Maria Elena Giusti: la sirena per due volte olimpionica con Venezuela

Pubblicato il 18 agosto 2016 da redazione

La sirena Giusti per due volte olimpionica

La sirena Giusti per due volte olimpionica

CARACAS – Pochi atleti hanno lasciato il segno in Venezuela come Maria Elena Giusti. L’italo-venezuelana dopo aver assaporato la gloria di partecipare ai giochi olimpici è diventata un simbolo di perseveranza e una sorta di patrimonio nazionale, diventando un modello da seguire. L’atleta nata a Maracaibo 13 novembre del 1968 ha rappresentato il Venezuela nelle edizioni di Seul 1988 e Barcellona 1992, nei giochi disputati in Spagna é stata anche la porta bandiera.

La Giusti prima di immergersi nello sport che l’avrebbe resa famosa ha alternato il suo tempo libero tra la ginnastica e la danza mentre frequentava le elementari: “A scuola c’erano sport come la pallavolo e la pallacanestro, ma a me interessava la danza e la ginnastica, qui potevo tirare fuori tutto il mio potenziale” confessò in una occasione la Giusti in una intervista rilasciata per il libro Protagónicas.

Il suo dolce movimento di braccia e di gambe le ha permesso di essere presente a due edizioni dei giochi. Nella prima partecipazione (Seul ’88) ha ottenuto un tredicesimo posto, grazie ai suoi 169.333 punti. Superandosi poi quattro anni dopo a Barcellona con un nono posto (178.813 punti).

María Elena era rimasta incantata da questo affascinante sport all’età di 13 anni, dopo averlo visto nei Juegos Panamericanos del 1983 che si svolsero a Caracas e le Olimpiadi di Los Angeles nel 1984. Racconta in una intervista: “Un giorno mi sono resa conto che amavo stare nell’acqua e presi la difficile decisione di andare negli Usa per prepararmi meglio”.

Ha iniziato a praticarlo nella scuola Bella Vista insieme al suo coach Paco Guitierrez: “Con lui c’era una relazione strana. Io ricordo che come atleta avevo una relazione amore-odio con il mio allenatore. Quando ero in vasca detestavo quella partnership, però c’erano volte quando eravamo piú rilassati, mi era anche simpatico e potevo parlare con lui”.

Quando ancora frequentava il liceo, la sirena italo-venezuelana si appese al collo una prestigiosa medaglia: l’oro nei Juegos Centro Americanos y del Caribe. La Giusti, ha studiato presso l’Universitá di Ohio: qui ha vinto il titolo della NCAA nelle stagioni 1989, 1990 e 1991.

Nel 1989 vinse il Buckeyes Most Outstanding Swimmer nella categoria Big Ten All-Academic honors.

L’italo-venezuelana ha rappresentato il suo paese in ogni angolo del mondo: Italia, Germania, Australia, Argentina (Bronzo ai Panamericani a Mar del Plata nel 1991), Svizzera; Cuba (Argento ai Panamericani all’Avana nel 1995) e Russia.

La sua performance nei giochi olimpici é stata la seguente: a Seoul nel 1988 a soli 19 anni chiuse la sua partecipazione in 13 posizione, mentre quattro anni dopo é stata nona.

Questo biglietto da visita gli ha spalancato senza problema le porte della ‘Hall of fame’ del nuoto venezuelano ed ha avuto la fortuna e l’onore di portare la fiaccola olimpica nei giochi che si sono svolti nel 1996 ad Atlanta. “Penso che quello sia stato il momento piú emotivo della mia carriera, quello é stato una sorta di premio che mi ha dato il paese”.

Fioravante De Simone

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora