L’Ue riparte da Ventotene: “Ora avanziamo insieme”

Pubblicato il 23 agosto 2016 da ansa

L'Ue riparte da Ventotene

L’Ue riparte da Ventotene

BRUXELLES – In gioco c’è il futuro del progetto europeo, e Bruxelles non può fare a meno della spinta dei suoi tre Paesi fondatori chiave – Italia, Francia e Germania – per portare a bordo i restanti dei 27, orfani della Gran Bretagna.

Le grandi linee direttrici per rilanciare l’Ue emerse da Ventotene – investimenti e crescita, sicurezza e difesa, migranti, giovani e cultura -, anche se più simboliche che concrete trovano sponda nella Commissione Ue che ora più che mai, a tre settimane dal discorso sullo Stato dell’Unione e dal vertice della ‘ripartenza’ di Bratislava dopo la Brexit, tende la mano ed esprime il desiderio di avanzare “insieme”.

– Le questioni discusse al trilaterale tra il premier Matteo Renzi, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Francois Hollande sono estremamente di attualità e sono in cima all’agenda della Commissione da un certo temp, per questo “speriamo di poter procedere insieme rapidamente, nell’interesse di tutti i nostri cittadini – ha dichiarato un portavoce dell’esecutivo comunitario -. Nel frattempo – ha ancora assicurato – la Commissione continuerà a lavorare attivamente su questi temi.

Crescita, investimenti, giovani, sicurezza e difesa, migranti, sono infatti tutti temi che l’esecutivo Ue “ha promosso da lungo tempo”, ricordano fonti comunitarie. E il Piano Juncker in particolare è una “componente essenziale”, di cui non a caso negli scorsi mesi è già stato chiesto il rafforzamento e il prolungamento a Consiglio e Parlamento Ue. Quindi “le idee sul Piano per gli investimenti sono sempre molto benvenute”, in quanto vanno “nella stessa direzione”.

Sul fronte migrazione, che “l’Europa abbia bisogno di solidarietà lo dice il presidente Juncker da due anni”, tengono a ricordare le fonti. Ogni supporto come l’impegno preso sui ricollocamenti da parte della Germania tramite il ministro dell’Interno Thomas De Maizière con Angelino Alfano sfonda quindi porte più che aperte, con la speranza che faccia da effetto traino sugli altri stati più recalcitranti. In materia di sicurezza, la Commissione si è dotata di un’agenda “sin dal 2015”, e le misure sono a vari stadi di avanzamento.

Ora l’idea di creare un nuovo portafoglio per l’Unione della sicurezza, assegnato al nuovo commissario britannico designato Julien King.

– Siamo molto contenti – sottolineano le fonti – che anche i leader di Italia, Germania e Francia vedano le cose in questo modo. Quanto alla difesa, ci sono molte cose in cui anche noi speriamo ci siano progressi, ora che tutti hanno capito che la sicurezza interna e quella esterna è quello di cui abbiamo bisogno – sottolineano le fonti.

La proposta sulla cultura di Renzi, poi, valutano a Bruxelles, “non è certo una cattiva idea”, anzi potrebbe aiutare a creare “un sentimento di comunanza in Europa” il cui “concetto può essere parte” delle strategie comunitarie. Ora si tratterà, a partire da Ventotene, dove l’Italia ha certificato il suo rientro nel “gruppo di testa” dell’Europa come lo ha definito Alfano, di costruire un consenso tra i 27 in vista di Bratislava.

A lavorare ancora, nei prossimi giorni, Hollande e Renzi al vertice dei Paesi Pse a Parigi, e la Merkel con quelli del gruppo di Visegrad e del Nord. Di sponda con Juncker e il presidente Ue Donald Tusk.

(Lucia Sali/ANSA)

Ultima ora

21:38Pop.Vicenza: nuovo interrogatorio Zonin, 5 ore davanti Pm

(ANSA) - VICENZA, 24 MAR - E' durato fino al primo pomeriggio il nuovo interrogatorio di Gianni Zonin, l'ex presidente della Banca Popolare di Vicenza, indagato per aggiotaggio e ostacolo alla vigilanza. Zonin, che era già stato sentito una prima volta mercoledì scorso, è rimasto per oltre cinque ore davanti ai pubblici ministeri Gianni Pipeschi e Luigi Salvadori, che conducono l'inchiesta sul tracollo dell'istituto di credito berico. L'ex presidente, da quanto si è appreso, ha risposto a tutte le domande di merito fatte dai magistrati e non dovrebbero essere previsti altri interrogatori. I Pm non avrebbero mosso a Zonin nuove contestazioni, e l'ex presidente avrebbe sostanzialmente ribadito la sua estraneità alle vicende di natura penale al centro delle indagini coordinate dalla procura vicentina.

21:20Studente morto a Valencia: legale ‘chiesta nuova autopsia’

(ANSA) - ANCONA, 24 MAR - ''Ho già inoltrato alla procura di Roma una richiesta di nuova autopsia''. Lo ha detto all'ANSA l'avv. Igor Giostra, legale della famiglia di Giacomo Nicolai, lo studente 24enne di Fermo trovato morto in casa a Valencia, dove frequentava l'Erasmus, con tre coltellate al petto, che secondo la polizia spagnola si sarebbe auto inflitto. La salma rientra in queste ore in Italia, a Fiumicino. Ma bisognerà attendere il nulla osta per il passaporto mortuario prima del trasferimento a Fermo. Sulle modalità del decesso del giovane, iscritto a Ingegneria a Torino, la famiglia nutre molti dubbi. Se ieri il padre Stefano sembrava aver accettato la tesi del suicidio (''non c'è alcun giallo da alimentare, né questioni da porre o chiarezze da chiedere''), la madre, Erminia Fidanza, avvocato, rileva: ''sul corpo ci sono tre ferite da coltello, inferte con una lama di soli 7 cm: il primo colpo te lo puoi procurare, il secondo già mi pare difficile, ma il terzo...''. Ora sarà la magistratura italiana a fare chiarezza.

21:07Sicurezza: giudice Treviso “si arma”, Anm Veneto si dissocia

(ANSA) - VENEZIA, 24 MAR - "La Giunta veneta dell'Associazione nazionale magistrati resta sgomenta dinanzi alle esternazioni pubbliche del collega Angelo Mascolo, dallo stesso inviate ai giornali locali, e se ne dissocia e riservandosi di interessarne il collegio dei probiviri per le valutazioni disciplinari". Lo si legge in una nota dell'Anm veneta in riferimento alle affermazioni del giudice trevigiano che, sentendosi non protetto dallo Stato, ha deciso di armarsi. "I magistrati veneti, a differenza del collega Mascolo - rileva l'Anm -, credono profondamente nello Stato e si impegnano ogni giorno a difenderlo e a difendere tutti i cittadini senza ricorrere alla violenza o alle forme di vendetta e omicidio che il collega Mascolo richiama a sproposito e pare anzi auspicare; lo fanno, ogni giorno, nel rispetto delle leggi e dei principi di civiltà giuridica che connotano il nostro paese e che hanno consentito di debellare il terrorismo politico e ridimensionare la mafia".

20:38Calcio: Lega Pro, Taranto-Paganese si recupera il 19 aprile

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Taranto-Paganese, la gara di Lega Pro (girone C) originariamente in programma domenica ma rinviata in seguito all'aggressione subita mercoledì scorso da calciatori, tecnici e dirigenti della società pugliese, verrà recuperata mercoledì 19 aprile alle ore 14.30. Lo comunica la Lega Pro precisando che si tratta della prima data utile, considerando la programmazione a mercoledì 5 aprile del turno infrasettimanale della 14/a giornata di ritorno ed a sabato 14 aprile della 16/a giornata. (ANSA).

20:30Alto Adige: Corte Suprema Vienna boccia doppio passaporto

(ANSA) - BOLZANO, 24 MAR - Dopo il Tribunale amministrativo ora anche la Corte costituzionale di Vienna ha respinto il ricorso, presentato da esponenti della Südtiroler Freiheit e dei Freiheitlichen, per il doppio passaporto per i sudtirolesi. I partiti di opposizione di lingua tedesca in consiglio provinciale a Bolzano da tempo si battono per il riconoscimento della doppia cittadinanza per i discendenti dei cittadini dell'impero austro-ungarico in Alto Adige. La legge austriaca del 1925, alla quale faceva riferimento il ricorso, secondo la Suprema Corte di Vienna non è applicabile per gli altoatesini che non hanno mai avuto diritto di cittadinanza austriaca.

20:29Papa: muro Europa cadde con fatica, ora persa memoria

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 24 MAR - L'Europa si adoperò con fatica per far cadere il muro "eppure oggi si è persa memoria della fatica. Si è persa pure la consapevolezza del dramma di famiglie separate, della povertà e della miseria che quella divisione provocò". Lo ha detto il Papa richiamando alla memoria dei leader europei "quell'innaturale barriera che dal Mar Baltico all'Adriatico divideva il continente". "In un mondo che conosceva bene il dramma di muri e divisioni, era ben chiara l'importanza di lavorare per un'Europa unita e aperta". L'Unione Europea ha 60 anni, l'età "della piena maturità. Un'età cruciale nella quale ancora una volta si è chiamati a mettersi in discussione. Anche l'Unione Europea è chiamata oggi a mettersi in discussione, a curare gli inevitabili acciacchi che vengono con gli anni e a trovare percorsi nuovi per proseguire il proprio cammino. A differenza però di un essere umano di sessant'anni, l'Unione Europea non ha davanti a sé un'inevitabile vecchiaia, ma la possibilità di una nuova giovinezza".

20:28Trattati Roma: foglio via a 7 persone

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Foglio di via obbligatorio dal Comune di Roma della durata di un anno è stato emesso dalla Questura per sette persone appartenenti a centri sociali del Nord Est. Durante i controlli per individuare violenti giunti nella Capitale per partecipare alle manifestazioni di domani i carabinieri dei Nuclei Informativi di Roma e Torino hanno controllato 7 giovani, appartenenti a centri sociali del Nord Est. Nell'auto sono stati trovati capi di abbigliamento "atti ad occultare l'identità ed impedire l'identificazione".

Archivio Ultima ora