La sfida del Primo settembre

Pubblicato il 22 agosto 2016 da redazione

La sfida del Primo settembre

La sfida del Primo settembre

Mauro Bafile

Ormai non si parla d’altro. Il primo settembre si è trasformato nel “leit motiv” di politici, professionisti, universitari, studenti, casalinghe e pensionati. E motivi abbondano. Il primo settembre, governo e opposizione si giocano la propria credibilità. Non possono commettere errori in quella che sarà una vera e propria manifestazione di forza.

L’opposizione deve assolutamente riuscire a organizzare una protesta oceanica, come ha promesso. D’altronde, le condizioni non mancano: i venezuelani sono stanchi delle promesse incompiute del governo, delle lunghe file sotto il sole alle porte dei panifici, dei supermarket o delle farmacie, stanchi del razionamento e degli acquisti programmati secondo il numero del documento d’identità.

Sono estenuati dalle lunghe attese per acquistare generi alimentari o medicine che alla fine della giornata restano, il più delle volte, “uccel di bosco”.

Jesús “Chuo” Torrealba ha promesso, per il primo settembre, una manifestazione “come poche volte si sono viste in Venezuela”; una “presa di Caracas” per esigere che il Consiglio Nazionale Elettorale renda nota l’agenda del Referendum. L’opposizione accusa l’organismo elettorale di “giocare sui tempi” di realizzazione della consulta popolare per neutralizzare l’obiettivo del “Tavolo dell’Unità”: nuove elezioni presidenziali. L’opposizione vuole l’azzeramento del governo attuale; il Cne, se proprio non può evitarlo, cerca di spostare il Referendum al 2017 per ottenere un cambio gattopardiano, al vertice del Paese, le cui redini passerebbero al vicepresidente.

Sono tanti gli ostacoli che il “Tavolo dell’Unità” dovrà superare per convincere i venezuelani a partecipare alla manifestazione del primo settembre. In primis, la paura.

Il governo del presidente Maduro e i simpatizzanti del Psuv, lo zoccolo duro del “chavismo”, sanno bene che il successo dell’Opposizione rappresenterebbe la loro débâcle. Sarebbero indeboliti internamente e screditati all’estero; al Cne resterebbe poco margine di manovra e anche la Corte Costituzionale, trasformatasi nella mano destra del governo, avrebbe grosse difficoltà nel continuare a vanificare l’azione del Parlamento.

Il governo ha deciso di giocare, dunque, la carta della paura. Il 18 agosto, il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha promesso mano dura nel caso che la protesta organizzata dall’opposizione si trasformasse in un movimento sovversivo per rimuoverlo con la forza. E ha assicurato che la reazione di Erdogan al “golpe” sarebbe cosa da lattanti in comparazione con quella che avverrebbe in Venezuela.

In Turchia, all’indomani del tentativo di “Putsch” sono scomparsi decine e decine di cittadini, centinaia di migliaia sono stati imprigionati e un numero altrettanto numeroso è rimasto sotto stretta sorveglianza. Una reazione solo immaginabile in un governo dittatoriale.

Dopo il fallito “Golpe” dell’estinto presidente Chávez, le istituzioni democratiche funzionarono com’era da aspettarsi: in prigione, rispettando i diritti umani, finirono i capi della rivolta ma nessuno fu perseguitato. Chi scappò all’estero lo fece perché coinvolto nel complotto.

gnb

I posti di blocco della polizia in assetto antisommossa, della Guardia Nazionale con mezzi anfibi, e dell’esercito protetti dai sacchi di terra, come in tempo di guerra, sono sempre più numerosi nelle strade di Caracas. Si ha l’impressione di un Paese in guerra ma non si capisce contro chi. La delinquenza dilagante continua a mietere vittime per nulla intimorita dalla presenza massiccia delle forze dell’Ordine che invece spaventa i cittadini onesti.

Se ciò non bastasse, alle minacce del presidente della Repubblica si somma la “caccia alle streghe” promossa dall’ex presidente del Parlamento e vicepresidente del Psuv, Diosdado Cabello. Il leader politico insiste nella tesi secondo cui nell’amministrazione pubblica e nelle aziende dello Stato non vi è posto per i simpatizzanti dell’Opposizione e ha invitato a denunciare chi non è di chiara fede “chavista”.

Nei ministeri, nell’holding petrolifera nazionale, nelle imprese dello Stato si respira un clima da inquisizione. Basta una parola, una frase mal detta o mal interpretata, una battuta e si corre il pericolo d’essere esposti al disprezzo pubblico, di essere messi alla gogna e di ricevere la lettera di licenziamento, in contrasto con le disposizioni emesse dal presidente Maduro.

Mentre Governo e opposizione si preparano ad affrontare il giorno dell’esame, l’inflazione galoppante castiga tutti i venezuelani, senza eccezione. Stando al “Cenda”, l’organismo della Federazione dei Maestri, il carrello della spesa a giugno, per una famiglia di cinque persone, è costato circa 270mila bolívares. Una cifra da capogiro giacché, anche con i nuovi aumenti, lo stipendio del venezuelano raggiunge appena i 22mila bolívares e se a esso si sommano i “cesta-ticket” (buoni che accompagnano lo stipendio pur senza gravare sul calcolo dei contributi che l’azienda deve versare) non supera i 65mila bolívares.

Stando a Econometrica, poi, il potere d’acquisto del salario minimo integrale a luglio del 2016 rappresentava un terzo di quello dello stesso mese del 2007. In altre parole, in 9 anni si è ridotto del 75 per cento.

L’erosione della qualità di vita del venezuelano spiega ampliamente il clima di insoddisfazione che si respira nel Paese.

Il governo scommette in una ripresa del prezzo del greggio per affrontare la grave crisi. Per il momento l’azione diplomatica del ministro dell’energia, Eulogio Del Pino, e della ministro degli Esteri, Delcy Rodríguez, ha ottenuto magri risultati. Il governo vorrebbe che l’Opec, nella prossima riunione, fissasse un tetto di produzione per promuovere il riequilibrio dei prezzi verso l’alto.

Per il Venezuela, che ormai produce solo 2,36 milioni di barili al giorno, una riduzione della produzione non avrebbe un’incidenza eccessiva poiché comunque non potrebbe produrre maggiori quantità a causa dell’inefficienza dell’industria e la carenza di un’appropriata manutenzione dell’infrastruttura. Servirebbe, però, ad ottenere maggiori introiti.

Sarà d’accordo il resto dei membri del cartello? Sarà disposto l’Iran a ridurre il livello di produzione nel momento in cui il suo obiettivo è riconquistare il mercato perso durante gli anni dell’embargo?

Ultima ora

21:52Azzardo: Piemonte ribadisce sì a propria legge regionale

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - Il Consiglio regionale del Piemonte ribadisce il sì alla legge contro il gioco d'azzardo, più restrittiva di quella nazionale, i cui vincoli sono entrati in vigore lunedì. Un ordine del giorno impegna la Giunta Chiamparino a dare "piena applicazione" alla legge. Il documento, proposto da Pd e maggioranza, è stato approvato anche con i voti del M5S, dopo una piccola modifica. Astenuti invece Fi, Lega e Mns. In una lettera al ministero dell'Economia, l'associazione Astro che raccoglie i gestori di slot machine, aveva chiesto di "sospendere l'applicazione del prelievo erariale su circa 20 mila macchine da gioco in Piemonte, per le quali la nuova legge regionale impone la rimozione". E in una recente intervista, Pier Paolo Baretta, aveva paventato un danno erariale. "Con questa discussione - ha detto Chiamparino, durante un acceso dibattito - mi pare si metta una parola chiara e definitiva che ci permette di assumerci piena responsabilità per garantire l'applicazione di questa importante legge". (ANSA).

21:51Champions: Pjanic, con Barca possiamo prenderci gli ottavi

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Il nostro obiettivo è qualificarci per gli ottavi e domani abbiamo l'occasione di centrarlo. Cercheremo di impedire al Barcellona di sviluppare il suo gioco e di fargli gol". Così Miralem Pjanic alla vigilia della partita dei bianconeri contro i blaugrana. "La sconfitta con la Sampdoria ci rode, non doveva capitare - ha detto il centrocampista bosniaco - dobbiamo riprendere subito in mano la situazione e il modo migliore per riuscirci è una bella vittoria. Nel Barcellona ci sono giocatori straordinari, ma giochiamo alla pari: siamo in casa, siamo la Juve, vogliamo i tre punti per arrivare alla qualificazione già domani".

21:49Calcio: Allegri, per ora Juve è da quarto posto

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Per i numeri che abbiamo espresso finora, siamo da quarto posto in campionato". Così Massimiliano Allegri: "Tutti, dall'allenatore al magazziniere - ha detto l'allenatore della Juventus - dobbiamo voglia di arrivare fino in fondo, a vincere questo benedetto 7/o scudetto di fila che sarebbe storico. Dobbiamo avere grande dedizione e in certi momenti essere un blocco unico come squadra".

21:46Allegri, Barca ha equilibrio mancato finora a Juve

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Rispetto all'anno scorso il Barcellona ha più equilibrio, concede di meno agli avversari". Ed è quello che è mancato finora alla Juventus, dice Massimiliano Allegri. "Dobbiamo arrivare a quell'equilibrio che ci consenta di concedere meno tiri. Non è una questione di sistema di gioco - ha aggiunto - ma di caratteristiche dei giocatori messi in campo. Specie in trasferta dobbiamo imparare a essere più ordinati: nel finale di Genova eravamo spaccati in due, sembrava quasi una partita scapoli-ammogliati".

21:13Renzi, Mdp? Pronto riunire i cocci ma no all’art.18

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Non sono ottimista" sull'unità di tutto il centrosinistra ma "abbiamo tempo: Mdp e la sinistra di Fratoianni hanno scelto di fare un'assemblea il 3 dicembre. Ho dato l'incarico a una personalità autorevole come Piero Fassino di provare a rimettere insieme i cocci. Ma le nozze si fanno in due, poi tocca a loro". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi a Porta a Porta. Alla domanda se sia disposto ad aprire alla reintroduzione dell'articolo 18, risponde: "No, lo abbiamo detto da sempre".

21:02Appalti sanità, corruzioni prescritte per fratelli Tarantini

(ANSA) - BARI, 21 NOV - Il Tribunale di Bari ha dichiarato la prescrizione di tutti i reati di corruzione, concussione e turbativa d'asta contestati ai fratelli Gianpaolo e Claudio Tarantini e all'ex primario di neurochirurgia del Policlinico di Bari Pasqualino Ciappetta, relativi alle presunte gare truccate per forniture di attrezzature chirurgiche fra il 2006 e il 2009. I giudici hanno condannato il medico a 1 anno e 6 mesi di reclusione per l'unico reato non ancora prescritto, la presunta truffa ai danni del Policlinico. Nonostante avesse un contratto in esclusiva con l'azienda ospedaliera barese, Ciappetta operava infatti nei fine settimana nella clinica 'Villa del Rosario' a Roma. Per questo i giudici hanno disposto anche il sequestro di circa 70mila euro, pari all'ingiusto profitto, e hanno condannato Ciappetta al risarcimento danni nei confronti delle parti civili costituite: Policlinico, Università degli Studi di Bari e Regione Puglia. Ciappetta ha ottenuto la pena sospesa, a patto che risarcisca i danni entro sei mesi.

21:00Calcio: Valverde, Messi? Per adesso godiamocelo

(ANSA) - TORINO, 21 NOV - "Messi? Per adesso è qua, godiamocelo senza parlare più di tanto e senza pensare alla firma che non arriva ancora...". Il tema del futuro del fuoriclasse del Barcellona tiene banco anche a Torino, alla vigilia del match contro la Juventus. Ne ha parlato, a lungo, anche Ratikic, nella conferenza stampa nell'Allianz stadium. "Anch'io vorrei vedere la firma - ha detto il centrocampista croato - e tutti noi al Barca lo appoggeremo, perché vogliamo che resti con noi e confido in questo. Se ha deciso di aspettare per la firma del nuovo contratto avrà i suoi buoni motivi. Sono fiducioso, ma lasciamolo tranquillo, senza farlo impazzire con tutte queste parole".

Archivio Ultima ora