Renzi, Merkel e Hollande: “L’Europa non è finita con Brexit”

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

A handout picture made available by Chigi Palace Press Office on 22 August 2016 shows Italian Prime Minister Matteo Renzi (C), French President Francois Hollande (L) and German Chancellor Angela Merkel, during a press conference at the end of their meeting on the Italian military ship 'Garibaldi' near Ventotene Island, Tirreno sea, Italy, 22 August 2016.  EPA/TIBERIO BARCHIELLI / CHIGI PALACE PRESS OFFICE /

A handout picture made available by Chigi Palace Press Office on 22 August 2016 shows Italian Prime Minister Matteo Renzi (C), French President Francois Hollande (L) and German Chancellor Angela Merkel, during a press conference at the end of their meeting on the Italian military ship ‘Garibaldi’ near Ventotene Island, Tirreno sea, Italy, 22 August 2016.
EPA/TIBERIO BARCHIELLI / CHIGI PALACE PRESS OFFICE /

VENTOTENE – Non è finita l’Europa del post-Brexit. Non è finita l’Europa dei populismi, della crescita a singhiozzo, della minaccia del terrore. Il vertice di Ventotene, prima tappa di un percorso che avrà il suo epilogo il 25 marzo del 2017, serve innanzitutto a ribadire agli europei e a al mondo intero un concetto: l’Ue deve avere e avrà un futuro.

E ad assicurarlo sono i tre maggiori leader del vecchio continente, Matteo Renzi, Angela Merkel e Francois Hollande, riuniti sul ponte di volo della nave Garibaldi per un summit senza precedenti. A fare da sfondo non sono gli edifici delle istituzioni Ue ma l’isola che ospitò, all’inizio degli anni ’40, uno dei padri dell’Europa unita, Altiero Spinelli.

Ed è proprio il Manifesto di Ventotene ad essere il convitato di pietra di un summit articolato in tre parti: la prima con l’omaggio dei tre leader alla tomba di Spinelli, la conferenza stampa a bordo della Garibaldi, la cena in cui i tre hanno messo sul tavolo temi e proposte del vertice. Proposte che, sulla scia del vertice di Berlino di giugno, vanno dalla sicurezza comune ai giovani, fino alla crescita.

– Molti hanno pensato che dopo la Brexit l’Ue fosse finita. Non è così: abbiamo voglia di scrivere il futuro – è il concetto che Renzi presenta ad un summit che – è il mantra ripetuto dai tre leader, a partire dalla cancelliera – non vuole essere un ‘direttorio’ ma una tappa che avrà il suo naturale seguito nell’incontro informale a 27 di settembre a Bratislava.

E, in vista del summit, Renzi, Hollande e Merkel concordano su alcuni temi cardine, a cominciare dalla difesa comune, in merito alla quale Hollande chiede “maggior coordinamento, più mezzi e più risorse” e sottolinea come Francia, Italia e Germania stiano lavorando “per una guardia costiera comune dell’Ue”.

Anche perché, ribadisce Hollande trovando sulla stessa lunghezza d’onda i suoi interlocutori, “spetta all’Europa proteggersi ma anche accogliere chi è spinto all’esilio mettendo spesso a rischio la propria vita”.
E sull’immigrazione anche Angela Merkel non si risparmia.

– Dobbiamo garantire un’Europa sicura, migliorare gli scambi tra i servizi – spiega la Bundeskanzlerin, ricordando l’importanza dei partenariati con gli Stati africani (cuore del Migration Compact proposto da Roma) e rimarcando, in un contesto diplomatico quanto mai critico, l’importanza della cooperazione con la Turchia senza la quale “non vinceremmo la lotta contro gli scafisti”.

La tragedia di Aleppo (“sarà la nostra vergogna se non interveniamo”, dice Hollande) e l’ampliamento del programma Erasmus sono tra i temi toccati dai tre leader sui quali pende una crescita economica ancora ad alto rischio.

– Vogliamo misure forti e investimenti di qualità – sottolinea il capo del governo italiano con un occhio anche alla partita italiana sulla flessibilità ed assicurando come l’obiettivo sia quello della riduzione del deficit.

– Credo che il patto di stabilità ha molte possibilità di flessibilità – replica Merkel ‘benedicendo’ le riforme renziane ma rimandando a “verifiche future” la proposta francese di raddoppiare il piano Juncker.

Il tema flessibilità, il 31 agosto, sarà probabilmente al centro del bilaterale Renzi-Merkel a Maranello. Nel frattempo il premier, reimpostando il format dei vertici ristretti che nel 2012 aveva utilizzato anche Mario Monti, si ritaglia un ruolo di primissimo piano nel programma di rilancio europeo.

– E’ facile lamentarsi e l’Europa è un capro espiatorio ideale – scandisce Renzi con un occhio ai populismi italiani prima di salutare i cronisti citando ancora una volta Spinelli (“La via non è facile, non è sicura, ma deve essere percorsa e lo sarà”) e annunciando che il carcere di Santo Stefano dove Spinelli, Pertini e Terracini furono imprigionati diventerà una scuola per la formazione della nuova elite europea.

(Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

15:30Marra:riserva tribunale su questioni preliminari,rinvio 30/5

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Udienza dedicata alla questioni preliminari, con riserva di pronunciamento da parte del tribunale, quella di oggi al processo che vede imputati l'ex capo di Gabinetto del Campidoglio Raffaele Marra e l' immobiliarista Sergio Scarpellini per corruzione. Il collegio della II sezione penale non ha autorizzato riprese tv e audio, previo parere negativo espresso dagli avvocati di Marra e Scarpellini, ritenendo che non sussista un rilevante interesse sociale. La riserva dei giudici sulle questioni preliminari sarà sciolta nell'udienza del 30 maggio e in quell'occasione ci sarà anche l'esame delle liste testi. In quella di Marra compare anche il nome della sindaca di Roma Virginia Raggi. Marra e Scarpellini, ai domiciliari, devono rispondere di corruzione per la vicenda dei 370mila euro dati, nel 2013, dall'immobiliarista al dirigente comunale per l'acquisto di un appartamento. Secondo la procura la dazione di Scarpellini era finalizzata a ottenere favori alla luce della posizione occupata in Campidoglio da Marra.

15:24Sisma: lunedì visita Presidente Mattarella in Emilia

(ANSA) - BOLOGNA, 26 MAG - Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sarà in Emilia lunedì 29 maggio, a cinque anni dalla seconda scossa che inferse un ennesimo, duro colpo a un territorio già ferito dal sisma del 20 maggio. Lo ricorda un comunicato della Regione Emilia-Romagna. Il filo rosso della visita del capo dello Stato sarà la ricostruzione dei luoghi del sapere e toccherà Mirandola nel modenese e Pieve di Cento nel bolognese, due luoghi fortemente colpiti dalla devastazione del sisma, ma anche simbolo della ricostruzione e della rinascita. Nella stessa giornata sarà in Emilia anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che visiterà la "Casa della salute Terre d'Acqua Barberini" a Crevalcore (Bologna), anch'essa ricostruita dopo il terremoto del 2012. (ANSA).

15:16Bullismo: estorcono soldi a compagno scuola, 5 indagati

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 26 MAG - All'inizio la cifra 'pattuita' settimanalmente era di 20 euro ma poi con il trascorrere del tempo le richieste sono aumentate, passando a 40, 50 e fino ad arrivare a 500 euro. Vittima delle richieste estorsive uno studente, minorenne, di un istituto superiore di Empoli che in cinque mesi è stato costretto a versare 1300 euro ai suoi 'aguzzini', cinque ragazzi, anche loro minori, che frequentano il suo stesso istituto e che ora risultano indagati. L'ultima richiesta è stata di 500 euro. La banconota è stata notata da un suo compagno di scuola che insospettito si è rivolto ad un professore che a sua volta ha ascoltato la vittima che, in lacrime, ha raccontato quello che stava accadendo. L'insegnante ha allertato la polizia che ha iniziato le indagini. Gli agenti del commissariato di Empoli, diretti dal Francesco Zunino e coordinati dalla Procura della Repubblica, Tribunale per i minorenni, sono riusciti a risalire ai cinque ora indagati per estorsione continuata aggravata in concorso tra loro.

15:08Calcio: Agnelli-ultras, al via il processo in Figc

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Al via in Figc il processo sportivo alla Juventus e al suo presidente Andrea Agnelli per il caso dei rapporti con gli ultrà. Agnelli è giunto al Tribunale federale nazionale alle 13:30 per il procedimento di fronte alla Sezione disciplinare presieduta da Cesare Mastrocola. Agnelli è stato deferito dalla Procura federale per la presunta violazione degli articoli 1 bis (lealtà sportiva) e 12 (rapporti con i tifosi); la Juventus per responsabilità diretta. Secondo il procuratore Giuseppe Pecoraro, il presidente della Juventus avrebbe autorizzato la fornitura di abbonamenti e biglietti in numero superiore al consentito, favorendo così il bagarinaggio, e partecipato ad incontri con ultras, tra cui Rocco Dominello, imputato al processo "Alto Piemonte" per legami con la criminalità organizzata. Con il n.1 bianconero sono a processo Francesco Calvo, all'epoca direttore commerciale della Juventus, Alessandro Nicola D'Angelo, security manager bianconero, e Stefano Merulla, responsabile del ticket office del club.

15:05Kushner e Ivanka non sono al G7

(ANSA) - TAORMINA, 26 MAG - Ivanka Trump con il marito Jared Kushner non sono a Taormina ma sono già rientrati a Washington. Lo riferiscono fonti della Casa Bianca, spiegando come genero e figlia del presidente hanno lasciato la delegazione Usa subito dopo la visita a Roma. Su Kushner nelle ultime ore si è abbattuta la tempesta del Russiagate.

15:00G7: centri sociali da Napoli verso Taormina

(ANSA) - NAPOLI, 26 MAG - Partiranno questa sera per Catania circa 150 appartenenti a Centri sociali di Napoli per unirsi a Taormina alle manifestazioni contro il G7. Si tratta degli appartenenti al Centro sociale Insurgencia, che saranno accompagnati dai consiglieri comunali Eleonora di Majo e Rosario Andreozzi, del Movimento Dema del sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che stamattina ha salutato i manifestanti in partenza. L'imbarco per Catania è previsto per le ore 21.

14:56Moto: Valentino Rossi, meno dolore al petto e all’addome

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Secondo il comunicato sulle condizioni di salute del pilota di Tavullia pubblicato sul proprio sito dalla scuderia Yamaha, Valentino Rossi "ha passato serenamente la notte all'ospedale Infermi di Rimini ed è stato visitato questa mattina dai dottori. Valentino ha spiegato di sentire minore dolore sia al petto, sia all'addome rispetto alla scorsa notte. Il dolore è il risultato di lievi lesioni al fegato e al rene che non si sono sviluppate in ulteriori complicazioni". Sempre secondo il comunicato emesso dal team per cui corre in MotoGp, "Valentino continuerà a ricevere il sostegno per il dolore per le prossime 12 ore e, nel corso della giornata, sosterrà test diagnostici di routine. Se i risultati saranno positivi - conclude il comunicato - potrebbe essere dimesso dall'ospedale entro la giornata".

Archivio Ultima ora