Renzi, Merkel e Hollande: “L’Europa non è finita con Brexit”

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

A handout picture made available by Chigi Palace Press Office on 22 August 2016 shows Italian Prime Minister Matteo Renzi (C), French President Francois Hollande (L) and German Chancellor Angela Merkel, during a press conference at the end of their meeting on the Italian military ship 'Garibaldi' near Ventotene Island, Tirreno sea, Italy, 22 August 2016.  EPA/TIBERIO BARCHIELLI / CHIGI PALACE PRESS OFFICE /

A handout picture made available by Chigi Palace Press Office on 22 August 2016 shows Italian Prime Minister Matteo Renzi (C), French President Francois Hollande (L) and German Chancellor Angela Merkel, during a press conference at the end of their meeting on the Italian military ship ‘Garibaldi’ near Ventotene Island, Tirreno sea, Italy, 22 August 2016.
EPA/TIBERIO BARCHIELLI / CHIGI PALACE PRESS OFFICE /

VENTOTENE – Non è finita l’Europa del post-Brexit. Non è finita l’Europa dei populismi, della crescita a singhiozzo, della minaccia del terrore. Il vertice di Ventotene, prima tappa di un percorso che avrà il suo epilogo il 25 marzo del 2017, serve innanzitutto a ribadire agli europei e a al mondo intero un concetto: l’Ue deve avere e avrà un futuro.

E ad assicurarlo sono i tre maggiori leader del vecchio continente, Matteo Renzi, Angela Merkel e Francois Hollande, riuniti sul ponte di volo della nave Garibaldi per un summit senza precedenti. A fare da sfondo non sono gli edifici delle istituzioni Ue ma l’isola che ospitò, all’inizio degli anni ’40, uno dei padri dell’Europa unita, Altiero Spinelli.

Ed è proprio il Manifesto di Ventotene ad essere il convitato di pietra di un summit articolato in tre parti: la prima con l’omaggio dei tre leader alla tomba di Spinelli, la conferenza stampa a bordo della Garibaldi, la cena in cui i tre hanno messo sul tavolo temi e proposte del vertice. Proposte che, sulla scia del vertice di Berlino di giugno, vanno dalla sicurezza comune ai giovani, fino alla crescita.

– Molti hanno pensato che dopo la Brexit l’Ue fosse finita. Non è così: abbiamo voglia di scrivere il futuro – è il concetto che Renzi presenta ad un summit che – è il mantra ripetuto dai tre leader, a partire dalla cancelliera – non vuole essere un ‘direttorio’ ma una tappa che avrà il suo naturale seguito nell’incontro informale a 27 di settembre a Bratislava.

E, in vista del summit, Renzi, Hollande e Merkel concordano su alcuni temi cardine, a cominciare dalla difesa comune, in merito alla quale Hollande chiede “maggior coordinamento, più mezzi e più risorse” e sottolinea come Francia, Italia e Germania stiano lavorando “per una guardia costiera comune dell’Ue”.

Anche perché, ribadisce Hollande trovando sulla stessa lunghezza d’onda i suoi interlocutori, “spetta all’Europa proteggersi ma anche accogliere chi è spinto all’esilio mettendo spesso a rischio la propria vita”.
E sull’immigrazione anche Angela Merkel non si risparmia.

– Dobbiamo garantire un’Europa sicura, migliorare gli scambi tra i servizi – spiega la Bundeskanzlerin, ricordando l’importanza dei partenariati con gli Stati africani (cuore del Migration Compact proposto da Roma) e rimarcando, in un contesto diplomatico quanto mai critico, l’importanza della cooperazione con la Turchia senza la quale “non vinceremmo la lotta contro gli scafisti”.

La tragedia di Aleppo (“sarà la nostra vergogna se non interveniamo”, dice Hollande) e l’ampliamento del programma Erasmus sono tra i temi toccati dai tre leader sui quali pende una crescita economica ancora ad alto rischio.

– Vogliamo misure forti e investimenti di qualità – sottolinea il capo del governo italiano con un occhio anche alla partita italiana sulla flessibilità ed assicurando come l’obiettivo sia quello della riduzione del deficit.

– Credo che il patto di stabilità ha molte possibilità di flessibilità – replica Merkel ‘benedicendo’ le riforme renziane ma rimandando a “verifiche future” la proposta francese di raddoppiare il piano Juncker.

Il tema flessibilità, il 31 agosto, sarà probabilmente al centro del bilaterale Renzi-Merkel a Maranello. Nel frattempo il premier, reimpostando il format dei vertici ristretti che nel 2012 aveva utilizzato anche Mario Monti, si ritaglia un ruolo di primissimo piano nel programma di rilancio europeo.

– E’ facile lamentarsi e l’Europa è un capro espiatorio ideale – scandisce Renzi con un occhio ai populismi italiani prima di salutare i cronisti citando ancora una volta Spinelli (“La via non è facile, non è sicura, ma deve essere percorsa e lo sarà”) e annunciando che il carcere di Santo Stefano dove Spinelli, Pertini e Terracini furono imprigionati diventerà una scuola per la formazione della nuova elite europea.

(Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

00:24Furgone travolge bimbi e donna in gelateria

(ANSA) - FIRENZE, 21 LUG - Un furgone ha travolto quattro persone che si trovavano in una gelateria a Firenze. E' accaduto poco dopo le 22 in via Quintino Sella, all'immediata periferia est della città. I quattro feriti sono tre bambini: una bimba di sei anni, la più grave, trasportata in codice rosso all'ospedale pediatrico Meyer, un bambino della stessa età ed una bimba di tre anni, anche loro ricoverati al Meyer ed una donna. Non è ancora chiara la dinamica dell'incidente, ma il furgone, secondo le prime ipotesi, avrebbe sbagliato una manovra e, senza controllo, sarebbe "entrato" nella gelateria all'immediata periferia est del capoluogo toscano, falciando alcuni degli avventori dopo aver travolto i tavolini che si trovano davanti all'ingresso del locale. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 e la polizia municipale.

00:21Calcio: Germania vince 2-1, Italia eliminata

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Sconfitta per 2-1 dall Germania l'Italia femminile di calcio esce dall'Europeo in Olanda. A Tilburg le giocatrici di Antonio Cabrini perdono, perdono ma non soccombono di fronte alle più quotate avversarie: campionesse olimpiche, detentrici del titolo continentale e vincitrici delle ultime sei edizioni. Però cuore, carattere e belle giocate non bastano. Arriva il secondo ko, dopo quello all'esordio contro la Russia. Vantaggio tedesco al 19'. Su un pallone spiovente nell'area piccola, Giuliani perde la sfera, lasciando la porta sguarnita per il gol di testa della Henning. Al 29' il pari dell'Italia. Contropiede sulla sinistra di Bonansea e cross basso sul primo palo dove Ilaria Mauro anticipa Schult con un rasoterra. L'attaccante della Fiorentina dovrà uscire nel finale di primo tempo per la distorsione ad una caviglia. Al 21' della ripresa Germania di nuovo avanti su rigore, causato dal fallo di Giuliani su Mittag. Dal dischetto Peter realizza. Italia in 10 per l'espulsioni di Bartoli al 24'.

23:49Pallanuoto: Australia-Italia 5-13

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Il Settebello ha vinto, ma non è riuscito a battere l'Australia con almeno 11 reti di scarto, condizione indispensabile per primeggiare nel girone B del Mondiale di pallanuoto, in corso a Budapest. Nella terza ed ultima gara della fase di qualificazione, i ragazzi del ct Sandro Campagna hanno prevalso 13-5 (parziali 5-2, 8-2, 10-5), ma il raggruppamento è stato vinto dall'Ungheria (che ha chiuso con 5 punti come l'Italia) grazie alla migliore differenza reti. I padroni di casa aveva battuto 13-3 i 'canguri'. Domenica, negli ottavi, il Settebello affronterà il Kazakistan. Passa nella parte apparentemente più complicata del tabellone, con la Croazia che aspetta nel quarti e la Serbia probabile semifinalista.

23:29Isis: Mattis, ‘credo che al Baghdadi sia vivo’

(ANSA) - NEW YORK, 21 LUG - Il segretario alla Difesa americano, John Mattis, ritiene che il leader dello stato islamico Abu Bakr al Baghdadi sia ancora vivo e abbia un ruolo nell'organizzazione. ''Credo sia ancora vivo'' dice Mattis, secondo quanto riportato dai media americani.

22:32Calcio: Lotito, “Keita? Nessuna offerta da Inter e Juve”

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - "Le offerte arrivate per Keita? Quella del West Ham è pubblica. Le offerte di Juventus e Inter non sono arrivate. Dall'estero sì". Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, commenta così la situazione sulla possibile partenza di Keita, ormai separato in casa con il club biancoceleste. "Io con Keita osservo, faccio l'osservatore. Per Keita sono arrivate diverse offerte importanti. Abbiamo lasciato libero di scegliere il giocatore. La società troverà le soluzioni adeguate", ha aggiunto Lotito parlando dal ritiro di Auronzo di Cadore. Riguardo al rinnovo de giocatore "non ho proposto nulla, non sono un operatore di mercato. Abbiamo tanti ruoli in società, ognuno fa il suo. Il mercato non lo faccio io".

22:19Nuoto: Mondiali sincro, il misto libero in finale

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Il "Paradiso perduto" del campione del mondo Giorgio Minisini e della sua partner del misto libero Mariangela Perrupato è in finale ai Mondiali di sincronizzato, in corso a Budapest. Ingresso con il secondo punteggio della routine: 90.8333 punti e "si può fare ancora meglio", assicurano i protagonisti, ma "oggi era importante rompere il ghiaccio". Meglio di tutti fanno i russi: Mikhaela Kalancha e Aleksandr Maltsev ricevono di più, 92.0000 e gli statunitensi Bill May e Kanako Kitao Splendlove sono terzi con 88.0333. Domani alle 19 la finale.

21:17Incendi Vesuvio: interventi sul campo per prevenire roghi

(ANSA) - NAPOLI, 21 LUG - Rafforzare il meccanismo di controllo del territorio e il tempestivo avvistamento degli incendi. E' la priorità scaturita dall'incontro in Prefettura a Napoli sulla emergenza roghi che sta interessando il versante del Vesuvio. Al tavolo oltre al Prefetto di Napoli, Carmela Pagano, c'erano i tredici sindaci (o loro delegati) della Comunità del Parco Nazionale del Vesuvio: Boscoreale, Boscotrecase, Ercolano, Massa di Somma, Ottaviano, Pollena Trocchia, San Giuseppe Vesuviano, San Sebastiano al Vesuvio, Sant'Anastasia, Somma Vesuviana, Terzigno, Torre del Greco, Trecase. ''L'incontro ha assolto egregiamente la sua finalità, cioè creare un piu' forte coordinamento tra tutti gli attori istituzionali che sono chiamati in causa da eventi come gli incendi boschivi, in modo da ottimizzare le risorse che di certo non sono illimitate'', ha spiegato il prefetto a termine della riunione che ha definito ''molto collaborativa e concreta''.

Archivio Ultima ora