Usa: 400 milioni a Iran per gli ostaggi, Trump attacca

Pubblicato il 19 agosto 2016 da ansa

Usa: 400 milioni a Iran per gli ostaggi, Trump attacca

Usa: 400 milioni a Iran per gli ostaggi, Trump attacca

WASHINGTON – Diventa materia di polemica elettorale negli Usa il pagamento di 400 milioni di dollari in contanti all’Iran lo scorso gennaio in coincidenza con la liberazione a Teheran di alcuni prigionieri americani, tra cui il corrispondente del Washington Post Jason Rezaian.

– Obama ha mentito, fu un riscatto – accusa il candidato presidenziale repubblicano Donald Trump insieme ai parlamentari del suo partito più ostili all’accordo sul nucleare.

– Nessun riscatto – ribadisce la Casa Bianca, ripetendo che si trattava della prima tranche di un accordo da 1,7 miliardi di dollari per risolvere una disputa risalente alla fine del regime dell’ultimo Scià Mohammad Reza Pahlavi, quando Teheran pagò 400 milioni di dollari al Pentagono per forniture militari poi non effettuate a causa della rivoluzione islamica che depose lo scià.

Gli attacchi dei repubblicani, sostiene Josh Earnest, portavoce dell’amministrazione Obama, ”sono un’indicazione solo di quanto malamente i detrattori dell’accordo sul nucleare iraniano si stiano sforzando di giustificare la loro opposizione ad una intesa di successo”.

Ma a dare loro il destro per attaccare è stata l’ammissione ieri di John Kirby, portavoce del dipartimento di stato americano: per la prima volta ha riconosciuto che il pagamento è stato usato come leva di pressione per il rilascio degli ostaggi, tanto che gli iraniani hanno potuto caricare i soldi su un cargo a Ginevra solo dopo il decollo dell’aereo da Teheran con a bordo i prigionieri.

La linea dell’amministrazione Obama resta la stessa: le due questioni sono state negoziate per anni separatamente attraverso canali diversi e non sono legate tra loro. Un apparente escamotage diplomatico, come fece l’allora presidente John Kennedy quando rimosse i missili nucleari dalla Turchia come parte dell’accordo con l’Urss per mettere fine alla crisi dei missili, negando che le due cose fossero collegate.

Evidentemente Usa e Iran volevano arrivare all”’implementation day” dell’accordo sul nucleare risolvendo le dispute in sospeso. Ma finora Washington non aveva mai rivelato il ‘timing’ del pagamento dei 400 milioni, forse per non creare polemiche o sospetti. Che scoppiano ora.

Trump non si è fatto sfuggire l’occasione, vedendo nell’ ammissione di Kirby la conferma alle sue accuse che Obama aveva mentito. ”Uno scandalo”, ha twittato, accusando anche la sua rivale democratica alla Casa Bianca Hillary Clinton, rea a suo avviso di aver iniziato i negoziati per dare i 400 milioni in contanti a Teheran. Accuse che compattano i repubblicani, compresi gli ex nemici delle primarie.

– L’amministrazione Obama ha mandato un aereo carico di cash all’Iran come riscatto legato all’accordo sugli ostaggi – ha denunciato il sen. Marco Rubio. Gli ha fatto eco il sen. Ted Cruz, secondo cui il pagamento dimostra che l’accordo sul nucleare “non è altro che una serie di tangenti e accordi segreti che non faranno nulla per impedire all’Iran di raggiungere la capacità nucleare, anzi, fornirà fondi per la loro sponsorizzazione del terrorismo e li incoraggerà a detenere altri nostri cittadini”.

(Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

13:21Roma: Emerson “inizio 2017 perfetto, tosti e maturi”

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Non potevamo cominciare l'anno meglio di così: due partite, sei punti, zero gol subiti". Emerson Palmieri si gode l'ottimo momento della Roma che coincide anche con la sua crescita dopo un avvio di stagione tutt'altro che positivo. "All'indomani del Porto mi sono messo tutto alle spalle, l'ho dovuto fare perché per giocare nella Roma devi saper soffrire - spiega il terzino alla radio ufficiale di Trigoria -. Mi sono allenato con umiltà, volevo migliorare, per questo oggi sono qua. Devo solo ringraziare il mister, mi ha sempre difeso" confessa Emerson, soddisfatto anche per il rendimento della Roma: "Così va benissimo. Ora siamo più tosti, più maturi, sappiamo soffrire e lo abbiamo dimostrato sia col Genoa sia ieri a Udine. La Roma deve giocare per vincere in tutte le competizioni. Abbiamo la Coppa Italia e l'Europa League oltre al campionato, e dentro lo spogliatoio ci ripetiamo che dobbiamo giocare per essere campioni".

13:20Berlino, Nato non è obsoleta, ma di grande significato

(ANSA) - BERLINO, 16 GEN - La Nato "non è obsoleta", ma "è di grande significato per l'Europa e per tutti". Lo hanno detto a Berlino i portavoce del ministero della Difesa e degli Esteri in conferenza stampa, replicando alle affermazioni rilasciate da Donald Trump alla Bild e ad altri tabloid.

13:15Kirghizistan: aereo caduto, ‘probabile errore pilota’

(ANSA) - MOSCA, 16 GEN - "Stando alle informazioni preliminari, la teoria dell'attacco terroristico è esclusa, probabilmente lo schianto è stato causato da un errore del pilota": lo ha dichiarato il vice premier kirghiso Muhammetkaly Abulgaziev a proposito del disastro aereo avvenuto stamane nei pressi dell'aeroporto Manas di Biskek. Secondo una fonte dello scalo sentita dall'agenzia Interfax, c'era una nebbia molto fitta al momento dell'incidente e la visibilità era scarsa. Sempre stando a Interfax, il Boeing si è schiantato a 1,5-2 chilometri dalla pista finendo tra le case del villaggio Dacha-Suu.

13:11Air India inaugura posti per sole donne nei voli interni

(ANSA) - NEW DELHI, 16 GEN - Di fronte al moltiplicarsi delle lamentele per le persistenti molestie sessuali di cui sono oggetto i passeggeri di sesso femminile nei voli in India, a partire da mercoledì la compagnia Air India inaugurerà nei suoi collegamenti interni la disponibilità di sei posti in economica unicamente riservati alle donne. Lo riferisce Ndtv. Inoltre i membri dell'equipaggio riceveranno una dotazione di manette di plastica da utilizzare per limitare i movimenti dei passeggeri "totalmente fuori controllo". La decisione ha ottenuto consenso, ma anche qualche critica. Tre giorni fa, sull'ultimo numero di Cosmopolitan, Hannah Smothers è stata perentoria sostenendo nella sua colonna che "prendere tutte le donne e riunirle da qualche parte non risolve il problema dei passeggeri maschi che sono stronzi".

13:04Scuola: Fedeli, inaccettabile studenti al freddo

(ANSA) - SALERNO, 16 GEN - "E' inaccettabile che nelle scuole vi siano le caldaie rotte e i ragazzi e le ragazze debbano seguire le lezioni al freddo". Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, oggi a Salerno. "Le risorse in tale senso non competono al ministero della Pubblica Istruzione, però nonostante questo abbiamo subito diramato una circolare ai nostri direttori regionali perché facessero immediatamente una verifica anche delle tipologie ordinarie, in realtà straordinarie, di funzionamento delle scuole". "Con questa ricognizione - ha detto il ministro - intendiamo parlare e dialogare con gli enti locali e quindi dentro il nostro rapporto con la Conferenza Stato-Regioni. Noi abbiamo messo molte risorse esattamente su tutte le tipologie di intervento sull'edilizia, ma anche questo è un ambito fondamentale da non trascurare". "Gli studenti devono stare al caldo - ha aggiunto - e stare bene a scuola".

13:02Tennis: Open Australia, Lorenzi e Seppi al 2/o turno

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Azzurri avanti agli Australian Open. Dopo l'uscita all'esordio di Roberta Vinci e Francesca Schiavone, accedono al secondo turno dello slam in corso a Melbourne Paolo Lorenzi e Andreas Seppi: il senese, numero 43 del ranking mondiale, si è imposto 6-4 7-6(4) 6-7(4) 6-4, dopo una battaglia di tre ore e 15 minuti, sull'australiano James Duckworth. Al prossimo turno Lorenzi troverà il serbo Viktor Troicki, numero 29 del seeding. Seppi ha battuto 6-4 7-6(4) 6-7(3) 7-5, in tre ore e cinque minuti di gioco, il francese Paul-Henri Mathieu, numero 75 del ranking mondiale e ora dovrà sfidare il campione di casa Nick Kyrgios, numero 14 Atp. Esordio sfortunato, invece, per Luca Vanni: il 31enne toscano, numero 157, è stato costretto al ritiro dopo 40 minuti nella sfida con Tomas Berdych per un problema all'inguine della coscia destra. Domani tocca a Fabio Fognini e Thomas Fabbiano.

13:00Trump: ‘assicurazione per tutti’ al posto di Obamacare

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Il presidente eletto Donald Trump intende sostituire la legge sulla sanità voluta dal presidente Barack Obama, la cosiddetta Obamacare, con un piano che prevede una "assicurazione per tutti" e allo stesso tempo costringe le case farmaceutiche a negoziare direttamente con il governo i prezzi applicati dai servizi pubblici Medicare e Medicaid. Lo ha detto lo stesso Trump senza entrare nei dettagli durante un'intervista telefonica al Washington Post.

Archivio Ultima ora