Paola Ruggeri, la sirena che é diventata miss

Pubblicato il 19 agosto 2016 da redazione

Paola Ruggeri, la sirena che é diventata miss

Paola Ruggeri, la sirena che é diventata miss

CARACAS – I giochi olimpici ci regalano storie affascinanti in campo e fuori. Una di queste è Paola Ruggeri, la nuotatrice che prima ha rappresentato il Venezuela in vasca e poi lo ha fatto in passerella.

L’italo-venezuelana, nata a Caracas un 14 luglio, ha dato le sue prime bracciate alla tenera etá di 7 anni. Il talento é innato e con il passare degli anni non lascia scampo a nessuno e colleziona medaglie e trofei a suo piacimento. Il binomio piscina-podio erano come casa sua. I suoi successi a livello nazionale le permettono di rappresentare il paese in giro per il mondo.

Nel 1970, quando appena frequentava le elementari nella scuola italo-venezuelana Agostino Codazzi di Caracas, la nuotatrice giá rappresentava il suo paese a livello continentale. Infatti, nel 1970, quando aveva appena 9 anni, partecipó ai Juegos Centroamericanos y del Caribe che si svolgevano a Cuba.

Tre anni dopo, nel 1973, partecipa nei Juegos Suramericanos Infantiles y Juveniles a Rio de Janeiro. In questa edizione dei giochi vince tre medaglie: una livello individuale (bronzo nei 100 dorso) e due ori nella staffetta.
Nel Campeonato Suramericano di nuoto a Medellin, in Colombia, nel 1974 é stata la delegata della sua nazionale. In questi giochi, la sirena italo-venezuelana stabilì due primati regionali nei 100 e nei 200 dorso. Da segnalare che la Ruggeri, appena 14enne sfidava nuotatrici quasi ventenni. Grazie a questa prestazione vinceva il premio ‘Atléta del año’, distinzione che é assegnata ogni anno dal Circulo de Periodistas Deportivos del Venezuela.

La Ruggeri ha poi continuato a macinare metri in vasca fino a realizzare il sogno di una vita: quello di partecipare ai giochi olimpici. La XXI edizione dei giochi olimpici si sono svolti a Montréal in Canada dal 17 luglio al 1º agosto 1976. Qui sarà presente nella prova dei 100 dorso e finisce al 29º posto, nella sua batteria chiude con un tempo di 1:11”14. La Ruggieri prenderà parte delle staffette stile libero e quella mista insieme a Daeyl Perez, Maria Hung e Vania Vasquez: nella prima chiuderanno al 12º posto con un tempo di 4:12”81 e nella seconda al 15º con un crono di 4:43”78.

Parlando dell’esperienza dei cinque cerchi la Ruggieri confessò qualche tempo fa in una intervista: “Eravamo rintanati nel villaggio olímpico. Nella nostra specialitá i nostri giorni trascorrevano tra la piscina ed il villaggio. Quando si partecipa a questo tipo di evento noi atleti sappiamo che non andiamo per fare turismo, ma per partecipare ad una gara. Fino al giorno della gara hai in mente una sola cosa: fare bene nel momento in cui rappresenterai il tuo paese. Per questo motivo non c’é possibilitá di pensare ad altro.”

Oltre alla gara, un altro dei momento clou dell’olimpiade é la ceremonia d’apertura: “Ricordo le ore che hanno preceduto la sfilata, noi indossavamo il nostro tradizionale ‘liqui liqui’ e ci divertivamo tra di noi. Ma l’attesa é he valsa la pena.

Le emozioni che vivi e respiri in quel momento sono indescrivibili. Ricordo aver visto nella tribuna d’onore la Regina Elisabetta II, quel giorno lei indossava un vestito color fucsia. Durante la permanenza nel villaggio olímpico i ricordi che più mi sono rimasti impressi: il momento in cui é stata innalzata la bandiera del Venezuela, il calciatore brasiliano Edhino Nazaret ed infine il concerto del complesso Sangre, sudor y lagrimas.

La nostra delegata, la signora Simons non ci faceva fare un passo senza la sua supervisione, ma ricordo che con Maria ‘la China’ Hung siamo riusciti a scapparcene solo una volta, giusto per comprare qualche snack e qualche regalino”.

Durante i giochi non solo ci sono gare, come in tutti gli eventi sportivi, ma ci sono anche momenti dove nascono nuove amicizie con sportivi di altri paesi. “Si producono scambi di gagliardetti tra gli sportivi, logico quello puoi farlo quando sono giá finiti i giochi. Io l’ho fatto. Una delle cose che ricordo con molto piacere é stata la festa di compleanno che ho avuto nel villaggio olímpico.

Durante i giochi il Comitato Olimpico Internazionale ha organizzato una festa per tutti noi che festeggiavamo il compleanno in quel periodo. Quell’anno io festeggiavo quindici anni, non ho avuto festa a Caracas, ma nel villaggio” ricorda emozionata l’atleta di origine italiana.

La campionessa non solo voleva eccellere a livello sportivo, ma anche a livello provessionale, tant’e vero che ha studiato amministrazione presso l’Universidad Metropolitana. Quando frequentava il nono semestre all’universitá ci fu l’incontro con Irene Sáez e Rita Córdova che la portarono alla Quinta Rosada, la mecca del Miss Venezuela.

Appena fu presentata ad Osmel Sousa la volle nella sua corte e le assegnò la fascia dello stato Portuguesa per l’edizione del 1983. Il 5 maggio del 1983, l’italo-venezuelana si aggiudicò la corona di miss e rappresentó il Venezuela anche nelle diverse passerelle in giro per il mondo. Andó a Miss Suramérica 1983 e mise in bacheca la corona della manifestazione svoltasi in Peruù. Mentre nel Miss Universo chiuse la sua partecipazione tra le migliori dodici.

Di quell’esperienza, la Ruggeri confessa: “Osmel mi disse una frase carina que mi motivò e diede fiducia per partecipare nel concorso: ‘se non ti piace quello che stai vivendo e vedendo, riderai”.

Dopo l’esperienza come atleta e come miss, l’italo-venezuelana decise di viverne una nuova: quella di mamma. Nel 1989 si sposó e due anni dopo diede alla luce la sua bimba di nome Laura.

La Ruggieri si é sempre mantenuta attiva nel mondo del nuoto mettendo in bacheca diverse medaglie e trofei nella categoría master. Questa sua affinitá e tenacia nelle vasche le ha permesso di vincere l’ordine Rafael Vidal, onorificenza conferita dal Ministerio dello sport e dalla Federación Venezolana de Deportes Acuáticos.

La storia di Paola Ruggeri ci dimostra che con perseveranza e forza di volontà si possono realizzare tutti i sogni.

Nell’edizione dei giochi olímpici in Canadá c’é stata la presenza di un’altra atleta di origine italiana: Aura Di Nisio, che entrerà nella storia come la prima venezuelana che partecipa ai giochi nei tuffi (per rivedere una criolla in questo sport bisognerà aspettare Sydney 2000). La Di Nisio partecipò alla prova del trampolino da 3 metri raggranellando 293,04 punti.

Questa edizione resterà famosa perché per la prima volta nella storia delle Olimpiadi, nella ginnastica artística venne assegnato, e per tre volte, un 10.00: i primi due furono ottenuti nelle parallele asimmetriche e nel corpo libero dalla romena Nadia Comaneci, seguiti da quello nel volteggio dalla sovietica Nelli Kim. L’assegnazione del punteggio venne ritardata poiché i tabelloni elettronici erano programmati per visualizzare votazioni fino ad un massimo di 9.99, mentre il 10.00 non era ancora previsto.

Fioravante De Simone

Ultima ora

22:17Turista tedesco cade da scala e muore

(ANSA) - BOLZANO, 19 GEN - Un turista tedesco di 62 anni è morto in Val Badia dopo essere caduto da una scala. L'incidente è avvenuto poco prima delle ore 18 nel rifugio Piz Sorega, a quota 2.000 metri, poco prima che gli impianti sciistici chiudessero. Vano l'intervento dei soccorritori dell'Aiut Alpin che sono giunti sul posto in elicottero. L'uomo è morto per un trauma cranico. Secondo i primi rilievi dei carabinieri, il tedesco sarebbe scivolato sulle scale interne della struttura, in quanto indossava gli scarponi da neve.

21:50Acquisizione Bari Calcio, Procura Bari indaga per estorsione

(ANSA) - BARI, 19 GEN - La Procura di Bari indaga sull'acquisizione della società Fc Bari 1908 da parte dell'attuale presidente Cosmo Antonio Giancaspro. A quanto si apprende l'inchiesta della Guardia di finanza, coordinata dal pm Bruna Manganelli, è stata aperta circa un anno e mezzo fa sulla base di una denuncia dell'ex presidente del Bari Calcio Gianluca Paparesta. Nel fascicolo il pm ipotizza i reati di estorsione contrattuale e usura. I fatti su cui sono in corso gli accertamenti degli inquirenti baresi risalgono al primo semestre del 2016. Al centro dell'indagine ci sarebbero l'ingresso di Giancaspro in società come socio di minoranza, un accordo sottoscritto fra i due soci per il pagamento di debiti pregressi e la successiva ricapitalizzazione della società calcistica da parte di Giancaspro. Paparesta contesta in sostanza le modalità di trasformazione dei crediti di Giancaspro in capitale sociale. La vicenda fu pubblicamente denunciata dallo stesso Paparesta nel novembre 2016 in una conferenza stampa.

21:38Calcio: Sportiello, Fiorentina si gioca posto in E.League

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - "Le prime cinque in classifica fanno un campionato a parte. Noi, come Atalanta, Sampdoria, Torino, Milan e mettiamoci anche il Bologna, ci giochiamo un mini-campionato e abbiamo tutte le carte in regola per vincerlo, però sappiamo che lo dobbiamo dimostrare domenica dopo domenica". Per Marco Sportiello, ai microfoni dell'emittente Italia 7, per la Fiorentina domenica inizia un mini-campionato dove in gioco c'è un posto in Europa League. Alla squadra viola manca "una vittoria importante fuori casa, come può esserla quella del Ferraris. Ci manca uno 'strappo' - ha aggiunto Sportiello - perché è vero che nelle ultime otto partite abbiamo fatto belle prestazioni e abbiamo preso pochi gol, ma abbiamo fatto solo due vittorie e sei pareggi".

21:35Trump cerca di evitare lo ‘shutdown’

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - La Casa Bianca si sta preparando all'eventualità di uno 'shutdown', vale a dire la chiusura delle attività amministrative, nonostante continui i suoi tentativi per scongiurarlo. La Camera americana ha approvato una proroga a breve della legge di bilancio per evitare dalla mezzanotte di oggi (le sei in Italia) lo shutdown. Le prospettive del voto restano però incerte al Senato, dove i repubblicani hanno solo 51 voti dei 60 necessari e i democratici sono sulle barricate perché non è stato raggiunto un accordo né sui cosiddetti 'dreamers' né sul programma che garantisce la copertura sanitaria di nove milioni di bambini. Donald Trump ha telefonato al leader dem al Senato Charles Schumer invitandolo alla Casa Bianca per tentare di raggiungere un accordo per evitare lo shutdown.

21:30Spari in strada: Bitonto,bimbo ringrazia Cc e Ps con disegno

(ANSA) - BITONTO (BARI), 19 GEN - Un gesto di speranza a Bitonto mentre oltre 100 uomini, tra carabinieri e polizia, hanno messo oggi a soqquadro la zona ex 167 in seguito alle sparatorie avvenute il 30 dicembre culminate con l'omicidio di Anna Rosa Tarantino. Proprio mentre i carabinieri recuperavano, dietro ad un muro di cartongesso nel salone dell'abitazione di un uomo, quattro telecamere, due orientate su via Pertini e le altre due su via Spadolini, collegate a uno schermo al plasma da 55 pollici, un bambino si è avvicinato ai militari dell'Arma donando loro un disegno in cui erano ritratte un'auto della polizia e una vettura dei carabinieri. Un gesto fatto in segno di riconoscenza, con tanto di dedica e ringraziamento agli uomini delle forze dell'ordine. 'Grazie polizia e carabinieri che ci aiutate - ha scritto il bimbo - vi ringrazio del vostro lavoro Che Dio vi benedica'.

21:29Cile: storica chiusura progetto minerario per danni ambiente

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - A cinque anni dall'inizio delle indagini, la Sovrintendenza dell'Ambiente del Cile ha emesso una storica risoluzione con la quale ha chiesto la chiusura definitiva del progetto minerario di oro e argento "Pascua-Lama" della canadese Barrick Gold, la più grande società al mondo per l'estrazione dell'oro. Lo riporta Diario Financiero. Nel procedimento sono stati identificati 33 elementi negativi a carico della società, tra i quali il fatto di aver prodotto un danno ambientale irreparabile all'area, situata a sud di Atacama, al confine tra Cile e Argentina. Tra le accuse contro il progetto minerario ci sarebbero lo scarico di acque acide, la distruzione della flora e il parziale monitoraggio ambientale e sociale. In precedenza c'è stato solamente un altro caso nel quale la Sovrintendenza cilena ha chiesto la chiusura definitiva di un progetto minerario, ed era legato al commercio illegale di minerali.

20:44Calcio: Inter-Rafinha e’ fatta, manca solo ufficialita’

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Rafinha sara' un giocatore dell'Inter: il club nerazzurro e il Barcellona hanno raggiunto un accordo per il centrocampista brasiliano che arrivera' a Milano con la formula del prestito con diritto di riscatto a 35 milioni di euro. Per Rafinha si attende solo l'ufficialita'.

Archivio Ultima ora