Rio: Russia contesta esclusione da Paralimpiadi

(ANSA) – MOSCA, 23 AGO – La storia del doping russo è un cocktail “disgustoso” in cui “l’80% è dato da ragioni politiche” e il “20% dal doping” vero e proprio, una strategia contro lo sport russo, gli atleti russi e la Russia come Stato. Così il premier Dmitri Medvedev sulla sua pagina Facebook. L’esclusione degli atleti paralimpici dai Giochi di Rio “è un colpo a tutti i disabili, non solo quelli russi” ed è motivato “dal desiderio di alcuni alti funzionari del movimento Paralimpico di eliminare forti avversari”.

Condividi: