Renzi e il nodo d’autunno, flessibilità per le riforme

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

Renzi e il nodo d'autunno, flessibilità per le riforme

Renzi e il nodo d’autunno, flessibilità per le riforme

VENTOTENE (LT) – Riforme, deficit, debito pubblico, Finanziaria. In queste quattro parole si riassume la nuova tappa tra Italia e Germania nella lunga partita sulla flessibilità. Una partita che vede Matteo Renzi convinto della necessità della flessibilità per le riforme e che approda anche sulla nave Garibaldi, nel bel mezzo del vertice per il rilancio dell’Ue, quando un giornalista tedesco rivolge a Angela Merkel e a Matteo Renzi la domanda forse più temuta: come si comporterà Berlino sulle richieste di Parigi e Roma in termini di flessibilità al bilancio? Renzi in un primo tempo lascia alla Bundeskanzlerin l’onore e l’onere di una replica. E la replica non può essere nel segno della prudenza.

– Credo che il patto di stabilità ha molte possibilità di flessibilità ma starà alla Commissione Ue confrontarsi con gli Stati membri – spiega la cancelliera ribadendo come nessuno, a Berlino e dintorni, voglia che Italia e Francia non crescano.

Parole non di chiusura, le sue, ma neanche di apertura totale alle richieste dell’Italia di una flessibilità sul rapporto deficit/Pil anche nel 2017. Anche perché, se da un lato Merkel torna a plaudire le riforme renziane, “pietre miliari” per un “futuro sostenibile, dall’altro sa bene della difficoltà, in Germania e nei Paesi del Nord, di far tollerare ulteriori concessioni a Paesi ‘non virtuosi’ dal punto di vista del debito come Francia e Italia.

Chiudendo un occhio, ad esempio, sul limite dell’una tantum imposto dall’Ecofin alla flessibilità e definito oggi dal viceministro dell’Economia Enrico Morando “inaccettabile”.

La partita è difficile e, per Renzi, quello di oggi è stato un primo contatto in vista del bilaterale italo-tedesco di Maranello. Quando i temi della crescita e degli investimenti saranno inevitabilmente sul tavolo. Renzi, nel frattempo, ricorda che l’Italia è al deficit più basso negli ultimi dieci anni e continuerà su questo binario, ma allo stesso tempo, sottolinea come la mission del governo sia quella di attuare quelle “riforme strutturali” che, di fatto, sarebbero strozzate da una Finanziaria bloccata da regole troppo rigide.

E il tutto va ad incrociarsi con un referendum sul quale l’attenzione della stampa e delle cancellerie internazionali è altissima e che, sebbene Renzi abbia ormai completato la sua opera di spersonalizzazione, risulta comunque determinante per il programma di riforme, anche economiche e fiscali, del premier.

Per ora siamo all’inizio della partita d’autunno. Ma l’impressione è che il vertice di Ventotene, per ciascun leader, sia servito anche a ‘tastare’ la disponibilità degli altri due interlocutori su alcuni punti: come quella della sicurezza comune e del raddoppio del piano Juncker per l’Eliseo o quello del Migration Compact e della flessibilità per Palazzo Chigi.

Punti sui quali Angela Merkel è chiamata al ruolo di grande mediatrice. Con un occhio alle elezioni che, l’anno prossimo la vedranno affrontare gli emergenti populismi teutonici.

(Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

18:20Migranti: corteo antirazzista a Roma con Arci,Fiom,Si,Baobab

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Un corteo antirazzista si sta svolgendo nel centro di Roma, da piazza della Repubblica a piazza Vittorio, diverse centinaia i partecipanti. Alla manifestazione hanno aderito centinaia di realtà tra cui Arci, Fiom, Sinistra italiana, Baobab, Libera di Don Ciotti, Amnesty International, Medici Senza Frontiere. "In un momento difficile della storia del paese e del pianeta intero, dobbiamo decidere fra due modelli di società - si legge nell'appello dei promotori -. Quello includente, con le sue contraddizioni, e quello che si chiude dentro ai privilegi di pochi".

18:13Calcio: Milan, Montella cita Churchill

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 21 OTT - "Il rischio non mi spaventa, fa parte del mio Dna e quando c'è il rischio dò il meglio di me": in bilico alla vigilia della sfida con il Genoa, l'allenatore del Milan Vincenzo Montella, si presenta citando uno storico premier britannico: "Mi sento molto motivato e lucido. Per sintetizzare il mio stato d'animo, userei una frase di Churchill: 'Il successo è l'abilità di passare da un fallimento all'altro senza perdere l'entusiasmo'. Sono felice di allenare il Milan come il primo giorno. Conosco i rischi del mestiere".

18:05Calcio: serie B, Venezia aggancia Empoli in testa

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Classifica del campionato di Serie B dopo la 10/a giornata: Empoli e Venezia 17; Cremonese, Bari, Pescara, Frosinone e Novara 16; Palermo e Carpi 15; Parma 14; Salernitana, Perugia, Cittadella, Avellino e Spezia 13; Entella 12; Ternana e Foggia 11; Pro Vercelli, Ascoli e Brescia 10; Cesena 8.

18:03Calcio: Montella, Milan coraggioso per accendere scintilla

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 21 OTT - "Mi piacerebbe che i ragazzi giocassero con più coraggio, liberi di testa. E' la chiave per accendere la scintilla che ci manca". Così Vincenzo Montella carica il suo Milan alla vigilia della sfida con il Genoa, delicata per il futuro dell'allenatore. "Ci può mancare qualche punto, qualche sprazzo di prestazione, ma - ha osservato - siamo la squadra che ha tirato più in porta dopo il Napoli. La squadra deve liberarsi di testa, dobbiamo prendere questa vittoria anche attraverso la rabbia. L'unione fra società, allenatore e giocatori bisogna farla vivere ancora di più".

17:53Calcio:Pioli, Fiorentina a Benevento, occasione da sfruttare

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - Contro l'ultima in classifica i rischi sono doppi. Ecco l'avvertimento di Stefano Pioli alla vigilia della trasferta-trappola di Benevento. "Sarebbe un grosso errore dare per scontato di averla già vinta e non avrei fatto un buon lavoro se non avessi preparato la mia squadra alle difficoltà di domani -ha detto il tecnico della Fiorentina. A parte contro la Roma che è una grande squadra, il Benevento sul proprio campo non ha mai perso in modo netto. Il calcio è pieno di esempi, l'ultimo è il Crystal Palace capace dopo 7 ko di fila di battere il Chelsea campione della Premier. Di sicuro questa gara per noi è un'occasione da sfruttare". Ai suoi Pioli chiede identità, intensità, concretezza, crescita nel gestire la palla e il match. "Nessuna formazione, neppure il City e il Napoli, riescono a sostenere gli stessi ritmi per tutti i 90'. Noi però ogni tanto facciamo qualche pausa, lavoriamo più da singoli che da squadra e finiamo per pagarla a caro prezzo come col Chievo".

17:49Calcio: Chelsea batte 4-2 Watford in rimonta,e Conte respira

(ANSA) - LONDRA, 21 OTT - Pericolo scampato: come già contro la Roma, il Chelsea prima sblocca il risultato, poi è costretto a rincorrere contro il Watford, che si arrende solo nel finale. Dopo due sconfitte di file i Blues di Antonio Conte tornano alla vittoria in Premier League, 3 punti che valgono il 4/o posto in classifica. Una vittoria indispensabile per scongiurare la crisi, ma che non cancella le attuali difficoltà dei campioni d'Inghilterra. Che vincono solo nel finale, con merito ma anche con un pò di fortuna. Perché gli ospiti dominano per lunghi tratti della gara, sprecando con il brasiliano Richarlison almeno due clamorose occasioni da rete. "Ma oggi i miei giocatori hanno dimostrato il loro grande carattere, il desiderio di lottare fino alla fine - la soddisfazione di Conte -. Il modo in cui abbiamo vinto questa partita è un segno dello spirito della squadra. Non sono preoccupato per il mio futuro, l'unica pressione che sento è la responsabilità che la mia squadra renda felici i nostri tifosi".

17:46Calcio: Genoa, Juric “Centurion fuori può fare come vuole”

(ANSA) - GENOVA, 21 OTT - "Fuori dal campo per me i giocatori possono fare quello che vogliono, hanno totale libertà di espressione. Quando si allenano invece devono dare sempre il massimo". Ivan Juric risponde così ai media argentini che lo hanno accusato di aver emarginato Ricardo Centurion per alcuni video che il giocatore ha pubblicato sul proprio profilo Instagram, in orari notturni e raccontando momenti di nostalgia. Juric ha poi lasciato aperta la porta ad un giocatore finito comunque ai margini e in campo sino ad ora solo in due spezzoni con Lazio e Juve. "Se ritengo che un giocatore possa dare contributi non escludo nessuno. L'importante è che quando arriva l'occasione ogni giocatore si faccia trovare pronto. E la mia storia qui al Genoa dimostra che ci sono occasioni per tutti. Io non escludo nessuno, compreso Ricardo che si allena regolarmente con la squadra".

Archivio Ultima ora