Franceschini: “La sfida è ricostruire i borghi”

Pubblicato il 25 agosto 2016 da ansa

Una delle immagini riprese il 22 e 23 agosto ad Amatrice da Valeria Valenti, un'operatrice turistica di Corinaldo (Ancona) che aveva trascorso due giorni di vacanza nella cittadina. La donna aveva pranzato martedì all'Hotel Roma, poi aveva proseguito il suo giro turistico in città. La sera lei e il compagno hanno deciso di non fermarsi per la notte, ma di rientrare nelle Marche. Valeria ha fatto queste foto durante la sua breve vacanza, "scatti senza pretese, fatti con lo smartphone, ma ora vorrei donarle al sindaco di Amatrice, perché documentano il 'prima', un patrimonio che mai saremo capaci di ricostruire".      ANSA /  Valeria Valenti

Una delle immagini riprese il 22 e 23 agosto ad Amatrice da Valeria Valenti, un’operatrice turistica di Corinaldo (Ancona) che aveva trascorso due giorni di vacanza nella cittadina. La donna aveva pranzato martedì all’Hotel Roma, poi aveva proseguito il suo giro turistico in città. La sera lei e il compagno hanno deciso di non fermarsi per la notte, ma di rientrare nelle Marche. Valeria ha fatto queste foto durante la sua breve vacanza, “scatti senza pretese, fatti con lo smartphone, ma ora vorrei donarle al sindaco di Amatrice, perché documentano il ‘prima’, un patrimonio che mai saremo capaci di ricostruire”. ANSA / Valeria Valenti

ROMA – Solo ad Amatrice le facciate spezzate delle Chiese di Sant’Agostino e di San Francesco, il collasso di Sant’Emidio che alloggiava il Museo Civico con i suoi tanti tesori, il crollo della Porta Carbonara. E poi ci sono la chiesa di Santa Croce distrutta ad Arquata del Tronto, i palazzi e le chiese crollate ad Accumoli, torri, rocche, abbazie.

– Il terremoto dell’altra notte – tira le fila il ministro della cultura Franceschini – ha devastato il patrimonio culturale dell’Italia centrale, ferita nelle sue chiese, nei suoi monumenti. Ma la situazione è se possibile ancora più grave. Perché qui, nei paesi martoriati di Lazio, Umbria, Marche, Abruzzo, non è solo questione di singole opere d’arte da piangere e da restaurare. La sfida è ricostruire i borghi. Le comunità ce lo chiedono e credo che l’Italia glielo debba.

L’occasione è una conferenza stampa convocata nel tardo pomeriggio al Collegio Romano per fare il punto sugli interventi per la tutela.

– Sappiamo bene che in queste ore di emergenza la tutela del patrimonio non è la priorità – premette – ma noi comunque dovevamo muoverci e l’abbiamo fatto subito.

Perché anche l’arte ferita, si sa, non può aspettare, i primi momenti sono fondamentali. Sul posto della tragedia però, con le scosse che ancora si susseguono violente, i tecnici del ministero non possono ancora andare. Lo hanno fatto per loro i carabinieri dei beni culturali, 50 uomini che da ieri mattina girano per i territori facendo la conta dei disastri.

I loro primi report sono stati drammatici. Il ministro conta 293 beni culturali danneggiati nell’epicentro. E viene subito chiarito che quei 293 sono “tutti i beni culturali esistenti nel raggio di 20 chilometri dall’epicentro”.

In pratica almeno nel centro, le scosse non hanno risparmiato niente. Con 50 edifici, soprattutto chiese, che sono addirittura crollati o hanno avuto danni gravissimi. Troppo presto per elenchi dettagliati, ma vengono confermati i crolli parziali delle due chiese simbolo di Amatrice, e quello della Porta Carbonara, la porta d’accesso al Corso del paese, preziosissima come documento storico.

La torre campanaria della Chiesa di Sant’Agostino, altra preziosa testimonianza che era attigua alla porta crollata, è invece ancora in piedi, ma “andrebbe messa in sicurezza subito, con cerchiaggi e puntellamenti”. Ora però non si può. E non solo perché c’è da occuparsi della popolazione.

– Bisogna aspettare che la terra smetta di tremare così tanto, in questo momento è troppo pericoloso, non possiamo permettere a nessuna delle nostre squadre di entrare in azione – spiega gentile Antonia Pasqua Recchia, il segretario generale del ministero, che da subito coordina gli interventi.

Troppo presto anche per parlare di bilanci definitivi, chiarisce.
– E’ chiaro che 293 è un numero destinato a salire di molto, perché la zona in cui ha colpito il terremoto è molto più vasta, si scopriranno danni lungo le linee di faglia verso Toscana, Marche, Abruzzo. Dovremo presto aggiornare i numeri.

Intanto si pensa ai teloni per mettere al riparo chiese ed edifici sventrati dalla pioggia che potrebbe arrivare, le protezioni per le macerie, dalle quali bisognerà recuperare in fretta anche i frammenti più piccoli necessari per la ricostruzione. Come atto simbolico arriva la solidarietà dei musei d’Italia.

Come ha fatto anche a Torino il sindaco Appendino, Franceschini ha annunciato che l’incasso dei musei di domenica 28 agosto, verrà tutto devoluto alla ricostruzione del patrimonio culturale ferito. E naturalmente si aspettano fondi dal governo. Perché le risorse che serviranno non sono certo poche.

– Ma la sfida è più ampia – rilancia il ministro – la sfida è ricostruire i borghi, quello come Amatrice, che era già nella lista di quelli più belli d’Italia. Si può fare – dice -, anche assicurando la sicurezza antisismica. E’ un lavoro difficile e lungo, ci sarà da mettere insieme le necessità di beni pubblici, beni ecclesiastici, beni privati. Ma è una sfida che bisogna raccogliere.

L’Aquila, con le sue macerie rimaste in strada per anni, sembra proprio un passato da non ripetere.

(Silvia Lambertucci/ANSA)

Ultima ora

21:05Morto a Santa Croce: procura sequestra area decesso

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - La procura di Firenze ha deciso di porre sotto sequestro l'area della basilica di Santa Croce dove oggi si è verificato l'incidente mortale a un turista spagnolo per il distacco di un frammento che lo ha colpito. La decisione è stata presa nell'ambito dell'inchiesta per omicidio colposo aperta sul fatto. Sul caso è stata aperta un'inchiesta per omicidio colposo. L'Opera di santa Croce ha spiegato, attraverso il segretario generale Giuseppe De Micheli, che controlli erano stati effettuati una settimana fa in occasione della pulitura delle vetrate.

20:27Campo Progressista: Capelli, impegno Pisapia va avanti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "L'impegno di Campo Progressista, e quindi anche di Giuliano Pisapia, nel progetto politico per un centrosinistra di governo radicalmente innovativo, ampio e inclusivo prosegue". Lo chiarisce il portavoce Cp Alessandro Capelli, smentendo le affermazioni di Bruno Tabacci. "Vogliamo contribuire a cambiare e migliorare questo paese, e non possiamo certo fermarci adesso", conclude Capelli.

20:27Bankitalia: Lotti, nessun timore di frizioni Renzi-Gentiloni

(ANSA) - PRATO, 19 OTT - Il ministro dello Sport Luca Lotti non teme frizioni fra il premier Paolo Gentiloni e il segretario Pd, Matteo Renzi, sulla vicenda Bankitalia. Rispondendo alle domande dei cronisti sul tema, a margine dell'evento del Pd organizzato a Prato, ha detto: "Io credo che si stia parlando molto di questo, si sia discusso tanto, perchè è un argomento complesso. Continueremo a discutere, vedremo in Consiglio dei ministri fra qualche giorno quale decisione verrà presa pero' non ho nessun timore da questo punto di vista".

20:26Berlusconi, io ottimista, Salvini ragionevole

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - "Salvini si pone con irruenza nel fare politica ma quando ci sediamo al tavolo è estremamente aperto e ragionevole e positivo. Questo mi dà l'assoluta sicurezza su come possa funzionare da qui in avanti la coalizione". Lo ha detto il leader di Fi, Silvio Berlusconi conversando con i giornalisti a Bruxelles. "Con la Lega e Meloni - ha aggiunto - abbiamo parlato di un governo con 20 membri, 12 della società civile e solo 8 politici, tre di Forza Italia, tre della Lega e due Fratelli d'Italia".

20:26Bankitalia: Renzi, nessuno scheletro nell’armadio

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Non abbiamo nessuno scheletro nell'armadio. Siamo i primi a essere interessati al fatto che la Commissione sulle banche lavori e faccia chiarezza". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

20:26Bankitalia: Renzi, Commissione ci riserverà sorpresine

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "La vicenda di Banca Etruria andava avanti da anni, non solo negli ultimi mesi. E mi aspetto che la Commissione sulle banche ci riserverà qualche sorpresina". Lo ha detto il leader del Pd, Matteo Renzi, in collegamento con Otto e Mezzo su La7.

19:54Migranti: fonti Ue, pressing Juncker-Tusk per aumento fondi

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - Pressing dei presidenti del Consiglio europeo, Donald Tusk, e della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, affinché gli Stati membri aumentino i finanziamenti destinati alla dimensione esterna della crisi migratoria per gli anni prossimi. Secondo quanto si apprende da fonti Ue, nel primo giro di tavolo del vertice europeo sul tema migrazioni, Tusk ha elogiato l'impegno dell'Italia, con la situazione dei flussi che sta migliorando. "L'Italia ci aiuta, dobbiamo fare altrettanto con l'Italia", ha detto il presidente ribadendo la richiesta per un maggiore impegno di fondi, a cui si è unito anche Juncker.

Archivio Ultima ora