Resta gelo tra Anpi e Renzi. Grillo: “La parola di Renzi vale zero”

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

Resta gelo Anpi-Renzi.

Resta gelo Anpi-Renzi.

ROMA – E’ stato più che un invito; una offerta di tregua, un tentativo di far pace.
– Ci daremo un abbraccio – aveva detto domenica alla Versiliana Matteo Renzi rivolto a Carlo Smuraglia, ex senatore Ds, oggi alla guida dell’Anpi schierata nettamente a sostegno del No al referendum istituzionale. Ma non è bastato. O almeno Smuraglia, all’estero in questi giorni, ha preso tempo ma ha fatto calare il gelo sull’apertura fatta da Renzi, ribadita con un nuovo invito.

Eppure Renzi ce l’aveva messa tutta: in uno slancio di dialogo domenica aveva citato anche una canzone icona dei Modena City Ramblers, noto gruppo musicale “resistente”. Ma non è bastato. All’Anpi non basta infatti un faccia a faccia, per quanto spettacolare e al massimo livello tra Renzi e Smuraglia; non basta una sede straordinaria e di grande risalto – le Feste dell’Unità di Bologna o Modena – per sanare le parole di aspra polemica dei giorni scorsi e soprattutto la impossibilità di spiegare le “ragioni del No” alla base del Pd in modo diffuso sul territorio, in ogni regione e nelle principali feste dell’Unità.

E’ quindi evidente – come dice la nota dell’Anpi – che “il tema della discussione, ossia le modalità della presenza alle Feste dell’Unità, non è stato ancora seriamente affrontato e risolto”. Il perché del gelo è probabilmente in un passaggio dell’intervento alla Versiliana:

– Io esporrò le ragioni del Sì, Smuraglia quelle del No e poi gli italiani voteranno come vorranno.

Una soluzione giudicata troppo spiccia e riduttiva rispetto al tema del libero confronto con la base del Pd tanto da far scrivere che “l’ipotizzato confronto, a livello nazionale, del tutto anomalo per la sede parziale, per gli interlocutori e per le modalità non definite, non è certamente la soluzione del problema di fondo e verrà comunque valutato nella sua sostanza”.

Renzi, quasi in contemporanea con la nota dell’Anpi, diffondeva la sua e-news per dire che gli era molto dispiaciuta la polemica “incomprensibile con l’Anpi rilanciata dai giornali in queste ore. Ho dunque invitato il presidente dell’associazione Smuraglia alla Festa dell’Unità di Bologna o di Reggio Emilia per un confronto pubblico sui contenuti del referendum. Il Pd, e il sottoscritto, non hanno mai paura del confronto”.

L’apertura di Renzi fa dire ad Alfiero Grandi, del Comitato per il No, che Renzi rinuncia ai toni drammatici e questo permetterà un confronto sui contenuti della riforma mentre altri politici sottolineano principalmente il cambio di strategia che in poche settimane ha portato Renzi a dire che avrebbe abbandonato la politica in caso di vittoria del No per poi passare alla fase della “spersonalizzazione” del confronto e per arrivare domenica alla scelta del comunque si vota nel 2018, qualunque risultato esca dalle urne del referendum.

Oltre al Pd l’unico a difendere la scelta del voto nel 2018 è Angelino Alfano:
– Renzi ha fatto benissimo a dire che non si dimette. Il governo si giudica alle elezioni politiche, in base alle riforme che ha fatto e non solo alla pur importantissima riforma della Costituzione. Dimettersi solo su quello significa confondere solo una parte col tutto.

Per il resto pioggia di critiche dalle opposizioni. L’M5s dice che Renzi ritratta solo per la pura di perdere: “la parola di Renzi vale zero” attacca il blog di Grillo. L’FdI paragona Renzi al matto che va contromano in autostrada pensando che a sbagliare verso di guida siano gli altri e la Lega con Matteo Salvini definisce Renzi un “buffone” per il voltafaccia mentre Roberto Calderoli si chiede se dopo la “sicura sconfitta” al referendum il Presidente del Consiglio avrà ancora una maggioranza.

(Paolo Cucchiarelli/ANSA)

Ultima ora

07:57‘Ndrangheta: arrestato sindaco di Seregno, corruzione

(ANSA) - MONZA, 26 SET - Il sindaco di Seregno (Monza) Edoardo Mazza, di Forza Italia, è stato arrestato dai carabinieri del Comando provinciale di Milano in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dai Gip dei Tribunali di Monza, nell'ambito della maxi inchiesta sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta in Brianza e in Lombardia. E' accusato di corruzione: avrebbe favorito gli affari con un imprenditore legato alle cosche, il quale si sarebbe a sua volta adoperato per procurargli voti. A legare a "doppio filo" politica e 'ndrangheta, secondo l'inchiesta della Procura di Monza e della Dda di Milano, sarebbe stato un imprenditore edile di Seregno il quale avrebbe intrattenuto rapporti con politici del territorio, e coltivato frequentazioni e rapporti fatti di reciproci scambi di favori con esponenti della criminalità organizzata. Il suo ruolo sarebbe stato "determinante" per l'elezione del sindaco arrestato.(ANSA).

07:55Mo: attacco Cisgiordania, 3 israeliani uccisi

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 SET - Tre israeliani sono rimasti uccisi nell'attentato avvenuto oggi a Har Hadar, in Cisgiordania. Lo rende noto la polizia israeliana secondo cui l'assalitore e' giunto ai cancelli del villaggio assieme con un gruppo di manovali palestinesi ed ha aperto il fuoco sui guardiani da distanza ravvicinata.

07:36Assegni sociali in Italia,ma residenti estero,370 denunciati

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Percepivano l'assegno sociale erogato dall'Inps (circa 450 euro al mese per 13 mensilità), ma erano residenti all'estero. E l'emolumento - che rientra tra i principali strumenti cosiddetti 'di protezione' - spetta solo a chi risiede in Italia. Il Nucleo speciale spesa pubblica e repressione frodi comunitarie della Guardia di finanza ha denunciato per questo motivo 370 persone, che hanno indebitamente percepito oltre 10 milioni di euro. L'Inps ha immediatamente sospeso i pagamenti con un risparmio annuo di oltre 2,6 milioni di euro.

07:33‘Ndrangheta: maxi operazione in Lombardia, 27 arresti

(ANSA) - MILANO, 26 SET - Maxi operazione antimafia in Lombardia. I carabinieri del Comando provinciale di Milano hanno eseguito una serie di arresti nelle province di Monza, Milano, Pavia, Como e Reggio Calabria nell'ambito di un'inchiesta su infiltrazioni della 'ndrangheta nel mondo dell'imprenditoria e della politica in Lombardia. L'inchiesta è coordinata dalla Procura di Monza e dalla Procura Distrettuale Antimafia di Milano. In tutto, 27 misure cautelari: 21 in carcere, 3 ai domiciliari e 3 interdittive, firmate dai Gip di Monza e Milano Pierangela Renda e Marco Del Vecchio. L'inchiesta dei carabinieri, partita nel 2015, e che porta la firma dei Pm monzesi Salvatore Bellomo, Giulia Rizzo e del Procuratore della Repubblica di Monza Luisa Zanetti e dei Pm della DIA Alessandra Dolci, Sara Ombra e Ilda Boccassini, rappresenta una costola dell'indagine "Infinito", che nel 2010 aveva inferto un duro colpo alle "Locali" 'ndranghetiste in Lombardia.

02:35Etiopia: governo, centinaia di morti in scontri interetnici

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Centinaia" di morti in scontri interetnici e "migliaia" di sfollati nelle ultime settimane in Etiopia. A denunciarlo è stato il ministro dell'Informazione di Addis Abeba, Negeri Lencho, che ha accusato il vicino Somaliland, territorio semi-autonomo nel nord della Somalia, di avere espulso a forza oltre confine circa 3.000 persone di etnia Oromo. Il gruppo vive a cavallo tra i due Paesi. Lo scrive Bloomberg online. Il 'ministro' degli Esteri del Somaliland, Saad Ali Shire, ha chiesto al suo staff di fare chiarezza su quanto accaduto prima di poter commentare.

01:53Usa: Protesta a Congresso in difesa Obamacare, arresti

(ANSA) - NEW YORK, 25 SET - Centinaia di attivisti, fra cui diversi disabili in sedia a rotelle, stanno manifestando al Congresso americano contro il nuovo tentativo dei repubblicani di abolire e sostituire l'Obamacare, tentativo fallito con la defezione della senatrice Collins. Anche molti disabili sono stati allontanati con la forza dalla polizia e arrestati mentre chiedevano, cantando, di non tagliare fondi alla sanità.

01:35Usa: mancano voti Congresso per riformare Obamacare

(ANSA) - WASHINGTON, 25 SET - Affonda il nuovo tentativo dei repubblicani di abolire e sostituire l'Obamacare. Il progetto di legge per riformare la sanità messo a punto dai senatori Lindsey Graham e Bill Cassidy non ha i voti necessari per il passaggio in Senato. La senatrice repubblicana Susan Collins ha infatti annunciato che non sostiene il progetto, andandosi ad aggiungere ai senatori Rand Paul e John McCain. Nel frattempo è emerso che la nuova proposta dei repubblicani per abolire e sostituire l'Obamacare farebbe perdere la copertura sanitaria a "milioni di americani". Lo afferma il Congressional Budget Office, l'organismo bipartisan incaricato di fornire analisi economiche al Congresso. L'analisi preliminare condotta sulla prima versione del progetto di legge Graham-Cassidy farebbe "perdere la copertura a milioni. Il numero" di coloro che non sarebbero più coperti "è variabile e dipende da come gli stati attueranno la norma".

Archivio Ultima ora