Sindaco dell’Aquila: “Il nostro centro è sicuro”

Pubblicato il 25 agosto 2016 da ansa

Sindaco dell'Aquila: “Il nostro centro è sicuro”  (Generated by  IJG JPEG Library)

Sindaco dell’Aquila: “Il nostro centro è sicuro”
(Generated by IJG JPEG Library)

L’AQUILA – Sette anni dopo il terremoto del 6 aprile 2009, “il centro storico dell’Aquila è sicuro e siamo pronti a riaccendere le vetrine dei negozi”. Lo assicura all’ANSA il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente, che, ammette di avere “fatto tanti errori, ma questa sfida l’ho vinta e l’hanno vinta gli aquilani”.

Un Cialente che, forte della sua esperienza, consiglia al collega di Amatrice, Sergio Pirozzi, per affrontare l’emergenza post sisma, “moduli abitativi provvisori subito, per le famiglie, per le scuole e per le attività commerciali”.

– Non i container, dove non si può vivere – afferma -. E quantificare immediatamente con il governo quanti fondi servono per la ricostruzione e dove verranno trovati.

Parlando del cuore del capoluogo abruzzese, il sindaco fa notare che “in gran parte delle zone aperte, dove entrano le persone, le case sono ricostruite”.

– Corso Umberto e via San Bernardino – afferma – sono assolutamente sicure, i palazzi sono rifatti, per riaprire i negozi manca solo l’installazione del tunnel sotterraneo dei sottoservizi, opera da 80 milioni di euro ad alta tecnologia che ospiterà le reti idrica, elettrica, fognaria, telefonica e Internet ad alta velocità. Per il resto – continua il sindaco – nell’asse centrale ci sono quasi tutti cantieri e sono tutti affidabili perché hanno una certificazione di sicurezza.

I soli problemi, secondo Cialente, “sono dovuti ai ritardi della ricostruzione pubblica di alcuni edifici”.
– Il simbolo – sostiene – è la biblioteca provinciale, dove si è appena sbloccata la progettazione esecutiva dopo anni di contenziosi giudiziari.

Qualcuno ha espresso dubbio sulla solidità dei puntellamenti che tengono fermi gli edifici lesionati, ma c’è in corso una verifica continua alle opere provvisionali. Sulle crepe agli intonaci segnalate dopo il sisma che ha distrutto Amatrice:

– Mi hanno spiegato – sottolinea il primo cittadino – che per le case in cemento armato fa proprio parte del gioco della struttura elastica, non sono lavori fatti male.

La sfida per Amatrice e gli altri comuni coinvolti nella tragedia più recente sarà garantire il futuro delle comunità: per Cialente si vince con le case provvisorie “sulla base del numero di famiglie che realmente avranno la casa distrutta, tra 2 mesi si potrà stabilire quanti ne servono”.

– I Map – assicura – possono essere anche molto belli, fatti bene, e ne serviranno anche per le scuole e le attività produttive come il Ristorante Roma, che porta turismo, perché bisogna fare in modo che le popolazioni restino con dei presidi di vita.

(Alberto Orsini/ANSA)

Ultima ora

17:18Calcio: problemi sicurezza, cambia sede Udinese-Hannover

(ANSA) - ST. VEIT (AUSTRIA), 27 LUG - Le autorità dell'Austria meridionale hanno richiesto, per motivi di pubblica sicurezza, lo spostamento dell'amichevole tra Udinese ed Hannover 96, in programma domenica a St. Veit. Il numero di spettatori previsto supera infatti la capacità dello stadio locale, che è di appena 2.430 posti. "E' una vergogna - ha commentato il sindaco di St. Veit, Gerhard Mock - ... ma la sicurezza viene prima di tutto". Al momento la partita resta confermata per domenica, bisognerà però trovare un impianto con una maggiore capienza.

17:14Scoperta enorme discarica rifiuti tossici, arresti

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Una cava dismessa in provincia di Latina trasformata in un'enorme discarica per rifiuti tossici, decine di camion e macchinari utilizzati per il trasporto e l'interramento immediato delle sostanze pericolose. E' quanto ha scoperto la Polizia al termine di un'indagine partita nel marzo del 2016. Il gip di Roma ha emesso 22 provvedimenti cautelari: 16 ordinanze di custodia cautelare in carcere (uno dei destinatari risulta ancora irreperibile) e 6 divieti di dimora. Le accuse, a vario titolo, sono associazione a delinquere, traffico illecito di rifiuti, autoriciclaggio, intestazione fittizia di beni. In mesi di accertamenti, con intercettazioni e sistemi di videosorveglianza, i poliziotti hanno scoperto che i rifiuti arrivavano a bordo di decine di veicoli pesanti, anche di notte, e venivano immediatamente interrati in modo da far sparire ogni traccia. Accertamenti sono in corso per verificare se sono stati inquinati un torrente e una sorgente di acqua minerale a poche centinaia di metri dalla discarica.

17:11Riti voodoo per 16enne costretta a prostituirsi, tre fermi

(ANSA) - CASERTA, 27 LUG - Un incubo durato oltre sei mesi quello che ha visto come vittima una nigeriana di 16 anni, costretta a venire in Italia e a prostituirsi a Castel Volturno (Caserta), ridotta in schiavitù e a vivere nel terrore costante che ai familiari potesse succedere qualcosa a causa dei riti tribali voodoo cui è stata sottoposta in patria. Questa mattina gli agenti della Squadra Mobile di Caserta hanno fermato su ordine della Dda di Napoli gli sfruttatori della minorenne, la maitresse nigeriana, Stella Omo di 47 anni, e il marito di quest'ultima, l'italiano Oreste Fioretti, di 42 anni. Un terzo complice, un nigeriano di 37 anni, è stato fermato al momento dell'esecuzione del provvedimento. La storia è venuta fuori nel febbraio di quest'anno, quando la ragazza è riuscita a liberarsi fuggendo dall'abitazione degli sfruttatori in cui era ridotta come schiava, e a raccontare tutto alla Polizia di Stato.

16:45Libia: Sì da Fi ad intervento se sarà efficace

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - "Se l'intervento di cui si parla in queste ore prevederà il blocco delle partenze di migranti dalla Libia, l'immediato ritorno e sbarco sulle coste libiche dei barconi intercettati, regole di ingaggio degli assetti militari impiegati chiare ed efficaci, noi saremo favorevoli. È quello che chiediamo da tempo ed è ciò che andava fatto da tempo". Lo dichiarano Renato Brunetta e Paolo Romani, capigruppo FI di Camera e Senato, Maurizio Gasparri ed Elio Vito, responsabili Consulta sicurezza di FI e Laura Ravetto presidente Comitato Schengen.

16:45Bomba in centro migranti: parrocchia reagisce con foto su Fb

(ANSA) - NUORO, 27 LUG - Il parroco di Santa Caterina D'Alessandria, don Michele Casula, reagisce all'attentato contro il centro di accoglienza di Dorgali. Lo fa attraverso una foto postata sul profilo Facebook della parrocchia, che ritrae i giovani migranti ospiti di "Su Babbu Mannu" insieme al parroco, e affidandosi alla forza delle parole di Charles de Foucauld, il religioso francese proclamato beato il 13 novembre 2005 da papa Benedetto XVI: "Se tu credi che ciò che riunisce gli uomini è più importante di ciò che li divide, Se per te lo straniero che incontri è un fratello, Se tu dividi il tuo pane e sai aggiungere ad esso un pezzo del tuo cuore, allora…La pace verrà". "Forse per tutti noi questo fatto - scrive don Michele - è una occasione per donare agli altri parole 'buone' e mettere da parte sentimenti e parole che certamente non aiutano a crescere… ma specialmente non aiutano i più giovani: facciamo un piccolo sforzo e lavoriamo per questo!". Poi un invito ai cittadini di Dorgali: "Questa sera alle 20 ci ritroveremo davanti al centro di Su Babbu Mannu per esprimere la nostra vicinanza...si può portare un segno di affetto per questi ragazzi. Ciascuno si muova liberamente". (ANSA).

16:43F.1: Vettel, riportare Ferrari dove merita

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - "E' bellissimo far parte della famiglia Ferrari. Siamo concentrati per portarla al posto che le compete, questa è la missione e il nostro obiettivo". Così Sebastian Vettel alla vigilia del Gp d'Ungheria di F1. "Qui penso che avremo un buona opportunità - ha aggiunto il pilota tedesco - Tornando indietro con la memoria quest'anno è stato molto positivo per gran parte della stagione Ancora non ho firmato un contratto - spiega Vettel nella conferenza stampa Fia - ma l'obiettivo è avere buoni risultati, non firmare le carte. Siamo in ritardo? Lavoriamo sodo io e il team, pensiamo alle cose che ci sono da fare. In estate avremo più tempo per pensarci, siamo concentrati sul lavoro e sulla macchina. Un pezzo di carta si firma in fretta. Comunque nessuno ha fretta, con la Ferrari siamo sempre in contatto conclude Vettel - mi diranno loro quando è il momento, non vedo problemi".

16:32Esami da avvocato truccati: undici condanne a Bari

(ANSA) - BARI, 27 LUG - Il gup del Tribunale di Bari Giulia Romanazzi ha condannato a pene comprese fra i 3 anni e 6 mesi e i 4 mesi di reclusione 11 dei 16 imputati accusati, a vario titolo, di aver truccato il regolare svolgimento delle prove scritte dell'esame da avvocato svoltosi a Bari nel dicembre 2014. Altri due imputati sono stati assolti, per altri due è stata disposta la 'messa alla prova', un altro ancora è stato prosciolto. I reati riconosciute dal giudice sono, a vario titolo, falsa attribuzione di un lavoro altrui, falso ideologico, rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio, corruzione e truffa aggravata ai danni dello Stato. L'ex funzionaria dell'Università di Bari Tina Laquale è stata condannata alla pena di 2 anni e 8 mesi di reclusione; sua figlia Innocenza Losito, funzionaria Adisu, a 3 anni e 6 mesi (condannata anche al risarcimento danni nei confronti dell'Adisu); l'avvocato barese Giuseppe Colella a 3 anni. Nell'ambito di questa indagine i tre furono arrestati nell'aprile 2016.

Archivio Ultima ora