Parisi avanti tutta, ma la vecchia guardia di Fi è in rivolta

Pubblicato il 23 agosto 2016 da ansa

Parisi avanti tutta, ma la vecchia guardia di Fi è in rivolta

Parisi avanti tutta, ma la vecchia guardia di Fi è in rivolta

ROMA – Si avvicina al traguardo la mission di Stefano Parisi per la rinascita di Forza Italia e del centrodestra, e sale di tono la protesta della vecchia guardia di Fi niente affatto intenzionata a farsi mettere da parte dalle “ambizioni” di chi – è l’accusa – mira a scalzare il Cavaliere e a impossessarsi del bastone del comando.
– Quelli di Parisi sono solo deliri estivi – dice apertamente Daniela Santanchè.

E anche i capigruppo di Senato e Camera, Paolo Romani e Renato Brunetta, hanno abbandonato diplomazie e moral suasion, per attaccare frontalmente Parisi.

– Il tempo dell’uomo solo al comando è finito – ha detto Romani.

– Esiste solo la leadership di Berlusconi e nessuno aspetta il Papa straniero – gli ha fatto eco Brunetta.
Guarda invece con fiducia al progetto liberalpopolare Maurizio Sacconi per il quale Berlusconi “con la missione chiesta a Parisi, chiede un atto di fiducia che merita di essere accolto”.

L'”operazione rinascita” dunque va avanti e appena il Cavaliere rientrerà dalla Sardegna chiamerà a rapporto il “rifondatore” che ha trascorso l’estate lavorando al suo dossier e, insieme, alla Convention del 16-17 settembre. La manifestazione terrà a battesimo il progetto liberalpopolare che dovrà spazzare via vecchie idee e vecchi volti sostituendoli con un progetto nuovo di zecca incarnato da un gruppo dirigente inedito.

Gli inviti per la kermesse milanese stanno per partire e al momento la lista degli ospiti che prenderanno la parola dal palco è top secret. Ma qualche nome è trapelato come quelli di Giorgio Squinzi (ex presidente Confindustria), Antonio Gozzi presidente Federacciai e Claudio De Albertis presidente Ance che hanno fatto “outing”. Di certo si sa che il microfono verrà precluso ai vecchi politici.

La Convention è aperta a tutti e chi vuole potrà partecipare (in platea) ma “nessun politico prenderà la parola dal palco”, trapela da Milano. E’ dunque già scattato il countdown per la Convention ma i cosiddetti colonnelli oppongono strenua resistenza: il tam tam anti-Parisi partito in sordina è diventato ormai fragoroso e quotidiano.

Ma il fatto è che il “mandante” di Parisi è proprio Berlusconi che ripone in lui la massima fiducia. E’ convinto che abbia forza e capacità per ridare smalto al partito e al centrodestra. Ed è per questo che Parisi ha adottato la “strategia del silenzio” da opporre a quanti lo attaccano, e così non ha risposto e né intende rispondere a chi lo prende di mira o lo provoca.

Da lontano, intanto, Angelino Alfano osserva i movimenti di Parisi e non si sbilancia.

– Vedremo – risponde il ministro sull’ipotesi di partecipare ad una riaggregazione. E come in un gioco di specchi e di ripicche, mentre Brunetta apre a Fitto, Lega e Fdi, Salvini alza il muro contro Alfano e i “traditori”.

Concorrenza aperta tra Salvini e Parisi anche sulla data delle rispettive manifestazioni: proprio negli stessi giorni della Convention milanese, il leader della Lega ha chiamato a raccolta i suoi a Pontida. E Bossi, quasi per far dispetto al suo successore ha già fatto sapere che se Parisi lo invita lui a Milano invece un salto lo farà.

(Giuliana Palieri/ANSA)

Ultima ora

06:23Man Booker Prize ad un americano per il secondo anno

LONDRA - L'americano George Saunders ha vinto il Man Booker Prize con il romanzo "Lincoln in the Bardo", diventando il secondo autore americano ad aggiudicarsi il prestigioso premio britannico. Il libro parte dalla visita realmente compiuta dal presidente Abraham Lincoln nel 1862 in un cimitero di Washington sulla tomba del figlio di undici anni Willie e da lì si sviluppa con un coro di personaggi, tutti morti che non riescono a lasciare questa vita.

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

Archivio Ultima ora