Presso l’Istituto Italiano di Cultura di Caracas: Il caso Moro di Giuseppe Ferrara

Pubblicato il 17 agosto 2016 da redazione

Ferrara

CARACAS. – Giuseppe Ferrara è stato senza dubbio uno dei registi più sensibili e impegnati degli ultimi anni. I suoi film, mai banali, hanno mostrato la realtà politica dell’Italia, i suoi lati più oscuri, gli intrighi e le connivenze tra i cosiddetti poteri forti.

Ferrara è stato più volte in Venezuela, un paese che ha amato e nel quale ha trascorso momenti importanti della sua vita. Fin dal suo primo viaggio strinse un’amicizia fraterna con il nostro direttore Gaetano Bafile. Ferrara aveva letto il suo libro, Inchiesta a Caracas edito da Sellerio, e avrebbe voluto trarne un film.

La sua sceneggiatrice di sempre, Armenia Balducci, scrisse un primo adattamento con la figlia di Gaetano, Mariza, in quel momento impegnata nel cinema come sceneggiatrice e montatrice. Purtroppo, nonostante il genuino interesse del regista, il progetto non si è mai realizzato.

In compenso, restò immutata l’amicizia tra due persone, Ferrara e Bafile, molto simili nella loro visione della vita e nell’onestà intellettuale con cui portavano avanti i rispettivi lavori.

Ferrara tornò in Venezuela per girare Narcos, un film ambientato in Colombia ma girato a Caracas, che denuncia il potere e la forza dei cartelli colombiani.

Ferrara era un uomo integro, un grande intellettuale, e, proprio per questo, consideriamo di grande importanza l’iniziativa del nostro Istituto di Cultura che permette al regista di tornare in Venezuela con le immagini dei suoi film.

Il caso Moro è un film del 1986 diretto da Giuseppe Ferrara, tratto dal libro del 1982 “I giorni dell’ira. Il caso Moro senza censure” di Robert Katz, coautore anche della sceneggiatura. Fu il primo film a narrare l’intera vicenda del rapimento di Aldo Moro, con l’interpretazione di Aldo Moro affidata a Gian Maria Volonté. Il film è assolutamente neutrale, gli stati d’animo del presidente sono quelli che si evincono dalle lettere scritte da lui stesso.

Il film ripercorre cronologicamente i 55 giorni del rapimento di Aldo Moro: dalla strage di via Fani fino al rinvenimento del corpo del presidente della Democrazia Cristiana in via Caetani.

Il nove maggio 1978 la tragica vicenda del rapimento di Aldo Moro si concludeva con l’assassinio dello statista ad opera di un nucleo delle brigate rosse, dopo cinquantacinque giorni di prigionia.

Il film vuole essere la ricostruzione di questo periodo dell’epoca in cui, per la prima volta dopo tanti anni di lotta politica, il partito comunista italiano sarebbe dovuto entrare nella maggioranza parlamentare, esprimendo fiducia al Governo Andreotti.

Questo periodo fu segnato da angosce vivissime, da colpi di scena e vide lacerazioni profonde anche all’interno dei singoli partiti, tra coloro che propugnavano la fermezza e la salvaguardia delle Istituzioni e quelli invece che erano disponibili alla trattativa per la sua liberazione.

La pellicola mostra gli eventi che hanno caratterizzato quei giorni; mancano i riferimenti complottisti a ipotesi che sono emerse solo negli anni successivi, come per esempio la presenza di un ufficiale del Sismi nei pressi di via Fani la mattina dell’agguato e i contatti tra Stato e organizzazioni criminali (camorra, banda della Magliana, questa per altro ancora in auge nel 1986) per l’individuazione della prigione di Moro.

Ultima ora

18:13Calcio: Milan, Montella cita Churchill

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 21 OTT - "Il rischio non mi spaventa, fa parte del mio Dna e quando c'è il rischio dò il meglio di me": in bilico alla vigilia della sfida con il Genoa, l'allenatore del Milan Vincenzo Montella, si presenta citando uno storico premier britannico: "Mi sento molto motivato e lucido. Per sintetizzare il mio stato d'animo, userei una frase di Churchill: 'Il successo è l'abilità di passare da un fallimento all'altro senza perdere l'entusiasmo'. Sono felice di allenare il Milan come il primo giorno. Conosco i rischi del mestiere".

18:05Calcio: serie B, Venezia aggancia Empoli in testa

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Classifica del campionato di Serie B dopo la 10/a giornata: Empoli e Venezia 17; Cremonese, Bari, Pescara, Frosinone e Novara 16; Palermo e Carpi 15; Parma 14; Salernitana, Perugia, Cittadella, Avellino e Spezia 13; Entella 12; Ternana e Foggia 11; Pro Vercelli, Ascoli e Brescia 10; Cesena 8.

18:03Calcio: Montella, Milan coraggioso per accendere scintilla

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 21 OTT - "Mi piacerebbe che i ragazzi giocassero con più coraggio, liberi di testa. E' la chiave per accendere la scintilla che ci manca". Così Vincenzo Montella carica il suo Milan alla vigilia della sfida con il Genoa, delicata per il futuro dell'allenatore. "Ci può mancare qualche punto, qualche sprazzo di prestazione, ma - ha osservato - siamo la squadra che ha tirato più in porta dopo il Napoli. La squadra deve liberarsi di testa, dobbiamo prendere questa vittoria anche attraverso la rabbia. L'unione fra società, allenatore e giocatori bisogna farla vivere ancora di più".

17:53Calcio:Pioli, Fiorentina a Benevento, occasione da sfruttare

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - Contro l'ultima in classifica i rischi sono doppi. Ecco l'avvertimento di Stefano Pioli alla vigilia della trasferta-trappola di Benevento. "Sarebbe un grosso errore dare per scontato di averla già vinta e non avrei fatto un buon lavoro se non avessi preparato la mia squadra alle difficoltà di domani -ha detto il tecnico della Fiorentina. A parte contro la Roma che è una grande squadra, il Benevento sul proprio campo non ha mai perso in modo netto. Il calcio è pieno di esempi, l'ultimo è il Crystal Palace capace dopo 7 ko di fila di battere il Chelsea campione della Premier. Di sicuro questa gara per noi è un'occasione da sfruttare". Ai suoi Pioli chiede identità, intensità, concretezza, crescita nel gestire la palla e il match. "Nessuna formazione, neppure il City e il Napoli, riescono a sostenere gli stessi ritmi per tutti i 90'. Noi però ogni tanto facciamo qualche pausa, lavoriamo più da singoli che da squadra e finiamo per pagarla a caro prezzo come col Chievo".

17:49Calcio: Chelsea batte 4-2 Watford in rimonta,e Conte respira

(ANSA) - LONDRA, 21 OTT - Pericolo scampato: come già contro la Roma, il Chelsea prima sblocca il risultato, poi è costretto a rincorrere contro il Watford, che si arrende solo nel finale. Dopo due sconfitte di file i Blues di Antonio Conte tornano alla vittoria in Premier League, 3 punti che valgono il 4/o posto in classifica. Una vittoria indispensabile per scongiurare la crisi, ma che non cancella le attuali difficoltà dei campioni d'Inghilterra. Che vincono solo nel finale, con merito ma anche con un pò di fortuna. Perché gli ospiti dominano per lunghi tratti della gara, sprecando con il brasiliano Richarlison almeno due clamorose occasioni da rete. "Ma oggi i miei giocatori hanno dimostrato il loro grande carattere, il desiderio di lottare fino alla fine - la soddisfazione di Conte -. Il modo in cui abbiamo vinto questa partita è un segno dello spirito della squadra. Non sono preoccupato per il mio futuro, l'unica pressione che sento è la responsabilità che la mia squadra renda felici i nostri tifosi".

17:46Calcio: Genoa, Juric “Centurion fuori può fare come vuole”

(ANSA) - GENOVA, 21 OTT - "Fuori dal campo per me i giocatori possono fare quello che vogliono, hanno totale libertà di espressione. Quando si allenano invece devono dare sempre il massimo". Ivan Juric risponde così ai media argentini che lo hanno accusato di aver emarginato Ricardo Centurion per alcuni video che il giocatore ha pubblicato sul proprio profilo Instagram, in orari notturni e raccontando momenti di nostalgia. Juric ha poi lasciato aperta la porta ad un giocatore finito comunque ai margini e in campo sino ad ora solo in due spezzoni con Lazio e Juve. "Se ritengo che un giocatore possa dare contributi non escludo nessuno. L'importante è che quando arriva l'occasione ogni giocatore si faccia trovare pronto. E la mia storia qui al Genoa dimostra che ci sono occasioni per tutti. Io non escludo nessuno, compreso Ricardo che si allena regolarmente con la squadra".

17:37Calcio: serie B, l’Empoli cade a Venezia

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Risultati della 10/a giornata di serie B dopo gli incontri del 10/o turno. Bari-Cittadella 4-2 (ieri); Cesena-Foggia 3-3; Cremonese-Brescia 2-0 (ieri); Palermo-Novara 0-2; Parma-Entella 3-1; Pescara-Avellino 2-1; Pro Vercelli-Carpi 0-0; Salernitana-Frosinone 1-1; Spezia-Perugia 4-2; Ternana-Ascoli 1-1; Venezia-Empoli 1-0.

Archivio Ultima ora