Salvini attacca Mattarella, è bufera su leader della Lega

Pubblicato il 19 agosto 2016 da ansa

Salvini attacca Mattarella, è bufera su leader Lega

Salvini attacca Mattarella, è bufera su leader Lega

ROMA – Matteo Salvini unisce la politica italiana, cosa rara, in un unico giudizio di esecrazione e rifiuto per le insultanti parole rivolte nei confronti del Capo dello Stato. Il suo attacco frontale, durissimo, e personale al Presidente della Repubblica arriva dopo le parole pronunciate al Meeting di Rimini sui migranti che suscitano l’ira (su Fb) del leader leghista che raccoglie subito un variegato ma omogeneo florilegio di commenti negativi.

Mattarella davanti all’assemblea di Cl ha detto che non si deve cedere alla paura davanti all’ondata migratoria, nonostante le difficoltà, e che i divieti non avranno la forza di fermarla. Si potrà e dovrà affrontarla e governarla. Salvini così replica:

– Mattarella anche oggi predica accoglienza, invita a ‘costruire ponti’, dice che non si può ‘vietare l’ingresso’ agli immigrati. Buono? No, complice di scafisti, sfruttatori e schiavisti. L’anno scorso 107.000 italiani (22.000 giovani) sono scappati all’estero per lavorare, ma Mattarella preferisce preoccuparsi dei clandestini.

Ad esprimere solidarietà è stata Laura Boldrini, spessissimo presa di mira da Salvini che invita ad isolare il capo delle Lega:

– Definire ‘scafista e schiavista’ il capo dello Stato per aver detto di voler costruire ponti e non muri qualifica ancora una volta il segretario della Lega. Le sue quotidiane esternazioni sono sempre più prive di freni e si pongono ben oltre ogni forma di dialettica politica.

– In confronto Bossi era un vero statista – ironizza invece Pier Ferdinando Casini osservando però che, “per fortuna, gli italiani conoscono Mattarella e anche Salvini. La sua uscita mira solo a seminare zizzania senza rendersi conto che i frutti di tutto ciò li raccoglierà il M5s”.

Il dubbio di molti è che dopo le ultime uscite ferragostane e la maglietta della polizia indossata a Ponte di Legno con relative polemiche, il leader della Lega sia in difficoltà, come dice il capogruppo del Pd, Ettore Rosato, e cerchi quindi di fare quello che meglio sa fare e cioè dissacrare.

– Oggi è il giorno dell’insulto al Capo dello Stato – sostiene -. In calo di consensi, il capo leghista fomenta l’odio solo per conquistare qualche titolo sui giornali. Ha superato tutti i limiti. Gli suggerisco di fermarsi e riflettere sulle parole anche oggi pienamente condivisibili del presidente Mattarella.

Gioacchino Alfano (Ncd) invita a ignorare Salvini come “si fa con i matti”.

– Le sue sono parole in libertà, prive di logica – afferma -, dettate dalla poca lucidità del momento dopo una notte brava a ballare con le cubiste. Ignoriamolo, come si fa con i pazzi.

Anche dalla sinistra arriva la solidarietà a Mattarella.

– Sono insulti inaccettabili. Oramai Salvini è solo un cinico seminatore di odio che cerca l’incidente politico per raccattare quattro voti. E’ la sua becera propaganda che dovrebbe essere clandestina – chiosa Arturo Scotto (SI) Un timido endorsement per Salvini arriva dal suo collega di partito Roberto Calderoli:

– Le nostre regole prevedono che l’Italia possa accogliere solo chi ha diritto a ricevere la protezione internazionale, ovvero chi scappa da una guerra o da una persecuzione, mentre tutti gli altri, gli immigrati irregolari, devono essere respinti o, se arrivano, devono essere allontanati ed espulsi dal nostro territorio.

Ma anche Maurizio Gasparri, di Forza Italia, si schiera, pur non entrando nella querelle di oggi, con le posizioni del leghista:

– Con tutto il rispetto per le massime autorità dello Stato, la parola d’ordine in materia di immigrazione deve essere espellere, non accogliere.

(Paolo Cucchiarelli/ANSA)

Ultima ora

20:54Angela Celentano: cugina Rosa ascoltata per tre ore dal pm

(ANSA) - TORRE ANNUNZIATA (NAPOLI), 27 MAR - È durato più di tre ore l'interrogatorio di Rosa Celentano, la cugina di Angela, la bambina scomparsa all'età di 3 anni, nell'agosto del 1996, mentre si trovava in gita con la famiglia sul Monte Faito, nel Napoletano. La ragazza, all'epoca dei fatti tredicenne, aveva raccontato nei giorni della scomparsa di Angela di avere sognato - 24 ore prima - che sconosciuti avevano rapito la bambina. Rosa Celentano è stata ascoltata in qualità di persona informata dei fatti dal sostituto della Procura di Torre Annunziata, Sergio Raimondi. Sul contenuto del lungo confronto gli inquirenti mantengono il più stretto riserbo. Rosa è stata accompagnata dall'avvocato dei genitori di Angela Celentano, Luigi Ferrandino: "La Procura - dice il legale - vuole ripercorrere tutte le tappe della vicenda, alla luce delle novità emerse sul caso della scomparsa di Angela, tenendo conto anche delle sopravvenute tecniche investigative rispetto ai giorni seguenti la sparizione della bambina".(ANSA).

20:46Migranti: Austria verso disdetta piano ricollocamenti

(ANSA) - BOLZANO, 27 MAR - Vienna potrebbe varare già domani il ritiro dal piano di ricollocamenti deciso dalla Ue. La proposta del ministro della Difesa Hanz Doskozil (socialdemocratici) è stata accolta dal ministro degli interni Wolfgag Sobotka (popolari). Secondo il ministro della Difesa, l'Austria ha "più che rispettato" gli obblighi europei.

20:39Trump: congresso nega credenziali stampa a Breibart

(ANSA) - NEW YORK, 27 MAR - Il Congresso americano nega le credenziali stampa a Breibart News, il sito ultraconservatore guidato per anni da Steve Bannon, lo stratega della Casa Bianca. La richiesta di Breibart e' stata negata ''fino a che non ci saranno risposte'' sui rapporti fra la pubblicazione e Bannon. Lo riporta il New York Post. L'amministratore delegato e presidente di Breibart, Larry Solov, aveva presentato la richiesta di accredito permanente, accompagnata da una lettera in cui precisava che Bannon non ricopre alcun ruolo da novembre 2016. Ma la commissione chiamata a concedere le credenziali ha espresso dubbi e chiesto ulteriori chiarimenti visto che non ci sono prove che Bannon abbia tagliato tutti i rapporti.

20:34Massacrato da branco, 9 in Procura di Frosinone

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Si è concluso nel pomeriggio il sopralluogo nella discoteca dove sarebbe avvenuta la lite che ha scatenato successivamente il pestaggio di Emanuele Morganti, morto per le lesioni riportate. Presente al sopralluogo, utile per cercare riscontri ai racconti degli indagati e dei testimoni, il procuratore capo della Procura della Repubblica di Frosinone Giuseppe De Falco e il comandante dei carabinieri della Compagnia di Alatri Antonio Contente. Successivamente i nove indagati sono stati convocati in Procura.

20:29Trump, ‘via fondi federali a ‘città santuario’

(ANSA) - WASHINGTON, 27 MAR - Gli Stati e le città santuario che continueranno a difendere gli immigrati clandestini violando le leggi sull'immigrazione potranno vedersi trattenere o cancellare alcuni fondi federali: lo ha annunciato l'attorney general Jeff Sessions.

20:29Calcio: Roma, Pallotta al lavoro a Londra

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Da Roma a Londra per continuare a programmare società e squadra del futuro: James Pallotta prosegue nella City gli incontri con il suo management, da Baldini a Baldissoni, passando per l'attuale ds Massara e il comparto commerciale. Secondo voci di mercato, smentite però da Trigoria, il presidente della Roma avrebbe incontrato anche quello che dovrebbe essere il nuovo direttore sportivo, lo spagnolo Monchi, per fargli sottoscrivere un contratto triennale. La trattativa fra le parti sembra ormai agli sgoccioli, tanto che il quotidiano "Mundo Deportivo" riporta la posizione del club citando un qualificato dirigente romanista: "Manca solo la firma. Monchi è tremendamente eccitato per la sfida".

20:07Calcio: ds Barcellona, “Dybala? Pronti ad ogni occasione”

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "Il Barcellona è attento a ogni movimento di mercato, specialmente a quelli che riguardano giocatori bravi che possano interessare anche altri club". Il ds del Barcellona, Robert Fernandez, usa un giro di parole per confermare l'interesse del club per lo juventino Paulo Dybala in un'intervista concessa a Mundo Deportivo. "E' un buon giocatore, non posso dire altro. E' chiaro che saremo pronti a sfruttare ogni situazione, sempre tenendo conto di quel cha abbiamo qui in casa". Fernandez ha anche parlato di Verratti, che potrebbe lasciare il Psg: "Questi giocatori sono sempre una questione di denaro. E a parte pagarlo quanto chiedono, poi è il club che non te lo vende. Vi ricordate quel che successe con Thiago Silva? Il Psg non volle trattare con il Barcellona".

Archivio Ultima ora