Storico processo all’Aja, jihadista imputato per crimine di guerra si dichiara colpevole

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

Ahmad Al Faqi Al Mahdi appears at the International Criminal Court in The Hague, Netherlands, Monday, Aug. 22, 2016, at the start of his trial on charges of involvement in the destruction of historic mausoleums in the Malian desert city of Timbuktu. (ANSA/AP Photo/Patrick Post, Pool)

Ahmad Al Faqi Al Mahdi appears at the International Criminal Court in The Hague, Netherlands, Monday, Aug. 22, 2016, at the start of his trial on charges of involvement in the destruction of historic mausoleums in the Malian desert city of Timbuktu. (ANSA/AP Photo/Patrick Post, Pool)

ROMA – Nel 2012, kalashnikov a tracolla, dava ordini a un “demolition team” di estremisti islamici che, armati di picconi, asce, magli e mazze, riduceva in polvere, in quanto “idoli”, i monumenti in pietra, sabbia e legno dell’antica Timbuctu appena occupata dalla milizia islamica Ansar Dine: manoscritti, moschee antiche e mausolei di grandi pensatori islamici, patrimonio dell’Umanità Unesco, costruiti quando la città sahariana dell’odierno Mali era uno dei grandi centri culturali dell’Islam medioevale.

Ahmad Al Faqi Al Mahdi, pentito e contrito, è comparso davanti al tribunale della Corte penale internazionale (Cpi) all’Aja. Dove si è dichiarato colpevole di distruzione di cultura nel primo processo presso una corte internazionale da quando il reato di cui è accusato è processato come crimine di guerra, che è anche il primo processo presso la Cpi a un estremista islamico e il primo in cui un imputato si sia dichiarato colpevole.

Vestito con un abito grigio scuro e cravatta, capelli ricci lunghi e barbetta e occhialini, Al Mahdi ha dichiarato alla corte di provare “profondo rammarico e grande dolore” e ha dispensato un “consiglio” ai fratelli musulmani di tutto il mondo a non compiere atti di distruzione gratuita di monumenti storici e religiosi:

– Non porta alcun beneficio per l’umanità.

Un crimine di guerra, quello sanzionato dalla Cpi dal 2002, che comporta pene massime fino a 30 anni. Ma Al Mahdi, spiegano osservatori, essendosi dichiarato colpevole, va incontro con più probabilità a una detenzione fra i nove e gli 11 anni.

Al Mahdi, inchiodato da fotografie mostrate alla corte, è accusato di aver diretto la distruzione di 14 dei 16 mausolei storici e una moschea antica di Timbuctu, oltre a un numero imprecisato di antichi manoscritti: tutte cose giudicate dai fondamentalisti come “totem di idolatria” contrari all’Islam, come molte delle discipline trattate nei manoscritti medioevali, dalla matematica alla filosofia all’astronomia.

Quello era il compito che svolse con zelo per Ansar Dine, la milizia islamica dei Tuareg collegata ad al Qaida che nel 2012 occupò il nord del Mali, e con esso la città del deserto, prima di venirne cacciati dall’intervento militare francese quasi un anno dopo. Furono sempre i francesi a catturare Al Mahdi nel 2014 nel vicino Niger.

Esaminando le foto delle demolizioni, l’avvocato dell’accusa Gilles Dutertre ha detto in aula:
– Possiamo vedere come i crimini fossero organizzati, premeditati e perseguissero un fine comune, come è chiaro che l’imputato svolse un ruolo chiave in ognuno di questi eventi.

Ma alcune organizzazioni, come la Federazione internazionale per i Diritti umani (Fidh), affermano di aver ascritto a lui e ad altri 14 miliziani di Ansar dine ben 33 crimini, denunciati alla giustizia del Mali, fra i quali stupro e riduzione in schiavitù sessuale.

Fiorita come crocevia commerciale nel deserto e come centro culturale fra il XIII e il XVII secolo, inserita fra i siti patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1988, Timbuctu custodiva nelle sue antiche biblioteche circa 700.000 manoscritti, originali o copiati da testi antichi, di capitale importanza culturale: e benché i terroristi credevano di averli per lo più distrutti dando alle fiamme le biblioteche, un fiume incessante di casse piene di preziose pergamene continuò ad uscire sotto il naso di jihadisti, per iniziativa di alcune persone, come il dott. Abdelk Kadel Haidara, proprietario di una biblioteca privata.

Quando le cose si mettevano male, in accordo con le principali famiglie della città e in contatto con istituzioni straniere, soprattutto europee, ha impacchettato tutto quello che poteva in migliaia di casse, trafugandolo di notte in case private, da dove, piano piano, riuscì a portare in salvo una importante fetta del patrimonio di cultura che hanno fatto grande e bellissima Timbuctu.

(Fabio Govoni/ANSA)

Ultima ora

15:42Mondiali: Australia vuole Scolari come ct

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - L'Australia, attualmente senza allenatore per i Mondiali in Russia, vuole Luiz Felipe Scolari come ct per i 'Socceroos'. A rivelarlo è stato lo stesso 'Felipao' ad alcuni media del suo paese, il Brasile, dove si trova in vacanza dopo aver lasciato la panchina dei cinesi del Guangzhou Evergrande, con cui ha vinto tre campionati, una Coppa di Cina, due Supercoppe cinesi e una Champions asiatica. "E' vero, mi hanno contattato - ha detto Scolari -: il mio nome è nei loro radar". L'Australia è priva di tecnico perché Ange Postecoglu ha lasciato la squadra dopo aver ottenuto la qualificazione al Mondiale, in cui i Socceroos giocheranno nel gruppo C con Francia, Danimarca e Perù. Gli australiani erano interessati anche all'argentino Juan Antonio Pizzi, che però ha scelto l'Arabia Saudita. Così ora il presidente della federcalcio australiana, Steven Lowy, punta sul tecnico che ai Mondiali ha vinto nel 2002 con il Brasile ed è arrivato quarto nel 2006 con il Portogallo e nel 2014 ancora con il Brasile.

15:36Biotestamento: ok Senato art.1, si riprende alle 15.30

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Dopo aver respinto tutti gli emendamenti, anche quelli a scrutinio segreto, l'Aula del Senato dà il via libera all'articolo uno del provvedimento sul testamento biologico. I sì sono stati 154, 36 i no e 4 gli astenuti. L'Aula è stata sospesa e riprenderà alle 15.30 per votare gli emendamenti rimanenti.

15:09Eternit: Pg Cassazione, processi restino ‘spacchettati’

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Pg della Cassazione ha chiesto che siano dichiarati 'inammissibili' il ricorso della Procura e del Pg di Torino contro la decisione del Gup torinese che aveva 'spacchettato' il processo per le morti da Eternit, distribuendo la competenza anche a Napoli, Vercelli e Reggio Emilia. Il Gup, inoltre, aveva optato per l'omicidio colposo anziché doloso. Lo si è appreso dai familiari delle vittime presenti a piazza Cavour a Roma. Il Pg della Cassazione, Delia Cardia, ha chiesto di dichiarare inammissibile il ricorso di Pg e Pm torinesi e la Suprema Corte depositerà la sua decisione tra stasera e domani. Il Pg, a quanto ha riferito l'avvocato delle parti civili Marco Gatti, si è espresso anche per la conferma dell'accusa di omicidio colposo anziché doloso. Rammarico per la richiesta del Pg è stato espresso dal sindaco di Casale Monferrato, Titti Palazzetti, e da Assunta Prato dell'Associazione familiari vittime dell'amianto. (ANSA).

14:58Terrorismo: faceva proselitismo su web,condannato marocchino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - È stato condannato a sei anni di carcere Mouner El Aoual, detto 'Mido', il marocchino di 29 anni arrestato lo scorso aprile nel quadro di un'inchiesta contro il terrorismo. Ospite di una famiglia italiana, risultata estranea agli episodi contestati, è accusato di avere svolto attività di proselitismo via internet. Le indagini sono state svolte dai carabinieri del Ros con il coordinamento del pm Enrico Arnaldi di Balme. Per l'uomo la Procura di Torino aveva chiesto e ottenuto il giudizio immediato. (ANSA).

14:52Calcio: Udinese-Napoli, sale a 26 il numero dei Daspo

(ANSA) - UDINE, 13 DIC - E' salito a 26 il numero dei Daspo emessi dal Questore di Udine, Claudio Cracovia, a carico di altrettanti tifosi partenopei protagonisti di alcuni episodi finiti all'attenzione della Polizia in occasione dell'incontro di campionato tra Udinese e Napoli del 26 novembre. Oltre alle tre persone, una arrestata e due denunciate, identificate subito dopo i tafferugli scoppiati nel prepartita, la misura di prevenzione è stata emessa nei confronti di 22 persone, tutte identificate, che seppure fossero regolarmente con il biglietto si erano sedute in un'area della Tribuna diversa da quella loro assegnata, intimorendo nel contempo i tifosi locali con i propri comportamenti. Un ultimo Daspo è stato emesso nei confronti di un uomo di 33 anni, individuato come autore dell'accensione di un fumogeno all'interno del settore riservato ai sostenitori della squadra ospite. E' stato anche segnalato all'autorità giudiziaria per il possesso di ordigni pirotecnici. La posizione di altri tifosi è ancora al vaglio della Questura.

14:50Perquisizioni Gdf in azienda di yacht dopo denunce clienti

(ANSA) - GENOVA, 13 DIC - Questa mattina i militari della Guardia di Finanza di Savona, su delega della Procura, hanno eseguito perquisizioni e sequestri nei confronti della società MondoMarine, che costruisce yacht, e di parte dei soci, amministratori e consulenti. Le operazioni interessano i cantieri e gli uffici di Savona, Pisa e Milano, e hanno portato al sequestro di documentazione aziendale. L'operazione nasce dalle denunce di alcuni clienti che sostengono di essere stati truffati. Le ipotesi per le quali si procede sono truffa, bancarotta, falso in bilancio, ricorso abusivo al credito mediante fatture per operazioni inesistenti e distrazione di somme dalla contabilità aziendale. Il provvedimento arriva nel pieno della crisi di MondoMarine: il 6 dicembre non è arrivato il concordato preventivo per scongiurare il fallimento ma il tribunale, preso atto dell'interesse di un soggetto (Palumbo Group Shipyard) all' affitto del ramo d'azienda, ha rinviato tutto al 19 dicembre. Da una settimana il cantiere è occupato dai lavoratori.

14:44Froome: Nibali, aspettiamo le conclusioni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Certo per il ciclismo non è un grande giorno, come non lo è per lui". Vincenzo Nibali commenta così all'Ansa la positività-choc di Chris Froome: il campione italiano, in questi giorni in allenamento in Croazia con il suo team Bahrain-Merida, dice però di aspettare a dare giudizi affrettati. "Sulla vicenda non entro nel merito - sottolinea il corridore siciliano - voglio aspettare correttamente le conclusioni".

Archivio Ultima ora