Tensioni Usa-Turchia, giallo sulle armi nucleari americane

Pubblicato il 18 agosto 2016 da ansa

Tensioni Usa-Turchia, giallo sulle armi nucleari americane

Tensioni Usa-Turchia, giallo sulle armi nucleari americane

WASHINGTON – E’ giallo sulle armi nucleari Usa in Turchia: secondo il sito d’informazione europeo EurActiv, che cita due diverse fonti “indipendenti”, gli Stati Uniti starebbero trasferendo le venti testate stazionate nella base di Incirlik a quella più sicura di Deveselu in Romania.

Motivo: il peggioramento delle relazioni tra i due Paesi e la mancanza di fiducia reciproca dopo il fallito colpo di stato del 15 luglio, con il sospetto di Ankara di un qualche coinvolgimento americano e le accuse del presidente turco Recep Tayyip Erdogan contro l’ex imam Fethullah Gulen (in auto esilio negli Stati Uniti), di cui è tornato a chiedere l’estradizione.

Una mossa, quella americana, che sarebbe legata anche al clima di instabilità del Paese, dove prosegue la repressione post golpe (oggi sono stati congelati i beni di 187 manager turchi, 60 dei quali arrestati, tutti sospettati di essere collegati a Gulen) ma pure all’ondata di attentati contro la polizia preannunciati dal Pkk, come i tre che oggi hanno causato la morte di almeno 14 persone e il ferimento di oltre 220 con due autobombe contro caserme e un ordigno esplosivo fatto saltare lungo una strada.

Finora però non c’è stato alcun commento da parte americana, mentre il ministero degli Esteri romeno ha negato le indiscrezioni con un comunicato stampa. La base aerea di Incirlik, strategica per la lotta all’Isis, si trova appena 100 chilometri dal confine con la Siria ed è diventata terreno di contrattazione e scontro da parte Erdogan, disposto a concederla in futuro solo a patto che venga estradato Gulen.

La base ha subito gli effetti del post-golpe: l’ex comandante Bekir Ercan Van è stato arrestato per il suo presunto coinvolgimento nel colpo di stato, mentre nelle ore successive ai fatti del 15 luglio le autorità turche hanno tagliato la fornitura di energia elettrica della base e proibito il decollo agli aerei statunitensi.

Negli ultimi due anni Washington ha fatto nuovi investimenti per garantire la sicurezza delle testate, protette da soldati americani, rinchiuse in camere blindate e utilizzabili attraverso codici in possesso solo degli Usa. Ma oltreoceano qualcuno teme che possano cadere nelle mani sbagliate in caso di guerra civile. Senza contare il rischio più remoto, ossia che finiscano proprio nelle mani dei terroristi.

Il dibattito sulla base di Incirlik tiene banco anche sui media turchi, soprattutto quelli più conservatori e filo governativi. Ieri Ibrahim Karagul, direttore del quotidiano islamico Yeni Safak, ha scritto che la gestione delle armi nucleari all’interno della base Nato dovrebbe essere affidata ad Ankara che, in alternativa, se ne dovrebbe appropriare.

La loro possibile nuova destinazione, la base romena di Deveselu, dove è attivo dallo scorso maggio il sistema antimissile Usa Aegis Ashore, avrebbe già irritato Mosca, con cui peraltro Erdogan ha ricominciato a flirtare grazie all’opportunistica riapertura di Putin.

Ma ritirare le armi nucleari dalla Turchia significherebbe azzerare i rapporti fra gli Usa e quello che una volta era uno dei loro alleati più strategici e fidati, rischiando di consegnare Ankara nelle mani del Cremlino.

n questo clima di tensione arriva la visita del vicepresidente Usa, Joe Biden, che sarà ad Ankara il 24 agosto. Si tratta del primo incontro ufficiale tra i due Paesi dopo il fallito golpe e le insistenti richieste di estradizione di Gulen, per la quale però gli Usa chiedono prove concrete.

(Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora