Maria Elefante: Le figlie della fortuna

Pubblicato il 19 agosto 2016 da redazione

Romanzo - Graus Editore - info@grauseditore.it  (Roma-Napoli, 2015)

Romanzo – Graus Editore – info@grauseditore.it (Roma-Napoli, 2015)

Maria Elefante, docente di filologia classica presso l’Università degli Studi “Federico II” di Napoli è già alla seconda opera narrativa pubblicata. Dopo La pastiera della passione, pubblicata dall’Editore Marcus nel 2014, è uscito nei primi giorni di marzo di quest’anno (2015) presso Graus (Napoli, Roma), il suo secondo racconto: più ampio e meglio articolato nell’intreccio. Le figlie della fortuna.

Si tratta della sua seconda prova di scrittura creativa, di quelle che hanno visto la luce; e con molta probabilità, considerati i tempi con cui produce i suoi racconti, altri ne verranno fuori quanto prima.

Le figlie della fortuna

“Sorgeva dal mare il paese della Fortuna … ”

L’inizio della narrazione attraverso l’utilizzo del verbo all’imperfetto, tempo del “passato”, tempo “oculare”, tempo dell’azione “durativa”, ci mostra un avvenimento (sorgeva) e un paesaggio (…dal mare, il paese…) già connotato della sua “fertilità” felice (della Fortuna).

Con questo incipit, magnificamente cadenzato, si vede affiorare dalla notte dei tempi, e si delinea alla nostra visione, e si staglia infine come nella nebbia del mattino, il paesaggio orientale, il nuovo orizzonte. Mentre il lettore si lascia attrarre dalla indeterminata lontananza del mito.

Così noi, esseri razionali carichi del voluminoso bagaglio culturale e scientifico accumulato nei millenni, ancora ingenui tuttavia, ostentiamo la presunzione di aver colto l’atto creativo, il fiat originario, il big-bang della materia primordiale, incontaminata e indifferente, come poteva essere all’inizio della creazione, prima che il vivente ne acquistasse consapevolezza.

È questa la vera dimensione spaziotemporale del racconto di Maria Elefante, la irrealtà: categoria narrativa, prima ancora che forma a priori della conoscenza alla scuola della “ragion pura” di kantiana memoria.
Almeno fino al 3° capitolo del romanzo.

È la stessa atmosfera fantastica del racconto biblico della Genesi, in attesa che “la conoscenza del bene e del male”, la colpa antica, desse l’avvio alla storia “storia”. E così, proprio come nei testi di storia sacra, anche qui, in questa pagina di letteratura, il tempo e lo spazio rinsaldano in maniera emblematica il vissuto della contemporaneità, offrendoci la rappresentazione dell’eterno presente; nel quale gli esseri umani si dibattono, si scontrano, si confrontano, e si legano tra di loro in relazioni civili nel breve corso della loro vita, “generando la storia fattuale e prammatica” nel corso della quale l’umanità fonda nuovi riti, in cui si cela il germe di quelli che saranno col tempo anche i nuovi miti, indispensabili miti.

Maria Elefante con il Prof. Luigi Casale

Maria Elefante con il Prof. Luigi Casale

“C’era un pozzo d’acqua … il pozzo della Fortuna”.

Dal secondo capoverso la narrazione diventa, apparentemente, fiabesca e perciò fortemente simbolica (il mare, l’acqua, il fuoco: la vita) secondo la mistica dell’acqua lustrale e del fuoco purificatore. Genesi e palingenesi. Creazione, colpa, condanna, e redenzione. Rinuncia all’Eden e conseguente purificazione battesimale. Secondo lo schema della rappresentazione delle età primordiali, immaginate a posteriori.

Da questi archetipi prende avvio la favola, che alla citazione dei primi due personaggi del racconto, Nanuzza e Ninnélla (la vecchia e la giovane) si raccorda con la storia contemporanea: l’ultimo secolo della nostra epoca, in cui si svolgono i fatti raccontati. Come se la pace e la felicità nella contrada dove s’immagina ambientato il racconto, si fossero corrotti solo negli ultimi cento anni, dopo aver abbandonato l’incontaminata atmosfera fiabesca, durata millenni.

La originale inventiva della finzione narrativa non sminuisce però il valore del nutrito patrimonio di conoscenza storica, né la sensibilità sociologica o l’impegno politico che muovono la scrittrice a creare un racconto dalla trama surreale, ricco di magia, come tutte le fiabe. E allora, improvvisamente, dopo le prime pagine si definisce senza esitazione l’ambito spaziotemporale delle vicende umane, insieme all’intento moraleggiante da cui scaturisce la denuncia del degrado morale della comunità locale insieme al dissesto ambientale del territorio.

Il “romanzo breve” di Maria Elefante non si pone, perciò, il problema della verosimiglianza, che passa in second’ordine di fronte alla necessità della denuncia sociale e morale, pur essendo la fiction – o la fabula che dir si voglia – direttamente attinta ai recenti trascorsi di quella comunità. Una narrazione fatta con la grazia che nasce dal piacere di creare storie che ci coinvolgono.

Peppe, Fortuna, Lione, i primi veri personaggi “reali”, danno inizio alle vicende del racconto: una storia di famiglia, di eredità, e – se possiamo dirlo – di rapido arricchimento, in ottemperanza ad una consegna trasmessa insieme all’asse ereditario, consegna che nasconde in sé fatti misteriosi. Essi, secondo la tecnica narrativa, costituiscono l’antefatto. Dove la storia personale e di famiglia va ad innestarsi, incontrandosi poi con la vicenda emblematica di un altro personaggio, Tommaso Santillo, che rappresenta l’altra faccia del mistero.

Da questo punto le due direttrici narrative scorrono sul binario della storia sociale, politica, ed economica del Novecento italiano, come può essersi sviluppata in Campania – perché tutte i richiami, espliciti ed impliciti, nonché le allusioni, rimandano a questa Regione – e tracciano le coordinate dell’azione scenica; in altre parole ne definiscono il piano semantico, i cui punti cardini sono storia, cultura, modi di vivere, credenze e tradizioni.

Tommaso Santillo, Leone, e Peppino; Fortuna, Concetta, e Fortunata; sono i personaggi in primo piano, con forte predominanza di carattere morale da parte delle donne, fatto salvo, tra gli uomini, il prof. Santillo, che nell’azione scenica ha un ruolo marginale e una presenza limitata e solo occasionale nella vicenda, mentre è più rimarcata nella economia del racconto la sua funzionalità simbolica di deus ex machina.
Il resto del racconto è una storia paradigmatica che intende riprodurre vicende già note dei nostri giorni, cronaca quotidiana.

Sembrerebbe così che non restino vie d’uscita ai gravi problemi di degrado sociale e strutturale, che denotano lo storico ritardo di cultura e di civiltà, nonostante l’impegno esemplare e la testimonianza fino al martirio dei cittadini più attenti, più sensibili, più moralmente sani; e dei tanti gruppi d’opinione che si formano nella scuola, tra la gioventù studentesca.

Ma come in tutte le favole ci deve pur essere una morale in questo racconto.

Personalmente mi verrebbe di chiudere questa recensione col detto tanto caro a mia madre: “Chi è causa del suo mal, pianga se stesso”.

Luigi Casale

Ultima ora

20:27Campo Progressista: Capelli, impegno Pisapia va avanti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "L'impegno di Campo Progressista, e quindi anche di Giuliano Pisapia, nel progetto politico per un centrosinistra di governo radicalmente innovativo, ampio e inclusivo prosegue". Lo chiarisce il portavoce Cp Alessandro Capelli, smentendo le affermazioni di Bruno Tabacci. "Vogliamo contribuire a cambiare e migliorare questo paese, e non possiamo certo fermarci adesso", conclude Capelli.

20:27Bankitalia: Lotti, nessun timore di frizioni Renzi-Gentiloni

(ANSA) - PRATO, 19 OTT - Il ministro dello Sport Luca Lotti non teme frizioni fra il premier Paolo Gentiloni e il segretario Pd, Matteo Renzi, sulla vicenda Bankitalia. Rispondendo alle domande dei cronisti sul tema, a margine dell'evento del Pd organizzato a Prato, ha detto: "Io credo che si stia parlando molto di questo, si sia discusso tanto, perchè è un argomento complesso. Continueremo a discutere, vedremo in Consiglio dei ministri fra qualche giorno quale decisione verrà presa pero' non ho nessun timore da questo punto di vista".

20:26Berlusconi, io ottimista, Salvini ragionevole

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - "Salvini si pone con irruenza nel fare politica ma quando ci sediamo al tavolo è estremamente aperto e ragionevole e positivo. Questo mi dà l'assoluta sicurezza su come possa funzionare da qui in avanti la coalizione". Lo ha detto il leader di Fi, Silvio Berlusconi conversando con i giornalisti a Bruxelles. "Con la Lega e Meloni - ha aggiunto - abbiamo parlato di un governo con 20 membri, 12 della società civile e solo 8 politici, tre di Forza Italia, tre della Lega e due Fratelli d'Italia".

20:26Bankitalia: Renzi, nessuno scheletro nell’armadio

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Non abbiamo nessuno scheletro nell'armadio. Siamo i primi a essere interessati al fatto che la Commissione sulle banche lavori e faccia chiarezza". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

20:26Bankitalia: Renzi, Commissione ci riserverà sorpresine

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "La vicenda di Banca Etruria andava avanti da anni, non solo negli ultimi mesi. E mi aspetto che la Commissione sulle banche ci riserverà qualche sorpresina". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

19:54Migranti: fonti Ue, pressing Juncker-Tusk per aumento fondi

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - Pressing dei presidenti del Consiglio europeo, Donald Tusk, e della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, affinché gli Stati membri aumentino i finanziamenti destinati alla dimensione esterna della crisi migratoria per gli anni prossimi. Secondo quanto si apprende da fonti Ue, nel primo giro di tavolo del vertice europeo sul tema migrazioni, Tusk ha elogiato l'impegno dell'Italia, con la situazione dei flussi che sta migliorando. "L'Italia ci aiuta, dobbiamo fare altrettanto con l'Italia", ha detto il presidente ribadendo la richiesta per un maggiore impegno di fondi, a cui si è unito anche Juncker.

19:43Brexit: Merkel, progressi insufficienti

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - "Ci sono stati progressi" ma "insufficienti per passare alla seconda fase" dei negoziati sulle relazioni future tra Ue e Gran Bretagna dopo la Brexit. L'obiettivo è "poter avviare la seconda fase a dicembre". Lo ha detto la cancelliera Angela Merkel all'arrivo al vertice Ue, dove la questione è sul tavolo. "Voglio continuare a condurre questi negoziati con uno spirito costruttivo e allo stesso tempo prendendo in considerazione e rispettando il desiderio dei britannici di lasciare l'Ue pur conservando una buona relazione" con noi. Entrando nella sala dei lavori al vertice c'è stata una breve conversazione a tre tra la cancelliera, il presidente francese Emmanuel Macron e la premier britannica Theresa May.

Archivio Ultima ora