olimpiadi, Europei e Mondiali. Sognavo questo grande Slam, però mi sono fermato ad un passo dal risultato. Non voglio sminuire questo bronzo, ma io qui ambivo all'oro e non l'ho raggiunto". Daniele Garozzo non rinuncia alla consueta sincerità nemmeno dopo essersi messo un'altra medaglia al collo, anche se non del metallo desiderato. "Ce l'ho messa tutta - continua l'azzurro del fioretto -, ma in semifinale ho sbagliato ad intestardirmi e a protestare con l'arbitro. Saito è stato bravo, è un ragazzo, ha 20 anni, lo conosciamo poco nel circuito perché ancora fa poche gare in Coppa del Mondo. Ma la colpa oggi è solo mia. Ricorderò a lungo questo assalto, ma adesso devo concentrarmi sulla gara a squadre. Ma dal punto di vista schermistico ho sbagliato io, e quindi sono deluso e amareggiato".

22:01Carceri: lite tra detenuti a Gorgona, uno è grave

(ANSA) - GORGONA (LIVORNO), 23 LUG - Un detenuto di 48 anni è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale di Livorno dopo una lite con un altro ristretto nella casa di reclusione dell'isola di Gorgona. Sull'episodio, avvenuto nel pomeriggio, indagano gli agenti della polizia penitenziaria che sulla vicenda mantengono ancora il massimo riserbo. Il detenuto ferito che ha riportato un trauma cranico importante è stato trasferito dall'isola con l'elisoccorso. La tensione nell'isola-carcere è subito rientrata e già in serata la polizia penitenziaria ha fatto sapere che la situazione era tornata normale, pur senza fornire dettagli sui motivi che hanno innescato la lite violenta di qualche ora prima. Ieri il sindacato Fns Cisl aveva annunciato l'inizio dello sciopero della fame dei propri agenti iscritti per protestare contro l'amministrazione penitenziaria che "costringe" le guardie a vivere come reclusi senza alcun servizio esterno. (ANSA).

21:53Kenya:media,’italiana uccisa durante rapina in villa’

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Un'italiana è stata uccisa e suo marito ferito a Mombasa, in Kenya, durante una rapina nella loro villa. Lo scrive il sito Africa Express ma non ci sono ancora conferme da parte delle autorità italiane.

21:49Comuni:Cosenza,installata antenna ponte Calatrava,alta 104 m

(ANSA) - CATANZARO, 23 LUG - Conclusa la prima parte della realizzazione del ponte progettato dall'architetto spagnolo Santiago Calatrava, a Cosenza. È stata innalzata infatti l'antenna del ponte, alta 104 metri per 800 tonnellate di peso, che fa dell'infrastruttura il più alto ponte d'Europa del genere strallato in cui l'impalcato è retto da una serie di cavi - gli stralli - ancorati a piloni di sostegno. L'antenna è stata montata tra via Reggio Calabria e via Popilia. "Un'opera importante - ha detto il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto - che unisce la città antica a quella nuova. Oltre tutto collegherà e unirà questa parte che diventerà pedonale con il parco Mancini. L'obiettivo è aumentare la fruibilità, il benessere dei nostri cittadini e la qualità di vita. La città è fonte di ricchezza e deve produrre lavoro per i nostri giovani. Questi sono gli obiettivi che muovono i nostri progetti. Ho ripreso idee importanti del sindaco Mancini e oggi le completiamo". All'inaugurazione, in autunno, è prevista la presenza di Calatrava.

Archivio Ultima ora