Migranti: sindaco Capalbio ad Alfano, sicurezza no garantita

(ANSA) – GROSSETO, 18 AGO – “La Prefettura di Grosseto ha determinato che il contingente per i Comuni della Provincia è fissato per popolazione abitante e che per i comuni con popolazione tra i 3.000 e 5.000 abitanti tale contingente è pari a 50”. Inizia così la lettera che Luigi Bellumori, sindaco di Capalbio (Grosseto), ha scritto in queste ore al ministro dell’Interno, Angelino Alfano, dopo il no all’accoglienza di 50 migranti in un resort a 5 Stelle frequentato da vip, soprattutto della sinistra. Secondo Bellumori “si tratterebbe di un notevole numero di persone (50) concentrate ghettizzate e non accolte all’interno di tre villette con la funzione di case vacanza, senza alcuna prospettiva di lavoro. La sicurezza non potrà certo essere garantita dal corpo della Polizia Municipale del Comune che conta un’unità a tempo indeterminato e due unità a tempo determinato (vigili estivi)”. Ma un gruppo di cittadini di Capalbio ha scritto una lettera con l’invito ad accoglierli.

Condividi: