Resta gelo tra Anpi e Renzi. Grillo: “La parola di Renzi vale zero”

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

Resta gelo Anpi-Renzi.

Resta gelo Anpi-Renzi.

ROMA – E’ stato più che un invito; una offerta di tregua, un tentativo di far pace.
– Ci daremo un abbraccio – aveva detto domenica alla Versiliana Matteo Renzi rivolto a Carlo Smuraglia, ex senatore Ds, oggi alla guida dell’Anpi schierata nettamente a sostegno del No al referendum istituzionale. Ma non è bastato. O almeno Smuraglia, all’estero in questi giorni, ha preso tempo ma ha fatto calare il gelo sull’apertura fatta da Renzi, ribadita con un nuovo invito.

Eppure Renzi ce l’aveva messa tutta: in uno slancio di dialogo domenica aveva citato anche una canzone icona dei Modena City Ramblers, noto gruppo musicale “resistente”. Ma non è bastato. All’Anpi non basta infatti un faccia a faccia, per quanto spettacolare e al massimo livello tra Renzi e Smuraglia; non basta una sede straordinaria e di grande risalto – le Feste dell’Unità di Bologna o Modena – per sanare le parole di aspra polemica dei giorni scorsi e soprattutto la impossibilità di spiegare le “ragioni del No” alla base del Pd in modo diffuso sul territorio, in ogni regione e nelle principali feste dell’Unità.

E’ quindi evidente – come dice la nota dell’Anpi – che “il tema della discussione, ossia le modalità della presenza alle Feste dell’Unità, non è stato ancora seriamente affrontato e risolto”. Il perché del gelo è probabilmente in un passaggio dell’intervento alla Versiliana:

– Io esporrò le ragioni del Sì, Smuraglia quelle del No e poi gli italiani voteranno come vorranno.

Una soluzione giudicata troppo spiccia e riduttiva rispetto al tema del libero confronto con la base del Pd tanto da far scrivere che “l’ipotizzato confronto, a livello nazionale, del tutto anomalo per la sede parziale, per gli interlocutori e per le modalità non definite, non è certamente la soluzione del problema di fondo e verrà comunque valutato nella sua sostanza”.

Renzi, quasi in contemporanea con la nota dell’Anpi, diffondeva la sua e-news per dire che gli era molto dispiaciuta la polemica “incomprensibile con l’Anpi rilanciata dai giornali in queste ore. Ho dunque invitato il presidente dell’associazione Smuraglia alla Festa dell’Unità di Bologna o di Reggio Emilia per un confronto pubblico sui contenuti del referendum. Il Pd, e il sottoscritto, non hanno mai paura del confronto”.

L’apertura di Renzi fa dire ad Alfiero Grandi, del Comitato per il No, che Renzi rinuncia ai toni drammatici e questo permetterà un confronto sui contenuti della riforma mentre altri politici sottolineano principalmente il cambio di strategia che in poche settimane ha portato Renzi a dire che avrebbe abbandonato la politica in caso di vittoria del No per poi passare alla fase della “spersonalizzazione” del confronto e per arrivare domenica alla scelta del comunque si vota nel 2018, qualunque risultato esca dalle urne del referendum.

Oltre al Pd l’unico a difendere la scelta del voto nel 2018 è Angelino Alfano:
– Renzi ha fatto benissimo a dire che non si dimette. Il governo si giudica alle elezioni politiche, in base alle riforme che ha fatto e non solo alla pur importantissima riforma della Costituzione. Dimettersi solo su quello significa confondere solo una parte col tutto.

Per il resto pioggia di critiche dalle opposizioni. L’M5s dice che Renzi ritratta solo per la pura di perdere: “la parola di Renzi vale zero” attacca il blog di Grillo. L’FdI paragona Renzi al matto che va contromano in autostrada pensando che a sbagliare verso di guida siano gli altri e la Lega con Matteo Salvini definisce Renzi un “buffone” per il voltafaccia mentre Roberto Calderoli si chiede se dopo la “sicura sconfitta” al referendum il Presidente del Consiglio avrà ancora una maggioranza.

(Paolo Cucchiarelli/ANSA)

Ultima ora

15:05Di Maio, se si farà referendum sull’Euro voto per l’uscita

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Se si dovesse arrivare al referendum, che però io considero una 'extrema ratio', è chiaro che io voterei per l'uscita, perché significherebbe che l'Europa non ci ha ascoltato. Ma io vedo oggi una opportunità dall'Europa". Lo ha detto a L'aria che tira, su La7, il candidato premier di M5s Luigi Di Maio, rispondendo alla domanda su come voterebbe in caso di referendum per l'uscita dell'Italia dall'Euro.

14:59Sgombero Labas: chiesto rinvio a giudizio per undici persone

(ANSA) - BOLOGNA, 18 DIC - Rinvio a giudizio per undici persone in seguito agli scontri con le forze dell'ordine per lo sgombero, lo scorso 8 agosto, del centro sociale Labas dall'edificio dell'ex caserma Masini, in via Orfeo: sono queste le richieste della procura della Repubblica di Bologna per i reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, getto pericoloso di cose e per il tentativo di non farsi identificare usando caschi, fazzoletti e occhiali da sole per nascondere il volto. Alcuni degli occupanti, dopo aver costruito barricate con cassonetti e balle di fieno, hanno lanciato "petardi, fumogeni, bombe carta e corpi contundenti" contro gli agenti, causando a sette di loro lesioni personali con prognosi tra i sei e i 64 giorni. A detta dei pm Antonello Gustapane e Antonella Scandellari, a dirigere le operazioni di protesta è stato Gianmarco De Pieri, noto attivista e co-presidente della lista 'Coalizione civica'. (ANSA).

14:50Studenti tentano occupare scuola, messi in fuga da vigilante

(ANSA) - BARI, 18 DIC - Un vigilante che si trovava in servizio di sorveglianza all'esterno del liceo artistico De Nittis-Pascali, a Bari, avrebbe puntato la pistola contro alcuni ragazzi per impedire l'occupazione della scuola. Lo riferiscono i rappresentanti degli studenti che la notte scorsa hanno tentato di occupare l'istituto, ma sono stati messi in fuga delle guardie giurate a cui la dirigente aveva commissionato il servizio di tutela contro gli atti vandalici. La dirigente scolastica stamani ha contattato l'istituto di vigilanza chiedendo con urgenza una relazione sull'accaduto. Stando al racconto che il vigilante ha fatto alla dirigente, l'uomo avrebbe solo alzato la voce mettendo in fuga gli studenti che volevano scavalcare il muro di cinta della scuola. Durante la fuga una ragazza sarebbe caduta ferendosi ad una mano. Gli studenti, questa mattina, sono entrati nell'istituto, hanno avuto un confronto con la dirigente scolastica e sono ora in autogestione.

14:45Ex calciatore ucciso: amico e madre restano in carcere

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - Potrebbero uccidere ancora Raffaele Rullo e sua madre Antonietta Biancaniello, accusati dell'omicidio dell'ex calciatore Andrea La Rosa, ritrovato lo scorso 14 dicembre in un fusto per il gasolio nell'auto della 59enne. Lo si legge nell'ordinanza firmata dal gip di Milano Livio Cristofano, che ha convalidato il fermo e disposto la misura cautelare per entrambi. L'istanza di arresti domiciliari, avanzata dal difensore di Rullo, è stata respinta. Nell'interrogatorio di ieri, Rullo aveva negato di aver commesso il delitto. La donna, che in un primo momento si era assunta la responsabilità dell'omicidio, si è chiusa invece nel silenzio. Nella ricostruzione dell'accusa, La Rosa la notte tra il 14 e il 15 novembre era stato attirato a Quarto Oggiaro con l'inganno da Rullo, che gli doveva restituire 38mila euro. Poi sarebbe stato addormentato con del sonnifero, sgozzato e infilato in un bidone.

14:44Savoia: D’Alema, sgradevole rientro con volo Stato

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Vittorio Emanuele III è stato corresponsabile del fascismo e quindi condivido il sentimento di ripulsa delle comunità ebraiche e dell'Anpi". Con queste parole Massimo D'Alema commenta, intervistato da Serena Bortone, questa mattina ad Agorà su Rai3, il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III. E conclude: "Trovo che il rientro con volo di Stato sia un episodio sgradevole da chiarire in Parlamento"

14:42Calcio: City, 25 mln per trattenere Guardiola

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Primo posto solitario in Premier League, primo posto nel girone Champions, record d'imbattibilità (in Europa interrotto dall'ininfluente sconfitta all'ultimo turno contro lo Shakhtar Donetsk): la grande stagione del Manchester City porta la firma in primis di Pep Guardiola arrivato in Inghilterra nell'estate 2016 con un contratto triennale che adesso la dirigenza dei Citizens intende allungare. Lo riportano oggi i media britannici che hanno intenzione di proporre al 46enne tecnico catalano altri 4 anni di contratto e un robusto ritocco d'ingaggio: dai 16 milioni a 22 milioni di sterline l'anno (circa 25 milioni di euro), facendolo diventare l'allenatore più pagato al mondo.

14:39Austria: Fpoe, doppio passaporto a altoatesini nel 2018

(ANSA) - BOLZANO, 18 DIC - "I sudtirolesi potranno richiedere la cittadinanza austriaca già nel 2018, al più tardi all'inizio del 2019". Lo ha annunciato a Bolzano il parlamentare austriaco Werner Neubaur, responsabile della Fpoe (il partito di ultradestra austriaco al governo) per i rapporti con l'Alto Adige. La richiesta, ha detto, potrà essere avanzata da chi si è dichiarato tedesco e dai suoi figli e sarà gratis "per non gravare sulle tasche delle famiglie". Secondo Neubauer, in futuro atleti altoatesini potranno gareggiare per la nazionale austriaca.

Archivio Ultima ora