Il Governo al lavoro per il Piano di sostegno alla natalità e alle famiglie

Pubblicato il 23 agosto 2016 da ansa

Piano di sostegno alla natalità e alle famiglie

Piano di sostegno alla natalità e alle famiglie

ROMA. – “Non è un provvedimento spot ma un provvedimento organico”: ai microfoni di Radio24, il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie con delega alla Famiglia, Enrico Costa, ha spiegato il senso del Piano di sostegno alla natalità e alle famiglie che ha predisposto e che sarà presentato, come ha annunciato giorni fa, il 13 settembre, in occasione dell’incontro sulla proposta di politica economica dei moderati di Angelino Alfano.

Nel Def, ha detto, è stata inserita su sua richiesta la previsione di un Testo unico sulla famiglia (il suo cavallo di battaglia da quando Matteo Renzi gli ha affidato questa delega) e i suoi uffici sono al lavoro per preparare una bozza di delega al Governo. Obiettivo generale, il “riordino delle misure a sostegno delle famiglie”.

Non vuole entrare nel merito delle misure, il ministro (“saranno rese note a settembre”), ma la direzione nella quale vuole marciare è chiara: misure “stabili e organiche” per garantire certezze alle giovani coppie e “un fisco che riconosca la famiglia non come un soggetto neutro, ma come il vero motore della crescita”.

Costa fa capire chiaramente che bisogna agire soprattutto per capire quanto sia grave il problema e cita le “drammatiche” cifre sulla natalità in Italia: 488 mila nati nel 2015, quando negli anni ’60 superavano il milione.

A ciò si aggiunga il basso indice di fecondità – intorno all’1,37 figli per donna – cui si associa un progressivo restringimento delle generazioni in età fertile: esce chi è nato negli anni ’60/’70 ed entrano i nati negli anni successivi, che però sono circa la metà.

Non solo: l’età media al primo parto continua a spostarsi in avanti, ormai siamo vicini ai 31 anni, ben sei in più rispetto agli anni ’70. Urge quindi un sostegno alla natalità, ma Costa avverte: non basta una misura, nè un bonus, nè una detrazione: occorre una vera e propria politica che garantisca certezze alle giovani coppie.

Negli anni, ha spiegato, sono state approvate “misure per il sostegno alla famiglia contrapposte, o che si sono contraddette, misure complicate e non strutturate”. “Oggi abbiamo misure che non sono più attuali, o che non sono finanziate o che sono sottofinanziate, o ancora che sono finanziate ma non vengono utilizzate perchè non ‘tirano’, non c’è interesse. Un disordine normativo dovuto forse anche a un eccesso di interventismo. Tutto questo va riordinato”.

E che i bonus non siano la sua misura di intervento preferita lo dice chiaro: sono “una forma di sostegno che non mi sento di smentire” ma “sono suscettibili di critiche che condivido”. Quello che conta, ribadisce, è “la stabilità delle misure”. “Troppi interventi sperimentali o a termine – avverte – non danno alle giovani coppie la sicurezza di cui hanno bisogno per mettere al mondo figli con serenità”.

Ultima ora

19:40Strage profughi in Nigeria, bombardati da un jet militare

(ANSA) - MAIDUGURI, 17 GEN - Un jet militare nigeriano ha bombardato per errore un campo profughi provocando più di 100 morti. Lo riferiscono fonti ufficiali della Nigeria. Il caccia dell'aeronautica era in missione contro postazioni degli integralisti islamici Boko Haram nell'area nord-orientale Rann, vicino al confine con il Camerun. Il generale Lucky Irabor, responsabile dell'operazione anti Boko Haram, ha detto che è imprecisato il numero dei morti e dei feriti, tra i quali vi sono operatori umanitari e nigeriani che lavorano come medici per Medici senza Frontiere e per il Comitato internazionale della Croce Rossa. Anche due soldati sono stati feriti. Il generale ha detto di aver ordinato la missione basandosi su informazioni relative ad un raggruppamento di Boko Haram proprio in un'area con quelle coordinate. E ha detto che è presto per sapere se si è trattato di un errore tattico o geografico. In ogni caso, ha sottolineato, l'aereo non ha volutamente preso di mira i civili e sulla vicenda è stata aperta un'inchiesta.

19:39Citroen torna al Rally con la C3 WRC

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il momento tanto atteso per i fan del WRC è arrivato: il Campionato del Mondo Rally 2017 si appresta a debuttare sulle strade mitiche di Montecarlo. In questa occasione la Citroën C3 WRC, progettata secondo i criteri del nuovo regolamento Fia, farà il suo esordio nelle competizioni. Alla gara è prevista la partecipazione di due auto, affidate a Kris Meeke/Paul Nagle e Stéphane Lefebvre/Gabin Moreau. Il 19 gennaio, quando la prima delle due C3 WRC prenderà il via dalla pedana del Rally di Monte Carlo, per Citroën sarà non solo l'inizio di una nuova sfida sportiva, ma anche il ritorno ad una specialità agonistica che costituisce una parte importante della sua storia. Le sue prime importanti vittorie sono degli anni Cinquanta e poi negli anni Ottanta, alla Visa 1000 Pistes e alla BX 4TC, perché il rally entri a far parte del patrimonio genetico del Marchio. Tappa fondamentale è il 1989 quando il reparto corse assume il nome di Citroën Sport e affronta la sua prima grande sfida: vincere la Parigi-Dakar.

19:38Sci: Cdm, anche Ligety si ritira, niente Mondiali

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 17 GEN - Anche lo statunitense Ted Ligety, campione del mondo in carica di slalom gigante, ha annunciato il ritiro anticipato dalle competizioni di questa stagione e pertanto, come il norvegese Aksel Svindal, non partecipera' ai prossimi Mondiali di St. Moritz. Ligety si era infortunato ad un ginocchio la scorsa stagione. In questa era tornato a gareggiare a Soelden ottenendo un quinto posto come miglior risultato. Poi aveva lamentato problemi alla schiena ed ora e' stato nuovamente operato. L'americano e' l'unico atleta ad avere vinto il titolo mondiale di gigante per tre volte consecutivamente nel 2011, 2013 e 2015.

19:26Francia: tenta di dare schiaffo a Valls, fermato

(ANSA) - PARIGI, 17 GEN - Un uomo ha cercato di dare uno schiaffo Manuel Valls a Lambelle, in Bretagna, nel nord-ovest della Francia. L'ex primo ministro, impegnato nella campagna per le primarie della sinistra insieme con il ministro della Difesa Jean-Yves Drian, era uscito dagli uffici del Comune e stava salutando alcuni simpatizzanti, quando un uomo di circa 20 anni, secondo la tv Bfm, ha tentato di schiaffeggiarlo. L'uomo è stato fermato dal servizio d'ordine e Valls, che al suo arrivo era stato contestato, ha continuato la sua visita senza difficoltà. Valls non è nuovo a questo tipo di attacchi: a dicembre a Strasburgo un uomo gli ha gettato un sacco di farina sulla testa.

19:23Bimbi per confezionare droga e spacciare,42 arresti a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 17 GEN - Due bambini di 8 e 10 anni usati per confezionare droga e per spacciare; tassisti che acquistavano cocaina, marijuana e hashish da rivendere ai clienti; stese e i boss che mangiavano, senza pagare, in un noto ristorante della città il cui titolare pagava il pizzo. É quanto emerso dalle indagini che hanno portato i carabinieri di Napoli ad arrestare 42 persone, tra cui 17 donne, ritenute affiliate al clan Elia, attivo nel cuore della città, tra il "Pallonetto di Santa Lucia", piazza del Plebiscito e via Partenope. Una microcamera ha anche filmato una "stesa", lo scorso 3 luglio, dove sei giovani in sella a tre scooter, nel dedalo di vicoli del Pallonetto, hanno sparato colpi di pistola in aria a scopo intimidatorio. Il procuratore di Napoli Giovanni Colangelo, in conferenza stampa, ha sottolineato che quei bimbi "vivono in un ambiente in cui il crimine è normalità". "É chiaro - ha aggiunto - che riterranno normale l'attività illecita. Un circolo vizioso da spezzare", ha concluso Colangelo.

19:21Meningite: morta a 5 anni, otto i medici indagati

(ANSA) - BRESCIA, 17 GEN - Salgono a otto i medici degli Spedali civili di Brescia indagati dalla Procura di Brescia per la morte di Malika, la bambina di 5 anni stroncata una settimana fa dalla meningite. Al medico del Pronto Soccorso che la sera del 7 gennaio firmò le dimissioni della bambina prescrivendo antibiotici, sono stati aggiunti i colleghi del reparto di anestesia e rianimazione pediatrica che hanno tenuto in cura la bambina di origini pakistane fino al giorno del decesso.

19:15Giochi: Fava, 49 clan mafiosi li controllano

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - "L'azzardo è terreno fertile per le mafie, che riciclano nel gioco d'azzardo con grande fantasia criminale. Un dossier di Libera parla di 49 clan che controllano metodicamente il traffico del gioco lecito e illecito".Lo ha detto il deputato di Sinistra Italiana Claudio Fava, vicepresidente della Commissione parlamentare Antimafia, nel dare il voto favorevole del gruppo alla Relazione sulle infiltrazioni mafiose e criminali nel gioco lecito ed illecito. "Il nostro sistema è complessivamente adeguato - ha detto Fava - ma servono alcuni correttivi: abbiamo bisogno di requisiti più efficaci per la concessione delle licenze sul gioco pubblico e occorre adeguare le sanzioni penali per mettere in condizione magistrati e polizia ad avere tempi di prescrizione più lunghi".

Archivio Ultima ora