Franceschini: “La sfida è ricostruire i borghi”

Pubblicato il 25 agosto 2016 da ansa

Una delle immagini riprese il 22 e 23 agosto ad Amatrice da Valeria Valenti, un'operatrice turistica di Corinaldo (Ancona) che aveva trascorso due giorni di vacanza nella cittadina. La donna aveva pranzato martedì all'Hotel Roma, poi aveva proseguito il suo giro turistico in città. La sera lei e il compagno hanno deciso di non fermarsi per la notte, ma di rientrare nelle Marche. Valeria ha fatto queste foto durante la sua breve vacanza, "scatti senza pretese, fatti con lo smartphone, ma ora vorrei donarle al sindaco di Amatrice, perché documentano il 'prima', un patrimonio che mai saremo capaci di ricostruire".      ANSA /  Valeria Valenti

Una delle immagini riprese il 22 e 23 agosto ad Amatrice da Valeria Valenti, un’operatrice turistica di Corinaldo (Ancona) che aveva trascorso due giorni di vacanza nella cittadina. La donna aveva pranzato martedì all’Hotel Roma, poi aveva proseguito il suo giro turistico in città. La sera lei e il compagno hanno deciso di non fermarsi per la notte, ma di rientrare nelle Marche. Valeria ha fatto queste foto durante la sua breve vacanza, “scatti senza pretese, fatti con lo smartphone, ma ora vorrei donarle al sindaco di Amatrice, perché documentano il ‘prima’, un patrimonio che mai saremo capaci di ricostruire”. ANSA / Valeria Valenti

ROMA – Solo ad Amatrice le facciate spezzate delle Chiese di Sant’Agostino e di San Francesco, il collasso di Sant’Emidio che alloggiava il Museo Civico con i suoi tanti tesori, il crollo della Porta Carbonara. E poi ci sono la chiesa di Santa Croce distrutta ad Arquata del Tronto, i palazzi e le chiese crollate ad Accumoli, torri, rocche, abbazie.

– Il terremoto dell’altra notte – tira le fila il ministro della cultura Franceschini – ha devastato il patrimonio culturale dell’Italia centrale, ferita nelle sue chiese, nei suoi monumenti. Ma la situazione è se possibile ancora più grave. Perché qui, nei paesi martoriati di Lazio, Umbria, Marche, Abruzzo, non è solo questione di singole opere d’arte da piangere e da restaurare. La sfida è ricostruire i borghi. Le comunità ce lo chiedono e credo che l’Italia glielo debba.

L’occasione è una conferenza stampa convocata nel tardo pomeriggio al Collegio Romano per fare il punto sugli interventi per la tutela.

– Sappiamo bene che in queste ore di emergenza la tutela del patrimonio non è la priorità – premette – ma noi comunque dovevamo muoverci e l’abbiamo fatto subito.

Perché anche l’arte ferita, si sa, non può aspettare, i primi momenti sono fondamentali. Sul posto della tragedia però, con le scosse che ancora si susseguono violente, i tecnici del ministero non possono ancora andare. Lo hanno fatto per loro i carabinieri dei beni culturali, 50 uomini che da ieri mattina girano per i territori facendo la conta dei disastri.

I loro primi report sono stati drammatici. Il ministro conta 293 beni culturali danneggiati nell’epicentro. E viene subito chiarito che quei 293 sono “tutti i beni culturali esistenti nel raggio di 20 chilometri dall’epicentro”.

In pratica almeno nel centro, le scosse non hanno risparmiato niente. Con 50 edifici, soprattutto chiese, che sono addirittura crollati o hanno avuto danni gravissimi. Troppo presto per elenchi dettagliati, ma vengono confermati i crolli parziali delle due chiese simbolo di Amatrice, e quello della Porta Carbonara, la porta d’accesso al Corso del paese, preziosissima come documento storico.

La torre campanaria della Chiesa di Sant’Agostino, altra preziosa testimonianza che era attigua alla porta crollata, è invece ancora in piedi, ma “andrebbe messa in sicurezza subito, con cerchiaggi e puntellamenti”. Ora però non si può. E non solo perché c’è da occuparsi della popolazione.

– Bisogna aspettare che la terra smetta di tremare così tanto, in questo momento è troppo pericoloso, non possiamo permettere a nessuna delle nostre squadre di entrare in azione – spiega gentile Antonia Pasqua Recchia, il segretario generale del ministero, che da subito coordina gli interventi.

Troppo presto anche per parlare di bilanci definitivi, chiarisce.
– E’ chiaro che 293 è un numero destinato a salire di molto, perché la zona in cui ha colpito il terremoto è molto più vasta, si scopriranno danni lungo le linee di faglia verso Toscana, Marche, Abruzzo. Dovremo presto aggiornare i numeri.

Intanto si pensa ai teloni per mettere al riparo chiese ed edifici sventrati dalla pioggia che potrebbe arrivare, le protezioni per le macerie, dalle quali bisognerà recuperare in fretta anche i frammenti più piccoli necessari per la ricostruzione. Come atto simbolico arriva la solidarietà dei musei d’Italia.

Come ha fatto anche a Torino il sindaco Appendino, Franceschini ha annunciato che l’incasso dei musei di domenica 28 agosto, verrà tutto devoluto alla ricostruzione del patrimonio culturale ferito. E naturalmente si aspettano fondi dal governo. Perché le risorse che serviranno non sono certo poche.

– Ma la sfida è più ampia – rilancia il ministro – la sfida è ricostruire i borghi, quello come Amatrice, che era già nella lista di quelli più belli d’Italia. Si può fare – dice -, anche assicurando la sicurezza antisismica. E’ un lavoro difficile e lungo, ci sarà da mettere insieme le necessità di beni pubblici, beni ecclesiastici, beni privati. Ma è una sfida che bisogna raccogliere.

L’Aquila, con le sue macerie rimaste in strada per anni, sembra proprio un passato da non ripetere.

(Silvia Lambertucci/ANSA)

Ultima ora

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

Archivio Ultima ora