Mingo restaurante, con la sazón de las abuelas

Pubblicato il 22 agosto 2016 da redazione

Mingo restaurante, con la sazón de las abuelas

Mingo restaurante, con la sazón de las abuelas

CARACAS. – Desde finales del año pasado Mingo se sumó a la oferta de restaurantes caraqueños, con una propuesta de cocina criolla que reinterpreta los sabores y aromas servidos a lo largo y ancho de Venezuela, evocando la sazón de las abuelas en originales versiones, sin dejar de lado esos platos que gracias a la variada inmigración cultural hemos adoptado como propios.

Ubicado en la plaza Bolívar del pueblo de El Hatillo, fue concebido como un espacio para promover la venezolanidad, de allí su nombre, que hace alusión a la pequeña esfera que marca el juego más popular del país: el de las bolas criollas, y el uso en sus individuales de esas expresiones coloquiales que tanto nos identifican. Todo enmarcado en un ameno espacio en torno a un patio central que permite disfrutar a plenitud la luz natural.

La carta está llena de tentadores platos con una presentación moderna y discreta. Como platos principales ofrecen, entre otras delicias, asado negro con papelón, ají dulce y un toque de vino; pabellón criollo a su estilo; talkarí de cordero en confitura de ají dulce, picante de chireles y arroz blanco; corbullón de pesca blanca servido con arroz con coco; risotto de la negra con trozos de asado negro, queso trenza y pasta de ají amarillo; y El yunque, un chuletón de cerdo coronado con un mojo criollo y mermelada de ciruelas, servido con bastoncitos de papa y ensalada verde.

Para el desayuno de los fines de semana tienen las tradicionales empanadas de maíz, y unas originales de masa de caraota o de ají. Las arepas dicen presente con variados rellenos: está la pepiada; la de pernil horneado con tomates manzanos; la de pabellón; de solomo al grill con aguacate y huevo frito; asado negro con queso guayanés y plátano frito; y la Mingo con carne mechada, huevo pochado, queso crineja y aguacate.

En el carrito de postres se encuentran tradicionales dulces como la marquesa de chocolate, la torta de queso criollo, el emblemático Juan sabroso -elaborado con batata y piña-, y los helados Tilín tilín. También sorprenden al comensal con postres de su inventiva, tal es el caso del Bolas criollas, con una bola de masa de donas calientica y otra de helado, ambas pintadas en chocolate criollo; y el Coco 96, un mousse de coco, dulce de piña y jengibre, con polvo de naiboa y ron Santa Teresa 1796. Para tomar tienen papelón cepillao, jugos de frutas, limonada clásica, frappé y con hierbabuena, y el infaltable café.

Pensando en los más pequeños de la casa tienen Cotufitas de pollo: unas peloticas de pechuga de pollo acompañadas de crujientes papas fritas; y un Dúo de arepitas, una con queso de mano y la otra con diablito y queso fundido.

En materia de bebidas se dieron a la tarea de crear tragos en los que también está presente el toque criollo. En el Alcaraván mezclan cocuy, mandarina, miel, pimienta y soda; en el Gran roque ron, triple sec, jugo de piña y coco; el Catirrusio cobra vida cuando al tequila le adicionan jugos de piña y parchita, y miel.

Para los que prefieren los cocteles suaves y refrescantes tienen Las Mañaneras, mimosas con champan y el jugo elegido por el cliente; así como cervezas de marcas tradicionales y las cada vez más famosas artesanales.

De miércoles a viernes tienen un menú ejecutivo con tres propuestas a un precio inmejorable de Bs. 2.499. La primera ofrece un cruzado de costillas de res con pollo, pabellón criollo al estilo Mingo, con unos buñuelos de masa de caraotas con queso blanco, y como postre galletas de chispas o una torta de queso criollo. El segundo abre con pisca andina con arepitas de trigo, seguida por un sandwinch de pernil, y para cerrar, los postres ya mencionados. En el tercer menú el cerdo cambia por pollo al horno.

En su afán por enaltecer lo nacional, organizan las “Noches de Boche” para propiciar encuentros con reconocidos modeladores de los valores y la excelencia del ciudadano venezolano. En su primera edición contaron con la presencia del músico y flautista Luis Julio Toro, del publicista Juan Carlos Bertorelli, y del comunicador y conferencista Donaldo Barros.

Mingo restaurante es una iniciativa del Grupo Samán Capital, integrada por jóvenes emprendedores responsables de la creación, conceptualización y operación de franquicias como Batys, Los Burros Geniales y Rocket Car Wash, que eligió para Mingo la propuesta culinaria del equipo Cuisine&Ron.

El horario de atención es de miércoles a viernes, entre las 12:00 m y las 11:00 pm, y sábados y domingos de 9:00 am a 11:00 pm, en la calle Santa Rosalía de El Hatillo (Frente a la Plaza Bolívar de El Hatillo y al lado de Gelato e caffe).

Redes Sociales: @MingoRestaurant

Ultima ora

17:00Calcio: Leicester cerca tecnico, il primo nome è Ancelotti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il proprietario di Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, è stato chiaro: dopo il licenziamento di Craig Shakespeare, il club è in cerca di un allenatore di peso, in grado di tirare su la squadra dalle sabbie mobili della bassa classifica. Le 'Volpi' si trovano attualmente al terz'ultimo posto in Premier, davanti solo a Bournemouth e al Crystal Palace. Il primo nome di una lista di tecnici che il patron sta vagliando - secondo quanto riferisce Sport - è quello di Carlo Ancelotti, che ieri sera ha assistito dalla tribuna alla sfida di Champions fra Chelsea e Roma. Difficile che l'ex trainer del Bayern accetti un eventuale incarico, visto che ha sempre dichiarato di non voler prendere alcuna squadra a stagione iniziata. Se Ancelotti rifiutasse, l'alternativa per il proprietario di Leicester sarebbe il gallese Chris Coleman, reduce dalla mancata qualificazione con la Nazionale ai Mondiali. Possibili alternative sono quelle di David Wagner, Huddersfield, Sean Dyche, Burnley, Roy Hodgson, Ryan Giggs o Martin O'Neil.

16:51Malta: ‘bomba su auto azionata da cellulare’

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - La bomba esplosa nell'auto della giornalista maltese, Daphne Caruana Galizia, rimasta uccisa lunedì scorso, 'sarebbe stata azionata grazie ad un cellulare'. Ne sono convinti gli inquirenti che indagano sul delitto stando a quanto scrive il giornale online The Times of Malta. Sono in corso indagini in particolare per capire chi abbia azionato il congegno mortale, dove e quando. Secondo altre fonti citate dal giornale la bomba sarebbe stata posta nella parte inferiore del veicolo sotto il posto del passeggero accanto alla guida. Gli inquirenti sperano anche di essere in grado di poter raccogliere dei dati dal laptop della giornalista pesantemente danneggiato e bruciato in seguito all'esplosione. Inoltre in base al danno subito dall'auto si presume che la bomba contenesse circa mezzo chilo di esplosivo.

16:47Provoca incidenti e inneggia a Isis, arrestato da Cc

(ANSA) - CATANZARO, 19 OTT - Ha provocato una serie di incidenti causando, tra l'altro, il ferimento non grave di due ragazze. E quando ha bloccato l'automobile di cui era alla guida, ha cominciato ad urlare frasi sconnesse riconducibili all'Isis ed a pratiche terroristiche. L'estremismo islamico, comunque, a detta dei carabinieri, non c'entra nulla col comportamento dell'uomo, un trentaduenne di Catanzaro di origini sudamericane in evidente stato di alterazione psicofisica. Nei suoi confronti, così, sono scattati gli arresti domiciliari con l'accusa di danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. I proprietari dei veicoli danneggiati dal trentaduenne nel corso della sua scorribanda hanno presentato denuncia nei suoi confronti per il risarcimento dei danni subiti. (ANSA).

16:45Cade pietra in S.Croce a Firenze, morto turista

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Un turista spagnolo di 52 anni è morto colpito da un elemento architettonico caduto dalla sommità di una navata della Basilica di Santa Croce a Firenze. Inutili i soccorsi del 118 e della polizia municipale.

16:41Torino: revisori, ok a piano rientro ma con qualche riserva

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - E' favorevole, ma con qualche riserva, il parere espresso dai revisori dei conti al piano di rientro annunciato nei giorni scorsi dal Comune di Torino per riportare in equilibrio i conti della Città. Nel documento, i revisori si chiedono se tutte le azioni annunciate dall'amministrazione siano realizzabili. Il piano di rientro, da 80 milioni in quattro anni, prevede tagli alla spesa corrente, dismissioni delle partecipate e degli immobili. Ed è proprio su quest'ultimo punto che si soffermano i dubbi dei revisori. Per gli esperti contabili, inoltre, bisogna capire quale sarà l'effetto dei tagli e delle riorganizzazioni previste sul bilancio. E, pur evidenziando che il debito diminuirà, si chiedono se si riuscirà a raggiungere l'equilibrio. Il parere torna anche sul debito di 5 milioni di euro nei confronti della Ream, per il quale la sindaca Appendino è indagata per falso ideologico. E ribadisce che andava inserito nel bilancio 2017.(ANSA).

16:41Maltrattamenti a disabili: chieste condanne di 3 infermiere

(ANSA) - CAGLIARI, 19 OTT - Per i maltrattamenti sui pazienti disabili dell'Aias di Decimomannu (Cagliari) il pubblico ministero Liliana Ledda ha chiesto la condanna a due anni nei confronti delle operatrici sanitarie Sabrina Carta e Elsa Giorgi, e due anni e otto mesi nei confronti della collega Monica Frau. E' approdata davanti alla Gup del Tribunale di Cagliari, Gabriella Muscas, la parte in abbreviato del procedimento penale scaturito dall'indagine della Procura, affidata ai carabinieri del Nas e della sezione di polizia giudiziaria, nei confronti di operatori socio sanitari e infermieri dell'Aias di Decimomannu accusati di aver picchiato e insultato alcuni dei pazienti ricoverati nella struttura che assiste i malati psichici. Altri otto indagati avevano già scelto il patteggiamento, mentre il processo ai vertici del centro Aias si sta celebrando con rito ordinario davanti in Tribunale e vede imputati il direttore amministrativo, Vittorio Randazzo, e la responsabile del centro Sandra Murgia. I due sono accusati di omissioni d'atti d'ufficio in relazione ai maltrattamenti contestati a vari operatori sanitari della struttura. Per quanto riguarda il dibattimento, si è ancora alle fasi iniziali, con l'accusa che sta portando in aula i propri testimoni. Oggi, invece, il pm Ledda ha concluso la requisitoria nell'abbreviato chiedendo la condanna dei tre operatori colpevoli di maltrattamenti verbali. Nelle prossime udienze la parola passerà alle difese e poi ci sarà la sentenza. (ANSA).

16:28Migranti: operatore Hub denuncia, minacciato con pistola

(ANSA) - BOLOGNA, 19 OTT - Un dipendente di una cooperativa sociale, che lavora nell'Hub regionale dei migranti di Bologna, ha denunciato di essere stato avvicinato all'uscita dal centro da un'auto, minacciato da una persona che gli ha puntato contro una pistola e poi ha sparato due colpi in aria. L'episodio è di lunedì sera e la vittima il giorno dopo si è rivolta ai Carabinieri. Sono in corso indagini e al momento non sono chiari i motivi del gesto intimidatorio, che gli investigatori stanno cercando di inquadrare. L'Hub di via Mattei è la struttura visitata da Papa Francesco durante la sua recente visita a Bologna, luogo dove vengono ospitati gli stranieri sbarcati nell'Italia del Sud, prima di essere smistati nei centri in regione. L'operatore, a quanto si apprende un ragazzo di colore, avrebbe riferito che verso le 21.30, quando era uscito dal centro, è stato avvicinato da due auto e che il passeggero di una di queste gli ha puntato contro l'arma. (ANSA).

Archivio Ultima ora