Juve e Roma già in fuga, Napoli frena e l’Inter stecca

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

Pescara's Ahmad Benali (C) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Pescara Calcio vs SSC Napoli at Adriatico-Giovanni Cornacchia stadium in Pescara, Italy, 21 August 2016.  ANSA/MASSIMILIANO SCHIAZZA

Pescara’s Ahmad Benali (C) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Pescara Calcio vs SSC Napoli at Adriatico-Giovanni Cornacchia stadium in Pescara, Italy, 21 August 2016.
ANSA/MASSIMILIANO SCHIAZZA

ROMA. – Juve e Roma sono già in fuga al termine di una prima giornata ricca di gol, prodezze e fasi difensive ancora da registrare. Le due avversarie più accreditate per il titolo infatti segnano il passo: il Napoli rimonta due gol ad uno scoppiettante Pescara grazie all’ingresso di Mertens ma non riesce a chiudere il conto, anche se lamenta un rigore prima dato a poi negato dall’arbitro. L’Inter invece va incontro ad un amaro e meritato ko in casa di un Chievo in salute che si giova di due prodezze di Birsa ma per De Boer è un inizio ad handicap.

Sorridono felici Milan e Lazio che regolano Torino in casa e Atalanta in trasferta con punteggi roboanti e recuperi sfiorati. I rossoneri festeggiano la tripletta di Bacca, che voleva andare via, ma Belotti si mangia il rigore del 3-3.

In trasferta vincono anche Sassuolo e Sampdoria con un rigore di Berardi e una prodezza di Muriel. Il Bologna fa fuori meritamente il Crotone con un gol alla fine di Mattia Destro mentre il Genoa prima va sotto col Cagliari poi rimonta chiudendo sul 3-1.

All’inferno e ritorno per il Napoli di Sarri che ha forse ancora negli occhi il gol di Higuain nell’esordio con la Juve. Il Pescara domina il primo tempo con azioni ficcanti, fluidità di manovra che annichilisce i partenopei. Passano gli abruzzesi con Benali e raddoppiano con Caprari e gli ospiti sembrano ancora in vacanza. Gabbiadini non prende palla e sembra l’inizio dell’anno scorso.

Nella ripresa entrano Milik e soprattutto Mertens che con una doppietta rimette in carreggiata il Napoli che poi reclama un rigore per fallo su Zielinski ma il risultato rimane sul 2-2.

Va molto peggio all’Inter di De Boer che va incontro a un ko netto contro il solito Chievo di Maran, tosto e intraprendente. I nerazzurri non trovano sbocchi, Banega sembra un fantasma, Perisic entra solo nella ripresa. I veneti alla distanza dominano il campo e passano con una doppietta d’autore di Birsa. Ma la squadra nerazzurra appare frastornata e poco logica.

Fuochi pirotecnici a San Siro per l’esordio di Montella e il ritorno di Mihajlovic: rossoneri sulla spalle di Bacca che spacca la partita con una tripletta, ma il vecchio cuore del Toro non demorde. Belotti va a segno, poi nel recupero si fa parare il rigore del pari da Donnarumma.

Troppa Lazio all’inizio per un’Atalanta da lavori in corso per Gasperini. Cominciano bene i bergamaschi con traversa di Paloschi poi sale in cattedra Immobile che porta in vantaggio Inzaghi, raddoppio di testa di Hoedt e in contropiede sembra chiudere i conti il baby Lombardi, sostituto del discusso Keita. Nella ripresa l’ivoriano Kessie approfitta di due errori di Marchetti per riportarsi sotto. Cataldi riporta in alto la Lazio ma Petagna sigla il 3-4 e fino alla fine la Lazio teme la beffa.

L’Euro-Sassuolo gioca a memoria e ha una preparazione già rodata, il Palermo si è salvato a stento e non si è rinforzata. La Di Francesco-band domina il campo e passa su rigore del suo uomo-simbolo. In Empoli-Sampdoria Il maestro supera l’allievo. Giampaolo dà una lezione di gioco a Martuscello e i doriani vincono con Muriel che segna con una bomba che non dà scampo a Pelagotti.

Comincia male la gara del Genoa di Juric. In contropiede il Cagliari fa male: Sau arpiona bene un pallone difficile e crossa per Borriello che fa secco Lamanna. Poi Giannelli colpisce un palo e in 3′ il Genoa ribalta la gara con due azioni pregevoli di Ntcham e Laxalt, poi Rigoni chiude i conti. La cura Juric cominci a dare i suoi frutti.

Emozioni tra Bologna e Crotone: gli emiliani colpiscono un palo con Mesina, poi si vedono annullare due gol. Sul primo Destro e’ da sanzionare, sul secondo Krejci sembra in posizione regolare ma il Crotone non porta a casa il primo punto in serie A perché alla fine Destro, in campo dopo cinque mesi per infortunio, confeziona il meritato gol della vittoria.

Ultima ora

19:01Expo, pronta memoria difensiva di Giuseppe Sala

(ANSA) - MILANO, 21 LUG - E' pronto a difendersi con una memoria che dovrebbe essere depositata in Procura generale all'inizio della prossima settimana, il sindaco di Milano Giuseppe Sala indagato per falso materiale e ideologico e turbativa d'asta nell'inchiesta con al centro l'appalto per la 'Piastra dei Servizi' di Expo e che vede indagate 8 persone, tra cui il primo cittadino in qualità di ex ad per l'Esposizione Universale, e anche due società. Da quanto si è saputo, infatti, i legali sono al lavoro per completare la memoria difensiva e il difensore di Sala, l'avvocato Salvatore Scuto, potrebbe depositarla il 25 luglio. Quel giorno scadranno i termini fissati dal sostituto pg Felice Isnardi, titolare dell'inchiesta, dopo la chiusura delle indagini e previsti dal codice (sono stati prorogati perché i difensori hanno dovuto attendere diversi giorni prima di poter accedere agli atti) per dare la possibilità agli indagati o di chiedere un interrogatorio o di depositare memorie, come farà appunto la difesa del sindaco.

18:57Atletica: Italia regina 100 m, Tortu oro europeo Under20

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Il ragazzo più veloce d'Europa è italiano e si chiama Filippo Tortu. Il 19enne brianzolo con origini sarde ha conquistato la medaglia d'oro dei 100 metri ai Campionati Europei under 20 in corso a Grosseto. Sul rinnovato rettilineo azzurro dello Stadio Zecchini Tortu è sfrecciato in 10.73 contro un autentico muro di vento (-4.3). Battuti il finlandese Samuel Purola (10.79) e il britannico Oliver Bromby (10.88). "Sapevo di poter vincere - le parole dello sprinter - il tempo non ha alcuna importanza. Esultare davanti a questa tribuna gremita e vedere dalla pista questa incredibile macchia azzurra che mi festeggiava è un'emozione che non riesco a spiegare. Ora correrò la 4x100 con i miei compagni, possiamo fare grandi cose. E poi penserò ai Mondiali di Londra". Si tratta del primo titolo continentale per l'Italia sui 100 nella rassegna juniores.

18:48Pd: al via nel Reggiano la Festa regionale Emilia-Romagna

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 21 LUG - Parte tra una settimana, venerdì 28 luglio, l'ottava edizione della Festa Regionale del Partito Democratico dell'Emilia-Romagna nel Parco Secchia di Villalunga di Casalgrande (Reggio Emilia), in programma fino a Ferragosto. Tra gli ospiti i ministri Delrio (30 luglio), Lotti (1 agosto), Minniti (3), Orlando (4), Madia (8), Martina (9), la Sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi (5), il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini (2), Debora Serracchiani (10), Antonio Decaro (8) e Matteo Richetti (6). Primo dibattito il 28 luglio (ore 21) con il presidente del Pd, Matteo Orfini, e il segretario dell'Emilia Romagna, Paolo Calvano. Sono stati invitati altri ospiti "che potrebbero confermare la loro presenza nei prossimi giorni". Nel programma diffuso oggi dal Pd E-R non compare al momento Matteo Renzi, che è stato presente alle ultime edizioni della Festa. (ANSA).

18:43Francia: ancora veleni per dimissioni capo esercito

(ANSA) - PARIGI, 21 LUG - Ancora veleni in Francia dopo le dimissioni del capo di Stato maggiore dell'esercito, Pierre de Villiers, in aperta polemica con il presidente Emmanuel Macron per i tagli al bilancio della Difesa. In un'intervista pubblicata oggi sul quotidiano Le Figaro, il portavoce del governo, Christophe Castaner - uno dei fedelissimi dell'attuale presidente - ha accusato De Villiers di essere stato "sleale dal punto vista della comunicazione" e di aver "messo in scena le sue dimissioni". Davanti alla commissione Difesa dell'Assemblea Nazionale, il generale aveva tuonato la settimana scorsa contro il taglio di 850 milioni di euro ai militari voluto da Macron per il 2017. De Villiers "si è comportato da poeta rabbioso - rincara Castaner - Avremmo preferito sentire la sua visione strategica (...) piuttosto che i suoi commenti sul bilancio".

18:41Usa: media, Spicer si è dimesso da portavoce Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 21 LUG - Sean Spicer si è dimesso da portavoce del presidente Usa Donald Trump. Lo riferiscono i media americani, apparentemente in contrasto con il presidente per la nuova nomina del direttore della comunicazione alla Casa Bianca, il finanziere Anthony Scaramucci.

18:34Gentiloni, da Ue pretendiamo solidarietà

(ANSA) - TORINO, 21 LUG - "Dai nostri vicini, dai Paesi che condividono il progetto europeo abbiamo diritto di pretendere solidarietà. Non accettiamo lezioni né parole minacciose. Serenamente ci limitiamo a dire che noi facciamo il nostro dovere e pretendiamo che l'Europa faccia il proprio senza darci improbabili lezioni". Lo ha detto a Torino il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, dopo l'invito dei leader del gruppo di Visegard a "chiudere i porti" per arginare i flussi migratori.

18:26Fiorentina: striscione contro Corvino ‘Dimettiti’

(ANSA) - MOENA (tn), 21 LUG - 'Venderesti anche te stesso, Corvino dimettiti'. Questo lo striscione esposto sulle cancellate del campo Benatti di Moena dove da quasi due settimane si sta allenando la Fiorentina. Uno striscione apparso in coincidenza dell'arrivo, questo pomeriggio, del direttore generale viola nel ritiro della squadra insieme al presidente esecutivo Mario Cognigni. I tifosi viola sono sempre più arrabbiati e delusi dopo l'ultima cessione, quella di Federico Bernardeschi alla Juventus definita in queste ore. E proprio all'ormai ex attaccante della Fiorentina è stato 'dedicato' a Moena l'ennesimo striscione di protesta.

Archivio Ultima ora