Rio: Usa è una corazzata, Setterosa si ferma all’argento

Pubblicato il 19 agosto 2016 da ansa

Setterosa-Dario-Di-Gennaro-800x533-800x533

RIO DE JANEIRO – Un torneo quasi perfetto con un finale da incubo. Si arena sull’argento il sogno del Setterosa, troppo forte la corazzata Usa. Finisce 12-5 per le americane, oro strameritato per loro, tra qualche lacrima di rimpianto per le azzurre.
– Ora non ci puo’ essere sorriso, ma chi sa di pallanuoto capisce che questo nostro argento è un miracolo sportivo – dice il ct Fabio Conti. In attesa che la ventiseiesima medaglia dell’Italia ai Giochi prenda colore (l’Italvolley con la finale conquistata è certa del podio), la n.25 conquistata in vasca oggi dalla nazionale di Conti è un ritorno ai giorni belli, ma solo a metà. Affondano nell’acqua azzurra della piscina di Rio i sogni d’oro delle azzurre che dodici anni dopo il trionfo di Atene, non riescono a bissare quel titolo a cinque cerchi, l’ultimo conquistato da una squadra italiana alle Olimpiadi, che chiudeva un ciclo di una squadra capace di vincere anche due titoli mondiali.
– A inizio stagione se avessimo parlato di finale olimpica – ha spiegato Conti parlando del suo Setterosa rinnovato – ci avrebbero preso per matti. E’ chiaro che non possiamo sorridere dopo una finale persa, ma la medaglia d’argento illuminerà nuovamente i volti di queste ragazze straordinarie.
Un’illusione durata poco, a dire il vero, appena un quarto, un po’ sulla falsariga di quanto successo al Settebello nella semifinale contro la Serbia. Troppo forti le statunitensi, campionesse olimpiche nel 2012 a Londra e sempre podio nei tornei olimpici, e reduci anche dal successo mondiale di Kazan del 2015. Le ragazze a stelle e strisce dominano la finale 12-5 e lasciano all’Italia solo il secondo gradino del podio.
Un avvio subito in salita per il Setterosa che sotto già 4-1 dopo il primo quarto, prova a reagire ma trova nel portiere afroamericano degli Usa, Ashleigh Johnson, un baluardo quasi insuperabile. A metà gara, grazie ai gol da fuori di Radicchi e Bianconi, le ragazze del ct Fabio Conti, alla 200/a partita con la nazionale, sembrano tornare in partita chiudendo il secondo quarto sotto per 5-3. Ma è solo un fuoco di paglia.
Le azzurre sbattono contro la prepotenza fisica del team Usa, e del gioco spumeggiante ammirato fin qui, fatto di palombelle, di movimento, di tiri da fuori, non si vede traccia. Le americane dilagano ancora fino a raggiungere gli otto gol di scarto nel corso dell’ultimo quarto.
Un argento tutt’altro che da buttare per Garibotti, oggi non pervenuta, e compagne, reduci dal bronzo mondiale, che hanno comunque davanti un futuro roseo: l’età media della squadra è di 26 anni e mezzo, e con l’esperienza di un’olimpiade in più le ragazze si presenteranno a Tokyo per riprovarci. Non c’è stato dunque il lieto fine per Tania Di Mario, unica reduce di quel Setterosa capace di scrivere la storia della pallanuoto italiana, che a 37 anni voleva scrivere un finale diverso dopo una carriera interminabile con la calottina azzurra. Non basta a consolarla il gol segnato in un finale olimpica a distanza di 12 anni da quella di Atene. Finisce con le statunitensi in acqua a festeggiare con lo staff tecnico, mentre alle azzurre dopo le lacrime di gioia contro la Russia in semifinale, non resta che asciugarsi il volto: stavolta le lacrime sono solo di dolore.

Ultima ora

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

22:01Terremoto: Salvini, ho riportato voci dei sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

21:59Terremoto: domani in cdm estensione stati di emergenza

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti di governo, dovrebbe domani mattina alle 11 procedere, con provvedimenti fuori sacco, con l'estensione degli stati di emergenza nei territori colpiti negli ultimi giorni da nuove scosse di terremoto e dai danni dell'eccezionale ondata di maltempo. Saranno aumentati, a quanto si apprende, gli interventi sui territori colpiti senza allargare il cratere dei comuni colpiti già definiti nei mesi scorsi.

21:48Hotel Rigopiano: Curcio, finora due vittime

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 19 GEN - Finora dall'hotel Rigopiano "sono state estratte due vittime": lo ha detto a Penne il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. "I numeri li da' la prefettura, che qui ha parlato di due vittime e quindi io mi attengo a questo numero", ha aggiunto Curcio, a margine del vertice sui soccorsi all'Hotel Rigopiano. "Si continuerà a lavorare tutta la notte, compatibilmente con le esigenze di sicurezza degli operatori, tenendo presente che si tratta di un'operazione molto complicata - ha aggiunto Curcio - sono all'opera 135 persone, con più di 20 mezzi". Curcio ha rimarcato: "Ci sono persone che stanno lavorando al limite del possibile e che stanno svolgendo il proprio compito con grande professionalità e passione. È un lavoro di soccorso, in una situazione difficile".

21:44Terremoto: Salvini, ho riportato voci sindaci arrabbiati

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Polemiche sul terremoto? Io ho riportato la voce dei sindaci e dei cittadini arrabbiati. Se la Boldrini dice che è grave il ritardo dei soccorsi, è un richiamo delle istituzioni, ma se lo dice Salvini scoppia la polemica...". Così il leader della Lega Nord Matteo Salvini, ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo su La7. "La nomina di Errani a comandante in capo per la ricostruzione, è una nomina politica per un organismo che è tecnico e secondo me non è una cosa buona. Renzi - conclude - aveva bisogno di sistemare una casella politica".

Archivio Ultima ora