Prime mosse in Piazza Affari su “rischio referendum”

Pubblicato il 17 agosto 2016 da ansa

Prime mosse in Piazza Affari su "rischio referendum"

Prime mosse in Piazza Affari su “rischio referendum”

MILANO. – Piazza Affari scopre il rischio referendum prima ancora di archiviare l’effetto Brexit, con il Ftse Mib ancora sotto quota 17mila punti, tra scambi al lumicino (1,6 miliardi di euro di controvalore contro una media di oltre 2 miliardi) e un calo dal inizio anno di oltre il 22,8%, a fronte del -11% di Madrid e del -10% di Atene.

Gli investitori affrontano una riflessione politica, partendo da uno studio di Blooomberg, che ha osservato la dinamica dei cosiddetti indici ‘della paura’, gli indici Ftse Mib Implied Volatility (IVI) a 30, 60 e 90 giorni.

Si è accesa una spia rossa, anche se sono ben al di sotto dei massimi dello scorso 11 febbraio, giornata di forte tensione in Europa (Francoforte -2,8%, Parigi -4% e Milano -5%) con il primo terremoto per le banche (Intesa e Unicredit sotto del 6,8 e del 7% ed Mps del 9,8%).

Ai massimi dal 2013 si è portato il divario tra l’indice Ftse Mib Ivi 30, che guarda avanti di circa un mese, e l’analogo indice che copre un arco temporale di 3 mesi. Se a inizio anno la volatilità a 30 giorni era superiore di oltre 8 punti, oggi quella a 90 giorni è sopra di 3,5 punti, come a dire che prima si sperava che con il tempo le cose si sistemassero, oggi invece non è più così.

Secondo gli analisti di Citigroup (in un report di luglio) il referendum costituzionale italiano è il “principale rischio per la politica europea al di fuori della Gran Bretagna”. Il gestore di Old Mutual Kevin Lilley ha ridotto la propria esposizione su Piazza Affari spiegando che “l’Italia è stata così tanto venduta nell’ultimo anno a causa dell’incertezza politica”.

Non concorda un collega di una primaria casa d’investimento milanese, che sottolinea il parallelismo tra indice Ftse Mib e indice Euro Stoxx da inizio anno. “Su Milano – sottolinea – ha pesato il referendum sulla Brexit per il 20% e la crisi della banche per il 60/80%, inoltre è presto parlare ora di referendum senza ancora saperne la data” ricordando che in quel caso le turbolenze si sono evidenziate un mese prima del referendum ed erano legate alla dinamica dei sondaggi.

Una sintesi tra i due la fa l’ex capo economista e direttore generale per i titoli di stato del Mef Lorenzo Codogno, oggi a capo della LC Macro Advisors nonché docente alla London School of Economics. Sulle performance di Borsa da inizio anno ha pesato “più probabilmente la debolezza dell’economia e il peso rilevante dei bancari” mentre è “credibile che lo spread di volatilità sia legato all’evento referendario” in quanto “c’è incertezza sulla stabilità politica nel caso di esito negativo”.

“Forse – spiega – Renzi non si dimetterebbe, ma sarebbe comunque una situazione molto complicata, con un governo molto indebolito che va verso le elezioni del 2017”. “Con il problema delle banche sullo sfondo, l’economia che non cresce e il rapporto debito/Pil sopra il 133% – conclude – è ovvio che gli investitori internazionali siano preoccupati”.

(di Paolo Verdura/ANSA)

Ultima ora

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

23:35Champions: tutto facile per Bayern e Psg

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Questi gli altri risultati della terza giornata di Champions League: Gruppo A - Cska Mosca-Basilea 0-2 (Xhaka, Oberlin) e Benfica-Manchester United 0-1 (Rashford). Gruppo B - Anderlecht-Psg 0-4 (Mbappè, Cavani, Neymar, Di Maria) e Bayern-Celtic 3-0 (Muller, Kimmich, Hummels).

23:21Champions: Roma pareggia e Juventus vince

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Chelsea-Roma 3-3 e Juventus-Sporting Lisbona 2-1 nella 3/a giornata di Champions. Partita spettacolare a Londra: Chelsea in vantaggio con David Luiz al 11' che lascia partire un destro dal limite dell'area che batte Alisson. Al 37' il raddoppio dei Blues: Bruno Peres perde un pallone a centrocampo, Morata si invola, il suo cross viene deviato da Fazio e diventa un assist per Hazard che non ha difficoltà a insaccare. Dopo 2' la Roma accorcia con Kolarov. Nel secondo tempo il sorpasso romanista grazie a una doppietta di Dzeko, prima con un tiro al volo (64') poi con un colpo di testa (70'). Un colpo di testa di Hazard al 75' riporta il match in parità. Chelsea primo nel gruppo C con 7 punti, Roma 2/a a 5. A Torino la Juve parte male con un autogol di Alex Sandro al 12' pareggiato da una punizione di Pjanic al 29'. Decide il match un colpo di testa di Mandzukic all'84' su assist di Douglas Costa, appena entrato in campo. Barcellona (3-1 all'Olympiacos) guida il gruppo D con 9 punti, Juve 2/a a 6.

23:00Nomina Zooprofilattico Teramo, governatore Abruzzo indagato

(ANSA) - L'AQUILA, 18 OTT - La Procura della Repubblica dell'Aquila sta indagando sull'iter e la scelta della nomina di Mauro Mattioli alla direzione generale dell'Istituto Zooprofilattico di Teramo, vicenda che vede tra gli indagati il governatore abruzzese, Luciano D'Alfonso. Secondo l'accusa sui requisiti in possesso dell'ex rettore dell'Università di Teramo non ci sarebbe stata univocità di giudizio nei passaggi burocratici e di merito che hanno portato alla nomina. Si tratta di un'inchiesta che si compone di due fascicoli innescati da due denunce, una delle quali presentata dal rappresentante del ministero della Salute. Il primo, secondo quanto si è appreso, è avviato verso l' archiviazione, nel secondo, che il procuratore capo, Renzo, deve assegnare ad un altro pm, ci sono otto indagati con la ipotesi di reato di abuso d'ufficio e falso. "Non vedo l'ora di poter parlare in qualche sede di quel fascicolo", ha detto D'Alfonso.

Archivio Ultima ora