Coppa Sudamericana: Stifano ed il suo Zamora sfidano il Montevideo Wanderers

Pubblicato il 24 agosto 2016 da redazione

Coppa Sudamericana: Stifano ed il suo Zamora sfidano il Montevideo Wanderers

Coppa Sudamericana: Stifano ed il suo Zamora sfidano il Montevideo Wanderers

CARACAS – Domani, lo stadio Agustín Tovar della città di Barinas farà da cornice alla gara che metterà a confronto lo Zamora di Francesco Stifano ed il Montevideo Wanderers.

La meta del tecnico di origine campana è quella di arrivare il più lontano possibile nella manifestazione continentale, da segnalare che nessuna formazione veneuelana è arrivata mai agli ottavi.

“In questo semestre, abbiamo come priorità la Coppa Sudamericana, sappiamo che sarà una gara difficile, le squadre uruguaiane sono sempre difficili da battere, poi c’è anche da segnalare che hanno ottimi giocatori in rosa. Sarà una gara molto intensa e con un ritmo di gioco altissimo”.

Stifano in un comunicato stampa ha analizzato i prossimi avversari: “Hanno due centrocampista veloci, due attaccanti esperti e una squadra che sa esprimere bene il suo gioco”.

Il tecnico di origine campana ha ben chiaro che la sua squadra adesso è motivata dopo aver superato ai calci di rigore il Barcellona di Guayaquil e dove il man of the match è stato Carlos Salazar, portiere bianconero che ha parato 3 rigori. Ma sa che i suoi devono voltare subito la pagina: “Quella gara è passato, adesso affronteremo un grandissimo avversario, e sarà una gara ben diversa da quella del turno precedente”.

Il mister della furia llanera ha messo in evidenza che iniziare il play off in casa “può essere un vataggio, tutto depende da noi. Ricordiamoci che in queste manifestazioni le gare durano 180 minuti. Contro il Barcellona abbiamo iniziato in trasferta ed il ritorno lo abbiamo giocato in casa. Entrambe le gare sono state abastanza combattute. Spero solo di affrontare la gara di ritorno con un leggero vantaggio”.

Per lo Zamora, l’approccio alla seconda fase è stato una sorta di tabú sfatato, dato che nei tre precedenti era stato eliminato al primo turno. “La squadra si è tolta una sorta di peso di dosso, adesso l’importante è continuare a fare bene e disputare un ottimo torneo”.

Il Montevideo Wanderers è una delle squadra più famose del campionato uruguaiano; in passato hanno indossato questa casacca giocatori del calibro di Obdulio Varela, Enzo Francescoli, Pablo Bengoechea e l’oriundo italiano Mauro Germán Camoranesi, campione del mondo 2006, che visse una breve esperienza nei Montevideo Wanderers negli anni novanta.

Domani sarà la terza volta che lo Zamora sfiderà la squadra uruguaiana: l’anno scorso durante la fase a giorni della Coppa Libertadores, quando la furia llanera rimediò due ko per 3-2 in Uruguay e 0-3 a Barinas.

La direzione di gara è stata assegnata ad una terna brasiliana che avrà come arbitro principale Leandro Vuaden, che sarà assistito da Bruno Boschilia e Bruno Raphael Pires.

Fioravante De Simone

Ultima ora

21:05Morto a Santa Croce: procura sequestra area decesso

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - La procura di Firenze ha deciso di porre sotto sequestro l'area della basilica di Santa Croce dove oggi si è verificato l'incidente mortale a un turista spagnolo per il distacco di un frammento che lo ha colpito. La decisione è stata presa nell'ambito dell'inchiesta per omicidio colposo aperta sul fatto. Sul caso è stata aperta un'inchiesta per omicidio colposo. L'Opera di santa Croce ha spiegato, attraverso il segretario generale Giuseppe De Micheli, che controlli erano stati effettuati una settimana fa in occasione della pulitura delle vetrate.

20:27Campo Progressista: Capelli, impegno Pisapia va avanti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "L'impegno di Campo Progressista, e quindi anche di Giuliano Pisapia, nel progetto politico per un centrosinistra di governo radicalmente innovativo, ampio e inclusivo prosegue". Lo chiarisce il portavoce Cp Alessandro Capelli, smentendo le affermazioni di Bruno Tabacci. "Vogliamo contribuire a cambiare e migliorare questo paese, e non possiamo certo fermarci adesso", conclude Capelli.

20:27Bankitalia: Lotti, nessun timore di frizioni Renzi-Gentiloni

(ANSA) - PRATO, 19 OTT - Il ministro dello Sport Luca Lotti non teme frizioni fra il premier Paolo Gentiloni e il segretario Pd, Matteo Renzi, sulla vicenda Bankitalia. Rispondendo alle domande dei cronisti sul tema, a margine dell'evento del Pd organizzato a Prato, ha detto: "Io credo che si stia parlando molto di questo, si sia discusso tanto, perchè è un argomento complesso. Continueremo a discutere, vedremo in Consiglio dei ministri fra qualche giorno quale decisione verrà presa pero' non ho nessun timore da questo punto di vista".

20:26Berlusconi, io ottimista, Salvini ragionevole

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - "Salvini si pone con irruenza nel fare politica ma quando ci sediamo al tavolo è estremamente aperto e ragionevole e positivo. Questo mi dà l'assoluta sicurezza su come possa funzionare da qui in avanti la coalizione". Lo ha detto il leader di Fi, Silvio Berlusconi conversando con i giornalisti a Bruxelles. "Con la Lega e Meloni - ha aggiunto - abbiamo parlato di un governo con 20 membri, 12 della società civile e solo 8 politici, tre di Forza Italia, tre della Lega e due Fratelli d'Italia".

20:26Bankitalia: Renzi, nessuno scheletro nell’armadio

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Non abbiamo nessuno scheletro nell'armadio. Siamo i primi a essere interessati al fatto che la Commissione sulle banche lavori e faccia chiarezza". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

20:26Bankitalia: Renzi, Commissione ci riserverà sorpresine

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "La vicenda di Banca Etruria andava avanti da anni, non solo negli ultimi mesi. E mi aspetto che la Commissione sulle banche ci riserverà qualche sorpresina". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

19:54Migranti: fonti Ue, pressing Juncker-Tusk per aumento fondi

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - Pressing dei presidenti del Consiglio europeo, Donald Tusk, e della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, affinché gli Stati membri aumentino i finanziamenti destinati alla dimensione esterna della crisi migratoria per gli anni prossimi. Secondo quanto si apprende da fonti Ue, nel primo giro di tavolo del vertice europeo sul tema migrazioni, Tusk ha elogiato l'impegno dell'Italia, con la situazione dei flussi che sta migliorando. "L'Italia ci aiuta, dobbiamo fare altrettanto con l'Italia", ha detto il presidente ribadendo la richiesta per un maggiore impegno di fondi, a cui si è unito anche Juncker.

Archivio Ultima ora