Isis, si era fatto esplodere il fratello del baby-kamikaze

Pubblicato il 23 agosto 2016 da ansa

Un fermo immagine tratto da un video della emittente 24 mostra l'intervento delle forze di polizia che disarmano e arrestano un bambino con una cintura di esplosivo addosso a Kirkuk, 21 agosto 2016. ANSA/KO24

Un fermo immagine tratto da un video della emittente 24 mostra l’intervento delle forze di polizia che disarmano e arrestano un bambino con una cintura di esplosivo addosso a Kirkuk, 21 agosto 2016.
ANSA/KO24

BAGHDAD/BEIRUT – Non era stato mandato a uccidere e a morire da solo il baby-kamikaze fermato a Kirkuk, in Iraq, con indosso un giubbetto esplosivo sotto la maglietta di Lionel Messi. La polizia ha detto che un attentato suicida avvenuto un’ora prima nella stessa città è stato compiuto da suo fratello, e che i due ragazzi erano stati “addestrati ed incoraggiati dal loro padre”. Un particolare che getta una luce ancor più sinistra sulla tragedia di molti adolescenti utilizzati dallo Stato islamico come ‘bombe umane’ dopo aver subito il lavaggio del cervello, forse sotto l’effetto di droghe.

Il colonnello Arkan Hamad Latif, ispettore generale delle forze di polizia di Kirkuk, ha riferito che il ragazzo arrestato ha detto di “essere stato rapito, sedato e costretto ad indossare il giubbetto esplosivo”.

Non è più sicuro, invece, che sia stato un altro piccolo kamikaze a compiere l’attentato di sabato sera in una festa di matrimonio nella città turca di Gaziantep, vicino alla frontiera con la Siria, in cui almeno 54 persone sono morte, di cui 29 bambini o adolescenti.

In un primo momento il presidente Recep Tayyip Erdogan aveva parlato di un ragazzino di forse “12-14 anni”. Ma poi il primo ministro Binali Yildirim ha corretto il tiro.

– Le autorità – ha detto – non sanno se fosse un bambino o un adulto. Non sono stati trovati indizi su chi fosse.
Anche la vicenda di Kirkuk presenta qualche punto oscuro. Il colonnello Latif, che ha fornito anche il nome del ragazzo aspirante kamikaze, ha detto che si tratta di un quindicenne – e non dodicenne, come si era appreso in un primo momento – proveniente da Mosul insieme alla sua famiglia, sfollata a causa dei combattimenti tra forze lealiste e l’Isis. A parlare del ruolo che il padre avrebbe avuto nel suo indottrinamento è stato il comando della polizia di Kirkuk in un comunicato.

Il capo della polizia della città, il generale Khattab Omar Aref, ha detto che l’adolescente ha confessato di far parte dei cosiddetti ‘Cuccioli del Califfato’, un corpo di ragazzi tra i 12 e i 15 anni reclutati dall’Isis e in parte utilizzati proprio per attentati suicidi. Obiettivo del quindicenne era quello di farsi saltare in aria sulla via Husseiniya nel quartiere di Tesin, popolato da una maggioranza di turcomanni di fede sciita particolarmente invisi ai fondamentalisti sunniti dell’Isis.

Il fratello invece, di cui non è stata resa nota l’età, è riuscito a compiere un attentato vicino ad un luogo di culto sciita, la Hosseiniya Imam Jafer Sadiq, ferendo due persone. Che i due ragazzi fermati fossero stati rapiti, drogati o convinti dall’Isis o dal padre a compiere le loro azioni suicide, rimane il fatto che sono anch’essi vittime di una guerra che vede lo Stato islamico ricorrere a mezzi sempre più terribili e micidiali per rispondere alle offensive governative e dei Peshmerga curdi che li mettono in difficoltà nei combattimenti.

A sottolinearlo è anche Najim al Jubury, un esperto commentatore delle questioni della sicurezza, secondo il quale l’Isis “ha reclutato centinaia di minori a Mosul e in altre città sotto il suo controllo, e li ha inviati con le loro famiglie come sfollati in aree sotto il controllo lealista per compiervi azioni suicide”.

(Alberto Zanconato/ANSAmed)

Ultima ora

06:15Manchester: media Gb, ancora liberi alcuni complici

LONDRA - Gli arresti delle scorse ore, pur definiti ''importanti'' dalla polizia nelle indagini sull'attacco kamikaze di lunedi' alla Manchester Arena, non significano che l'intera cellula che si presume abbia assistito l'attentatore Salman Abedi sia stata sgominata. Lo scrive il Guardian citando fonti investigative e svelando che alcuni complici ''sono ancora a piede libero''. Mentre il Telegraph riferisce che il materiale ritrovato nel 'covo' del terrorista a Manchester conferma i timori di piani gia' pronti per ''una seconda bomba''.

06:12Manchester: Times, attentatore si preparava da un anno

LONDRA - Salman Abedi, l'attentatore suicida di Manchester, si preparava ad agire da almeno ''un anno''. Lo scrive oggi il Times, sulla base di notizie investigative stando alle quali il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici avrebbe creato mesi fa un fondo bancario inattivo, da utilizzare per acquistare il materiale necessario a confezionare l'ordigno della strage.

06:08Russiagate: Nbc, Kushner d’interesse in inchiesta Fbi

WASHINGTON - Jared Kushner, il genero e stretto consigliere del presidente Usa Donald Trump, e' oggetto di interesse dell'Fbi nell'ambito dell'inchiesta sul Russiagate. Lo riferisce la Nbc citando diverse fonti ufficiali. Gli inquirenti ritengono che Kushner abbia informazioni rilevanti per l'inchiesta. Cio' non vuol dire che e' sospettato di alcun crimine.

06:04Afghanistan: 21 Paesi il 6 giugno a Kabul per la pace

KABUL - Il governo dell'Afghanistan ha invitato i rappresentanti di 21 Paesi del mondo ad un incontro denominato 'Processo di Kabul', che si svolgerà il 6 giugno prossimo nella capitale afghana, per tentare di mettere fine al conflitto in corso. Lo ha reso noto oggi il vice portavoce del governo, Javid Faisal. Al riguardo il portavoce ha voluto sottolineare che "qualsiasi sforzo per raggiungere la pace in Afghanistan deve essere per iniziativa, guida e gestione del governo afghano". Fra i Paesi invitati vi sono quelli dell'Asia centrale insieme a Arabia Saudita, Iran, Pakistan, India, Cina, Stati Uniti e Norvegia. E' è prevista inoltre la partecipazione di rappresentanti dell'Onu e dell'Unione europea (Ue).

05:33Manchester: Gb torna a condividere informazioni con Usa

ROMA - Le autorità britanniche hanno ripreso a condividere le informazioni con gli Stati Uniti sull'attacco terroristico di Manchester. Lo ha annunciato Mark Rowley, numero 2 di Scotland Yard, responsabile dell'unità nazionale antiterrorismo citato dall''Huffington Post.

00:22Omicidio a Reggio Calabria, ucciso tabaccaio

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 25 MAG - Un commerciante, Bruno Ielo, di 66 anni, titolare di una rivendita di tabacchi, è stato ucciso stasera in un agguato a Catona, frazione di Reggio Calabria. Secondo quanto ricostruito dalla polizia di Stato, Ielo, mentre rientrava a casa alla guida del proprio scooter, sarebbe stato affiancato da un automezzo con a bordo almeno due persone che gli hanno sparato contro alcuni colpi di pistola. La morte del commerciante é stata istantanea. Ielo, nel momento dell'agguato, stava tornando a casa dopo avere chiuso la rivendita di tabacchi che gestiva nel quartiere Gallico. Il commerciante era preceduto in auto da una delle figlie. Tra le prime ipotesi avanzate dagli investigatori quella di un tentativo di rapina per sottrargli l'incasso della giornata. Ielo era armato ma non ha fatto in tempo a prendere la pistola per difendersi. Già lo scorso anno il commerciante aveva subito un tentativo di rapina ed anche in quell'occasione era stato fatto segno da alcuni colpi d'arma da fuoco.

23:53Moto:paura per Valentino Rossi, incidente in motocross

(ANSA) - RIMINI, 25 MAG - Paura per Valentino Rossi rimasto vittima di un incidente durante un allenamento in motocross nella pista di Cavallara. Nulla di grave comunque per il pilota di Tavullia che avrebbe rimediato un trauma cranico e toracico addominale. Valentino è cosciente e parla ma i medici dell'Ospedale 'Infermi' di Rimini hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Ci sono con lui i genitori.

Archivio Ultima ora