Rio 2016: Lupo e Nicolai argento vivo nel beach volley

Pubblicato il 19 agosto 2016 da ansa

Italy's Paolo Nicolai, above, can't reach a ball as teammate Daniele Lupo looks on while playing against Brazil during the men's beach volleyball gold medal match at the 2016 Summer Olympics in Rio de Janeiro, Brazil, Friday, Aug. 19, 2016. (ANSA/AP Photo/Petr David Josek)

Italy’s Paolo Nicolai, above, can’t reach a ball as teammate Daniele Lupo looks on while playing against Brazil during the men’s beach volleyball gold medal match at the 2016 Summer Olympics in Rio de Janeiro, Brazil, Friday, Aug. 19, 2016. (ANSA/AP Photo/Petr David Josek)

RIO DE JANEIRO. – La finale olimpica l’avevano sognata con un finale diverso, ma l’argento conquistato nel tempio di Copacabana brilla quasi come un oro. Il beach volley targato Italia ha trovato la sua definitiva consacrazione nella casa della pallavolo su spiaggia, con una coppia, quella formata da Daniele Lupo e Paolo Nicolai, che è riuscita a mettere anche un po’ di paura al fortissimo duo brasiliano composto da Alison Cerruti e Bruno Oscar Schmidt.

Il ‘gigante’ di Ortona e il ‘maestro’ di Roma, come sono stati ribattezzati gli azzurri dall’Arena di Copacabana, non sono riusciti a far piangere la torcida dei 12 mila carioca accorsi sul lungomare più famoso del mondo, ma escono dal campo con la certezza di essere entrati nel gotha del beach mondiale. E danno appuntamento a Tokyo 2020, per salire l’ultimo gradino del podio.

A fine partita, i due azzurri si guardano, non c’è spazio per le lacrime. Voltandosi indietro vedono la strada percorsa negli ultimi cinque anni vissuti in simbiosi, come due fratelli, tra mille difficoltà, non ultima la malattia di Lupo che aveva messo in pericolo non solo la partecipazione ai Giochi, ma la sua vita stessa.

Si abbracciano, sorridono, consapevoli di aver ottenuto un risultato storico, ma dentro un po’ di rammarico c’è, perché sotto la pioggia incessante di Rio hanno realizzato che la vittoria non era poi così impossibile.

“Quando te la sogni così tante volte una finale olimpica te la immagini con un epilogo diverso da quello che è stato – ha ammesso Nicolai – Ma anche così questa medaglia mi piace moltissimo. Fino a quando non l’ho avuta addosso quasi non ci credevo.

Prima di partire per il Brasile puntavamo a salire sul podio, ce lo eravamo detti, per cui questo argento brilla tantissimo. Anche se è chiaro che quando arrivi a questo punto ti immagini di più. Vuoi di più”.

Propria la consapevolezza di valere la vittoria ha un po’ frenato gli azzurri che nei momenti decisivi, al netto della prepotenza fisica del ‘mammut’ Alison, e del lavoro sporco di Schmidt, hanno sbagliato qualche palla di troppo, soprattutto sul 19-18 del primo set, quando anche la torcida brasiliana si è ammutolita per qualche istante.

“Devo essere sincero – ha spiegato Lupo – Forse abbiamo sentito un po’ la pressione, a differenza loro: la voglia di vincere ci ha un po’ fregato. Mi rode parecchio per questa sconfitta perché ho capito che non sono più forti, ma di certo lo sono stati in questa partita. Peccato per quella palla che non siamo riusciti a mettere a terra sul 19-18, chissà, forse avrebbe cambiato la partita, ma lo sport è questo. E loro hanno meritato”.

La coppia brasiliana fa godere il popolo carioca dell’Arena costruita a Copacabana, conquistando per due set a zero (21-19, 21-17) il titolo olimpico, e riportando nella casa naturale del beach quel titolo che mancava da Atene 2004. A

lison Cerruti riscatta così la delusione del secondo posto a Londra quattro anni fa, in coppia con Emanuel Rego, e trascina al primo oro a cinque cerchi anche il compagno Bruno Oscar Schmidt che da stasera non sarà più solo il nipote di quel campione di basket che fece impazzire Caserta.

Uno spot per il beach azzurro che ora deve cavalcare questa onda di popolarità. Per Lupo e Nicolai, invece, l’obiettivo è di restare in quel club esclusivo dove sono entrati dopo un lungo percorso di crescita che li ha portati per due volte sul tetto d’Europa: a Copacabana in fondo hanno vinto anche loro.

“Vorrà dire che ci riproveremo fra 4 anni a Tokyo”.

Ultima ora

16:58Bimba due mesi con lesioni in ospedale,procura apre indagine

(ANSA) - VERCELLI, 26 LUG - La procura di Vercelli ha aperto un'inchiesta, al momento a carico di ignoti, per la vicenda della bimba di due mesi e mezzo ricoverata al Regina Margherita di Torino in condizioni gravissime, con un trauma cranico e diverse costole rotte. La piccola è ancora ricoverata in prognosi riservata e le sue condizioni rimangono gravi. I magistrati hanno raccolto cartelle cliniche e ascoltato diverse persone: la bimba è stata accompagnata dai genitori all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli venerdì sera. Presentava, precisa l'Asl, segni generali di malessere: sono state effettuate una serie di visite e ulteriori accertamenti che hanno condotto il giorno dopo al trasferimento presso il Regina Margherita per proseguire le cure necessarie. A far scattare l'allarme la comparsa, quella notte, di alcuni ematomi sul corpo della bimba. Al momento non risultano denunce. Quella della settimana scorsa era la terza volta che la bimba si presentava all'ospedale vercellese. La prima per una caduta dalle braccia del padre, per la quale era stata aperta un'inchiesta poi archiviata. La seconda per un fatto virale. I genitori hanno circa 30 anni.(ANSA).

16:42Pop.Vicenza: chiusura indagini per Zonin e altri 7

(ANSA) - VICENZA, 26 LUG - E' stato depositato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari riguardante l'inchiesta sulla Banca Popolare di Vicenza aperta dalla procura berica. Nell'atto risultano indagate sette persone, tra le quali l'ex presidente della Popolare vicentina Giovanni Zonin e l'ex direttore generale Samuele Sorato, oltre che la stessa banca. Tra le ipotesi indicate l'aggiotaggio e l'ostacolo all'esercizio nelle attività di vigilanza. Il procuratore della Repubblica reggente di Vicenza, Orietta Canova ha rilevato che seguirà "in un lasso di tempo contenuto, che si confida non superiore ad alcuni mesi, la conclusione delle indagini preliminari in relazione a capi d'imputazione residuali, auspicabilmente in tempo utile per riunirne la trattazione. Le ipotesi di bancarotta connesse con la liquidazione coatta amministrativa della Banca appartengono ad una futura analisi di consistenza del reato e, dunque, ad eventuali separate iniziative".

16:41Nasce ‘La nuova casa di papà’ per padri separati impoveriti

(ANSA) - ANCONA, 26 LUG - Uno spazio di vita nuovo in cui padri separati o divorziati, impoveriti a causa del nuovo status familiare-sociale, possono abitare e incontrare i propri figli, con il supporto di uno staff qualificato. E' il progetto "La nuova casa di papà", promosso dal Comune di Ancona e finanziato dalla Fondazione Cariverona. Al momento sono due le persone accolte nel progetto, con una terza sono in corso i colloqui per l'accettazione. "La nuova casa di papà" è stata realizzata in due appartamenti che si affacciano su un unico pianerottolo nel centro di Ancona: 3 camere, 2 bagni e, in condivisione, una cucina e un salotto. E' un sistema di co-housing temporaneo (fino ad un massimo di 18 mesi) come misura di supporto, non di mera natura assistenziale, realizzato dalle cooperative sociali 'La Gemma', capofila del progetto, Irs 'L'Aurora', dal Comune di Ancona in collaborazione con una catena di supermercati. Vi potranno accedere i padri in regola con gli adempimenti connessi alla separazione o divorzio.

16:40Calenda, io Macron d’Italia? Non servono altri partiti

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Non fonderò mai un partito personale sul modello di Macron con En Marche. Non è il mio mestiere e all'Italia non servono altri partiti. Come ripeto spesso faccio il ministro da poco più di un anno, e ho ancora da dimostrare di saperlo fare bene". E' quanto afferma il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, in un'intervista che uscirà domani sul settimanale Tempi, secondo quanto riporta una nota della rivista.

16:21Corea Nord: minaccia Usa di attacco nucleare preventivo

(ANSA) - PECHINO, 26 LUG - La Corea del Nord minaccia un attacco nucleare preventivo contro gli Usa alla vigilia del 64/mo anniversario della firma dell'armistizio che chiuse la Guerra di Corea del 1950-53: è il "messaggio" di Pak Yong-sik, ministro delle Forze armate di Pyongyang, contenuto in un intervento dedicato all'imminente ricorrenza. "Se i nemici sottostimano il nostro status strategico e mantengono le opzioni d'attacco nucleare preventivo contro di noi, allora lanceremo un colpo al cuore dell'America come la più implacabile punizione senza avvertimento o preavviso", ha detto Pak, secondo l'agenzia Kcna. Il monito del Nord è maturato nel mezzo dei segnali, secondo l'intelligence di Usa e Corea del Sud, secondo cui Pyongyang potrebbe testare un altro missile intorno all'anniversario della fine della guerra.

16:16Rolling Stone incorona Trudeau, è migliore speranza America

(ANSA) - NEW YORK, 26 LUG - Justin Trudeau 'la stella del Nord'. Il primo ministro canadese conquista la copertina del magazine americano Rolling Stone, secondo il quale Trudeau è probabilmente la "migliore speranza" dell'America nel suo complesso, inclusi anche gli Stati Uniti. "Il Canada di Justin Trudeau sembra un posto meraviglioso per superare la tempesta americana", scrive Rolling Stone in un lungo articolo in cui ripercorre la vita e la carriera del primo ministro. Trudeau a Ottawa sembra essere a un ''mondo di distanza da Washington'', anche se a separare le due città sono meno di mille chilometri.

16:15Vela: parte speciale estivo su RaiSport

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Andrà in onda oggi alle 16.30 su RAISPORT+HD la prima di 10 puntate riservate alla vela che la Rai vuole proporre agli appassionati durante la pausa estiva del programma "L'Uomo e Il Mare". Dal 26 luglio al 26 settembre RAISPORT proporrà, tutti i mercoledì pomeriggio, 10 puntate di circa 12 minuti estratte dallo speciale vela. A VELA 20 ANNI", storico programma di RAISPORT, curato e condotto da Giulio Guazzini con il montaggio di Roberto Toti, che nel corso degli anni, dalla nascita dell'allora TGS. Si parte con le prime sfide di Giovanni Soldini alle prese con le prime traversate atlantiche per passare poi alle imprese di Alessandra Sensini, oro olimpico a Sydney 2000 con la telecronaca storica dei quel risultato. Le immagini della grande vela della Coppa America con Paul Cayard skipper del MORO di VENEZIA nel 92' a San Diego e il riferimento ad AZZURRA ed ai suoi uomini da Cino Ricci a Mauro Pelaschier artefici con tutto l'equipaggio, nel 1983 a Newport USA, di un risultato sorprendente.

Archivio Ultima ora