Hollande dal Papa: “Francia vicina ad azione Francesco”

Pubblicato il 17 agosto 2016 da ansa

Francois Hollande incontra Papa Francesco.  ANSA / L'OSSERVATORE ROMANO - PRESS OFFICE

Francois Hollande incontra Papa Francesco.
ANSA / L’OSSERVATORE ROMANO – PRESS OFFICE

CITTA’ DEL VATICANO. – Un cordiale e sorridente saluto sulla porta dello studio dell’Aula Paolo VI, con la stretta di entrambe le mani, è l’immagine che suggella la visita privata, durata in tutto poco meno di due ore, fatta da Francois Hollande in Vaticano per incontrare papa Francesco.

Il presidente francese ha voluto portare al Pontefice il suo “messaggio di riconoscenza, di gratitudine” – così ha spiegato ai giornalisti dopo aver visitato la chiesa di San Luigi dei Francesi e prima di recarsi in Vaticano – per la vicinanza portata dal Papa a tutto il Paese in seguito alla “terribile prova” dell’assassinio di padre Jacques Hamel, sgozzato il 26 luglio scorso da due terroristi di origine maghrebina mentre celebrala messa nella sua chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray.

“Ha avuto parole che sono state di grande conforto – ha detto Hollande – e che mi hanno dato la fiducia di potermi rivolgere al Pontefice come a un fratello”. Parole che “sono state molto importanti per questo periodo”, ricordando “l’unità della Francia, l’unità e la solidarietà del mondo intero all’indirizzo del nostro paese che è stato vittima dell’attentato terroristico”.

E non di uno solo, ma tanti, tutti sanguinosi, dal Charlie Hebdo, al Bataclan, fino a Nizza. Una dimostrazione, quindi, anche della vicinanza della Francia all’azione del Papa. Hollande, in completo grigio, camicia azzurra e cravatta ton-sur-ton, è arrivato in Vaticano alle 16.45, accompagnato dal ministro degli Interni e responsabile per i Culti, Bernard Cazeneuve, dall’ambasciatore presso la Santa sede Philippe Zeller, dal consigliere diplomatico Jacques Audibert e dal capo del protocollo Frederic Billet.

Il colloquio privato nello studio della Sala Nervi, il Papa e Hollande seduti alla scrivania uno di fronte all’altro, è durato circa 40 minuti. Al termine, nell’Auletta attigua, la presentazione del seguito e lo scambio dei doni. Hollande ha donato al Papa una porcellana di Sevres, con lo stemma della Francia.

Il Pontefice ha donato a sua volta una scultura in bronzo tonda sulla profezia di Isaia “il deserto diverrà un giardino”: il ramo secco e spinoso che si copre di foglie e di frutti – ha spiegato il portavoce Greg Burke – rappresenta il passaggio dall’egoismo alla collaborazione, dalla guerra alla pace. Il Papa ha fatto dono al presidente anche di una copia dell’enciclica Laudato si’ e delle esortazioni Amoris laetitia ed Evangelii gaudium.

Hollande si è spostato poi alla Prima Loggia del Palazzo apostolico per un colloquio col cardinale segretario di Stato Pietro Parolin.

La cordialità della visita chiude anche il vecchio periodo di ‘gelo’ diplomatico, durato oltre un anno, per il mancato gradimento della Santa Sede alla nomina dell’ambasciatore Laurent Stefanini, dichiaratamente gay, cui poi solo nei mesi scorsi l’Eliseo ha rinunciato, puntando su Zeller.

Sempre uscendo da San Luigi dei Francesi dove ha sostato in silenzioso raccoglimento, in piedi, nella cappella dedicata alle “vittime degli attentati”, Hollande ha spiegato di voler parlare col Papa “della questione dei cristiani d’Oriente, della situazione in Medio Oriente, della crisi che lì perdura, dei rifugiati”.

Ed anche “di libertà religiosa, di laicità e dell’unità indispensabile nel rispetto di tutti”. Ha invece evitato domande sul ‘burkini’.

“Tutti i francesi hanno dimostrato grande sensibilità verso la fede cattolica e la Francia, al di là delle varie fedi che prosperano nel Paese, ha voluto esprimere tutta la simpatia nei confronti dell’azione del Papa”, ha sottolineato.

“Quando viene ucciso un religioso – ha aggiunto Hollande – è profanata la Repubblica, che tutela tutti i culti. La Repubblica deve tutelare la libertà di credere o non credere, coloro che vivono in Francia devono poter praticare la propria religione. Il messaggio della laicità francese non è un messaggio che divide bensì che unisce”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

21:51Calcio: tweet Mertens, Napoli mio presente mio futuro

(ANSA) - NAPOLI, 27 MAG - "Il mio passato, il mio presente, il mio futuro", questo è il tweet dell'attaccante del Napoli Dries Mertens accompagnato da una foto del giocatore mentre firma il suo nuovo contratto fino al 2020. La firma del contratto era stata annunciata già oggi dal presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, che aveva confermato anche come nell'accordo sia presente una clausola rescissoria valida però soltanto per un eventuale trasferimento a una squadra estera e dal 2018. Secondo indiscrezioni il contratto di Mertens prevede un ingaggio annuo di 4,5 milioni di euro.

21:36Padre morto da cinque mesi, figlio tiene cadavere in casa

(ANSA) - GENOVA, 27 MAG - Il cadavere mummificato di un uomo di 88 anni è stato trovato questo pomeriggio in una casa di via Cornigliano, a Genova. L'anziano, che abitava nell'appartamento col figlio di 50 anni, era morto da almeno cinque mesi. Il figlio, che soffre di disturbi psichici, ha cercato di camuffare l'odore con deodoranti e candele profumate. Secondo una prima ricognizione del medico legale Marco Salvi, l'anziano sarebbe morto per un infarto. Il figlio ha custodito la salma sul divano in soggiorno. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, chiamati dai vicini che aveva sentito il figlio che inveiva contro il padre. (ANSA).

21:34Calcio: Chelsea battuto, all’Arsenal la Fa Cup

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Manca la doppietta in Inghilterra Antonio Conte sulla panchina del Chelsea, sconfitto 2-1 a Wembley dall'Arsenal nella finale di Fa Cup. La squadra che da quasi 21 anni è guidata da Arsene Wenger, andando contro i pronostici, ha battuto i dominatori della Premier League e portato a casa la 13/a coppa d'Inghilterra, 2 anni dopo l'ultimo successo. Per il francese, si tratta del 16/o trofeo portato nella bacheca dei Gunners, di cui 7 Fa Cup, e forse questo successo potrà incidere sulle sue scelte future dopo una stagione complicata e una forte spinta dei tifosi al club di trovare un sostituto. La sconfitta è dura per Conte, anche se il Chelsea ha tenuto aperta la sfida fino all'ultimo nonostante l'espulsione di Moses per doppia ammonizione al 67'. Anche in 10, i Blues hanno continuato a cercare di pareggiare la rete di Sanchez al 4', trovandola al 76' con Diego Costa. Solo 3' dopo, il Chelsea ha incassato il 2-1 da Ramsey, lasciato libero di battere di testa in area in mezzo a tre avversari.

21:01Calcio: Inter, Gabigol non convocato

(ANSA) - MILANO, 27 MAG - Mano dura dell' Inter con Joao Mario e Gabigol, che non sono stati convocati per l'ultima partita di campionato contro l'Udinese a San Siro. I due giocatori nerazzurri sono stati esclusi per aver abbandonato la panchina all'Olimpico durante la sfida contro la Lazio di domenica scorsa. Dopo la multa e gli allenamenti a parte rispetto al resto della squadra, la società, insieme a Stefano Vecchi, ha deciso di non convocarli per l'ultima partita. Assenti, loro invece per infortunio, anche Murillo, Miranda, Ansaldi e Icardi.

20:37Calcio: serie A, la Juve vince 2-1 a Bologna

(ANSA) - ROMA, 27 MAG Con un gol al 94' del 17enne Kean la Juventus vince 2-1 a Bologna l'anticipo della 38/a e ultima giornata di serie A chiudendo così il campionato a 91 punti. I padroni di casa erano andati in vantaggio al 52' con Taider, aveva pareggiato Dybala al 70'. Nell'altro anticipo del sabato l'Atalanta supera il Chievo per 1-0 (Gomez al 52') e si porta momentaneamente al quarto posto con 72 punti scavalcando la Lazio, impegnata domani sera a Crotone.

20:33Calcio: Cagliari, contro Milan addio a campionato e a S.Elia

(ANSA) - CAGLIARI, 27 MAG - Addio al campionato e al Sant'Elia. Contro il Milan il Cagliari chiude i conti con stagione e campo. E da lunedì pensa al futuro: si parte dallo smontaggio delle tribune da trasferire nello stadio provvisorio. Ma saranno giorni decisivi soprattutto per le scelte sul direttore sportivo dopo i saluti di Capozucca e sull'allenatore. Rastelli sì, Rastelli no? Il mister pensa per ora solo alla partita di domani: "Domani deve essere una festa - ha detto - dentro e fuori dal campo: questi ragazzi hanno ottenuto un risultato importante: gireranno ancora tra i campi più importanti della A. Questa squadra merita un grande applauso". Il 6 a 2 con il Sassuolo? "Già alle spalle - ha precisato - ora pensiamo al Milan. Non mi aspettavo quella prestazione, alla fine ero molto deluso". Dopo il triplice fischio finale ci sarà un giro di campo di giocatori e staff. E poi? "Fra lunedì e martedì - ha ribadito - mi incontrerò col presidente e il direttore sportivo per vedere se ci sono le condizioni per andare avanti". "Il mio bilancio? Ho dato tutto. Mi sento migliore di quando sono partito, mi auguro di poter andare avanti con questo progetto. Le mie sensazioni sono positive", ha sottolineato Rastelli. Chi confermerebbe di questo gruppo? Risposta del mister: "Tutti". Per la partita di domani dovrà fare a meno probabilmente di Rafael e Salamon. Al posto del portiere (sono infortunati Colombo e Gabriel) potrebbe esordire in serie A Crosta, cresciuto nelle giovanili del Milan. In panchina c'è il 2000 Daga. In bilico anche Salamon e il Cagliari si ritroverebbe praticamente con un solo centrale visto che Alves è squalificato. Problemi anche a destra perché anche Isla è stato fermato dal giudice sportivo: Rastelli per la fascia ha convocato i ragazzini Mastino e Oliveira. In attacco non c'è Sau (anche lui squalificato) ma l'ex Borriello si è ripreso e sarà in campo dal primo minuto. (ANSA).

20:32Terzo Valico: migliaia in corteo per tutela acqua e salute

(ANSA) - ALESSANDRIA, 27 MAG - Oltre duemila persone per gli organizzatori, più di un migliaio per le forze dell'ordine, arrivati anche dal Genovese e dalla ValSusa, hanno marciato in corteo, per circa 3 ore, ad Alessandria contro la discarica di Sezzadio, le cave per lo smarino e il Terzo Valico. In piazza anche un serpentone di una quarantina di trattori. La manifestazione, organizzata dai Comitati di base e Agricoltori della Valle Bormida, Sezzadio Ambiente, Vivere a Predosa, NoTav, ha visto la partecipazione di una ventina di sindaci dei Comuni firmatari della Convenzione per la tutela delle risorse idriche del territorio. Tra loro Enrico Silvio Bertero, sindaco di Acqui Terme. Prossimo appuntamento dei manifestanti l'8 luglio a Sezzadio per il concerto degli 'Assalti Frontali', vincitori della prima edizione del Premio Vivaio Eternot, assegnato dal Comune di Casale per aver affrontato il tema dell'amianto nella canzone 'Asbesto'. (ANSA).

Archivio Ultima ora