Prime mosse in Piazza Affari su “rischio referendum”

Pubblicato il 17 agosto 2016 da ansa

Prime mosse in Piazza Affari su "rischio referendum"

Prime mosse in Piazza Affari su “rischio referendum”

MILANO. – Piazza Affari scopre il rischio referendum prima ancora di archiviare l’effetto Brexit, con il Ftse Mib ancora sotto quota 17mila punti, tra scambi al lumicino (1,6 miliardi di euro di controvalore contro una media di oltre 2 miliardi) e un calo dal inizio anno di oltre il 22,8%, a fronte del -11% di Madrid e del -10% di Atene.

Gli investitori affrontano una riflessione politica, partendo da uno studio di Blooomberg, che ha osservato la dinamica dei cosiddetti indici ‘della paura’, gli indici Ftse Mib Implied Volatility (IVI) a 30, 60 e 90 giorni.

Si è accesa una spia rossa, anche se sono ben al di sotto dei massimi dello scorso 11 febbraio, giornata di forte tensione in Europa (Francoforte -2,8%, Parigi -4% e Milano -5%) con il primo terremoto per le banche (Intesa e Unicredit sotto del 6,8 e del 7% ed Mps del 9,8%).

Ai massimi dal 2013 si è portato il divario tra l’indice Ftse Mib Ivi 30, che guarda avanti di circa un mese, e l’analogo indice che copre un arco temporale di 3 mesi. Se a inizio anno la volatilità a 30 giorni era superiore di oltre 8 punti, oggi quella a 90 giorni è sopra di 3,5 punti, come a dire che prima si sperava che con il tempo le cose si sistemassero, oggi invece non è più così.

Secondo gli analisti di Citigroup (in un report di luglio) il referendum costituzionale italiano è il “principale rischio per la politica europea al di fuori della Gran Bretagna”. Il gestore di Old Mutual Kevin Lilley ha ridotto la propria esposizione su Piazza Affari spiegando che “l’Italia è stata così tanto venduta nell’ultimo anno a causa dell’incertezza politica”.

Non concorda un collega di una primaria casa d’investimento milanese, che sottolinea il parallelismo tra indice Ftse Mib e indice Euro Stoxx da inizio anno. “Su Milano – sottolinea – ha pesato il referendum sulla Brexit per il 20% e la crisi della banche per il 60/80%, inoltre è presto parlare ora di referendum senza ancora saperne la data” ricordando che in quel caso le turbolenze si sono evidenziate un mese prima del referendum ed erano legate alla dinamica dei sondaggi.

Una sintesi tra i due la fa l’ex capo economista e direttore generale per i titoli di stato del Mef Lorenzo Codogno, oggi a capo della LC Macro Advisors nonché docente alla London School of Economics. Sulle performance di Borsa da inizio anno ha pesato “più probabilmente la debolezza dell’economia e il peso rilevante dei bancari” mentre è “credibile che lo spread di volatilità sia legato all’evento referendario” in quanto “c’è incertezza sulla stabilità politica nel caso di esito negativo”.

“Forse – spiega – Renzi non si dimetterebbe, ma sarebbe comunque una situazione molto complicata, con un governo molto indebolito che va verso le elezioni del 2017”. “Con il problema delle banche sullo sfondo, l’economia che non cresce e il rapporto debito/Pil sopra il 133% – conclude – è ovvio che gli investitori internazionali siano preoccupati”.

(di Paolo Verdura/ANSA)

Ultima ora

09:18Gerusalemme: media, morto palestinese ferito lunedì

(ANSAmed) - TEL AVIV, 28 LUG - In un ospedale di Ramallah (Cisgiordania) e' deceduto la scorsa notte il 26/enne Mohammad Kanaan che era stato ferito alla testa lunedi' a Hizme (Gerusalemme) durante scontri con la polizia israeliana. Con la sua morte sale a cinque il bilancio dei dimostranti palestinesi rimasti uccisi da venerdi' scorso nelle manifestazioni di protesta contro le misure di sicurezza israeliane nella Spianata delle Moschee. La notizia, riferita dalla agenzia di stampa palestinese Maan, non ha per ora conferma da parte israeliana.

09:06Usa: Trump, ‘lasciamo implodere l’Obamacare’

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - "Tre repubblicani e 48 democratici hanno deluso il popolo americano. Come ho detto fin dall'inizio, si lasci che l'Obamacare imploda, poi si intervenga. Guardate!". E' il tweet del presidente degli Stati Uniti Donald Trump in reazione alla bocciatura in Senato del testo sulla revoca parziale della riforma della sanità voluta da Obama.

08:42Usa: il Senato boccia il testo ‘smilzo’ per revoca Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - Il voto contrario di tre senatori repubblicani, tra i quali John McCain, ha determinato la bocciatura al Senato del disegno di legge cosiddetto 'smilzo' per una revoca parziale dell'Obamacare, affossando cosi' il tentativo estremo dei repubblicani di 'revocare e sostituire' la riforma della sanità voluta da Barack Obama.

08:02Nissan-Renault-Mitsubishi leader mondiale auto

(ANSA) - TOKYO, 28 LUG - Il gruppo Nissan-Renault-Mitsubishi è il nuovo leader mondiale dell'auto. Nel primo semestre dell'anno, infatti, le vendite hanno superato quelle del gruppo Volkswagen. Secondo le ultime rilevazioni pubblicate dalla costruttore nipponico, da gennaio a giugno le immatricolazioni hanno raggiunto 5,27 milioni a livello globale, in crescita del 7%. Le vendite della Volkswagen, dal canto suo, si sono assestate a 5,16 milioni di autovetture, con un rialzo dello 0,7%. Il costruttore giapponese Nissan - alleato di Renault dal 1999 - ha rilevato il 34% della Mitsubishi lo scorso ottobre, dando vita a un gruppo in grado di produrre 10 milioni di autoveicoli all'anno. L'accelerazione del fatturato si è concentrata prevalentemente in Cina, il primo mercato mondiale dell'auto.

06:48Giappone, ministra della Difesa Inada rassegna dimissioni

(ANSA) - TOKYO, 28 LUG - La ministra della Difesa giapponese Tomomi Inada ha presentato la lettera di dimissioni al premier Shinzo Abe, a seguito di un'accesa campagna mediatica condotta negli ultimi mesi dall'opposizione, che accusa la ministra di aver disposto l'insabbiamento di informazioni relative alla missione delle Forze di Autodifesa nel Sud Sudan. Abe ha accettato le dimissioni, che giungono pochi giorni prima del rimpasto di governo in cui la ministra sarebbe stata con ogni probabilità sostituita, e a poche ore dall'annuncio dell'inchiesta della commissione interna per fare luce sulla vicenda.

06:36Sale la tensione in Venezuela, altri 3 giovani morti

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Cresce la tensione in Venezuela in seguito allo sciopero nazionale di 48 ore convocato dall'opposizione contro la riforma costituzionale promossa da Nicolas Maduro. Oggi altri tre giovanissimi, uno di 16, un altro di 28 e un altro ancora di 20 anni, sono morti durante le manifestazioni. Gli Stati Uniti hanno ordinato ai familiari dei diplomatici americani che vivono a Caracas di lasciare la capitale prima della prossima consultazione elettorale.

06:34Usa, Senato approva nuove sanzioni verso Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - Il Senato Usa ha approvato a larghissima maggioranza - 98 voti favorevoli e 2 contrari - un provvedimento legislativo che dà il via libera a nuove sanzioni verso Russia, Iran e Corea del Nord e che include anche limiti al potere del presidente Donald Trump di alleggerire o interrompere misure verso il governo di Mosca. Portando quindi di fatto il pacchetto, dopo l'approvazione avvenuta già alla Camera, sul tavolo del presidente di cui è necessaria la firma. La Casa Bianca ha segnalato aperture a riguardo ma non ha ancora esplicitato l'impegno del presidente alla firma.

Archivio Ultima ora