Rio: Usa è una corazzata, Setterosa si ferma all’argento

Pubblicato il 19 agosto 2016 da ansa

Setterosa-Dario-Di-Gennaro-800x533-800x533

RIO DE JANEIRO – Un torneo quasi perfetto con un finale da incubo. Si arena sull’argento il sogno del Setterosa, troppo forte la corazzata Usa. Finisce 12-5 per le americane, oro strameritato per loro, tra qualche lacrima di rimpianto per le azzurre.
– Ora non ci puo’ essere sorriso, ma chi sa di pallanuoto capisce che questo nostro argento è un miracolo sportivo – dice il ct Fabio Conti. In attesa che la ventiseiesima medaglia dell’Italia ai Giochi prenda colore (l’Italvolley con la finale conquistata è certa del podio), la n.25 conquistata in vasca oggi dalla nazionale di Conti è un ritorno ai giorni belli, ma solo a metà. Affondano nell’acqua azzurra della piscina di Rio i sogni d’oro delle azzurre che dodici anni dopo il trionfo di Atene, non riescono a bissare quel titolo a cinque cerchi, l’ultimo conquistato da una squadra italiana alle Olimpiadi, che chiudeva un ciclo di una squadra capace di vincere anche due titoli mondiali.
– A inizio stagione se avessimo parlato di finale olimpica – ha spiegato Conti parlando del suo Setterosa rinnovato – ci avrebbero preso per matti. E’ chiaro che non possiamo sorridere dopo una finale persa, ma la medaglia d’argento illuminerà nuovamente i volti di queste ragazze straordinarie.
Un’illusione durata poco, a dire il vero, appena un quarto, un po’ sulla falsariga di quanto successo al Settebello nella semifinale contro la Serbia. Troppo forti le statunitensi, campionesse olimpiche nel 2012 a Londra e sempre podio nei tornei olimpici, e reduci anche dal successo mondiale di Kazan del 2015. Le ragazze a stelle e strisce dominano la finale 12-5 e lasciano all’Italia solo il secondo gradino del podio.
Un avvio subito in salita per il Setterosa che sotto già 4-1 dopo il primo quarto, prova a reagire ma trova nel portiere afroamericano degli Usa, Ashleigh Johnson, un baluardo quasi insuperabile. A metà gara, grazie ai gol da fuori di Radicchi e Bianconi, le ragazze del ct Fabio Conti, alla 200/a partita con la nazionale, sembrano tornare in partita chiudendo il secondo quarto sotto per 5-3. Ma è solo un fuoco di paglia.
Le azzurre sbattono contro la prepotenza fisica del team Usa, e del gioco spumeggiante ammirato fin qui, fatto di palombelle, di movimento, di tiri da fuori, non si vede traccia. Le americane dilagano ancora fino a raggiungere gli otto gol di scarto nel corso dell’ultimo quarto.
Un argento tutt’altro che da buttare per Garibotti, oggi non pervenuta, e compagne, reduci dal bronzo mondiale, che hanno comunque davanti un futuro roseo: l’età media della squadra è di 26 anni e mezzo, e con l’esperienza di un’olimpiade in più le ragazze si presenteranno a Tokyo per riprovarci. Non c’è stato dunque il lieto fine per Tania Di Mario, unica reduce di quel Setterosa capace di scrivere la storia della pallanuoto italiana, che a 37 anni voleva scrivere un finale diverso dopo una carriera interminabile con la calottina azzurra. Non basta a consolarla il gol segnato in un finale olimpica a distanza di 12 anni da quella di Atene. Finisce con le statunitensi in acqua a festeggiare con lo staff tecnico, mentre alle azzurre dopo le lacrime di gioia contro la Russia in semifinale, non resta che asciugarsi il volto: stavolta le lacrime sono solo di dolore.

Ultima ora

21:03Polonia: ottavo giorno di proteste contro riforma giustizia

(ANSA) - VARSAVIA, 23 LUG - Per l'ottavo giorno consecutivo migliaia di polacchi sono scesi nelle strade di Varsavia, sventolando bandiere dell'Unione Europea e della Polonia, per chiedere al presidente Andrzei Duda di non firmare la legge che limiterà drasticamente l'autonomia dei giudici nel Paese cedendo di fatto al governo il controllo della Corte Suprema. Da oltre una settimana i manifestanti denunciano un vero e proprio assalto alle fondamenta democratiche del Paese ed accusano il leader del partito di governo Jaroslaw Kaczynski di comportamenti autoritari mirati espressamente a cementare il suo potere personale.

20:47Calcio: amichevoli, Bologna-Trento 5-0

(ANSA) - BOLOGNA, 23 LUG - Il Bologna ha battuto il Trento (Serie D) 5-0, nell'ultima amichevole disputata durante il ritiro a Castelrotto (Bolzano). Le reti: 10' Krejci, 22' Verdi, 24' Pulgar, 38' Petkovic, 73' Falco. Domani il gruppo rossoblù si cimenterà in un percorso di rafting sul fiume Rienza, all'interno dell'abitato di Issengo, in Bassa Pusteria, al terz'ultimo giorno di permanenza in Alto Adige.

20:33Calcio: Atalanta, Gasperini, Petagna sta lavorando bene

(ANSA) - CLUSONE, 23 LUG - "Più che test questi sono allenamenti importanti sul piano fisico che servono ai nuovi per farsi conoscere". Gian Piero Gasperini commenta così il 3-1 della sua Atalanta sulla Giana, a cui è seguita una partitella in famiglia in cui hanno giocato anche Berisha, Rossi, Eguelfi, Melegoni e Petagna. Il tecnico si sofferma su quest'ultimo: "È stato fra gli ultimi ad aggregarsi al gruppo in ritiro, ma si è fatto trovare pronto, sta lavorando bene sulle conclusioni a rete e anche oggi ha segnato una bella doppietta". Sul possibile dualismo nel ruolo di punta esterna, Gasperini mostra apprezzamento sia per Ilicic che per Orsolini, schierati insieme nel primo tempo contro i milanesi: "Sono entrambi mancini, quindi chi dei due gioca a destra trova più facilmente il tiro rientrando sul piede preferito. Ma anche Gomez può fare entrambe le fasce, davanti abbiamo molte soluzioni". Ultima battuta sui possibili colpi di mercato, viste le voci su De Roon: "Numericamente siamo a posto, ci sarà qualche movimento in uscita".

20:04Calcio: Bonucci ‘7 Champions non casuali,Milan è tradizione’

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - "Pensando al Milan mi vengono in mente tradizione, storia, vittorie importanti. Una squadra non ha 7 Champions in bacheca per caso: qui c'è tradizione, mentalità vincente. Ora tocca a noi riportare il Milan dove merita". Leonardo Bonucci ha espresso così tutta la sua voglia di far parte di una rinascita, nonché la speranza di trasmettere la sua 'febbre' milanista ai figli: "Uno è granata, l'altro juventino. Vediamo se riesco a far cambiare idea a quello grande". Alla tv tematica del club, il calciatore classe '87 si è raccontato partendo dalla svolta che lo portò a diventare un difensore centrale. "Ho cominciato a 16 anni, prima facevo il centrocampista davanti alla difesa e per qualche partita la prima punta. Poi - ha ricordato - l'anno della Beretti con la Viterbese: l'allenatore Carlo Perrone mi disse che se avessi voluto diventare qualcuno nel mondo del calcio avrei dovuto fare il difensore centrale. Ero il capitano e ho dovuto accettare anche se non ero convintissimo. Poi però ha avuto ragione lui".

19:53Tour: Froome trionfa a Parigi, è il quarto successo

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Chris Froome ha vinto il 104/o Tour de France di ciclismo, dopo la 'passerella' odierna sui Campi Elisi. Per l'inglese di origini keniane, che gareggia con il Team Sky, si tratta del quarto successo in carriera, dopo quelli conquistati a Parigi nel 2013, 2015 e 2016. Il podio è stato completato nell'ordine dal colombiano Rigoberto Uran e dal francese Romain Bardet. La 21/a e ultima tappa, partita da Montgeron e conclusa ai piedi dell'Arco di Trionfo (103 chilometri), è stata vinta dall'olandese Dylan Groenewegen.

19:42Scherma: Mondiali, Garozzo battuto in semifinale fioretto

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - L'azzurro Daniele Garozzo, campione olimpico ed europeo in carica, non ce l'ha fatta a raggiungere la finale della gara di fioretto dei Mondiali di Lipsia. A batterlo per 15-12 è stato il giapponese Toshiya Saito. Garozzo è quindi medaglia di bronzo.

19:35Siccità: Legambiente, livello lago Bracciano mina ecosistema

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Il Lazio dichiarato in "severità idrica alta" per la siccità: nel 2017 le precipitazioni si sono ridotte tra l'80% e l'85% e i laghi entrano in crisi anche a causano delle eccessive captazioni (prelievi di acqua). E' la sintesi del dossier 'Captazioni e abbassamento dei laghi nel Lazio' presentato da Legambiente regionale. Il Lago di Bracciano - al centro della crisi idrica di Roma - "ha un livello idrometrico di 140 centimetri rispetto allo zero con ripercussioni gravi su tutto l'ecosistema", secondo l'associazione. Nel lago di Albano negli ultimi 10 anni si sono registrati 21 milioni di litri d'acqua in meno. Secondo Legambiente "lo stop della Regione alle captazioni da parte di Acea è un atto necessario per salvare il lago. Ora si inizi a prevenire l'emergenza. Subito al lavoro per una diversa gestione della risorsa idrica e il Comune di Roma si attivi per piano di adattamento al clima per tutta l'area urbana".

Archivio Ultima ora