Presso l’Istituto Italiano di Cultura di Caracas: Il caso Moro di Giuseppe Ferrara

Pubblicato il 17 agosto 2016 da redazione

Ferrara

CARACAS. – Giuseppe Ferrara è stato senza dubbio uno dei registi più sensibili e impegnati degli ultimi anni. I suoi film, mai banali, hanno mostrato la realtà politica dell’Italia, i suoi lati più oscuri, gli intrighi e le connivenze tra i cosiddetti poteri forti.

Ferrara è stato più volte in Venezuela, un paese che ha amato e nel quale ha trascorso momenti importanti della sua vita. Fin dal suo primo viaggio strinse un’amicizia fraterna con il nostro direttore Gaetano Bafile. Ferrara aveva letto il suo libro, Inchiesta a Caracas edito da Sellerio, e avrebbe voluto trarne un film.

La sua sceneggiatrice di sempre, Armenia Balducci, scrisse un primo adattamento con la figlia di Gaetano, Mariza, in quel momento impegnata nel cinema come sceneggiatrice e montatrice. Purtroppo, nonostante il genuino interesse del regista, il progetto non si è mai realizzato.

In compenso, restò immutata l’amicizia tra due persone, Ferrara e Bafile, molto simili nella loro visione della vita e nell’onestà intellettuale con cui portavano avanti i rispettivi lavori.

Ferrara tornò in Venezuela per girare Narcos, un film ambientato in Colombia ma girato a Caracas, che denuncia il potere e la forza dei cartelli colombiani.

Ferrara era un uomo integro, un grande intellettuale, e, proprio per questo, consideriamo di grande importanza l’iniziativa del nostro Istituto di Cultura che permette al regista di tornare in Venezuela con le immagini dei suoi film.

Il caso Moro è un film del 1986 diretto da Giuseppe Ferrara, tratto dal libro del 1982 “I giorni dell’ira. Il caso Moro senza censure” di Robert Katz, coautore anche della sceneggiatura. Fu il primo film a narrare l’intera vicenda del rapimento di Aldo Moro, con l’interpretazione di Aldo Moro affidata a Gian Maria Volonté. Il film è assolutamente neutrale, gli stati d’animo del presidente sono quelli che si evincono dalle lettere scritte da lui stesso.

Il film ripercorre cronologicamente i 55 giorni del rapimento di Aldo Moro: dalla strage di via Fani fino al rinvenimento del corpo del presidente della Democrazia Cristiana in via Caetani.

Il nove maggio 1978 la tragica vicenda del rapimento di Aldo Moro si concludeva con l’assassinio dello statista ad opera di un nucleo delle brigate rosse, dopo cinquantacinque giorni di prigionia.

Il film vuole essere la ricostruzione di questo periodo dell’epoca in cui, per la prima volta dopo tanti anni di lotta politica, il partito comunista italiano sarebbe dovuto entrare nella maggioranza parlamentare, esprimendo fiducia al Governo Andreotti.

Questo periodo fu segnato da angosce vivissime, da colpi di scena e vide lacerazioni profonde anche all’interno dei singoli partiti, tra coloro che propugnavano la fermezza e la salvaguardia delle Istituzioni e quelli invece che erano disponibili alla trattativa per la sua liberazione.

La pellicola mostra gli eventi che hanno caratterizzato quei giorni; mancano i riferimenti complottisti a ipotesi che sono emerse solo negli anni successivi, come per esempio la presenza di un ufficiale del Sismi nei pressi di via Fani la mattina dell’agguato e i contatti tra Stato e organizzazioni criminali (camorra, banda della Magliana, questa per altro ancora in auge nel 1986) per l’individuazione della prigione di Moro.

Ultima ora

13:36Tennis: Australia, battuto Ramos-Vinolas e Djokovic a ottavi

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Novak Djokovic si è qualificato per gli ottavi di finale degli Open d'Australia di tennis. Il serbo, ex n.1 del mondo e testa di serie numero 14, ha facilmente superato in tre set (6-2, 6-3, 6-3) lo spagnolo Albert Ramos-Vinolas. Prossimo avversario di 'Nole' sarà il sudcoreano Hyeon Chung, autore dell'eliminazione del numero 4 del seeding, il tedesco Alexander Zverev.

13:30Video sindaco Cerignola su Fb a malavitosi,’siate maledetti’

(ANSA) - CERIGNOLA (FOGGIA), 20 GEN - Il sindaco di Cerignola, Franco Metta, ha postato sulla pagina Facebook personale e di primo cittadino un video in cui attacca duramente la malavita locale che negli ultimi tempi ha compiuto numerose intimidazioni, soprattutto a scopo estorsivo. "Siate maledetti - dice Metta parlando dal suo ufficio di sindaco e rivolgendosi ai malavitosi - uscite di notte come gli scarafaggi e come i topi per colpire la povera gente che lavora, la povera gente che fa i sacrifici per buttare nel panico questa comunità che sta facendo di tutto per risollevarsi. Siate maledetti, siete quattro vigliacchi. Noi non vi lasceremo questa città, combatteremo fino alla fine per Cerignola. Siate stramaledetti". Il video sta diventando virale sul web.

13:19Sci: Cdm,in libera Kitzbuehel Innerhofer cade ma senza danni

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 20 GEN - Christoph Innerhofer, pettorale 2 e primo azzurro in pista nella discesa sulla Streif a Kitzbuehel, è caduto spettacolarmente, ma senza danni. L'incidente - mentre aveva un buon tempo - è stato in parte simile a quello di Sofia Goggia nella discesa di Cortina. E' accaduto sul dente che immette sullo Schuss finale dopo la lunga traversa della Hausbergkante. Innerhofer è stato sbilanciato e lo sci sinistro si è alzato in alto con la punta verso il cielo. L'azzurro è scivolato sulla neve per parecchi metri, ma poi si è rialzato senza problemi.

13:02Sci: Goggia, ho sbagliato nel salto ma adesso riparto

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 20 GEN - E' stato fortunatamente più spettacolare che altro il presentat'arm - con le punte degli sci paralleli rivolte al cielo - che Sofia Goggia ha fatto sul lungo e ripido salto che immette sullo Schuss delle Tofane. E' atterrata in un tratto ancora in forte pendenza e la sua schiena per alcuni metri, in una nube di neve, ha toccato il fondo pista. Poi, però, con un colpo di reni e uno sci che ha preso la giusta inclinazione, si è rialzata indenne. "Ho sbagliato all'attacco del dente sopra il salto. Non ero nella giusta posizione per il salto, ma ancora troppo arretrata. Sono però riuscita a controllare la caduta e tutto è andato bene", ha raccontato l'azzurra. "Per il SuperG di domani nessun problema. Ora resetto tutto - ha annunciato l'azzurra - e si riparte da zero: andare e via".

13:02Volvo ocean race: scontro barca-peschereccio, un morto

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - E' davvero tragico l'epilogo della 4/a tappa della Volvo ocean race di vela, che ha portato le barche da Melbourne a Hong Kong ed è stata vinta da Sun Hung Kai/Scallywag. A poche miglia dal traguardo, Vestas 11th Hour racing dello skipper Charlie Enright è stata coinvolta in una collisione con un piccolo peschereccio che ha provocato un morto. La notizia è stata confermata dagli organizzatori della regata che manifestano "i più profondi sentimenti di cordoglio alla famiglia della vittima". L'incidente è avvenuto a circa 30 miglia dal traguardo della 4/a tappa, fuori dalle acque di Hong Kong. Fra i componenti il team Vestas 11th Hour racing non ci sono feriti: dall'imbarcazione - secondo quanto informano gli organizzatori - è partito il segnale di 'mayday' verso il Centro di coordinamento del soccorso in Mare di Hong Kong. Immediato l'intervento dei soccorritori che hanno potuto recuperare nove componenti dell'equipaggio, mentre il decimo è stato trasportato in ospedale con un elicottero, ma è spirato poco dopo.

12:58Sci: discesa Cortina, vittoria Vonn

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 20 GEN - Sofia Goggia ha sbagliato, facendo uno spettacolare e pericoloso presentat'arm sul salto che immette sullo Schuss delle Tofane e ha così lasciato strada libera al successo della statunitense Lindsey Vonn nella discesa di Cdm di Cortina. Vonn ha vinto in 1'36"48, lasciandosi alle spalle Tina Weirather del Liechtenstein in 1'37"40 e l'altra statunitense Jacqueline Wiles (1'37"46). Per Vonn è il 12/o successo a Cortina, il 79/o in Coppa del mondo. Fuori Goggia - che atterrando sul salto è finita con la schiena sulla neve, scivolando per alcuni metri, ma rialzandosi indenne con un formidabile colpo di reni - per l'Italia la migliore è stata Johanna Schnarf 9/a in 1'38"29. Più indietro, al momento 16/a, c'è Nicol Delago in 1'38"69: poi, Nadia Fanchini in 1'38"80, Federica Brignone in 1'38"81, Verena Stuffer in 1'38"95. Domani per Goggia e compagne ci sarà modo di rifarsi con il SuperG che chiude la tappa di Cortina.

12:55Tennis: Australia, Berdych agli ottavi e sfiderà Fognini

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Sarà Tomas Berdych l'avversario di Fabio Fognini, negli ottavi di finale degli Open d'Australia Il ceco, 19/a testa di serie, ha regolato per 6-3, 6-3, 6-2 l'argentino Juan Martin Del Potro, n. 12 del seeding. Esce a sorpresa il tedesco Alexander Zverev, testa di serie n. 4, battuto dal sudcoreano Hyeon Chung, vincitore a novembre delle Next Gen Atp Finals, che si è imposto in 5 set con il punteggio di 5-7, 7-6 (7-3), 2-6, 6-3, 6-0. Avanza l'austriaco Dominic Thiem, testa di serie n. 5, che ha superato per 6-4, 6-2, 7-5 il francese Adrien Mannarino (n. 26). Altri risultati Sandgren-Marterer 5-7, 6-3, 7-5, 7-6 (7-5); Fucsovics-Kicker 6-3, 6-3, 6-2.

Archivio Ultima ora