Pubblica Amministrazione: una montagna di debiti, 65 miliardi da dare ai fornitori

Pubblicato il 18 agosto 2016 da ansa

P.A: montagna di debiti, 65 miliardi da dare i fornitori

P.A: montagna di debiti, 65 miliardi da dare i fornitori

VENEZIA – Le amministrazioni pubbliche hanno un debito con i propri fornitori di 65 miliardi di euro e le fatture vengono saldate dopo 131 giorni contro i 45 della media Ue. La Cgia di Mestre torna a denunciare la questione rilevando che l’Italia, seppure con un leggero miglioramento rispetto al 2015 (144 giorni), è al primo posto in Europa nella ‘classifica’ dei tempi d’attesa dei pagamenti della Pa alle imprese, seguita da Grecia (115) e Spagna (98); in Francia 58 giorni e nel Regno Unito 30. La Germania chiude con 15 giorni.

– Anche se a nostro avviso il dato è sottodimensionato – rileva il coordinatore dell’Ufficio Studi della Cgia Paolo Zabeo – dall’ultima stima della Banca d’Italia emerge che i mancati pagamenti della Pa ammontano a 65 miliardi: 34 a causa dei ritardi di pagamento e gli altri 31 sono di natura fisiologica. Ovvero legati ai tempi di pagamento contrattuali che, secondo la Direttiva europea, non possono superare i 30-60 giorni dall’emissione della fattura.

Per l’associazione artigiani, il problema è proprio quest’ultimo punto: “secondo Intrum Justitia, che monitora annualmente i ritardi di pagamento delle Pa d’Europa, l’Italia rimane fanalino di coda nella graduatoria dei paesi Ue con un tempo medio di pagamento registrato quest’anno di 131 giorni. Un arco temporale più che doppio rispetto al limite fissato da Bruxelles”.

A confermare le difficoltà in cui versano le imprese che lavorano per la Pa, per la Cgia, il fatto che la Commissione Ue non ha ancora “ritirato” la procedura d’infrazione avviata nel giugno del 2014 contro l’Italia a seguito della non corretta applicazione della direttiva Ue. La Pa, infatti, è stata accusata di saldare i conti con grave ritardo e non come previsto dalle regole Ue entro i 30-60 giorni dall’emissione della fattura.

– Non vorremmo – dice poi Zabeo – che per rinnovare il contratto dei dipendenti pubblici, per ritoccare le pensioni e per far quadrare i conti pubblici dopo la frenata del Pil si decidesse, tra le altre cose, di ritardare ulteriormente i pagamenti della Pa. Una prassi, quest’ultima, che fino a qualche anno fa ha consentito a molti esecutivi di recuperare ingenti somme di liquidità, gettando però sul lastrico moltissime imprese.

– In Europa – rileva il segretario Cgia Renato Mason – nessuna altra Pubblica amministrazione si comporta peggio della nostra. In Francia i fornitori vengono pagati mediamente dopo 58 giorni, nel Regno Unito dopo 30 e in Germania dopo 15 giorni. La media dei 27 paesi Ue, invece, è di 45 giorni.

La Cgia ricorda, infine, che “la cattiva abitudine di pagare in ritardo i propri fornitori non riguarda solo la Pa, ma anche i committenti nei rapporti commerciali tra le imprese private. Sempre secondo Intrum Justitia, nel 2016, le imprese italiane saldano i propri subfornitori mediamente dopo 80 giorni (peggior risultato in Ue), anche se questo lasso di tempo è comunque al di sotto dei canonici 90 giorni. Nulla comunque a che vedere con quanto succede in Francia (48 giorni), nel Regno Unito (29) e in Germania (15). La media Ue, invece, è di 36 giorni: meno della metà che da noi”.

Ultima ora

19:09Maltempo: bomba d’acqua e grandinate nel veneziano

(ANSA) - VENEZIA, 25 LUG - E' la provincia di Venezia l'area del Veneto che nel pomeriggio è stata maggiormente interessata da una nuova ondata di maltempo. Una autentica bomba d'acqua, accompagnata da una fitta grandinata, ha costretto a numerosi interventi a Mira, Jesolo e Dolo le squadre dei vigili del fuoco. Molta paura nel capoluogo lagunare dove il cielo si è improvvisamente oscurato, lasciando poi spazio ad una fitta pioggia.

19:07Golf: a Losanna europei femminili individuali

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Al via sul percorso del Golf Club di a Losanna l'International European Ladies Amateur Championship (26-29/7) ossia il Campionato Europeo individuale femminile, dove l'Italia schiera un team di undici ragazze che appare molto solido e competitivo. In campo le Girls Letizia Bagnoli, Caterina Don, Alessandra Fanali, Alessia Nobilio ed Emilie Alba Paltrinieri e le Ladies Carlotta Ricolfi. Roberta Liti, Clara Manzalini, Angelica Moresco, Bianca Maria Fabrizio e Virginia Elena Carta. A parte quest'ultima, impegnata alle stesse date nell'US Womens Open, 3/o major femminile, tutte le altre hanno preso parte agli europei a squadre dove le due formazioni azzurre femminili hanno conquistato entrambe la medaglia d'argento. Peraltro anche la sesta componente della compagine Ladies, Tasa Torbica, parteciperà all'evento a titolo personale. Il torneo si disputa su 72 buche, 18 al giorno. Dopo 54 il taglio lascerà in gara per l'ultimo giro le prime 60 concorrenti classificate e le pari merito al 60/o posto.

19:03Incendi: notte da incubo in Gallura,”potevamo perdere tutto”

(ANSA) - SANTA TERESA GALLURA, 25 LUG - "Mi hanno detto che hanno visto lanciare una palla di fuoco, poi le fiamme sono divampate: subito ho dato l'allarme". E' ancora sotto choc Gianpaolo Ziliddu, il titolare del Gianpaolo's bar di Porto Pozzo, a Santa Teresa di Gallura, che per primo ieri notte ha chiamato le forze dell'ordine quando il rogo si stava pericolosamente avvicinando a un residence, a un hotel e a un complesso di abitazioni. Tutte poi evacuate. "E' iniziato tutto intorno all'1.50 - racconta Zilidu all'ANSA - io ero appena rientrato dal bar e mi figlia mi ha detto di guardare fuori: l'incendio si stata già propagando. Hanno preso fuoco le sterpaglie proprio vicino al condominio in cui si trova il nostro locale. Il rogo è stato appiccato da qualcuno, dicono aver visto una specie di palla di fuoco lanciata sulle sterpaglie. Ho subito chiamato i soccorsi e avvertito le persone che si trovavano in casa". Non solo dal bar si sono adoperati per arginare le fiamme. "Abbiamo praticamente allagato il locale aiutati dai vicini - racconta ancora Zilidu - riempiendo poi i secchi d'acqua li abbiamo lanciati all'esterno nel tentativo di non fare avvicinare il rogo". Una notte da incubo quella trascorsa a Porto Pozzo. "C'è stato un momento - confessa il titolare del bar - in cui pensavamo avesse preso fuoco un intero appartamento all'ultimo piano, abbiamo visto una fiammata in un balcone, probabilmente una scintilla ha incendiato uno stendi biancheria". I vigili del fuoco, la Protezione civile e il corpo forestale hanno lavorato fino all'alba per domare le fiamme. "Sicuramente chi ha appiccato il fuoco voleva fare danni, fare del male - dice convinto Zilidu - è stato un momento terribile, abbiamo avuto paura di perdere tutto". Tensione anche all'hotel Frassetto, che si trova poco distante dal Gianpaolo's. "Le fiamme erano ben visibili - raccontano - fortunatamente dietro la struttura c'è un grosso parcheggio e il fuoco non si è avvicinato". Molti ospiti dell'albergo hanno filmato e fotografato tutte le fasi dell'incendio e le operazioni di spegnimento.(ANSA).

19:01Truffa blindati: Pm chiede collegarla a morte del capitano

(ANSA) - BOLOGNA, 25 LUG - Correlare la truffa militare contestata a cinque ufficiali dell'Esercito con la morte del capitano Marco Callegaro, trovato cadavere esattamente sette anni fa a Kabul, il 25 luglio 2010. E' questa la richiesta di modifica dell'imputazione fatta nell'ultima udienza a Roma, il 17 luglio, dalla Procura militare con il pm Antonella Masala secondo cui si tratta di "fatti collegati in modo diretto e inequivoco". Il processo è su una truffa riguardante la blindatura, più leggera (e quindi meno cara) di quella pattuita, dei veicoli civili destinati ai generali del contingente militare italiano in Afghanistan e ai 'vip' in visita. Ora, secondo quanto chiesto dal procuratore militare Marco De Paolis e dal Pm Masala, il processo dovrà accertare anche le circostanze qualificate come 'morte per suicidio' del capitano, che viveva a Bologna e che era capo cellula amministrativa presso Italfor Kabul. La prossima udienza è fissata il 18 ottobre.(ANSA).

19:00Libia: Macron, oggi grandi progressi verso pace

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - "Credo che oggi il processo di pace in Libia abbia fatto grandi progressi". Lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron al termine dell'incontro a Parigi tra il presidente del Consiglio presidenziale di Tripoli Fayez Sarraj e il comandante dell'Esercito nazionale libico Khalifa Haftar. "Oggi la causa della pace in Libia ha fatto un grande progresso. Voglio ringraziarvi per gli sforzi fatti", ha aggiunto annunciando che Sarraj e Haftar hanno adottato la dichiarazione congiunta sull'avvenire del Paese. "Oggi la pace può vincere", ha aggiunto, parlando di "impegno storico".

18:53Incendi: fiamme minacciano due resort nel sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Un altro vasto incendio è divampato questo pomeriggio in Sardegna, nella zona di Castiadas, sulla costa sud orientale vicino a Villasimius. Le fiamme, alimentate dal forte vento, si stanno avvicinando pericolosamente ai due resort turistici, Santagiusta e Villas. Sul posto stanno già operando le squadre dei vigili del fuoco, la Protezione civile e il Corpo forestale, in attesa dell'arrivo dei mezzi aerei. Nella zona interessata dall'incendio vi sono anche le pattuglie dei carabinieri della Compagnia di San Vito. Si sta valutando se evacuare le strutture alberghiere e le abitazioni. (ANSA).

18:48Scherma: Mondiali, oro Italia nella sciabola donne

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - L'Italia della sciabola femminile ha vinto la medaglia d'oro a squadre ai Mondiali di scherma in corso a Lipsia (Germania). Il quartetto azzurro (Irene Vecchi, Rossella Gregorio, Loreta Gulotta e Martina Criscio) ha battuto in finale la Corea del Sud con il punteggio di 45-27. E' la terza medaglia d'oro per l'Italia nel torneo iridato (8 medaglie complessive) che si chiuderà domani.

Archivio Ultima ora