L’autunno caldo di Renzi, referendum sfida decisiva

Pubblicato il 17 agosto 2016 da ansa

L'autunno caldo di Renzi, referendum sfida decisiva

L’autunno caldo di Renzi, referendum sfida decisiva

ROMA. – Ha smesso di dirlo in pubblico, fedele alla strategia di slegare il destino del referendum dal suo, ma Matteo Renzi sa che il suo ‘all in’ resta il referendum istituzionale. A novembre, la vittoria del sì o del no determinerà il suo futuro al governo e, a catena, le sorti della legislatura.

Dopo aver fatto decantare il clima, dopo la pausa estiva, il premier riavvierà la campagna per il sì, complice il tour alle feste del Pd, insistendo sul merito della riforma e cercando di spuntare le armi degli avversari, a partire dal pressing della minoranza dem per modificare l’Italicum.

Ma se il traguardo è il referendum, l’autunno del premier sarà, con un’espressione un po’ abusata, molto caldo. Ecco priorità ed impegni dei prossimi mesi del presidente del consiglio.

REFERENDUM. Le data più gettonate, secondo fonti di maggioranza, per indire il referendum restano il 13 o il 27 novembre. Il consiglio dei ministri ha 60 giorni di tempo dopo l’ok della Cassazione per decidere la data e questo probabilmente avverrà in uno dei primi cdm di settembre.

Oltre a consentire una campagna “porta a porta”, come ha consigliato lo spin doctor del premier Jim Messina, il governo, fissando il referendum a novembre, viene incontro anche al desiderata del Capo dello Stato di fare la consultazione referendaria dopo l’approvazione della legge di stabilità almeno in uno dei due rami del Parlamento.

ITALICUM. Benchè l’esecutivo insista a tenere separato il referendum dalla legge elettorale, la minoranza dem andrà avanti nel suo aut aut: o si definiscono prima di novembre le modifiche all’Italicum o voterà contro. Una minaccia che mina la compattezza del Pd ed il fronte per il sì ma difficilmente Renzi la darà vinta a Pier Luigi Bersani e ai suoi.

A meno che la Corte Costituzionale, esaminando i ricorsi il 4 novembre, dovesse cassare alcuni punti della legge, spingendo l’esecutivo a definire correzioni prima del referendum.

LEGGE DI STABILITA’. La “rivoluzione fiscale”, come il premier la definì quando arrivò al governo, resta la priorità di Renzi. In base ai suoi annunci, per il 2017 l’obiettivo è la riduzione della pressione fiscale del ceto medio, oltre ad un intervento sulla flessibilità in uscita per le pensioni.

Tecnici di Palazzo Chigi e del Mef sono già al lavoro per capire qual è la via più efficace, se attraverso una revisione delle aliquote Irpef o una riduzione del cuneo fiscale. Ma a causa di una crescita del pil inferiore alle attese, anche per fattori esogeni, come Brexit, le risorse sono limitate anche perchè circa 15 mld vanno già conteggiati per evitare che scattino le clausole di salvaguardia che porterebbero ad aumento dell’Iva.

EUROPA: FLESSIBILITA’ E BREXIT. Per riuscire a mettere a segno i goal di politica fiscale, anche quest’anno sarà cruciale la partita della flessibilità con la Ue. Il premier è convinto di aver stabilito margini a favore degli investimenti per sempre ma non è scontato che la commissione dia il disco verde senza mettere paletti nel rispetto delle clausole del patto di stabilità.

Ma è vero che tra Brexit, migranti, tensioni con la Turchia, nonchè elezioni politiche in Francia e Germania nel 2017, l’Ue sarà probabilmente distratta dal totem del rigore. Dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’Europa, Renzi è impegnato a consolidare l’asse con Germania e Francia: il 22 agosto, a Ventotene, il premier ospiterà la cancelliera tedesca ed il presidente francese per rilanciare “l’Europa dei valori” alla vigilia del prossimo consiglio Ue il 17 settembre a Bratislava, fissato per trovare una difficile linea comune per i negozianti con gli inglesi.

Il trilaterale affronterà anche i tempi dei negoziati per l’uscita della Gran Bretagna dall’Ue, che il premier italiano vuole veloci a differenza della cancelliera Merkel più disposta a venire incontro agli inglesi.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

12:36Architetto con il cranio fracassato in strada a Sarzana

(ANSA) - LA SPEZIA, 22 OTT - Un architetto di 50 anni è stato trovato agonizzante la notte scorsa sul ciglio della strada a Sarzana, nel quartiere Bradia. da due ragazzi che hanno avvertito il 118. L'uomo, Giuseppe Di Negro, è morto prima dell'arrivo dell'ambulanza. Sul posto polizia di Sarzana, Squadra mobile e Scientifica della Spezia. Il corpo dell'uomo, un architetto incensurato, si trovava sul ciglio della strada nel quartiere Bradia, a poca distanza dalla sua auto, e presentava una profonda ferita sul cranio. Sul caso indaga il commissariato di Sarzana e la Squadra mobile della Spezia che non escludono l'omicidio: le ferite alla testa secondo una prima ispezione esterna del medico legale potrebbero esser state inferte con un corpo contundente. (ANSA).

12:20Bambino di quattro anni cade da edificio, è grave

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Un bambino di quattro anni è grave in ospedale dopo essere caduto stamani da un edificio in via Isimbardi, a Milano. E' stato portato in ospedale in gravi condizioni ma all'arrivo dei soccorsi appariva cosciente. Sul posto gli operatori del 118 e gli agenti della Questura di Milano.

12:18Ubriaco entra in chiesa, urla e agita una borsa, arrestato

(ANSA) - BRESCIA, 22 OTT - Un uomo di nazionalità marocchina questa mattina durante la Messa delle 8.30 è entrato nella chiesa di Manerbio, nella Bassa Bresciana, e dopo aver preso posto nei primi posti ha iniziato ad urlare agitando una borsa. I presenti sono scappati spaventanti mentre il parroco invitava alla calma. L'uomo è stato bloccato dai carabinieri. Era ubriaco al momento del suo ingresso in chiesa e non sarebbero emersi profili legati all'integralismo islamico.

11:29Spari nella notte a Torino, morto albanese. Due ricercati

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Un albanese di 39 anni è morto all'ospedale Martini di Torino, dove era stato ricoverato perché ferito da alcuni colpi di pistola. La sparatoria nella notte in via Fidia, davanti ad un bar aperto tutta la notte. Due gli uomini che hanno fatto fuoco per poi dileguarsi, secondo la prima ricostruzione degli investigatori della Squadra Mobile intervenuti sul posto. Ancora da chiarire i motivi dell'agguato. Tra le ipotesi degli inquirenti, un regolamento di conti tra bande albanesi. La polizia è sulle tracce dei fuggitivi.(ANSA).

11:12Siria: liberato principale campo petrolifero Isis

(ANSA) - BEIRUT, 22 OTT - Le forze democratiche siriane a guida curda, alleate degli Usa, hanno preso il controllo del principale campo petrolifero siriano in mano all'Isis, quello di Al-Omar.

10:54Trump: De Niro, ‘prima lo arrestano meglio è’

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Robert De Niro non ha dubbi: prima arrestano o mettono in stato d'accusa (impeachment) il presidente americano Donald Trump, meglio è. La star di Hollywood non ha perso l'occasione per tornare ad attaccare l'inquilino della Casa Bianca anche dal Montenegro, dove si trovava venerdì per il Global Citizen Forum. "Nel mio Paese abbiamo un'amministrazione che non è affatto di aiuto", ha detto il 74enne attore democratico americano secondo quanto riporta Newsweek, sottolineando che il Paese ha perso la leadership nella lotta al cambiamento climatico perché "abbiamo un leader che non fa il leader, che non sa quello che fa". "Non posso immaginare che vada avanti per altri tre anni", ha aggiunto l'attore riferendosi sempre a Trump. "Prima può essere messo sotto accusa ('impeached')" meglio è, "o forse sarà arrestato e messo in prigione...". Non è la prima volta che de Niro attacca Trump: lo scorso ottobre l'aveva definito in un video "cane, maiale, truffatore": mi "piacerebbe prenderlo a pugni", aveva detto.

09:32Terremoti: scossa magnitudo 4,9 in Nuova Zelanda

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Una scossa di terremoto di magnitudo 4,9 é stata registrata oggi circa 14 chilometri a sudovest di Kaikoura, in Nuova Zelanda, ad una profondità di 10 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di vittime o danni.

Archivio Ultima ora