Maria Elefante: Le figlie della fortuna

Pubblicato il 19 agosto 2016 da redazione

Romanzo - Graus Editore - info@grauseditore.it  (Roma-Napoli, 2015)

Romanzo – Graus Editore – info@grauseditore.it (Roma-Napoli, 2015)

Maria Elefante, docente di filologia classica presso l’Università degli Studi “Federico II” di Napoli è già alla seconda opera narrativa pubblicata. Dopo La pastiera della passione, pubblicata dall’Editore Marcus nel 2014, è uscito nei primi giorni di marzo di quest’anno (2015) presso Graus (Napoli, Roma), il suo secondo racconto: più ampio e meglio articolato nell’intreccio. Le figlie della fortuna.

Si tratta della sua seconda prova di scrittura creativa, di quelle che hanno visto la luce; e con molta probabilità, considerati i tempi con cui produce i suoi racconti, altri ne verranno fuori quanto prima.

Le figlie della fortuna

“Sorgeva dal mare il paese della Fortuna … ”

L’inizio della narrazione attraverso l’utilizzo del verbo all’imperfetto, tempo del “passato”, tempo “oculare”, tempo dell’azione “durativa”, ci mostra un avvenimento (sorgeva) e un paesaggio (…dal mare, il paese…) già connotato della sua “fertilità” felice (della Fortuna).

Con questo incipit, magnificamente cadenzato, si vede affiorare dalla notte dei tempi, e si delinea alla nostra visione, e si staglia infine come nella nebbia del mattino, il paesaggio orientale, il nuovo orizzonte. Mentre il lettore si lascia attrarre dalla indeterminata lontananza del mito.

Così noi, esseri razionali carichi del voluminoso bagaglio culturale e scientifico accumulato nei millenni, ancora ingenui tuttavia, ostentiamo la presunzione di aver colto l’atto creativo, il fiat originario, il big-bang della materia primordiale, incontaminata e indifferente, come poteva essere all’inizio della creazione, prima che il vivente ne acquistasse consapevolezza.

È questa la vera dimensione spaziotemporale del racconto di Maria Elefante, la irrealtà: categoria narrativa, prima ancora che forma a priori della conoscenza alla scuola della “ragion pura” di kantiana memoria.
Almeno fino al 3° capitolo del romanzo.

È la stessa atmosfera fantastica del racconto biblico della Genesi, in attesa che “la conoscenza del bene e del male”, la colpa antica, desse l’avvio alla storia “storia”. E così, proprio come nei testi di storia sacra, anche qui, in questa pagina di letteratura, il tempo e lo spazio rinsaldano in maniera emblematica il vissuto della contemporaneità, offrendoci la rappresentazione dell’eterno presente; nel quale gli esseri umani si dibattono, si scontrano, si confrontano, e si legano tra di loro in relazioni civili nel breve corso della loro vita, “generando la storia fattuale e prammatica” nel corso della quale l’umanità fonda nuovi riti, in cui si cela il germe di quelli che saranno col tempo anche i nuovi miti, indispensabili miti.

Maria Elefante con il Prof. Luigi Casale

Maria Elefante con il Prof. Luigi Casale

“C’era un pozzo d’acqua … il pozzo della Fortuna”.

Dal secondo capoverso la narrazione diventa, apparentemente, fiabesca e perciò fortemente simbolica (il mare, l’acqua, il fuoco: la vita) secondo la mistica dell’acqua lustrale e del fuoco purificatore. Genesi e palingenesi. Creazione, colpa, condanna, e redenzione. Rinuncia all’Eden e conseguente purificazione battesimale. Secondo lo schema della rappresentazione delle età primordiali, immaginate a posteriori.

Da questi archetipi prende avvio la favola, che alla citazione dei primi due personaggi del racconto, Nanuzza e Ninnélla (la vecchia e la giovane) si raccorda con la storia contemporanea: l’ultimo secolo della nostra epoca, in cui si svolgono i fatti raccontati. Come se la pace e la felicità nella contrada dove s’immagina ambientato il racconto, si fossero corrotti solo negli ultimi cento anni, dopo aver abbandonato l’incontaminata atmosfera fiabesca, durata millenni.

La originale inventiva della finzione narrativa non sminuisce però il valore del nutrito patrimonio di conoscenza storica, né la sensibilità sociologica o l’impegno politico che muovono la scrittrice a creare un racconto dalla trama surreale, ricco di magia, come tutte le fiabe. E allora, improvvisamente, dopo le prime pagine si definisce senza esitazione l’ambito spaziotemporale delle vicende umane, insieme all’intento moraleggiante da cui scaturisce la denuncia del degrado morale della comunità locale insieme al dissesto ambientale del territorio.

Il “romanzo breve” di Maria Elefante non si pone, perciò, il problema della verosimiglianza, che passa in second’ordine di fronte alla necessità della denuncia sociale e morale, pur essendo la fiction – o la fabula che dir si voglia – direttamente attinta ai recenti trascorsi di quella comunità. Una narrazione fatta con la grazia che nasce dal piacere di creare storie che ci coinvolgono.

Peppe, Fortuna, Lione, i primi veri personaggi “reali”, danno inizio alle vicende del racconto: una storia di famiglia, di eredità, e – se possiamo dirlo – di rapido arricchimento, in ottemperanza ad una consegna trasmessa insieme all’asse ereditario, consegna che nasconde in sé fatti misteriosi. Essi, secondo la tecnica narrativa, costituiscono l’antefatto. Dove la storia personale e di famiglia va ad innestarsi, incontrandosi poi con la vicenda emblematica di un altro personaggio, Tommaso Santillo, che rappresenta l’altra faccia del mistero.

Da questo punto le due direttrici narrative scorrono sul binario della storia sociale, politica, ed economica del Novecento italiano, come può essersi sviluppata in Campania – perché tutte i richiami, espliciti ed impliciti, nonché le allusioni, rimandano a questa Regione – e tracciano le coordinate dell’azione scenica; in altre parole ne definiscono il piano semantico, i cui punti cardini sono storia, cultura, modi di vivere, credenze e tradizioni.

Tommaso Santillo, Leone, e Peppino; Fortuna, Concetta, e Fortunata; sono i personaggi in primo piano, con forte predominanza di carattere morale da parte delle donne, fatto salvo, tra gli uomini, il prof. Santillo, che nell’azione scenica ha un ruolo marginale e una presenza limitata e solo occasionale nella vicenda, mentre è più rimarcata nella economia del racconto la sua funzionalità simbolica di deus ex machina.
Il resto del racconto è una storia paradigmatica che intende riprodurre vicende già note dei nostri giorni, cronaca quotidiana.

Sembrerebbe così che non restino vie d’uscita ai gravi problemi di degrado sociale e strutturale, che denotano lo storico ritardo di cultura e di civiltà, nonostante l’impegno esemplare e la testimonianza fino al martirio dei cittadini più attenti, più sensibili, più moralmente sani; e dei tanti gruppi d’opinione che si formano nella scuola, tra la gioventù studentesca.

Ma come in tutte le favole ci deve pur essere una morale in questo racconto.

Personalmente mi verrebbe di chiudere questa recensione col detto tanto caro a mia madre: “Chi è causa del suo mal, pianga se stesso”.

Luigi Casale

Ultima ora

14:24Papa: cristiani superino la mentalità che condanna sempre

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 20 GEN - Vincere la mentalità egoista dei dottori della legge che sempre condanna. E' stato il monito di papa Francesco nella messa mattutina di oggi a Casa Santa Marta. Prendendo spunto dalla Prima Lettura, il Papa ha sottolineato che la nuova alleanza che fa Dio con noi in Gesù Cristo ci rinnova il cuore e ci cambia la mentalità. Francesco - riferisce Radio Vaticana - ha fatto l'esempio di un'opera alla quale un architetto può guardare in modo freddo, con invidia oppure con un atteggiamento di gioia e "benevolenza": "La nuova alleanza ci cambia il cuore e ci fa vedere la legge del Signore con questo nuovo cuore, con questa nuova mente", ha detto. "Pensiamo ai dottori della legge che perseguitavano Gesù. Questi facevano tutto, tutto quello che era prescritto dalla legge, avevano il diritto in mano, tutto, tutto, tutto. Ma la loro mentalità era una mentalità lontana da Dio. Era una mentalità egoista, centrata su loro stessi: il loro cuore era un cuore che condannava, sempre condannando".

14:22Calcio: Massa arbitro di Juve-Lazio, a Rocchi Milan-Napoli

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Sarà Davide Massa di Imperia l'arbitro di Juventus-Lazio, anticipo dell'ora di pranzo del secondo turno di ritorno del campionato di Serie A, in programma domenica. E' stata affidata invece a Gianluca Rocchi di Firenze la direzione di Milan-Napoli, altro anticipo in programma domani sera. Marco Guida di Torre Annunziata sarà l'arbitro di Roma-Cagliari, domenica sera, mentre a Massimiliano Irrati di Pistoia è stata affidata Palermo-Inter.

14:17Schiaffeggiò Valls, si incontreranno

(ANSA) - PARIGI, 20 GEN - Manuel Valls incontrerà Nolan L., il diciottenne che due giorni fa, durante una visita elettorale a Lambelle, in Bretagna, nel nord-ovest della Francia, gli ha dato uno schiaffo. Lo ha annunciato lui stesso alla tv BFM, specificando che è stato il ragazzo a richiederlo e che lo farà dopo le primarie in cui è impegnato. "Senza mai scusare, voglio tentare di capire come un ragazzo può finire in questa forma di violenza. Quando, nel nome dell'ideologia - in questo caso l'estrema destra identitaria bretone - si colpisce qualcuno che rappresenta l'autorità, è perché si vuole attaccare l'autorità". Valls ha sporto denuncia: Nolan è stato condannato a 3 mesi di prigione con la condizionale e a 105 ore di lavori di interesse generale. Dovrà anche versare un euro simbolico per danni e interessi, come richiesto da Valls.

14:17Rigopiano: esperto,improbabile sisma sia stato causa valanga

(ANSA) - AOSTA, 20 GEN - "E' molto improbabile che a provocare il fenomeno valanghivo sia stato il terremoto. A differenza delle frane, le valanghe hanno infatti un innesco immediato e le scosse sono avvenute prima della caduta della massa nevosa". Lo ha detto all'ANSA Valerio Segor, dirigente del Servizio di Assetto idrogeologico dei bacini montani della Regione Valle d'Aosta e uno dei massimi esperti sull'arco alpino. "Non e' comunque normale costruire un Resort allo sbocco inconoide di un canalone, anche se vanno fatte valutazioni complessive. Ci vorrebbe uno studio per capire quanto quell'area sia potenzialmente pericolosa". "In certe zone a rischio - ha aggiunto - occorre fare valutazioni su eventuali misure come opere paravalanghe, ma occorre considerare anche provvedimenti gestionali delle strutture come l'evacuazione e la chiusura, per i quali sono insorti problemi legati all'emergenza".

14:16Moto: Ducati svela la Desmosedici 2017,riflettori su Lorenzo

(ANSA) - BOLOGNA, 20 JAN - Una gestione diversa della rigidità del telaio per un ingresso più veloce in curva e il lavoro sul 'primo tocco di gas', in aggiunta alle modifiche invisibili a motore ed elettronica. Ma sono soprattutto la bandiera spagnola e il numero 99 sulla carena i segni distintivi della Ducati Desmosedici 2017, la nuova creatura della casa di Borgo Panigale che affronterà il prossimo MotoGp. Il numero è quello di Jorge Lorenzo, il cinque volte campione del mondo che quest'anno difenderà i colori della 'Rossa' assieme al confermato Andrea Dovizioso. La creatura della Ducati è stata svelata ufficialmente nell'Auditorium della casa bolognese, in diretta streaming. "Siamo pronti per una sfida superiore, il compito è quello di riportare il Mondiale in Italia", dice l'ad Ducati Corse Claudio Domenicali che ha voluto anche dedicare un pensiero alle vittime del terremoto del Centro Italia. "Abbiamo preso Lorenzo, via tutte le scuse, questa dev'essere la mentalità giusta", ha aggiunto il dg Ducati Corse Gigi Dall'Igna. (ANSA).

14:08Presidente Umbria segue situazione Hotel Rigopiano

(ANSA) - PERUGIA, 20 GEN - La presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini è in costante contatto con le autorità e i soccorritori impegnati per la slavina che ha travolto l'Hotel Rigopiano in seguito alla quale è disperso anche il ternano Alessandro Riccetti. Al momento però sulla situazione non si sono appresi ulteriori particolari. "Seguiamo con attenzione il lavoro professionale e complesso dei soccorritori all'hotel Rigopiano" ha scritto Marini sul suo profilo Facebook. "Apprensione per le persone coinvolte - ha aggiunto -, ospiti e lavoratori dell'albergo. Grande ansia per Alessandro Riccetti, giovane ternano addetto alla reception del resort. Alla mamma Antonella ed ai fratelli di Alessandro voglio trasmettere l'affetto e la vicinanza insieme alla speranza di tutta la nostra gente, dell'Umbria tutta".

13:58Siria: vicepremier turco, accettare accordo con Assad

(ANSAmed) - ROMA, 20 GEN - Anche se la colpa del conflitto in Siria è "di Assad", la Turchia deve essere "realistica", accettando che "i fatti sul terreno sono cambiati drasticamente", e quindi "non può più insistere su un accordo senza Assad". Lo ha detto il vicepremier turco Mehmet Simsek, intervenendo al World Economic Forum di Davos, in Svizzera. Ankara, ha aggiunto, nutre "forti speranze" sui colloqui sul futuro della Siria, previsti dalla prossima settimana ad Astana, sotto gli auspici di Turchia, Russia e Iran.

Archivio Ultima ora