Solidarietà

Pubblicato il 26 agosto 2016 da Mauro Bafile

Vigili del Fuoco a lavoro tra le macerie ad Arquata,      ANSA/ANGELO CARCONI

Vigili del Fuoco a lavoro tra le macerie ad Arquata, ANSA/ANGELO CARCONI

Quando il 6 aprile del 2009 un terremoto distrusse il centro storico dell’Aquila e parte dei suoi borghi più belli con il pesante bilancio di 308 morti, oltre 1500 feriti e più di 50mila sfollati, non indugiammo. Con un editoriale promovemmo, assieme alla “Fondazione Abruzzo Solidale”, una cordata di solidarietà.

Allora aderirono tutti. Fecero loro il nostro appello Faiv, le associazioni regionali, la Camera di Commercio, tanti industriali e un numero assai cospicuo di connazionali che vollero restare nell’anonimato. Anche i Comites. Si pose un’unica condizione: che quel gesto di solidarietà fosse finalizzato ad un’opera concreta, tangibile. Insomma, che il nostro denaro non si perdesse nei meandri della burocrazia.

Fu così che, grazie anche all’impegno del sindaco di Villa Sant’Angelo, Pier Luigi Biondi, e del nostro editore, Amedeo Di Lodovico, presidente della “Fondazione Abruzzo Solidale”, s’individuò una struttura in grado di accogliere manifestazioni culturali ed essere luogo d’incontro per giovani e anziani. Sei anni dopo, il 5 agosto, a Villa Sant’Angelo fu inaugurato il “Centro Aggregativo Gaetano Bafile”, dedicato al fondatore del nostro Giornale, abruzzese “doc”.

Un’altra tragedia ha colpito il centro dell’Italia. Un forte terremoto ha raso al suolo borghi splendidi come Amatrice, Arquata, Pescara del Tronto; ha provocato danni irreparabili in tanti altri; ha distrutto o danneggiato opere d’arti d’incalcolabile valore. Si parla di oltre 250 morti, ma la cifra nei prossimi giorni potrebbe aumentare e superare quella del 2009 all’Aquila.

Nell’apprendere la notizia dai lanci delle agenzie e dai colleghi che ci hanno telefonato dall’Italia, il nostro primo impulso è stato quello di far leva nuovamente sui sentimenti di solidarietà degli italo-venezuelani per aiutare le popolazioni colpite dalla tragedia.

Poi, però, abbiamo riflettuto con maggiore freddezza. E allora non ne abbiamo più avuto il coraggio. Come chiedere agli italiani del Venezuela di aiutare chi è stato colpito dalla tragedia del terremoto quando in Venezuela tanti connazionali vivono quotidianamente il dramma di non avere con che sfamarsi, di non poter comprare medicine, di dover vendere l’appartamento acquistato con tanto sacrificio per sopravvivere gli ultimi anni della loro vita, di doversi umiliare chiedendo aiuto per ricoverare un figlio o un padre malato?

I nostri pensionati, i connazionali meno abbienti, purtroppo non possono contare sulla solidarietà di nessun altro, solo di chi, vivendo in questo paese, ne conosce la drammatica e amara realtà. Solo noi possiamo capire e condividere, come fosse nostro, l’accorato appello di chi, come Bruno Natale, è costretto a vivere con una pensione semestrale di appena 90 euro, o della moglie del signor Isaías González Fernández, che ha scritto una toccante lettera al nostro Giornale, perché ha bisogno di essere ricoverata con urgenza.

La crisi economica ha colpito la nostra Collettività in modo tale da renderla ogni giorno più povera. In passato, di fronte a casi come quello che Isaías González Fernández ha illustrato nella lettera che abbiamo pubblicato, la Comunità si sarebbe immediatamente mobilitata.

Avrebbe organizzato “bingos”, cene, spettacoli e aste. In poche ore avrebbe raccolto il denaro necessario per rendere la vita di una connazionale più serena. Non è più così, dobbiamo prenderne atto.

Allora ci domandiamo come chiedere ad una collettività che vive un impoverimento inarrestabile, di aiutare i propri connazionali in Venezuela e anche chi, in patria, è stato colpito da una tragedia tanto crudele come il terremoto che in pochi secondi ha distrutto interi paesi, spazzando via vite e speranze?

Purtroppo, ed è difficile e doloroso ammetterlo, il nostro sostegno può e deve essere rivolto in primo luogo alle organizzazioni che, in seno alla nostra comunità, si occupano dei meno fortunati.

Se saremo capaci di tendere una mano a chi, fra di noi, ha bisogno urgente di solidarietà, allora lo saremo anche di aiutare chi, in Italia, soffre le conseguenze dell’ira della natura.

Mauro Bafile

Ultima ora

00:51Vaccini: Camera conferma fiducia a governo, 305 sì

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge vaccini con 305 voti a favore, 147 contrari e due astenuti. L'esame del testo proseguirà dalle 9, con le votazioni relative agli ordini del giorno. Il voto finale e definitivo sul provvedimento è previsto alle 12 dopo le dichiarazioni di voto che verranno trasmesse in diretta televisiva a partire dalle 10.

23:02Calcio:Montella,ottima vittoria ma non sottovalutare ritorno

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - "Il risultato è ottimo ma non ci lascia tranquilli, non possiamo sottovalutare la partita di ritorno, in cui saremo più avanti sul piano fisico e tecnico". Vincenzo Montella commenta così il successo per 1-0 con cui il suo Milan ha vinto l'andata del preliminare di Europa League in trasferta contro i romeni del Craiova. "Non mi potevo aspettare di più, il Craiova ci ha messo in difficoltà perché era più avanti di noi nella preparazione e ha giocatori abili. Mi è piaciuto il modo con cui la squadra si approccia alla sofferenza - ha detto Montella a Sky dopo la partita in Romania -. Siamo stati un po' scolastici. Si sta inserendo qualche calciatore, siamo in costruzione e ci sarà tempo per costruire. Il mio compito è portare avanti più giocatori possibili". Il risultato è stato anche salvato da una prodezza di Gianluigi Donnarumma. "Donnarumma ha fatto una parata importantissima, in un momento decisivo della partita''.

22:24Calcio: Europa League, Craiova-Milan 0-1

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Il Milan batte 1-0 (1-0) la squadra romena del Csu Craiova nella partita di andata del terzo turno preliminare di Europa League. In gol per i rossoneri Rodriguez al 44' pt

21:45Sospeso processo disciplinare a Emiliano

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Sospeso il processo disciplinare al governatore della Puglia Michele Emiliano con invio degli atti alla Consulta. È quanto ha deciso la sezione disciplinare del Csm nel procedimento a Emiliano, magistrato in aspettativa sotto accusa per la sua attività politica come dirigente del Pd. La Consulta dovrà verificare la legittimità costituzionale della norma che prevede come illecito disciplinare per un magistrato, anche se fuori, l'iscrizione ad un partito politico. "Sono molto soddisfatto, avevo più volte detto che c'era un forte dubbio interpretativo e che ci fosse la necessità di un chiarimento. Indipendentemente da come deciderà la Corte Costituzionale, il Csm ha ritenuto che la questione di legittimità da noi sollevata possa avere fondamento". Lo ha detto Michele Emiliano, commentando la decisione della sezione disciplinare del Csm di sospendere il procedimento a suo carico e trasmettere gli atti alla Consulta.

21:03Calcio: Nainggolan, ho dimostrato di voler rimanere

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - "Ho dimostrato quello che ho sempre voluto. Sono contento di continuare insieme". Sono le prime parole di Radja Nainggolan appena apposta la firma sul nuovo contratto che lo legherà alla Roma fino al 2021. Da Boston, dove i giallorossi sono in tournée, ha espresso soddisfazione anche il patron giallorosso James Pallotta: "Siamo felici che Radja si sia impegnato con noi a lungo termine nella fase più importante della sua carriera", ha dichiarato il presidente della Roma. "Nell'ultima stagione - ha concluso Pallotta - si è dimostrato uno dei migliori centrocampisti del mondo e non è stata una sorpresa che il suo nome sia stato accostato a quello di alcuni dei più grandi club europei. Ma non c'è mai stata la possibilità che andasse altrove, ama la Roma e noi siamo felici di averlo qui".

20:49Calcio: Mihajlovic promuove il Toro, felice Belotti resti

(ANSA) - TORINO, 27 LUG - Niente Guingamp per Andrea Belotti. L'attaccante del Torino, che nel ritiro di Bormio si è fermato per un affaticamento muscolare, non partirà per la Francia, dove sabato i granata sono impegnati in amichevole. "Ha avuto un leggero infortunio e non verrà", conferma il tecnico Sinisa Mihajlovic, soddisfatto della permanenza del giocatore. "Il presidente Cairo è stato chiaro, o clausola dall'estero o basta - sottolinea l'allenatore al sito internet del club - e lui è sereno e tranquillo". "Sono felice che sia rimasto con noi. C'è un rapporto di grande stima, fiducia e affetto", osserva il mister. Il mercato, però, è aperto fino alla fine di agosto e potrebbero esserci delle sorprese. "Noi tutti lavoriamo per il bene del Toro - taglia corto Mihajlovic - qui non ci saranno mai musi lunghi". Dopo venti giorni di ritiro, il bilancio dell'allenatore è positivo. "Ho visto impegno, voglia di far bene, applicaizone, generosità.

20:46Calcio: Roma, Nainggolan rinnova fino al 2021

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Radja Nainggolan ha rinnovato il suo contratto con la Roma. Il belga resterà in giallorosso fino al 2021.

Archivio Ultima ora