Parisi avanti tutta, ma la vecchia guardia di Fi è in rivolta

Parisi avanti tutta, ma la vecchia guardia di Fi è in rivolta
Parisi avanti tutta, ma la vecchia guardia di Fi è in rivolta
Parisi avanti tutta, ma la vecchia guardia di Fi è in rivolta

ROMA – Si avvicina al traguardo la mission di Stefano Parisi per la rinascita di Forza Italia e del centrodestra, e sale di tono la protesta della vecchia guardia di Fi niente affatto intenzionata a farsi mettere da parte dalle “ambizioni” di chi – è l’accusa – mira a scalzare il Cavaliere e a impossessarsi del bastone del comando.
– Quelli di Parisi sono solo deliri estivi – dice apertamente Daniela Santanchè.

E anche i capigruppo di Senato e Camera, Paolo Romani e Renato Brunetta, hanno abbandonato diplomazie e moral suasion, per attaccare frontalmente Parisi.

– Il tempo dell’uomo solo al comando è finito – ha detto Romani.

– Esiste solo la leadership di Berlusconi e nessuno aspetta il Papa straniero – gli ha fatto eco Brunetta.
Guarda invece con fiducia al progetto liberalpopolare Maurizio Sacconi per il quale Berlusconi “con la missione chiesta a Parisi, chiede un atto di fiducia che merita di essere accolto”.

L'”operazione rinascita” dunque va avanti e appena il Cavaliere rientrerà dalla Sardegna chiamerà a rapporto il “rifondatore” che ha trascorso l’estate lavorando al suo dossier e, insieme, alla Convention del 16-17 settembre. La manifestazione terrà a battesimo il progetto liberalpopolare che dovrà spazzare via vecchie idee e vecchi volti sostituendoli con un progetto nuovo di zecca incarnato da un gruppo dirigente inedito.

Gli inviti per la kermesse milanese stanno per partire e al momento la lista degli ospiti che prenderanno la parola dal palco è top secret. Ma qualche nome è trapelato come quelli di Giorgio Squinzi (ex presidente Confindustria), Antonio Gozzi presidente Federacciai e Claudio De Albertis presidente Ance che hanno fatto “outing”. Di certo si sa che il microfono verrà precluso ai vecchi politici.

La Convention è aperta a tutti e chi vuole potrà partecipare (in platea) ma “nessun politico prenderà la parola dal palco”, trapela da Milano. E’ dunque già scattato il countdown per la Convention ma i cosiddetti colonnelli oppongono strenua resistenza: il tam tam anti-Parisi partito in sordina è diventato ormai fragoroso e quotidiano.

Ma il fatto è che il “mandante” di Parisi è proprio Berlusconi che ripone in lui la massima fiducia. E’ convinto che abbia forza e capacità per ridare smalto al partito e al centrodestra. Ed è per questo che Parisi ha adottato la “strategia del silenzio” da opporre a quanti lo attaccano, e così non ha risposto e né intende rispondere a chi lo prende di mira o lo provoca.

Da lontano, intanto, Angelino Alfano osserva i movimenti di Parisi e non si sbilancia.

– Vedremo – risponde il ministro sull’ipotesi di partecipare ad una riaggregazione. E come in un gioco di specchi e di ripicche, mentre Brunetta apre a Fitto, Lega e Fdi, Salvini alza il muro contro Alfano e i “traditori”.

Concorrenza aperta tra Salvini e Parisi anche sulla data delle rispettive manifestazioni: proprio negli stessi giorni della Convention milanese, il leader della Lega ha chiamato a raccolta i suoi a Pontida. E Bossi, quasi per far dispetto al suo successore ha già fatto sapere che se Parisi lo invita lui a Milano invece un salto lo farà.

(Giuliana Palieri/ANSA)

Condividi: