Storico processo all’Aja, jihadista imputato per crimine di guerra si dichiara colpevole

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

Ahmad Al Faqi Al Mahdi appears at the International Criminal Court in The Hague, Netherlands, Monday, Aug. 22, 2016, at the start of his trial on charges of involvement in the destruction of historic mausoleums in the Malian desert city of Timbuktu. (ANSA/AP Photo/Patrick Post, Pool)

Ahmad Al Faqi Al Mahdi appears at the International Criminal Court in The Hague, Netherlands, Monday, Aug. 22, 2016, at the start of his trial on charges of involvement in the destruction of historic mausoleums in the Malian desert city of Timbuktu. (ANSA/AP Photo/Patrick Post, Pool)

ROMA – Nel 2012, kalashnikov a tracolla, dava ordini a un “demolition team” di estremisti islamici che, armati di picconi, asce, magli e mazze, riduceva in polvere, in quanto “idoli”, i monumenti in pietra, sabbia e legno dell’antica Timbuctu appena occupata dalla milizia islamica Ansar Dine: manoscritti, moschee antiche e mausolei di grandi pensatori islamici, patrimonio dell’Umanità Unesco, costruiti quando la città sahariana dell’odierno Mali era uno dei grandi centri culturali dell’Islam medioevale.

Ahmad Al Faqi Al Mahdi, pentito e contrito, è comparso davanti al tribunale della Corte penale internazionale (Cpi) all’Aja. Dove si è dichiarato colpevole di distruzione di cultura nel primo processo presso una corte internazionale da quando il reato di cui è accusato è processato come crimine di guerra, che è anche il primo processo presso la Cpi a un estremista islamico e il primo in cui un imputato si sia dichiarato colpevole.

Vestito con un abito grigio scuro e cravatta, capelli ricci lunghi e barbetta e occhialini, Al Mahdi ha dichiarato alla corte di provare “profondo rammarico e grande dolore” e ha dispensato un “consiglio” ai fratelli musulmani di tutto il mondo a non compiere atti di distruzione gratuita di monumenti storici e religiosi:

– Non porta alcun beneficio per l’umanità.

Un crimine di guerra, quello sanzionato dalla Cpi dal 2002, che comporta pene massime fino a 30 anni. Ma Al Mahdi, spiegano osservatori, essendosi dichiarato colpevole, va incontro con più probabilità a una detenzione fra i nove e gli 11 anni.

Al Mahdi, inchiodato da fotografie mostrate alla corte, è accusato di aver diretto la distruzione di 14 dei 16 mausolei storici e una moschea antica di Timbuctu, oltre a un numero imprecisato di antichi manoscritti: tutte cose giudicate dai fondamentalisti come “totem di idolatria” contrari all’Islam, come molte delle discipline trattate nei manoscritti medioevali, dalla matematica alla filosofia all’astronomia.

Quello era il compito che svolse con zelo per Ansar Dine, la milizia islamica dei Tuareg collegata ad al Qaida che nel 2012 occupò il nord del Mali, e con esso la città del deserto, prima di venirne cacciati dall’intervento militare francese quasi un anno dopo. Furono sempre i francesi a catturare Al Mahdi nel 2014 nel vicino Niger.

Esaminando le foto delle demolizioni, l’avvocato dell’accusa Gilles Dutertre ha detto in aula:
– Possiamo vedere come i crimini fossero organizzati, premeditati e perseguissero un fine comune, come è chiaro che l’imputato svolse un ruolo chiave in ognuno di questi eventi.

Ma alcune organizzazioni, come la Federazione internazionale per i Diritti umani (Fidh), affermano di aver ascritto a lui e ad altri 14 miliziani di Ansar dine ben 33 crimini, denunciati alla giustizia del Mali, fra i quali stupro e riduzione in schiavitù sessuale.

Fiorita come crocevia commerciale nel deserto e come centro culturale fra il XIII e il XVII secolo, inserita fra i siti patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1988, Timbuctu custodiva nelle sue antiche biblioteche circa 700.000 manoscritti, originali o copiati da testi antichi, di capitale importanza culturale: e benché i terroristi credevano di averli per lo più distrutti dando alle fiamme le biblioteche, un fiume incessante di casse piene di preziose pergamene continuò ad uscire sotto il naso di jihadisti, per iniziativa di alcune persone, come il dott. Abdelk Kadel Haidara, proprietario di una biblioteca privata.

Quando le cose si mettevano male, in accordo con le principali famiglie della città e in contatto con istituzioni straniere, soprattutto europee, ha impacchettato tutto quello che poteva in migliaia di casse, trafugandolo di notte in case private, da dove, piano piano, riuscì a portare in salvo una importante fetta del patrimonio di cultura che hanno fatto grande e bellissima Timbuctu.

(Fabio Govoni/ANSA)

Ultima ora

18:36Auto: Ogier vince rally Montecarlo

(ANSA) - MONTECARLO, 22 GEN - Per il francese Sebastien Ogier il Mondiale rally, di cui è campione in carica, comincia nel migliore dei modi. Il quattro volte iridato ha infatti vinto l'85/a edizione del rally di Montecarlo, cogliendo anche il 39/o successo in carriera, il quarto consecutivo nel Principato e il primo con il suo nuovo team, la Ford Fiesta M Team 'griffata' Red Bull. Ogier riporta così riporta la Ford sul gradino più alto del podio a cinque anni dall'ultima vittoria in una prova del Mondiale rally. Sotto la neve e sulle strade ghiacciate delle Alpi francesi, al termine dell'ultima frazione il francese ha preceduto di 2'15'' il finlandese Jari-Matti Latvala con la Toyota, al debutto iridato con la Yaris, mentre al terzo posto si è piazzato l'estone Otto Tanak, su Ford Fiesta. Ad agevolare la vittoria di Ogier è stato il fatto che il leader della classifica fino a ieri, il belga della Hyundai Thierry Neuville, è uscito di strada nell'ultima 'speciale' rompendo una sospensione e quindi compromettendo la sua prova.

18:32Calcio: Serie A, Inter vince a Palermo e ora è quinta

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - L'Inter conquista a Palermo la sesta vittoria di fila in campionato grazie ad una rete di Joao Mario, che condanna il Palermo e porta i nerazzurri al quinto posto, davanti al Milan che però deve recuperare una partita. Vince in trasferta anche il Sassuolo, 3-1 a Pescara con una doppietta di Matri. Gli abruzzesi, come i rosanero, sono ormai in una situazione disperata che dividono col Crotone, nonostante il 2-2 conquistato dai calabresi sul campo del Genoa. Finisce 1-0 Empoli-Udinese. I toscani, quart'ultimi, hanno ben 11 punti di vantaggio sulla coppia Crotone-Palermo e 12 sul Pescara, ultimo.

18:32Pugilato:A ‘Faccia d’angelo’ Moncelli tricolore superwelter

(ANSA) - ANDRIA, 22 GEN - Il pugliese Felice 'Faccia d'angelo' Moncelli è il nuovo campione italiano dei pesi superwelter. Ha conquistato il titolo, che era vacante, battendo ai punti con verdetto unanime (95-94, 96-92, 96-92) il corregionale Francesco 'il Gladiatore' Lezzi nel match disputato ieri notte sul ring del Palasport di Andria. La decisione a favore di Moncelli è stata molto contestata da una parte del pubblico, visto che dalla terza alla quinta ripresa il pugile di Corato era stato in balìa di Lezzi che lo ha centrato più volte con precisi diretti. Poi però, nel 7/o round, l'arbitro Terlizzi ha ritenuto necessario dare due richiami ufficiali per trattenuta a Lezzi, condizionando inevitabilmente il futuro dell'incontro.

18:31Tennis: Australia, fuori anche la Kerber,ora rischia scettro

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Domenica nera e da dimenticare per i numeri 1 del mondo agli Australian Open di Melbourne. Dopo Andy Murray, infatti, torna a casa anche la tedesca Angelique Kerber, regina della racchetta, che oggi ha sbattuto contro il muro dell'americana Coco VandeWeghe, numero 35 del mondo, che ha vinto in un'ora e 8 minuti 6-2 6-3. La tedesca dai tempi dal trionfo agli Us Open del 2016 (con conseguente conquista del trono mondiale) non ha più vinto un torneo e ha giocato una sola finale, alle Wta Finals di Singapore lo scorso ottobre (battuta dalla Cibulkova). Se Serena Williams vincerà il suo settimo Australian Open si riprenderà lo scettro. Sorridono, invece, la spagnola Garbine Muguruza, l'americana Venus Williams e la russa Anastasia Pavlyuchenkova promosse ai quarti, con quest'ultima che si è aggiudicata un po' a sorpresa il derby russo contro Svetlana Kuznetsova.

18:30Palestra e golf, il primo giorno da ‘cittadino’ di Obama

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Palestra, golf e relax. Barack Obama trascorre la sua prima giornata da cittadino a praticare il suo sport preferito, il golf, nell'esclusivo Porcupine Creek Golf Club di Rancho Mirage, in California, dove si trova per due settimane di vacanza con la famiglia. Obama e Michelle sono ospiti dell'ambasciatore James Costos e di suo marito, Michael Smith. Il club di golf e' di proprieta' dell'amministratore delegato di Oracle, il miliardario Larry Ellison, ed e' super esclusivo: vi si puo' accedere solo su invito. Prima di dedicarsi alle 18 buche, Obama e' andato in palestra. L'ex presidente e Michelle sono partiti per la California poco dopo il giuramento di Donald Trump, a bordo del jet presidenziale che si chiama Air Force One solo quando c'e' il presidente a o bordo.

18:25Maltempo: recuperata famiglia 4 persone a Acquasanta Terme

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 22 GEN - Continuano le operazioni di soccorso e assistenza alle popolazioni dell'entroterra ascolano isolate dalla neve. La notte scorsa, vigili del fuoco, esercito e guide alpine hanno recuperato una famiglia di 4 persone in località San Gregorio, nel comune di Acquasanta Terme. Per raggiungerla sono stati impiegati una turbina, un gatto delle nevi, due campagnole, un mezzo cingolato. La famiglia è stata accompagnata intorno alle 3 di notte nella caserma dei vigili del fuoco di Ascoli, dove è stata rifocillata con bevande e cibo caldi e dove è stata poi raggiunta da parenti. Assistite altre due persone, che però hanno preferito restare nella loro abitazione. I vigili del fuoco stanno consegnando con l'elicottero Drago 60 medicinali e beni di prima necessità a chi preferisce non abbandonare la propria casa. Un uomo e una donna sono stati tratti in salco in mattinata dai vigili del fuoco a Fleno, frazione di Acquasanta. Per l'uomo, in precarie condizioni di salute, è stato necessario l'utilizzo di una barella.

18:07Maltempo: rischio slavina, evacuazione frazione

(ANSA) - ACQUASANTA TERME (ASCOLI PICENO), 22 GEN - Un rischio slavina viene segnalato lungo la strada all'altezza di Cagnano, frazione di Acquasanta Terme. Conseguentemente è iniziata l'evacuazione della vicina frazione di Pomaro, i cui abitanti resterebbero bloccati. Il sindaco Sante Stangoni li ha avvisati e in molti vengono trasferiti in alberghi della costa, a Porto d'Ascoli. L'esercito sta bloccando l'accesso alla strada.

Archivio Ultima ora