Prime mosse in Piazza Affari su “rischio referendum”

Pubblicato il 17 agosto 2016 da ansa

Prime mosse in Piazza Affari su "rischio referendum"

Prime mosse in Piazza Affari su “rischio referendum”

MILANO. – Piazza Affari scopre il rischio referendum prima ancora di archiviare l’effetto Brexit, con il Ftse Mib ancora sotto quota 17mila punti, tra scambi al lumicino (1,6 miliardi di euro di controvalore contro una media di oltre 2 miliardi) e un calo dal inizio anno di oltre il 22,8%, a fronte del -11% di Madrid e del -10% di Atene.

Gli investitori affrontano una riflessione politica, partendo da uno studio di Blooomberg, che ha osservato la dinamica dei cosiddetti indici ‘della paura’, gli indici Ftse Mib Implied Volatility (IVI) a 30, 60 e 90 giorni.

Si è accesa una spia rossa, anche se sono ben al di sotto dei massimi dello scorso 11 febbraio, giornata di forte tensione in Europa (Francoforte -2,8%, Parigi -4% e Milano -5%) con il primo terremoto per le banche (Intesa e Unicredit sotto del 6,8 e del 7% ed Mps del 9,8%).

Ai massimi dal 2013 si è portato il divario tra l’indice Ftse Mib Ivi 30, che guarda avanti di circa un mese, e l’analogo indice che copre un arco temporale di 3 mesi. Se a inizio anno la volatilità a 30 giorni era superiore di oltre 8 punti, oggi quella a 90 giorni è sopra di 3,5 punti, come a dire che prima si sperava che con il tempo le cose si sistemassero, oggi invece non è più così.

Secondo gli analisti di Citigroup (in un report di luglio) il referendum costituzionale italiano è il “principale rischio per la politica europea al di fuori della Gran Bretagna”. Il gestore di Old Mutual Kevin Lilley ha ridotto la propria esposizione su Piazza Affari spiegando che “l’Italia è stata così tanto venduta nell’ultimo anno a causa dell’incertezza politica”.

Non concorda un collega di una primaria casa d’investimento milanese, che sottolinea il parallelismo tra indice Ftse Mib e indice Euro Stoxx da inizio anno. “Su Milano – sottolinea – ha pesato il referendum sulla Brexit per il 20% e la crisi della banche per il 60/80%, inoltre è presto parlare ora di referendum senza ancora saperne la data” ricordando che in quel caso le turbolenze si sono evidenziate un mese prima del referendum ed erano legate alla dinamica dei sondaggi.

Una sintesi tra i due la fa l’ex capo economista e direttore generale per i titoli di stato del Mef Lorenzo Codogno, oggi a capo della LC Macro Advisors nonché docente alla London School of Economics. Sulle performance di Borsa da inizio anno ha pesato “più probabilmente la debolezza dell’economia e il peso rilevante dei bancari” mentre è “credibile che lo spread di volatilità sia legato all’evento referendario” in quanto “c’è incertezza sulla stabilità politica nel caso di esito negativo”.

“Forse – spiega – Renzi non si dimetterebbe, ma sarebbe comunque una situazione molto complicata, con un governo molto indebolito che va verso le elezioni del 2017”. “Con il problema delle banche sullo sfondo, l’economia che non cresce e il rapporto debito/Pil sopra il 133% – conclude – è ovvio che gli investitori internazionali siano preoccupati”.

(di Paolo Verdura/ANSA)

Ultima ora

13:04Alfano a Mosca, noi con Ue per libertà di manifestare

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - "Nel pieno rispetto della sovranità russa e delle sue leggi, non posso che riconoscermi nella posizione espressa dall'Ue e ribadire la nostra fede nei principi di libera manifestazione del pensiero regolato dalle convenzioni internazionali". Così il ministro degli Esteri italiano Angelino Alfano in conferenza stampa con l'omologo russo a proposito degli arresti effettuati ieri in Russia durante le manifestazioni.

13:02Russia: Cremlino, le manifestazioni una provocazione

(ANSA) - MOSCA, 27 MAR - Il Cremlino accusa gli organizzatori delle manifestazioni di ieri in Russia di "provocazioni". "Quello che abbiamo visto ieri in diversi posti, ma soprattutto a Mosca - ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov, citato da Ria Novosti - è una provocazione e una menzogna perché coloro che in modo molto raffinato e con un linguaggio aulico hanno spiegato che l'azione era autorizzata e che non violava in alcun modo la legge dicevano un'assoluta bugia".

12:48Fondi Cnr per vasca idromassaggio, fermato funzionario

(ANSA) - NAPOLI, 27 MAR - C'era davvero di tutto negli acquisti che Vittorio Gargiulo, già segretario amministrativo dell'Istituto Ambiente Marino Costiero del Cnr, avrebbe addebitato alle casse dell'istituto: dagli undicimila euro per lavori di ristrutturazione nella propria abitazione, con tanto di vasca idromassaggio, al mezzo milione di euro usato per acquistare materiale informatico che in gran parte sarebbe stato rivenduto a terzi. L'uomo è stato fermato stamane, in esecuzione di un decreto emesso dalla procura di Napoli: in una nota, il procuratore aggiunto Alfonso D'Avino spiega che secondo gli elementi raccolti dagli investigatori Gargiulo, già al corrente delle indagini a suo carico, si stava preparando a lasciare il territorio italiano. E' accusato di peculato e concussione.

12:43Bulgaria: vincono i conservatori, ma governo non facile

(di Atanas Tsenov) (ANSA) - SOFIA, 27 MAR - In Bulgaria il partito conservatore Gerb dell'ex premier Boyko Borissov ha vinto le elezioni politiche anticipate con il 33,55% dei voti, secondo i dati dello spoglio giunto al 94,33% delle schede elettorali. Si e' trattato del primo appuntamento elettorale a livello nazionale in un Paese Ue dopo la firma, sabato, della Dichiarazione di Roma in occasione delle celebrazioni nella capitale italiana per il 60mo anniversario della sigla dei Trattati. Al secondo posto nelle politiche di Bulgaria il Partito socialista di Kornelia Ninova, con poco più del 27,02% dei voti, con un recupero di consensi dopo il minimo storico del 16% alle elezioni anticipate del 2014. Sia i conservatori sia i socialisti sono su posizioni fondamentalmente europeiste, con la differenza che i socialisti si mostrano più morbidi con Mosca e auspicano l'abolizione delle sanzioni contro la Russia. Sono inoltre schierati contro l'accordo Ceta tra l'Ue il Canada.

12:42Famiglia posta video su Youtube, latitante arrestato

(ANSA) - ASTI, 27 MAR - Video a feste di compleanno o in giro per il quartiere londinese di Wembley, caricati dai familiari su YouTube, Snapchat, Facebook, hanno incastrato Valentin Jiuan, romeno di 35 anni, latitante. Condannato in contumacia a 14 anni per l'omicidio volontario di un connazionale, commesso assieme a due complici nel 2010 ad Asti, era ricercato dal 2013. Le indagini on line dalla Squadra mobile lo hanno scoperto a Londra dove si era rifugiato tre anni fa. Per il delitto di Miros Floris Georghe, romeno di 34 anni, ammazzato con un pestaggio a colpi di spranghe e mazze di ferro, è stato già condannato anche Vasile Bostan, connazionale di 35 anni, che si trova in carcere ad Alessandria mentre un terzo complice è ancora ricercato all'estero. Jiuan, "che si era integrato nella comunità romena londinese - ha spiegato il comandante della Mobile, Loris Petrillo in conferenza stampa - è stato estradato in Italia e ora si trova al carcere di Rebibbia dove deve scontare la condanna, confermata anche in Cassazione".(ANSA).

12:21Genero Trump contro burocrazia governo

(ANSA) - WASHINGTON, 27 MAR - Nuovo ufficio alla Casa Bianca e nuovo incarico per il genero del presidente Trump. Secondo i media americani il presidente annuncerà oggi la nascita di American Innovation, un settore che si occuperà di snellire e rendere più efficiente la burocrazia federale grazie a soluzioni prese dal mondo delle aziende. "Il governo dovrebbe essere gestito come una grande azienda americana", ha detto al Washington Post Kushner che nel suo nuovo ruolo riferirà direttamente al presidente. Il genero di Trump vede il nuovo settore come un 'team di teste di cuoio', una fabbrica di idee aggressiva e non ideologica, scrive il Wp, capace di attirare talenti dall'interno e dall'esterno del governo per comunicare con il mondo degli affari, delle associazioni filantropiche e con le comunità accademiche.

12:19Turchia: legami Gulen, Galatasaray caccia stella Hakan Sukur

(ANSAmed) - ISTANBUL, 27 MAR - Il comitato esecutivo della società calcistica del Galatasaray ha decretato l'espulsione dalla lista dei suoi iscritti degli ex giocatori del club e della nazionale turca Hakan Sukur e Arif Erdem, ricercati dalla giustizia di Ankara con l'accusa di far parte della presunta rete golpista di Fethullah Gulen. La decisione è giunta in una riunione d'emergenza convocata ieri sera, dopo i decisi attacchi giunti dal governo per il 'salvataggio' dei due ex calciatori nella riunione di sabato dei membri dell'assemblea del club, che avevano invece cacciato diversi altri sospetti 'gulenisti'.

Archivio Ultima ora