BMX: Stefany Hernández pensa giá ai giochi di Tokio 2020

Pubblicato il 25 agosto 2016 da redazione

BMX - Stefany Hernández pensa giá ai giochi di Tokio 2020

BMX – Stefany Hernández pensa giá ai giochi di Tokio 2020

CARACAS – La ciclista Venezuela Stefany Hernández, fresca vincitrice della medaglia di bronzo nei giochi olimpici di Rio nella modalidtá Bmx ha tenuto una conferenza stampa appena tornata a Caracas. Ed ha approfittato dell’occasione per parlare della sua seconda esperienza nei giochi dei cinque cerchi e ringraziare l’appoggio ricevuto dai suoi fans.

“La medaglia la dedico ai 30 milioni di venezuelani di destra o di sinistra, senza fare distinzioni. Il nostro paese ha bisogno di queste gioie per andare avanti”.

L’Olympic BMX Center di Rio de Janeiro é stata la cornice dove la ciclista nata il 13 giugno del 1991 ha realizzato il sogno di appendersi al collo una medaglia olímpica, e in quest’occasione ha parlato delle sensazioni dopo aver tagliato il traguardo.

“Per prima cosa ho pensato che avevo perso la medaglia d’oro, però poi mi sono resa conto della realtà: avevo vinto la medaglia di bronzo e che ero nella top 3 mondiale”.

La gara di Rio 2016, é stata vinta dalla colombiana Mariana Pajon che aveva fatto sua anche la gara olimpica della BMX del 2012 a Londra. Entrambe hanno lottato gara dopo gara in questo ciclo olimpico facendo sempre l’uno-due: con la colombiana sempre chiudendo al primo posto nei Juegos Bolivarianos di Trujillo del 2013, Juegos Sudamericanos Santiago 2014 ed i Juegos Centroamericanos di Veracruz nel 2014.

Entrambe le cicliste sono state protagoniste anche di un finale con le scintille: si sono scontrate in pista, mettendosi ko, durante i Juegos Panamericanos di Toronto nel 2015.

“In pista siamo rivali, ma fuori siamo ottime amiche, la considero come una sorella. Sono felicissima per essere stata sul podio insieme a lei”.

Calato il sipario dei giochi di Rio 2016, Stefany pensa giá al prossimo ciclo olimpico: nel 2020 i giochi si svolgeranno a Tokio nel 2020. “La prossima volta spero di rivincere una medaglia e che sia anche di un altro metallo”.

La venticinquenne ha spiegato che per entrare nell’olimpo dello sport non é facile e ci vogliono tanti sacrifici. “E’ un cammino in costante evoluzione. Vincere una medaglia non é una cosa facile, non si vince da un giorno all’altro. Sono quattro anni di preparazione e di un lavoro constante. La stagione 2016 é stata un po’ difficile per me, ci sono state tante cadute, tante lesioni, ma ne é valsa la pena: ho vinto la mia medaglia olimpica”.

Durante l’incontro coi media, la sportiva ha dichiarato che sin dai 10 anni aveva in mente di vincere la sua medaglia ai giochi olimpici.

“Appena ho saputo che la BMX era entrata nel programma olimpico, ho ritagliato l’articolo e l’ho attaccato alla parete della mia stanza. Ogni giorno mi dicevo: parteciperó ai giochi di Londra 2012 e vinceró una medaglia”.

Stefany Hernández per smaltire la sbornia di Rio si prenderá quindici giorni di relax nella sua Puerto Ordaz, poi fará il suo rientro in Svizzera dove inizierá nuovamente la preparazione per il tour mondiale e le altre prove dove sará impegnata.

“La mia vita praticamente la svolgo là, inizieró a studiare Relazioni Internazionali l’anno prossimo” ha dichiarato la campionessa della BMX che ha anche approfittao l’occasione per svelare il suo sogno nel cassetto: “Voglio essere la presidente del Comitato Olimpico Internazionale”.

Fioravante De Simone

Ultima ora

18:12Passa una notte bloccato nel fango, anziano salvato

(ANSA) - PIACENZA, 21 SET - Ha trascorso un giorno e una notte immobile in un canale pieno di acqua e di fango, in attesa che qualcuno lo trovasse. Si è conclusa fortunatamente nel migliore dei modi la disavventura accaduta a un anziano di Piacenza che questa mattina è stato trovato riverso in un canale di campagna vicino al San Rocco al Porto, in provincia di Lodi, a pochi chilometri da Piacenza. L'uomo, ieri mattina, a bordo della sua auto era rimasto impantanato in aperta campagna. Sceso per controllare, appena ha aperto la portiera non si è accorto del canale di fianco e vi è precipitato finendo nella melma e non più in grado di muoversi a causa della caduta. Scattate le ricerche, una pattuglia dei carabinieri, notata la sua vettura abbandonata, si è avvicinata e lo ha trovato ancora vivo. Sul posto i vigili del fuoco di Piacenza e il 118 per riportarlo in salvo. Poi il trasporto con l'ambulanza in ospedale, ma non si troverebbe in pericolo.(ANSA).

18:10Calcio: Moratti, a Inter manca giocatore fantasia

(ANSA) - MILANO - "Oggi nell'Inter non c'è un giocatore che accende la fantasia come succedeva con Recoba. E' una squadra ordinata in cui ognuno fa il suo, forse Perisic ha più classe degli altri ma non c'è un giocatore che sia sorprendente come Recoba. Io lo apprezzavo perché svegliava i miei sogni": lo dice l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti, in un'intervista a Sportitalia. "Mi diverte vedere i giocatori delle altre squadre e capire quali sono interessanti. Certamente - continua l'ex patron - ci sono giocatori giovani italiani come Chiesa e come Verdi che giocano molto bene. Moratti ha parole positive per Mauro Icardi: "Ha lo stile da vero centravanti. Ha tantissime qualità anche umane, non si spaventa ed ha grandi doti umane. Infine l'ex presidente commenta l'introduzione della Var a"La considero una novità positiva. Nel 90% dei casi - spiega - la decisione che viene presa risulta corretto. Purtroppo toglie un po' di emotività ma di certo priva l'arbitro di un elemento di discussione".

18:09Trump su copertina Newsweek, ‘pazzo fuori di testa’

(ANSA) - NEW YORK, 21 SET - "Insane in the membrane": un pazzo fuori di testa, un cervello bacato. Newsweek dedica, con questo titolo, la copertina del suo prossimo numero a Donald Trump. Il presidente americano e' immortalato di profilo, in bianco e nero. Nel sottotitolo il magazine scrive: "Come la destra ha perso la testa, venduto la sua anima e appoggiato Donald Trump".

18:04Moto: Pernat, Rossi in pista? Non avevo dubbi

(ANSA) - GENOVA, 21 SET - "Rossi in pista? Non avevo dubbi". Carlo Pernat, il manager che ha lanciato Rossi nel Motomondiale, risponde così all'ANSA sul via libera per Valentino Rossi nel Gp di Aragon. "Tre settimane fa avevo detto che si sarebbe presentato ad Aragon: Valentino è troppo forte con la testa, senza contare che la frattura era composta e questo ha aiutato - ha spiegato Pernat -, conoscendolo ero sicuro che ci avrebbe provato. Mi ricordo un episodio simile capitato nel '92 con Alex Gramigni: venne investito a 20 giorni dalla prova del Mugello e si ruppe tibia e perone. Con il dottor Costa decidemmo di operarlo subito e alla fine corse al Mugello conquistando 6 punti. Quell'anno poi vinse il Mondiale".

17:52Brexit: May a Firenze, via a straordinarie misure sicurezza

(ANSA) - FIRENZE, 21 SET - Misure di sicurezza straordinarie domani a Firenze, con l'impiego tra l'altro di tiratori scelti e cani-antiesplosivo, in occasione dell'arrivo in città del primo ministro inglese Theresa May, che terrà un discorso sulla Brexit nell'aula magna dell'ex scuola allievi marescialli dei carabinieri. In contemporanea, nella vicina piazza Santa Maria Novella, è anche prevista una manifestazione di protesta di una cinquantina di britannici residenti in Italia contrari all'uscita dalla Ue. L'iniziativa, regolarmente preavvisata alla questura, non dovrebbe creare particolari problemi di ordine pubblico. Secondo quanto previsto, quella della premier britannica sarà una visita lampo, con partenza fissata nel tardo pomeriggio, dopo il discorso il cui inizio è fissato per le 15. Theresa May parlerà davanti a una platea selezionata. Tra gli invitati, molti esponenti del mondo imprenditoriale italiano.

17:46Calcio: Libertadores, Gremio e Barcelona prime semifinaliste

(ANSA) - PORTO ALEGRE (BRASILE), 21 SET - Il Gremio allenato dall'ex romanista Renato Portaluppi è semifinalista di Coppa Libertadores. Si è qualificato vincendo ieri per 1-0, con rete di Lucas Barrios, il Botafogo nel match di ritorno dei quarti di finale. All'andata a Rio le due squadre avevano pareggiato per 0-0. Il 'Bota', il cui tecnico è quel Jair Ventura figlio del campione del mondo di Messico '70 Jairzinho, è stato sfortunato colpendo una traversa e rimpiange anche le occasioni perse per alcune splendide parate del 'gremista' Marcelo Grohe. Va in semifinale anche il Barcelona di Guayaquil, che ha vinto 1-0 in casa del Santos dopo l'1-1 dell'andata. Questa notte gli altri due match dei quarti. River Plate-Jorge Wilstermann (0-3) e Lanus-San Lorenzo (0-2).

17:45Moto: Biaggi, sto meglio ma serve tempo

(ANSA) - ROMA, 21 SET - L'incidente, la grande paura e ora la voglia di guardare avanti. Con tanti progetti e un sogno nel cassetto, sempre nel mondo delle moto. Max Biaggi si confessa in un'intervista a Verissimo - in onda sabato prossimo su Canale 5 - dopo la terribile caduta in pista a Latina il 9 giugno scorso. "Ho avuto paura di non farcela - ha detto l'ex campione di moto - perché quando il primario mi ha detto che in questo tipo di trauma su 100 persone 80 non ce la fanno, non è che mi ha dato una mano. Sto meglio, avevo perso 5 chili, ero teso e non avevo più forze - racconta -. Ora ho anche riacquistato un pò l'equilibrio, anche se non è ancora come prima. Posso condurre una vita abbastanza normale". E in testa ancora progetti e sogni: "Il sogno nel cassetto è avere un altro pilota italiano che possa scalare tutti i campionati e possa diventare un campione. Sarebbe bellissimo poterlo sostenere, dargli una mano per arrivare a quei grandi traguardi. Credo sia il massimo per chi come me li ha raggiunti prima".

Archivio Ultima ora