Storico processo all’Aja, jihadista imputato per crimine di guerra si dichiara colpevole

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

Ahmad Al Faqi Al Mahdi appears at the International Criminal Court in The Hague, Netherlands, Monday, Aug. 22, 2016, at the start of his trial on charges of involvement in the destruction of historic mausoleums in the Malian desert city of Timbuktu. (ANSA/AP Photo/Patrick Post, Pool)

Ahmad Al Faqi Al Mahdi appears at the International Criminal Court in The Hague, Netherlands, Monday, Aug. 22, 2016, at the start of his trial on charges of involvement in the destruction of historic mausoleums in the Malian desert city of Timbuktu. (ANSA/AP Photo/Patrick Post, Pool)

ROMA – Nel 2012, kalashnikov a tracolla, dava ordini a un “demolition team” di estremisti islamici che, armati di picconi, asce, magli e mazze, riduceva in polvere, in quanto “idoli”, i monumenti in pietra, sabbia e legno dell’antica Timbuctu appena occupata dalla milizia islamica Ansar Dine: manoscritti, moschee antiche e mausolei di grandi pensatori islamici, patrimonio dell’Umanità Unesco, costruiti quando la città sahariana dell’odierno Mali era uno dei grandi centri culturali dell’Islam medioevale.

Ahmad Al Faqi Al Mahdi, pentito e contrito, è comparso davanti al tribunale della Corte penale internazionale (Cpi) all’Aja. Dove si è dichiarato colpevole di distruzione di cultura nel primo processo presso una corte internazionale da quando il reato di cui è accusato è processato come crimine di guerra, che è anche il primo processo presso la Cpi a un estremista islamico e il primo in cui un imputato si sia dichiarato colpevole.

Vestito con un abito grigio scuro e cravatta, capelli ricci lunghi e barbetta e occhialini, Al Mahdi ha dichiarato alla corte di provare “profondo rammarico e grande dolore” e ha dispensato un “consiglio” ai fratelli musulmani di tutto il mondo a non compiere atti di distruzione gratuita di monumenti storici e religiosi:

– Non porta alcun beneficio per l’umanità.

Un crimine di guerra, quello sanzionato dalla Cpi dal 2002, che comporta pene massime fino a 30 anni. Ma Al Mahdi, spiegano osservatori, essendosi dichiarato colpevole, va incontro con più probabilità a una detenzione fra i nove e gli 11 anni.

Al Mahdi, inchiodato da fotografie mostrate alla corte, è accusato di aver diretto la distruzione di 14 dei 16 mausolei storici e una moschea antica di Timbuctu, oltre a un numero imprecisato di antichi manoscritti: tutte cose giudicate dai fondamentalisti come “totem di idolatria” contrari all’Islam, come molte delle discipline trattate nei manoscritti medioevali, dalla matematica alla filosofia all’astronomia.

Quello era il compito che svolse con zelo per Ansar Dine, la milizia islamica dei Tuareg collegata ad al Qaida che nel 2012 occupò il nord del Mali, e con esso la città del deserto, prima di venirne cacciati dall’intervento militare francese quasi un anno dopo. Furono sempre i francesi a catturare Al Mahdi nel 2014 nel vicino Niger.

Esaminando le foto delle demolizioni, l’avvocato dell’accusa Gilles Dutertre ha detto in aula:
– Possiamo vedere come i crimini fossero organizzati, premeditati e perseguissero un fine comune, come è chiaro che l’imputato svolse un ruolo chiave in ognuno di questi eventi.

Ma alcune organizzazioni, come la Federazione internazionale per i Diritti umani (Fidh), affermano di aver ascritto a lui e ad altri 14 miliziani di Ansar dine ben 33 crimini, denunciati alla giustizia del Mali, fra i quali stupro e riduzione in schiavitù sessuale.

Fiorita come crocevia commerciale nel deserto e come centro culturale fra il XIII e il XVII secolo, inserita fra i siti patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1988, Timbuctu custodiva nelle sue antiche biblioteche circa 700.000 manoscritti, originali o copiati da testi antichi, di capitale importanza culturale: e benché i terroristi credevano di averli per lo più distrutti dando alle fiamme le biblioteche, un fiume incessante di casse piene di preziose pergamene continuò ad uscire sotto il naso di jihadisti, per iniziativa di alcune persone, come il dott. Abdelk Kadel Haidara, proprietario di una biblioteca privata.

Quando le cose si mettevano male, in accordo con le principali famiglie della città e in contatto con istituzioni straniere, soprattutto europee, ha impacchettato tutto quello che poteva in migliaia di casse, trafugandolo di notte in case private, da dove, piano piano, riuscì a portare in salvo una importante fetta del patrimonio di cultura che hanno fatto grande e bellissima Timbuctu.

(Fabio Govoni/ANSA)

Ultima ora

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

20:54Trump: Moore, con nuove norme clima iniziata estinzione vita

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Donald Trump ha appena "iniziato l'estinzione della vita umana sulla terra": ne e' convinto il regista liberal Michael Moore, facendo riferimento all'ordine esecutivo firmato dal presidente americano che spazza via le normative ambientali del predecessore Barack Obama. "Gli storici nel prossimo futuro (e potrebbe essere l'unico futuro che abbiamo) ricorderanno il 28 marzo 2017 come il giorno dell'inizio dell'estinzione della vita umana sulla terra", ha scritto in un post su Facebook. A suo parere, firmando il decreto che ordina di rivedere le norme per la riduzione delle emissioni di gas serra nelle industrie, Trump ha "dichiarato guerra al pianeta e ai suoi abitanti".

20:52Calcio: Lazio, Anderson “La Roma? Pensiamo a noi stessi”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "La Roma? Pensiamo solo a noi, non a quello che dicono loro. Giocheranno coi loro tifosi ma, se saremo intelligenti, facciamo una grande partita". Così Felipe Anderson, intervistato a Mediaset premium, parla della sfida di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, in programma il 4 aprile. Si riparte dal 2-0 sei biancocelesti dell'andata, ma per il brasiliano conta prima di tutto fare bene contro il Sassuolo in campionato. "Questa per noi è una settimana decisiva - spiega l'ex Santos - dobbiamo centrare due obiettivi di stagione, non bisogna sbagliare. Pensiamo prima al Sassuolo, poi al derby". Protagonista della sua miglior stagione a livello di continuità, per Anderson è sempre vivo il sogno della Seleçao: "Giocare il Mondiale è un mio obiettivo - conclude l'attaccante dei biancocelesti - ma so che devo dare il massimo qui, voglio finire bene e sperare di conquistare la Nazionale".

20:41Deltaplano precipita in provincia di Modena, grave 56enne

(ANSA) - MODENA, 29 MAR - Un deltaplano con a bordo un 56enne, D.B., si è schiantato al suolo, in un terreno agricolo, intorno alle 18 a Campogalliano, in provincia di Modena. L'uomo, proprietario sia del velivolo che del terreno agricolo dove è avvenuto l'incidente, in via Vandelli, è stato soccorso dai sanitari del 118, intervenuti con l'ambulanza e con l'elisoccorso. Il ferito, cosciente ma con gravi ferite ad una gamba, è stato così portato all'ospedale Maggiore di Bologna con l'elicottero. Le sue condizioni sono gravi. In via Vandelli sono intervenuti anche i vigili del fuoco ed i carabinieri. Tutte le ipotesi sono al vaglio, ma si propende per un guasto tecnico del deltaplano, che, a quanto pare, è precipitato mentre era ancora in fase di decollo. A chiamare i soccorsi sono stati i parenti del 56enne, che hanno udito il rumore dello schianto. (ANSA).

20:26Consip, sms di Lotti a Emiliano acquisiti da procura Roma

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Il governatore Pd della Puglia Michele Emiliano sentito per oltre un'ora in procura a Roma come testimone nell'inchiesta Consip sulla centrale acquisti della Pubblica amministrazione. Gli é stato chiesto degli sms ricevuti nel 2105 dall'attuale ministro Luca Lotti - all'epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio - che lo invitava a incontrare il faccendiere Carlo Russo, amico del padre dell'allora premier Matteo Renzi, Tiziano. Il pm Mario Palazzi ha acquisito agli atti gli sms di Lotti e di Tiziano Renzi, conservati da Emiliano. L'ipotesi della procura è che l'imprenditore Alfredo Romeo - in carcere per corruzione - abbia beneficiato dell'amicizia tra Tiziano Renzi e Russo per mettere le mani sugli appalti Consip. Il presidente della Puglia dopo l'audizione non ha rilasciato dichiarazioni. "Procura acquisisce gli sms di Lotti a Emiliano, e #Renzi continua a non dire se e quando ha saputo dell'inchiesta. #RenziReticente", commenta con un tweet sull'ex premier il deputato M5S Danilo Toninelli.

20:25Sfregiata con acido: continuo mio percorso con entusiasmo

(ANSA) - RIMINI, 29 MAR - "Volevo farvi sapere che continuo il mio percorso impervio ogni giorno, con un certo entusiasmo, perchè ci sono miglioramenti, anche se piccoli. Passo ovviamente dei momenti tristi dove la pelle tira, altri in cui sono felice e qui a casa canto e ballo. La voce non me la può togliere nessuno". Gessica Notaro, la 28enne riminese sfregiata con l'acido dal suo ex compagno il 10 gennaio scorso, ha tenuto oggi pomeriggio una diretta Facebook, in cui si è fatta ritrarre a mezzo busto. Tanti messaggi di conforto che le sono arrivati ("sei un esempio per tutta l'Italia", uno dei tanti). "Vogliamo rispondere a tutti ma con un occhio solo è complicato", ha detto con voce scherzosa, riferendosi alle conseguenze dell'aggressione, "già ero miope e astigmatica". Gessica ha anche fatto vedere il mento coperto dalla membrana che le copre tutto il volto: "ho una guaina elastica che mi stira le cicatrici e la pelle quindi non mi fa parlare tanto bene".

20:07Calcio: si opera all’anca, stagione finita per Lamela

(ANSA) - LONDRA, 29 MAR - Stagione finita per Erik Lamela che sabato sarà operato ad un'anca. Lo ha annunciato il Tottenham, spiegando che l'attaccante argentino, 25 anni, fermo per infortunio dallo scorso novembre, andrà sotto i ferri nonostante la riabilitazione "in quanto non ha raggiunto una condizione tale che gli permetta di tornare ad allenarsi". Lamela è arrivato al Tottenham dalla Roma nel 2013.

Archivio Ultima ora