BMX: Stefany Hernández pensa giá ai giochi di Tokio 2020

Pubblicato il 25 agosto 2016 da redazione

BMX - Stefany Hernández pensa giá ai giochi di Tokio 2020

BMX – Stefany Hernández pensa giá ai giochi di Tokio 2020

CARACAS – La ciclista Venezuela Stefany Hernández, fresca vincitrice della medaglia di bronzo nei giochi olimpici di Rio nella modalidtá Bmx ha tenuto una conferenza stampa appena tornata a Caracas. Ed ha approfittato dell’occasione per parlare della sua seconda esperienza nei giochi dei cinque cerchi e ringraziare l’appoggio ricevuto dai suoi fans.

“La medaglia la dedico ai 30 milioni di venezuelani di destra o di sinistra, senza fare distinzioni. Il nostro paese ha bisogno di queste gioie per andare avanti”.

L’Olympic BMX Center di Rio de Janeiro é stata la cornice dove la ciclista nata il 13 giugno del 1991 ha realizzato il sogno di appendersi al collo una medaglia olímpica, e in quest’occasione ha parlato delle sensazioni dopo aver tagliato il traguardo.

“Per prima cosa ho pensato che avevo perso la medaglia d’oro, però poi mi sono resa conto della realtà: avevo vinto la medaglia di bronzo e che ero nella top 3 mondiale”.

La gara di Rio 2016, é stata vinta dalla colombiana Mariana Pajon che aveva fatto sua anche la gara olimpica della BMX del 2012 a Londra. Entrambe hanno lottato gara dopo gara in questo ciclo olimpico facendo sempre l’uno-due: con la colombiana sempre chiudendo al primo posto nei Juegos Bolivarianos di Trujillo del 2013, Juegos Sudamericanos Santiago 2014 ed i Juegos Centroamericanos di Veracruz nel 2014.

Entrambe le cicliste sono state protagoniste anche di un finale con le scintille: si sono scontrate in pista, mettendosi ko, durante i Juegos Panamericanos di Toronto nel 2015.

“In pista siamo rivali, ma fuori siamo ottime amiche, la considero come una sorella. Sono felicissima per essere stata sul podio insieme a lei”.

Calato il sipario dei giochi di Rio 2016, Stefany pensa giá al prossimo ciclo olimpico: nel 2020 i giochi si svolgeranno a Tokio nel 2020. “La prossima volta spero di rivincere una medaglia e che sia anche di un altro metallo”.

La venticinquenne ha spiegato che per entrare nell’olimpo dello sport non é facile e ci vogliono tanti sacrifici. “E’ un cammino in costante evoluzione. Vincere una medaglia non é una cosa facile, non si vince da un giorno all’altro. Sono quattro anni di preparazione e di un lavoro constante. La stagione 2016 é stata un po’ difficile per me, ci sono state tante cadute, tante lesioni, ma ne é valsa la pena: ho vinto la mia medaglia olimpica”.

Durante l’incontro coi media, la sportiva ha dichiarato che sin dai 10 anni aveva in mente di vincere la sua medaglia ai giochi olimpici.

“Appena ho saputo che la BMX era entrata nel programma olimpico, ho ritagliato l’articolo e l’ho attaccato alla parete della mia stanza. Ogni giorno mi dicevo: parteciperó ai giochi di Londra 2012 e vinceró una medaglia”.

Stefany Hernández per smaltire la sbornia di Rio si prenderá quindici giorni di relax nella sua Puerto Ordaz, poi fará il suo rientro in Svizzera dove inizierá nuovamente la preparazione per il tour mondiale e le altre prove dove sará impegnata.

“La mia vita praticamente la svolgo là, inizieró a studiare Relazioni Internazionali l’anno prossimo” ha dichiarato la campionessa della BMX che ha anche approfittao l’occasione per svelare il suo sogno nel cassetto: “Voglio essere la presidente del Comitato Olimpico Internazionale”.

Fioravante De Simone

Ultima ora

15:55Scattarono foto in caserma, non fu spionaggio

(ANSA) - VIAREGGIO (LUCCA), 21 GEN - E' decaduta l'accusa di spionaggio per i due fotografi viareggini, Leonardo Bertuccelli 25 ani e Tommaso Fontana 24 anni, che nella primavera di quattro anni fa si introdussero a Firenze in una caserma per scattare delle foto. Entrò in funzione il sistema di allarme e furono sorpresi dai carabinieri. Nei loro confronti scattò l'accusa di spionaggio, che dopo la prima udienza, che si è tenuta ieri al Tribunale di Firenze, è decaduta. A darne notizia è il loro avvocato, Aldo Lasagna, che annuncia che il processo è aggiornato a fine marzo. A carico dei due fotografi rimane l'accusa di ingresso clandestino in luogo tutelato da segreto militare. Le foto scattate ed esaminate, non sarebbero state considerate compromettenti per la sicurezza e non avrebbero svelato nessuno obiettivo segreto. (ANSA).

15:45Siria: autobomba in campo profughi, almeno 5 morti

(ANSA) - AMMAN, 21 GEN - Almeno 5 persone sono rimaste uccise e 30 ferite oggi da un'autobomba in un campo di sfollati siriani sul confine con la Giordania, secondo fonti della sicurezza di Amman. Testimoni oculari hanno riferito all'ANSA che l'esplosione è avvenuta nei pressi del mercato centrale del campo di Al Raqban. Nella struttura è ospitata una fazione armata siriana, l'Esercito Al Ashair, sostenuta dalla Giordania per controllare la sicurezza nel campo e l'afflusso di rifugiati verso il Regno hashemita.

15:44Calcio: Udinese, Thereau gioca a Empoli “vogliamo carisma”

(ANSA) - UDINE, 21 GEN - "Thereau sta bene. E' della partita". Il tecnico dell'Udinese, Gigi Delneri, nella conferenza stampa della vigilia scioglie qualsiasi dubbio su un possibile impiego dell'attaccante francese, domani a Empoli. In settimana Thereau si è sottoposto a sedute di allenamento differenziato ''per recuperare questo tipo di malanno'', quello al ginocchio che ormai lo affligge da qualche tempo. Ma ieri e oggi si è ''allenato bene'' in gruppo. E quindi il tecnico friulano non è intenzionato a privarsi di quella che considera una delle pedine fondamentali della sua Udinese. "Per noi è importante avere giocatori di carisma; la squadra ha bisogno di gente che abbia impatto sulla partita importante", ha indicato. Pochi i dubbi del tecnico anche sulla formazione: "Non si discosta molto da quello di domenica scorsa. Stiamo bene. I giocatori che abbiamo a disposizione possono giocare tutti dal primo minuto". Il ballottaggio è tra Hallfredsson e Kums a centrocampo. Plauso agli uomini al lavoro a Rigopiano.

15:44Trump: donne in piazza a Milano contro neo presidente

(ANSA) - MILANO, 21 GEN - Anche a Milano donne in protesta contro il nuovo presidente americano Donald Trump. Circa un centinaio di manifestanti si sono radunate in piazza della Scala, di fronte a Palazzo Marino sede del Comune di Milano, per l'iniziativa 'Women's March' che oggi si tiene a Washington e in varie parti del mondo contro il neo presidente Usa, che ieri si è insediato ufficialmente. Le donne hanno dei cartelli con le scritte: 'Love not hate' (amore non odio), oppure 'Dump Trump' (butta via Trump), su altri viene riportato uno degli slogan della campagna della candidata democratica sconfitta alle elezioni Hillary Clinton, 'Women rights are human rights'. Tra le donne presenti in piazza, che si sono ritrovate anche tramite un passaparola sui social, ci sono anche alcune americane che vivono a Milano, in piazza "per lottare contro le discriminazioni, per i diritti delle minoranze che Trump calpesta", ha spiegato una di loro. (ANSA).

15:24Calcio: sfogo Balotelli “razzismo legale a Bastia? Vergogna”

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Vergogna davvero, una vera vergogna". Si chiude così il messaggio postato oggi da Mario Balotelli sul suo profilo Instagram per denunciare il comportamento razzista dei tifosi del Bastia nei suoi confronti durante la partita di ieri di Ligue 1 tra la squadra corsa e il suo Nizza, finita 1-1. "E' normale che i tifosi del Bastia abbiano fatto versi da scimmia e 'uh uh' per l'intera partita e nessuno della commissione disciplinare dica nulla? - scrive l'attaccante del Nizza - Dunque il razzismo è legale in Francia? O lo è solo a Bastia? Il calcio è un bello sport, ma persone come i tifosi del Bastia lo rendono orribile! Vergogna davvero. Una vera vergogna", conclude Balotelli, che accompagna allo sfogo una foto completamente nera.

15:19Bus ungherese: inchiesta per omicidio colposo plurimo

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - Omicidio colposo plurimo stradale: è il titolo di reato del fascicolo contro ignoti aperto dalla procura della repubblica di Verona sull'incidente che ha causato la morte di 16 persone che erano a bordo del pullman ungherese partito ieri mattina dalla Francia per fare ritorno a Budapest dopo una vacanza scolastica sulle nevi. La procura veronese, nel rispetto delle questioni giudiziarie legate a quella che si annuncia come un'inchiesta complessa per stabilire le cause e le eventuali responsabilità dell'incidente, ha espresso piena disponibilità a incontrare i familiari e le autorità ungheresi. (ANSA).

15:14Rigopiano: prefettura, 23 i dispersi per ora segnalati

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il bilancio della valanga che ha colpito l'hotel Rigopiano è per ora di nove persone salvate, 5 vittime recuperate e 23 dispersi. Lo comunica la prefettura di Pescara. I dispersi sono persone risultanti sulla lista ufficiale degli ospiti della struttura e da altre segnalazioni ricevute; si tratta comunque, precisa la prefettura, di una lista la cui composizione è soggetta a continue verifiche.

Archivio Ultima ora