Sindaco dell’Aquila: “Il nostro centro è sicuro”

Pubblicato il 25 agosto 2016 da ansa

Sindaco dell'Aquila: “Il nostro centro è sicuro”  (Generated by  IJG JPEG Library)

Sindaco dell’Aquila: “Il nostro centro è sicuro”
(Generated by IJG JPEG Library)

L’AQUILA – Sette anni dopo il terremoto del 6 aprile 2009, “il centro storico dell’Aquila è sicuro e siamo pronti a riaccendere le vetrine dei negozi”. Lo assicura all’ANSA il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, che, ammette di avere “fatto tanti errori, ma questa sfida l’ho vinta e l’hanno vinta gli aquilani”.

Un Cialente che, forte della sua esperienza, consiglia al collega di Amatrice, Sergio Pirozzi, per affrontare l’emergenza post sisma, “moduli abitativi provvisori subito, per le famiglie, per le scuole e per le attività commerciali”.

– Non i container, dove non si può vivere – afferma -. E quantificare immediatamente con il governo quanti fondi servono per la ricostruzione e dove verranno trovati.

Parlando del cuore del capoluogo abruzzese, il sindaco fa notare che “in gran parte delle zone aperte, dove entrano le persone, le case sono ricostruite”.

– Corso Umberto e via San Bernardino – afferma – sono assolutamente sicure, i palazzi sono rifatti, per riaprire i negozi manca solo l’installazione del tunnel sotterraneo dei sottoservizi, opera da 80 milioni di euro ad alta tecnologia che ospiterà le reti idrica, elettrica, fognaria, telefonica e Internet ad alta velocità. Per il resto – continua il sindaco – nell’asse centrale ci sono quasi tutti cantieri e sono tutti affidabili perché hanno una certificazione di sicurezza.

I soli problemi, secondo Cialente, “sono dovuti ai ritardi della ricostruzione pubblica di alcuni edifici”.
– Il simbolo – sostiene – è la biblioteca provinciale, dove si è appena sbloccata la progettazione esecutiva dopo anni di contenziosi giudiziari.

Qualcuno ha espresso dubbio sulla solidità dei puntellamenti che tengono fermi gli edifici lesionati, ma c’è in corso una verifica continua alle opere provvisionali. Sulle crepe agli intonaci segnalate dopo il sisma che ha distrutto Amatrice:

– Mi hanno spiegato – sottolinea il primo cittadino – che per le case in cemento armato fa proprio parte del gioco della struttura elastica, non sono lavori fatti male.

La sfida per Amatrice e gli altri comuni coinvolti nella tragedia più recente sarà garantire il futuro delle comunità: per Cialente si vince con le case provvisorie “sulla base del numero di famiglie che realmente avranno la casa distrutta, tra 2 mesi si potrà stabilire quanti ne servono”.

– I Map – assicura – possono essere anche molto belli, fatti bene, e ne serviranno anche per le scuole e le attività produttive come il Ristorante Roma, che porta turismo, perché bisogna fare in modo che le popolazioni restino con dei presidi di vita.

(Alberto Orsini/ANSA)

Ultima ora

10:13Giovane scomparsa: trovata in autogrill nel Varesotto

(ANSA) - VARESE, 17 OTT - Dafne Di Scipio, la ventenne di Gallarate sparita da Marnate, nel Varesotto, lo scorso 14 ottobre, è stata ritrovata la notte scorsa in un autogrill di Castronno (Varese). La giovane, in buone condizioni, era a bordo di un'auto ritenuta sospetta e che per questo è stata controllata dalla polizia stradale. La ragazza è poi stata identificata dai carabinieri di Saronno e del Nucleo Investigativo di Varese.

09:46Trump in visita a Seul il 7-8 novembre

(ANSA) - PECHINO, 17 OTT - Il presidente americano Donald Trump sarà in Corea del Sud dal 7 e all'8 novembre, una delle tappe fissate nell'ambito della sua prima visita in Asia: il tycoon avrà nel primo giorno l'incontro con l'omologo Moon Jae-in, secondo quanto riferito dall'Ufficio presidenziale di Seul. "All'inizio avevamo tentato di invitare Trump per tre giorni, ma abbiamo concordato che Trump e sua moglie arrivino nel primo mattino del 7 novembre, considerando le difficoltà nel soddisfare in modo adeguato il protocollo diplomatico se fossero giunti nella notte", ha detto il portavoce dell'Ufficio presidenziale Park Soo-hyun, nel resoconto della Yonhap.

09:46Iraq: Trump, non ci schieriamo

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Gli Stati Uniti non si schierano nel conflitto in corso tra Baghdad ed Erbil per il controllo della contesa regione di Kirkuk. "Abbiamo avuto per anni buoni rapporti con i curdi e come sapete anche con il governo centrale. Non ci schieriamo in questa battaglia", ha detto il presidente Donald Trump ribadendo che gli Usa "non avrebbero mai dovuto essere lì" riferendosi all'invasione del 2003. Lo riferisce il Washington Post.

09:44Afghanistan:due autobomba contro polizia a est, duri scontri

(ANSA) - KABUL, 17 OTT - Violenti scontri nella regione afghana di Patkia tra militari e insorti dopo l'attacco a un centro addestramento della polizia. Due autobomba guidate da altrettanti kamikaze sono esplose davanti alla struttura, hanno riferito all'ANSA testimoni oculari. Dopo le esplosioni, riferisce il ministero dell'Interno, è iniziato un attacco armato ancora in corso. Secondo fonti non confermate i morti sarebbero "decine".

08:45Primo raid Usa contro Isis in Yemen, ‘decine morti’

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Gli Usa hanno condotto il primo attacco aereo contro l'Isis in Yemen, distruggendo due campi di addestramento e uccidendo "decine" di miliziani. Lo ha annunciato il Pentagono. I raid hanno "minato i tentativi dell'organizzazione di addestrare nuovi combattenti", recita un comunicato. Secondo fonti della Cnn, nei due campi colpiti si stima vi fossero almeno 50 miliziani dell'Isis. "L'Isis - prosegue il comunicato del Pentagono - ha usato i territori fuori controllo in Yemen per pianificare, dirigere, ispirare, reclutare per attacchi terroristici contro l'America e i suoi alleati in tutto il mondo. Per anni, lo Yemen è stato un hub per i terroristi". "Le Forze Usa stanno sostenendo le operazioni antiterrorismo contro l'Isis e l'Aqap - al Qaida nella Penisola arabica, ndr - per ridurre le capacità dei due gruppi di coordinare attacchi esterni e mantenere il controllo di pezzi di territorio nel Paese".

01:51Cnn, Pyongyang ‘diplomazia con Usa? Prima i missili’

(ANSA) - NEW YORK, 17 OTT - La Corea del Nord non è al momento interessata alla diplomazia con gli Stati Uniti: prima vuole centrare l'obiettivo di un missile intercontinentale in grado di raggiungere la costa orientale degli Usa. Lo riporta la Cnn citando alcune fonti di Pyongyang. "Prima di impegnarci in sforzi diplomatici con l'amministrazione Trump vogliamo inviare un chiaro messaggio sul fatto che abbiamo le capacità di rispondere a qualsiasi aggressione americana" dicono le fonti alla Cnn.

00:02Brexit: Juncker-May, serve accelerazione negoziati

(ANSA) - BRUXELLES, 16 OTT - Per il presidente della Commissione Jean Claude Juncker e per la premier Theresa May i negoziati "si devono accelerare nei mesi a venire". Lo fanno sapere in un comunicato congiunto al termine della cena che si è svolta "in un'atmosfera costruttiva e amichevole".

Archivio Ultima ora