Paola Ruggeri, la sirena che é diventata miss

Pubblicato il 19 agosto 2016 da redazione

Paola Ruggeri, la sirena che é diventata miss

Paola Ruggeri, la sirena che é diventata miss

CARACAS – I giochi olimpici ci regalano storie affascinanti in campo e fuori. Una di queste è Paola Ruggeri, la nuotatrice che prima ha rappresentato il Venezuela in vasca e poi lo ha fatto in passerella.

L’italo-venezuelana, nata a Caracas un 14 luglio, ha dato le sue prime bracciate alla tenera etá di 7 anni. Il talento é innato e con il passare degli anni non lascia scampo a nessuno e colleziona medaglie e trofei a suo piacimento. Il binomio piscina-podio erano come casa sua. I suoi successi a livello nazionale le permettono di rappresentare il paese in giro per il mondo.

Nel 1970, quando appena frequentava le elementari nella scuola italo-venezuelana Agostino Codazzi di Caracas, la nuotatrice giá rappresentava il suo paese a livello continentale. Infatti, nel 1970, quando aveva appena 9 anni, partecipó ai Juegos Centroamericanos y del Caribe che si svolgevano a Cuba.

Tre anni dopo, nel 1973, partecipa nei Juegos Suramericanos Infantiles y Juveniles a Rio de Janeiro. In questa edizione dei giochi vince tre medaglie: una livello individuale (bronzo nei 100 dorso) e due ori nella staffetta.
Nel Campeonato Suramericano di nuoto a Medellin, in Colombia, nel 1974 é stata la delegata della sua nazionale. In questi giochi, la sirena italo-venezuelana stabilì due primati regionali nei 100 e nei 200 dorso. Da segnalare che la Ruggeri, appena 14enne sfidava nuotatrici quasi ventenni. Grazie a questa prestazione vinceva il premio ‘Atléta del año’, distinzione che é assegnata ogni anno dal Circulo de Periodistas Deportivos del Venezuela.

La Ruggeri ha poi continuato a macinare metri in vasca fino a realizzare il sogno di una vita: quello di partecipare ai giochi olimpici. La XXI edizione dei giochi olimpici si sono svolti a Montréal in Canada dal 17 luglio al 1º agosto 1976. Qui sarà presente nella prova dei 100 dorso e finisce al 29º posto, nella sua batteria chiude con un tempo di 1:11”14. La Ruggieri prenderà parte delle staffette stile libero e quella mista insieme a Daeyl Perez, Maria Hung e Vania Vasquez: nella prima chiuderanno al 12º posto con un tempo di 4:12”81 e nella seconda al 15º con un crono di 4:43”78.

Parlando dell’esperienza dei cinque cerchi la Ruggieri confessò qualche tempo fa in una intervista: “Eravamo rintanati nel villaggio olímpico. Nella nostra specialitá i nostri giorni trascorrevano tra la piscina ed il villaggio. Quando si partecipa a questo tipo di evento noi atleti sappiamo che non andiamo per fare turismo, ma per partecipare ad una gara. Fino al giorno della gara hai in mente una sola cosa: fare bene nel momento in cui rappresenterai il tuo paese. Per questo motivo non c’é possibilitá di pensare ad altro.”

Oltre alla gara, un altro dei momento clou dell’olimpiade é la ceremonia d’apertura: “Ricordo le ore che hanno preceduto la sfilata, noi indossavamo il nostro tradizionale ‘liqui liqui’ e ci divertivamo tra di noi. Ma l’attesa é he valsa la pena.

Le emozioni che vivi e respiri in quel momento sono indescrivibili. Ricordo aver visto nella tribuna d’onore la Regina Elisabetta II, quel giorno lei indossava un vestito color fucsia. Durante la permanenza nel villaggio olímpico i ricordi che più mi sono rimasti impressi: il momento in cui é stata innalzata la bandiera del Venezuela, il calciatore brasiliano Edhino Nazaret ed infine il concerto del complesso Sangre, sudor y lagrimas.

La nostra delegata, la signora Simons non ci faceva fare un passo senza la sua supervisione, ma ricordo che con Maria ‘la China’ Hung siamo riusciti a scapparcene solo una volta, giusto per comprare qualche snack e qualche regalino”.

Durante i giochi non solo ci sono gare, come in tutti gli eventi sportivi, ma ci sono anche momenti dove nascono nuove amicizie con sportivi di altri paesi. “Si producono scambi di gagliardetti tra gli sportivi, logico quello puoi farlo quando sono giá finiti i giochi. Io l’ho fatto. Una delle cose che ricordo con molto piacere é stata la festa di compleanno che ho avuto nel villaggio olímpico.

Durante i giochi il Comitato Olimpico Internazionale ha organizzato una festa per tutti noi che festeggiavamo il compleanno in quel periodo. Quell’anno io festeggiavo quindici anni, non ho avuto festa a Caracas, ma nel villaggio” ricorda emozionata l’atleta di origine italiana.

La campionessa non solo voleva eccellere a livello sportivo, ma anche a livello provessionale, tant’e vero che ha studiato amministrazione presso l’Universidad Metropolitana. Quando frequentava il nono semestre all’universitá ci fu l’incontro con Irene Sáez e Rita Córdova che la portarono alla Quinta Rosada, la mecca del Miss Venezuela.

Appena fu presentata ad Osmel Sousa la volle nella sua corte e le assegnò la fascia dello stato Portuguesa per l’edizione del 1983. Il 5 maggio del 1983, l’italo-venezuelana si aggiudicò la corona di miss e rappresentó il Venezuela anche nelle diverse passerelle in giro per il mondo. Andó a Miss Suramérica 1983 e mise in bacheca la corona della manifestazione svoltasi in Peruù. Mentre nel Miss Universo chiuse la sua partecipazione tra le migliori dodici.

Di quell’esperienza, la Ruggeri confessa: “Osmel mi disse una frase carina que mi motivò e diede fiducia per partecipare nel concorso: ‘se non ti piace quello che stai vivendo e vedendo, riderai”.

Dopo l’esperienza come atleta e come miss, l’italo-venezuelana decise di viverne una nuova: quella di mamma. Nel 1989 si sposó e due anni dopo diede alla luce la sua bimba di nome Laura.

La Ruggieri si é sempre mantenuta attiva nel mondo del nuoto mettendo in bacheca diverse medaglie e trofei nella categoría master. Questa sua affinitá e tenacia nelle vasche le ha permesso di vincere l’ordine Rafael Vidal, onorificenza conferita dal Ministerio dello sport e dalla Federación Venezolana de Deportes Acuáticos.

La storia di Paola Ruggeri ci dimostra che con perseveranza e forza di volontà si possono realizzare tutti i sogni.

Nell’edizione dei giochi olímpici in Canadá c’é stata la presenza di un’altra atleta di origine italiana: Aura Di Nisio, che entrerà nella storia come la prima venezuelana che partecipa ai giochi nei tuffi (per rivedere una criolla in questo sport bisognerà aspettare Sydney 2000). La Di Nisio partecipò alla prova del trampolino da 3 metri raggranellando 293,04 punti.

Questa edizione resterà famosa perché per la prima volta nella storia delle Olimpiadi, nella ginnastica artística venne assegnato, e per tre volte, un 10.00: i primi due furono ottenuti nelle parallele asimmetriche e nel corpo libero dalla romena Nadia Comaneci, seguiti da quello nel volteggio dalla sovietica Nelli Kim. L’assegnazione del punteggio venne ritardata poiché i tabelloni elettronici erano programmati per visualizzare votazioni fino ad un massimo di 9.99, mentre il 10.00 non era ancora previsto.

Fioravante De Simone

Ultima ora

12:08Rubano carico ‘Folletti’, presi da polizia stradale

(ANSA) - FIRENZE, 17 AGO - Aveva "ripulito", con un complice, il furgone della ditta del fratello portando via un intero carico di aspirapolvere "Folletto": adesso lui, un italiano 44enne che aveva lavorato nella ditta del fratello dalla quale era stato licenziato, ed il complice brasiliano di 24, sono stati arrestati dalla polizia stradale di Firenze. Il carico di Folletti, pronti per la consegna, era su un furgone nel piazzale della ditta di Calenzano (Firenze), che opera nel settore delle spedizioni. Il colpo risale al gennaio scorso e gli autori conoscevano il sistema di allarme della ditta ed il posizionamento delle telecamere di sicurezza, grazie ai molti anni trascorsi dall'italiano alle dipendenze dell'azienda del fratello e che durante il furto era rimasto fuori in auto a fare da palo. Lo straniero aveva scavalcato il cancello: attento a non farsi riprendere dalle telecamere e con la testa coperta da un cappuccio aveva usato i guanti per aprire gli imballaggi dei "Folletti". Al proprietario della ditta non era rimasto altro che sporgere denuncia al Compartimento Polstrada della Toscana, consegnando i filmati registrati, dalle quali però non si riusciva a vedere la targa dell'auto usata dai ladri. Ma i poliziotti l'hanno scoperta visionando altre immagini catturate dalle telecamere piazzate nelle zone limitrofe e a risalire ai due. Nel corso delle indagini, coordinate dal sostituto procuratore Giuseppe Ledda, gli agenti hanno perquisito i due, sequestrando i loro telefonini, nonché il giubbotto, i guanti, il coltello e il cappuccio usati dal brasiliano. Le prove hanno consentito al gip Anna Liguori di disporre per ambedue le misure cautelari, che sono state eseguite dalla Polizia Stradale. Ora l'italiano si trova nel carcere di Sollicciano, mentre il brasiliano è ai domiciliari. (ANSA).

12:00Violenta ragazzino nel Reggiano, arrestato dai carabinieri

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 17 AGO - Un giovane di 21 anni è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di aver violentato un ragazzo di meno di 14 anni affetto da deficit cognitivi. L'episodio risale al 10 luglio ed è stato ricostruito dal Nucleo Investigativo del comando provinciale dell'Arma di Reggio Emilia, coordinato dal sostituto procuratore Maria Rita Pantani. Il 21enne, che abita vicino alla vittima, avrebbe attirato il ragazzino che giocava in strada in una zona di campagna dopo averne carpito la fiducia, per poi violentarlo. Il 14enne ha raccontato tutto ai genitori e anche la visita in ospedale ha confermato l'avvenuto abuso. Nei confronti del 21enne è stata formulata l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita dai carabinieri. L'accusa è di violenza sessuale aggravata. (ANSA).

11:59Calcio: ds Barcellona in tv, vicini a Coutinho e Dembelé

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Il Barcellona sta trattando con Liverpool e Borussia Dortmund "le condizioni" per gli acquisti di Philippe Coutinho e Ousmane Dembelé: lo ha detto, in una intervista alla tv spagnola Esport 3 dopo il ko in Supercoppa il direttore dell'area tecnica blaugrana, Pep Seguro. Rispondendo alla domanda se Coutinho e Dembelé il prossimo anno giocheranno con il Barcellona, Seguro ha detto "speriamo" per poi aggiungere che la trattativa per i due giocatori non è ancora conclusa "ma siamo molto vicini". Dopo la partenza di Neymar il club catalano è corso ai ripari. Secondo quanto scrivono i media spagnoli, l'operazione per portare a Barcellona i due giocatori dovrebbe costare circa 250 milioni di euro che, sommati agli 82 spesi per Deulofeu, Semedo e Paulinho portano a un totale di 330 milioni, cento in più dei 222 incassati con la cessione di Neymar.

11:46Hong Kong: in carcere tre leader ‘movimento ombrelli’

(ANSA) - PECHINO, 17 AGO - L'Alta Corte di Hong Kong ha ribaltato il verdetto di primo grado disponendo il carcere a carico dei leader di Demosisto, Joshua Wong e Nathan Law, nonche' di Alex Chow, tra i promotori del "movimento degli ombrelli", la protesta pro-democrazia del 2014 andata in scena nell'ex colonia britannica. Wong è stato condannato a sei mesi di prigione, Law a 8 e Chow a 7: per tutti e tre c'è anche la pena accessoria a non potersi candidare a cariche politiche per cinque anni, fino al 2022.

11:27Calcio: in Bundesliga arriva il primo arbitro donna

(ANSA) - BERLINO, 17 AGO - Dopo essersi fatta le ossa per un decennio in seconda divisione, nella stagione ormai alle porte Bibiana Steinhaus entrerà nella storia del calcio tedesco diventando la prima donna a fischiare nella massima serie. Trentotto anni, funzionario di polizia, è tra i quattro arbitri promossi dalla Federcalcio tedesca (DFB) nell'elite dei 24 che dirigono in Bundesliga. "Per ogni arbitro, sia uomo che donna, il sogno è arrivare in Bundesliga - commentò lo scorso maggio, quando la promozione fu annunciata - Ho lavorato molto duramente per quello obiettivo. Negli ultimi anni ho avuto qualche qualche battuta d'arresto, quindi sono molto felice della fiducia ricevuta dalla commissione esaminatrice". Figlia di un arbitro, Steinhaus ha cominciato nel 1999 dirigendo partite di calcio femminile. E' diventata arbitro Fifa nel 2005 e nel 2007 si è guadagnata un posto in seconda divisione, primo arbitro professionista donna in Germania.

11:12Incendi: fiamme su Monte Faito, arrestato piromane

(ANSA) - NAPOLI, 17 AGO - Arrestato il responsabile degli incendi che dalla mattina del 15 agosto hanno colpito il Monte Faito, nel Napoletano. Si tratta di un 60enne che ai Carabinieri ha raccontato: "Non so perché l'ho fatto, ho preso i fiammiferi e ho dato fuoco". L'uomo, di Vico Equense (Napoli), già noto alle forze di polizia, in un primo momento ha negato le sue responsabilità. Ma le indagini dei militari, supportate dalle immagini dei sistemi di video sorveglianza comunali, lo hanno incastrato. E così si è ricostruito che l'uomo si spostava con la sua Motoape: fiamme, quelle da lui causate, che hanno cancellato 18 ettari di bosco, che hanno ferito una persona, distrutto case e che hanno visto il coinvolgimento di due canadair, due elicotteri e squadre dei Vigili del fuoco a terra che hanno lavorato incessantemente il 15 e il 16 agosto, soprattutto per impedire che le fiamme potessero propagarsi alle aree residenziali della località Faito.

11:12Terremoto:Palazzo Seneca di Norcia proclamato hotel del 2017

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 17 AGO - Palazzo Seneca di Norcia proclamato hotel dell'anno 2017 da Virtuoso Travel, il network mondiale più importante per professionisti del turismo di lusso. La cerimonia di consegna del premio si è svolta la notte scorsa a Las Vegas: lo hanno ritirato i fratelli Federico e Vincenzo Bianconi, proprietari dell'hotel, il primo a riaprire nel centro storico della città dopo il terremoto. "E' un premio che ci emoziona, ci fa piangere e ci dà una carica incredibile", raccontano all'ANSA. "E' un riconoscimento per l'amore che abbiamo per la nostra terra, per il desiderio di migliorarsi sempre e di coinvolgere gli altri in un percorso che non sia solo nostro ma di comunità. Il nostro fine è ospitare facendo conoscere chi siamo e i nostri valori", sottolineano. La struttura, che risale al 1500, negli anni scorsi era stata oggetto di un profondo adeguamento sismico. Proprio questo ha consentito all'hotel di resistere alle scosse. (ANSA).

Archivio Ultima ora