Rio 2016: Lupo e Nicolai argento vivo nel beach volley

Pubblicato il 19 agosto 2016 da ansa

Italy's Paolo Nicolai, above, can't reach a ball as teammate Daniele Lupo looks on while playing against Brazil during the men's beach volleyball gold medal match at the 2016 Summer Olympics in Rio de Janeiro, Brazil, Friday, Aug. 19, 2016. (ANSA/AP Photo/Petr David Josek)

Italy’s Paolo Nicolai, above, can’t reach a ball as teammate Daniele Lupo looks on while playing against Brazil during the men’s beach volleyball gold medal match at the 2016 Summer Olympics in Rio de Janeiro, Brazil, Friday, Aug. 19, 2016. (ANSA/AP Photo/Petr David Josek)

RIO DE JANEIRO. – La finale olimpica l’avevano sognata con un finale diverso, ma l’argento conquistato nel tempio di Copacabana brilla quasi come un oro. Il beach volley targato Italia ha trovato la sua definitiva consacrazione nella casa della pallavolo su spiaggia, con una coppia, quella formata da Daniele Lupo e Paolo Nicolai, che è riuscita a mettere anche un po’ di paura al fortissimo duo brasiliano composto da Alison Cerruti e Bruno Oscar Schmidt.

Il ‘gigante’ di Ortona e il ‘maestro’ di Roma, come sono stati ribattezzati gli azzurri dall’Arena di Copacabana, non sono riusciti a far piangere la torcida dei 12 mila carioca accorsi sul lungomare più famoso del mondo, ma escono dal campo con la certezza di essere entrati nel gotha del beach mondiale. E danno appuntamento a Tokyo 2020, per salire l’ultimo gradino del podio.

A fine partita, i due azzurri si guardano, non c’è spazio per le lacrime. Voltandosi indietro vedono la strada percorsa negli ultimi cinque anni vissuti in simbiosi, come due fratelli, tra mille difficoltà, non ultima la malattia di Lupo che aveva messo in pericolo non solo la partecipazione ai Giochi, ma la sua vita stessa.

Si abbracciano, sorridono, consapevoli di aver ottenuto un risultato storico, ma dentro un po’ di rammarico c’è, perché sotto la pioggia incessante di Rio hanno realizzato che la vittoria non era poi così impossibile.

“Quando te la sogni così tante volte una finale olimpica te la immagini con un epilogo diverso da quello che è stato – ha ammesso Nicolai – Ma anche così questa medaglia mi piace moltissimo. Fino a quando non l’ho avuta addosso quasi non ci credevo.

Prima di partire per il Brasile puntavamo a salire sul podio, ce lo eravamo detti, per cui questo argento brilla tantissimo. Anche se è chiaro che quando arrivi a questo punto ti immagini di più. Vuoi di più”.

Propria la consapevolezza di valere la vittoria ha un po’ frenato gli azzurri che nei momenti decisivi, al netto della prepotenza fisica del ‘mammut’ Alison, e del lavoro sporco di Schmidt, hanno sbagliato qualche palla di troppo, soprattutto sul 19-18 del primo set, quando anche la torcida brasiliana si è ammutolita per qualche istante.

“Devo essere sincero – ha spiegato Lupo – Forse abbiamo sentito un po’ la pressione, a differenza loro: la voglia di vincere ci ha un po’ fregato. Mi rode parecchio per questa sconfitta perché ho capito che non sono più forti, ma di certo lo sono stati in questa partita. Peccato per quella palla che non siamo riusciti a mettere a terra sul 19-18, chissà, forse avrebbe cambiato la partita, ma lo sport è questo. E loro hanno meritato”.

La coppia brasiliana fa godere il popolo carioca dell’Arena costruita a Copacabana, conquistando per due set a zero (21-19, 21-17) il titolo olimpico, e riportando nella casa naturale del beach quel titolo che mancava da Atene 2004. A

lison Cerruti riscatta così la delusione del secondo posto a Londra quattro anni fa, in coppia con Emanuel Rego, e trascina al primo oro a cinque cerchi anche il compagno Bruno Oscar Schmidt che da stasera non sarà più solo il nipote di quel campione di basket che fece impazzire Caserta.

Uno spot per il beach azzurro che ora deve cavalcare questa onda di popolarità. Per Lupo e Nicolai, invece, l’obiettivo è di restare in quel club esclusivo dove sono entrati dopo un lungo percorso di crescita che li ha portati per due volte sul tetto d’Europa: a Copacabana in fondo hanno vinto anche loro.

“Vorrà dire che ci riproveremo fra 4 anni a Tokyo”.

Ultima ora

11:41Alfano, legge elettorale non prevede alleanze, andremo soli

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - La legge elettorale non chiama alleanze, noi del resto siamo distinti sia dalla destra di Salvini che vuole uscire dall'Ue, sia dalla sinistra dell' indietro tutta, andremo da soli". Così il leader di Ap Angelino Alfano rispondendo, su Rtl, ad una domanda sulle possibili alleanze in caso di elezioni. "Alternativa popolare - ha aggiunto - punta a un piano-fisco all'americana per contrastare l'evasione, un progetto sui salari, un programma molto serio. Visto che nessuno avrà la maggioranza, saremo dopo se necessario in una maggioranza che rispetti queste priorità".

11:38Alfano, sostegno a Gentiloni, purché non viri a sinistra

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Il governo Gentiloni, finché non fa virate a sinistra insostenibili è un governo che va sostenuto e che vogliamo portare avanti". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano, intervistato su Rtl. Per questo, ha aggiunto, "invitiamo Gentiloni a difendere tutte le conquiste riformatrici di questi anni. Noi garantiamo il sostegno al governo ma ci distinguiamo da una sinistra che vuole fare marcia indietro su riforme importanti".

11:32Violenza sessuale e truffa, arrestato psichiatra Aosta

(ANSA) - AOSTA, 29 MAR - Per violenza sessuale, truffa pluriaggravata, peculato e corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio, la guardia di finanza di Aosta ha arrestato uno psichiatra nei confronti del quale era stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare dal gip. Al medico sono stati concessi gli arresti domiciliari. Le indagini sono state svolte con l'uso di telecamere nascoste negli studi ambulatoriali che l'Usl aveva messo a disposizione del sanitario e hanno documentato episodi di violenza sessuale e corruzione nei confronti di pazienti psichiatrici affidati alle sue cure dal Servizio sanitario nazionale. "Il medico ha inoltre abusato della propria funzione consegnando ai pazienti farmaci ospedalieri nella sua disponibilità in ragione del suo servizio e in cambio di denaro" aggiungono le Fiamme gialle. Infine il medico è accusato di aver rilasciato certificati sanitari falsi destinati al rinnovo delle patenti di guida di propri pazienti, omettendo di rilevarne le patologie psichiatriche". (ANSA).

11:31Yara, appello per Bossetti a Brescia il 30 giugno

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - È stato fissato al 30 giugno davanti alla Corte d'assise d'appello di Brescia il processo a carico di Massimo Bassetti, condannato all'ergastolo in primo grado per l'omicidio della tredicenne Yara Gambirasio. La Corte d'assise d'appello sarà presieduta da Enrico Fischetti, a latere il consigliere Massimo Vacchiano.

11:27Furti e rapine in serie, in carcere intera famiglia

(ANSA) - CASERTA, 29 MAR - I carabinieri di Casal di Principe (Caserta) hanno arrestato su ordine del Gip del Tribunale di Napoli Nord 19 persone, tra cui i cinque membri di una stessa famiglia residente a Giugliano in Campania (Napoli), composta da padre, madre, figlio e due generi, ritenuti responsabili di almeno nove rapine e dieci furti compiuti quasi interamente nel 2016 - due gli episodi accertati nel 2015 - tra le province di Napoli e Caserta per un bottino totale di oltre 100mila euro. A organizzare i colpi era il 56enne Pasquale Cuciniello di Giugliano, aiutato dalla moglie di 51 anni Carmela Ciriano, dal figlio 24enne Luigi e dai mariti delle due figlie; ai singoli colpi, è emerso, hanno preso parte di volta in volta varie persone, per lo più ragazzi di 20 anni residenti tra Mugnano e Villaricca.

11:13Basket: Nba, Golden State senza rivali, batte anche Houston

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - I Golden State Warriors continuano a dettare legge in Nba: Ultima vittima stanotte gli Houston Rockets battuti 113-106 nella sfida più attesa. Fra i padroni di casa, grande serata di Stephen Curry, che ha messo a segno 32 punti (con 10 rimbalzi e 7 assist). Sul fronte avverso ce l'ha messa tutta James Harden, andato pure in tripla doppia (24 punti, 13 rimbalzi e 11 assist), ma i Warriors sono stati decisamente più forti e portano a casa la 60ma vittoria stagionale. Nelle altre sette partite della notte Nba, si segnala l'importante vittoria, per un solo punto di differenza, 97-96, dai Miami Heat contro i Detroit Pistons. Vittoria che consente a Miami di guardare ancora con fiducia ai playoff. Vittoria per un solo punto di differenza anche per Minnesota, 115-114, ai danni degli Indiana Pacers. In chiave italiana, serata negativa per il Denver di Danilo Gallinari battuto in casa 122-113 da Portland. E pure per gli Hornets di Marco Belinelli, superati 118-108 da Milwaukee. E i playoff si allontanano. (ANSA).

11:10Terremoti: scossa magnitudo 6,6 in Russia

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Una scossa di terremoto di magnitudo 6,6 ha colpito oggi la penisola di Kamchatka, nell'estremo oriente russo. L'epicentro del sisma, riporta l'Istituto geofisico americano (Usgs), e' stato registrato 78 chilometri a nordest di Ust'-Kamchatsk Stary mentre l'ipocentro e' stato calcolato a una profondità di 22,8 chilometri. Per ora non si hanno notizie di feriti o danni. La stessa zona, sempre oggi, e' stata colpita da altre due scosse minori, di magnitudo 5,2 e 4,9. Il centro di monitoraggio Sakhalin ha emesso un avviso di un possibile tsunami in seguito al forte terremoto: lo riporta il sito dell'emittente RT.

Archivio Ultima ora