Resta gelo tra Anpi e Renzi. Grillo: “La parola di Renzi vale zero”

Pubblicato il 22 agosto 2016 da ansa

Resta gelo Anpi-Renzi.

Resta gelo Anpi-Renzi.

ROMA – E’ stato più che un invito; una offerta di tregua, un tentativo di far pace.
– Ci daremo un abbraccio – aveva detto domenica alla Versiliana Matteo Renzi rivolto a Carlo Smuraglia, ex senatore Ds, oggi alla guida dell’Anpi schierata nettamente a sostegno del No al referendum istituzionale. Ma non è bastato. O almeno Smuraglia, all’estero in questi giorni, ha preso tempo ma ha fatto calare il gelo sull’apertura fatta da Renzi, ribadita con un nuovo invito.

Eppure Renzi ce l’aveva messa tutta: in uno slancio di dialogo domenica aveva citato anche una canzone icona dei Modena City Ramblers, noto gruppo musicale “resistente”. Ma non è bastato. All’Anpi non basta infatti un faccia a faccia, per quanto spettacolare e al massimo livello tra Renzi e Smuraglia; non basta una sede straordinaria e di grande risalto – le Feste dell’Unità di Bologna o Modena – per sanare le parole di aspra polemica dei giorni scorsi e soprattutto la impossibilità di spiegare le “ragioni del No” alla base del Pd in modo diffuso sul territorio, in ogni regione e nelle principali feste dell’Unità.

E’ quindi evidente – come dice la nota dell’Anpi – che “il tema della discussione, ossia le modalità della presenza alle Feste dell’Unità, non è stato ancora seriamente affrontato e risolto”. Il perché del gelo è probabilmente in un passaggio dell’intervento alla Versiliana:

– Io esporrò le ragioni del Sì, Smuraglia quelle del No e poi gli italiani voteranno come vorranno.

Una soluzione giudicata troppo spiccia e riduttiva rispetto al tema del libero confronto con la base del Pd tanto da far scrivere che “l’ipotizzato confronto, a livello nazionale, del tutto anomalo per la sede parziale, per gli interlocutori e per le modalità non definite, non è certamente la soluzione del problema di fondo e verrà comunque valutato nella sua sostanza”.

Renzi, quasi in contemporanea con la nota dell’Anpi, diffondeva la sua e-news per dire che gli era molto dispiaciuta la polemica “incomprensibile con l’Anpi rilanciata dai giornali in queste ore. Ho dunque invitato il presidente dell’associazione Smuraglia alla Festa dell’Unità di Bologna o di Reggio Emilia per un confronto pubblico sui contenuti del referendum. Il Pd, e il sottoscritto, non hanno mai paura del confronto”.

L’apertura di Renzi fa dire ad Alfiero Grandi, del Comitato per il No, che Renzi rinuncia ai toni drammatici e questo permetterà un confronto sui contenuti della riforma mentre altri politici sottolineano principalmente il cambio di strategia che in poche settimane ha portato Renzi a dire che avrebbe abbandonato la politica in caso di vittoria del No per poi passare alla fase della “spersonalizzazione” del confronto e per arrivare domenica alla scelta del comunque si vota nel 2018, qualunque risultato esca dalle urne del referendum.

Oltre al Pd l’unico a difendere la scelta del voto nel 2018 è Angelino Alfano:
– Renzi ha fatto benissimo a dire che non si dimette. Il governo si giudica alle elezioni politiche, in base alle riforme che ha fatto e non solo alla pur importantissima riforma della Costituzione. Dimettersi solo su quello significa confondere solo una parte col tutto.

Per il resto pioggia di critiche dalle opposizioni. L’M5s dice che Renzi ritratta solo per la pura di perdere: “la parola di Renzi vale zero” attacca il blog di Grillo. L’FdI paragona Renzi al matto che va contromano in autostrada pensando che a sbagliare verso di guida siano gli altri e la Lega con Matteo Salvini definisce Renzi un “buffone” per il voltafaccia mentre Roberto Calderoli si chiede se dopo la “sicura sconfitta” al referendum il Presidente del Consiglio avrà ancora una maggioranza.

(Paolo Cucchiarelli/ANSA)

Ultima ora

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

Archivio Ultima ora