Tarek William Saab: “Venezuela no obtuvo de facto la presidencia del Mercosur”

Pubblicato il 18 agosto 2016 da redazione

Tarek William Saab: “Venezuela no obtuvo ‘de facto’ la presidencia del Mercosur”

Tarek William Saab: “Venezuela no obtuvo ‘de facto’ la presidencia del Mercosur”

CARACAS- Tarek William Saab, defensor del pueblo, aseveró que Venezuela no tomó la presidencia del Mercosur “de facto”, sino con la legalidad y orden establecidos en los reglamentos. Aseguró además que no se ha decretado una crisis humanitaria en el país.

– Venezuela no obtuvo de facto la presidencia del Mercosur, sino que Uruguay entregó la presencia al país que le tocaba por orden alfabético, según el reglamento. – explicó Saab.
Añadió:
-En Venezuela no se ha decretado la crisis humanitaria (…) esto sin obviar que tenemos una circunstancia crítica económica

Reconoció que el Estado pasa por una situación económica irregular, pero que el gobierno está trabajando en ello.

– Quiero aclarar que no deja de plantearse que en Venezuela existe una circunstancia de emergencia económica, decretado por el propio Ejecutivo, y se están tomando medidas, – expresó para añadir, haciendo referencia a las declaraciones de Ban Ki-moo sin nombrarlo, que “la crisis humanitaria no puede ser declarada por un individuo”.

Por otra parte, se refirió a la próxima movilización del 1º septiembre convocada por la Mesa de la Unidad Democrática para exigir la activación del referendo revocatorio. Exhortò a que se haga respetando las libertades públicas y dentro de los parámetros de constitución.

– La Defensoría del Pueblo – anunció Saab, -por medio de la delegación del área Metropolitana de Caracas, tiene preparado todo un dispositivo de seguridad en cada lugar donde esta marcha va a transcurrir. Nuestros funcionarios estarán pendientes en conjunto con los organizadores de la movilización para que no surjan novedades y se garanticen los Derechos Humanos.

Dairys Berrio

Ultima ora

21:03Calcio: Zaccheroni negli Emirati, mi chiedono i risultati

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Il presidente e la Federazione mi hanno chiesto di ottenere dei risultati e io farò il possibile, anzi l'impossibile, per centrare questi obiettivi. La Coppa d'Asia verrà organizzata qui, negli Emirati arabi, e noi dovremo assolutamente essere i protagonisti di questa competizione fra due anni. Può rappresentare un trampolino di lancio per successive competizioni che affronteremo". Così Alberto Zaccheroni nella conferenza stampa di presentazione, a Dubai, da nuovo ct della Nazionale. Gli emiri hanno scelto 'Zac' dopo avere incassato l'eliminazione dalla fase finale dei Mondiali 2018 e avere sollevato dall'incarico di ct l'argentino Edgardo Bauza. Zaccheroni ha già vinto la Coppa d'Asia alla guida del Giappone, nel 2011. Sull'account Twitter della Federcalcio di Abu Dhabi c'è un messaggio dedicato al tecnico italiano, che recita: "Benvenuto Capitano". Anche l'ambasciata italiana degli Emirati ha voluto accogliere il tecnico: "Benvenuto Zaccheroni, ti auguriamo il meglio in questo meraviglioso Paese".

20:51Corruzione Sardegna: scarcerato imprenditore ai domiciliari

(ANSA) - CAGLIARI, 17 OTT - Il Gip del Tribunale di Cagliari, Giuseppe Pintori, ha revocato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Salvatore 'Tore' Pinna, finito ai domiciliari nell'ambito dell'inchiesta su una presunta mazzetta per un appalto dell'Enas, l'Ente acque della Sardegna. Pinna, difeso dall'avvocato Leonardo Filippi e già coinvolto nello scandalo Sindacopoli, era stato iscritto nel registro degli indagati quando i pm Emanuele Secci e Gaetano Porcu avevano iniziato a indagare sulla tangente che sarebbe stata pagata per la realizzazione di un impianto di energia rinnovabile da 9 milioni e mezzo di euro a Ottana (Nuoro). Ieri il Tribunale del Riesame di Cagliari aveva scarcerato Gianni Lolli e Luigi Betti, finiti agli arresti domiciliari a Modena e Forlì nella stessa inchiesta. Entro il 21 ottobre, invece, si conoscerà il pronunciamento del Riesame sul ricorso presentato dagli avvocati dell'ex calciatore Renato Copparoni e dell'allora presidente dell'Enas, Davide Galantuomo, già sindaco di Quartu Sant'Elena. Secondo le difese non ci sarebbero né i gravi indizi di colpevolezza né le esigenze di custodia invocati nell'ordinanza in quanto i fatti contestati, spiegano, sono lontani nel tempo. Galantuomo è accusato di aver incassato una tangente di circa 90 mila euro, prima tranche di una mazzetta complessiva di 135mila euro per l'appalto da 9,5 milioni. Copparoni, invece, è indicato dalla Procura come il mediatore dell'affare, mentre i due indagati tornati ieri in libertà facevano parte delle società investirci che avevano proposto il progetto. Tore Pinna, assiemne a Copparoni, avrebbe svolto una funzione di mediazione, ricevendo la promessa di ottenere una parte dei soldi pagati - dice la Procura - da Betti e Lolli. (ANSA).

20:31Continua esodo Rohingya in Bangladesh

(ANSA)- DACCA, 17 OTT - Molte migliaia di rifugiati musulmani rohingya in fuga dallo Stato birmano di Rakhine sono giunti durante il fine settimana nei campi di accoglienza di Cox's Bazar, nel sud del Bangladesh, dove la situazione sanitaria diventa di giorno in giorno più allarmanete. I media di Dacca, dopo aver ricordato che dal 24 agosto scorso oltre 500.000 rifugiati hanno abbandonato la Birmania trasferendosi sul suolo bengalese, hanno segnalato oggi che nelle ultime settimane il flusso si era progressivamente ridotto, ma che fra sabato e domenica le agenzie umanitarie hanno confermato che circa 20.000 rohingya sono giunti via mare o attraversando il fiume Naf a Cox's Bazar. Infine il quotidiano Dhaka Tribune scrive che da agosto vi sono stati almeno 28 naufragi di barconi con a bordo rifugiati rohingya che hanno causato la morte di quasi 200 persone, quasi tutte donne e bambini.

20:26Turchia: bomba contro polizia, 18 feriti

(ANSA) - ISTANBUL, 17 OTT - È salito a 18 feriti, di cui 17 agenti, il bilancio dell'esplosione di un ordigno esploso questo pomeriggio al passaggio di un bus della polizia turca a Mersin, nel sud del Paese. Lo ha reso noto il vicepremier e portavoce del governo di Ankara, Bekir Bozdag, secondo cui "gli indizi mostrano che si è trattato di un attacco terroristico". Le autorità non si sbilanciano ancora sulla matrice dell'attentato. Come avviene regolarmente in casi analoghi, le autorità locali hanno imposto una censura sulla pubblicazione di notizie e immagini che riguarda anche i social media.

20:22Sardegna: Giunta vara finanziaria 2018-2020 da 7,7 miliardi

(ANSA) - CAGLIARI, 17 OTT - La Giunta regionale della Sardegna, su proposta dell'assessore del Bilancio Raffaele Paci, ha approvato la Finanziaria 2018-2020. La legge prevede un aumento delle entrate tributarie di 120 milioni fino a 6 miliardi e 276mila euro: alla fine sarà una manovra da 7 miliardi e 724mila euro, il 2% in più rispetto allo scorso anno. "Abbiamo approvato la legge in Giunta più di due mesi prima rispetto allo scorso anno e puntiamo ad evitare il ricorso all'esercizio provvisorio", ha spiegato Paci. Dei quasi otto miliardi, 40 milioni di euro saranno a disposizione del Consiglio regionale. Una novità?. "Stiamo fortemente rinnovando tutti i mezzi della Protezione civile, del Corpo forestale e di Forestas, una grande operazione di acquisto di mezzi in leasing". Altri dettagli saranno comunicati nel corso di una conferenza stampa ancora da programmare.

20:19Ucraina: manifestanti montano tende in zona Parlamento

(ANSA) - MOSCA, 17 OTT - I manifestanti hanno montato delle tende nella zona del Parlamento ucraino e invitano a portar loro cibo e indumenti pesanti perché possano continuare a lungo la loro protesta. Lo riferiscono i media locali. Secondo l'agenzia Unian, avrebbero montato 11 grandi tende in via Grushevski, sei grandi tende e 25 più piccole a Parco Mariinski e 11 in piazza Costituzione. "Penso che sia una buona idea per noi tutti rimanere qui finché non esaudiscono le nostre richieste", ha affermato l'ex presidente georgiano Mikheil Saakashvili.

20:17Corea Nord: Usa agli alleati, ‘prepariamoci al peggio’

(ANSA) - NEW YORK, 17 OTT - Gli Stati Uniti "non escludono la possibilita' di negoziati diretti con la Corea del Nord, ma con i loro alleati Giappone e Corea del Sud devono prepararsi al peggio se la diplomazia dovesse fallire": lo ha detto il vicesegretario di stato americano, John Sullivan durante la sua visita a Tokyo.

Archivio Ultima ora