Solidarietà

Pubblicato il 26 agosto 2016 da Mauro Bafile

Vigili del Fuoco a lavoro tra le macerie ad Arquata,      ANSA/ANGELO CARCONI

Vigili del Fuoco a lavoro tra le macerie ad Arquata, ANSA/ANGELO CARCONI

Quando il 6 aprile del 2009 un terremoto distrusse il centro storico dell’Aquila e parte dei suoi borghi più belli con il pesante bilancio di 308 morti, oltre 1500 feriti e più di 50mila sfollati, non indugiammo. Con un editoriale promovemmo, assieme alla “Fondazione Abruzzo Solidale”, una cordata di solidarietà.

Allora aderirono tutti. Fecero loro il nostro appello Faiv, le associazioni regionali, la Camera di Commercio, tanti industriali e un numero assai cospicuo di connazionali che vollero restare nell’anonimato. Anche i Comites. Si pose un’unica condizione: che quel gesto di solidarietà fosse finalizzato ad un’opera concreta, tangibile. Insomma, che il nostro denaro non si perdesse nei meandri della burocrazia.

Fu così che, grazie anche all’impegno del sindaco di Villa Sant’Angelo, Pier Luigi Biondi, e del nostro editore, Amedeo Di Lodovico, presidente della “Fondazione Abruzzo Solidale”, s’individuò una struttura in grado di accogliere manifestazioni culturali ed essere luogo d’incontro per giovani e anziani. Sei anni dopo, il 5 agosto, a Villa Sant’Angelo fu inaugurato il “Centro Aggregativo Gaetano Bafile”, dedicato al fondatore del nostro Giornale, abruzzese “doc”.

Un’altra tragedia ha colpito il centro dell’Italia. Un forte terremoto ha raso al suolo borghi splendidi come Amatrice, Arquata, Pescara del Tronto; ha provocato danni irreparabili in tanti altri; ha distrutto o danneggiato opere d’arti d’incalcolabile valore. Si parla di oltre 250 morti, ma la cifra nei prossimi giorni potrebbe aumentare e superare quella del 2009 all’Aquila.

Nell’apprendere la notizia dai lanci delle agenzie e dai colleghi che ci hanno telefonato dall’Italia, il nostro primo impulso è stato quello di far leva nuovamente sui sentimenti di solidarietà degli italo-venezuelani per aiutare le popolazioni colpite dalla tragedia.

Poi, però, abbiamo riflettuto con maggiore freddezza. E allora non ne abbiamo più avuto il coraggio. Come chiedere agli italiani del Venezuela di aiutare chi è stato colpito dalla tragedia del terremoto quando in Venezuela tanti connazionali vivono quotidianamente il dramma di non avere con che sfamarsi, di non poter comprare medicine, di dover vendere l’appartamento acquistato con tanto sacrificio per sopravvivere gli ultimi anni della loro vita, di doversi umiliare chiedendo aiuto per ricoverare un figlio o un padre malato?

I nostri pensionati, i connazionali meno abbienti, purtroppo non possono contare sulla solidarietà di nessun altro, solo di chi, vivendo in questo paese, ne conosce la drammatica e amara realtà. Solo noi possiamo capire e condividere, come fosse nostro, l’accorato appello di chi, come Bruno Natale, è costretto a vivere con una pensione semestrale di appena 90 euro, o della moglie del signor Isaías González Fernández, che ha scritto una toccante lettera al nostro Giornale, perché ha bisogno di essere ricoverata con urgenza.

La crisi economica ha colpito la nostra Collettività in modo tale da renderla ogni giorno più povera. In passato, di fronte a casi come quello che Isaías González Fernández ha illustrato nella lettera che abbiamo pubblicato, la Comunità si sarebbe immediatamente mobilitata.

Avrebbe organizzato “bingos”, cene, spettacoli e aste. In poche ore avrebbe raccolto il denaro necessario per rendere la vita di una connazionale più serena. Non è più così, dobbiamo prenderne atto.

Allora ci domandiamo come chiedere ad una collettività che vive un impoverimento inarrestabile, di aiutare i propri connazionali in Venezuela e anche chi, in patria, è stato colpito da una tragedia tanto crudele come il terremoto che in pochi secondi ha distrutto interi paesi, spazzando via vite e speranze?

Purtroppo, ed è difficile e doloroso ammetterlo, il nostro sostegno può e deve essere rivolto in primo luogo alle organizzazioni che, in seno alla nostra comunità, si occupano dei meno fortunati.

Se saremo capaci di tendere una mano a chi, fra di noi, ha bisogno urgente di solidarietà, allora lo saremo anche di aiutare chi, in Italia, soffre le conseguenze dell’ira della natura.

Mauro Bafile

Ultima ora

13:19Sci: Cdm,in libera Kitzbuehel Innerhofer cade ma senza danni

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 20 GEN - Christoph Innerhofer, pettorale 2 e primo azzurro in pista nella discesa sulla Streif a Kitzbuehel, è caduto spettacolarmente, ma senza danni. L'incidente - mentre aveva un buon tempo - è stato in parte simile a quello di Sofia Goggia nella discesa di Cortina. E' accaduto sul dente che immette sullo Schuss finale dopo la lunga traversa della Hausbergkante. Innerhofer è stato sbilanciato e lo sci sinistro si è alzato in alto con la punta verso il cielo. L'azzurro è scivolato sulla neve per parecchi metri, ma poi si è rialzato senza problemi.

13:02Sci: Goggia, ho sbagliato nel salto ma adesso riparto

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 20 GEN - E' stato fortunatamente più spettacolare che altro il presentat'arm - con le punte degli sci paralleli rivolte al cielo - che Sofia Goggia ha fatto sul lungo e ripido salto che immette sullo Schuss delle Tofane. E' atterrata in un tratto ancora in forte pendenza e la sua schiena per alcuni metri, in una nube di neve, ha toccato il fondo pista. Poi, però, con un colpo di reni e uno sci che ha preso la giusta inclinazione, si è rialzata indenne. "Ho sbagliato all'attacco del dente sopra il salto. Non ero nella giusta posizione per il salto, ma ancora troppo arretrata. Sono però riuscita a controllare la caduta e tutto è andato bene", ha raccontato l'azzurra. "Per il SuperG di domani nessun problema. Ora resetto tutto - ha annunciato l'azzurra - e si riparte da zero: andare e via".

13:02Volvo ocean race: scontro barca-peschereccio, un morto

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - E' davvero tragico l'epilogo della 4/a tappa della Volvo ocean race di vela, che ha portato le barche da Melbourne a Hong Kong ed è stata vinta da Sun Hung Kai/Scallywag. A poche miglia dal traguardo, Vestas 11th Hour racing dello skipper Charlie Enright è stata coinvolta in una collisione con un piccolo peschereccio che ha provocato un morto. La notizia è stata confermata dagli organizzatori della regata che manifestano "i più profondi sentimenti di cordoglio alla famiglia della vittima". L'incidente è avvenuto a circa 30 miglia dal traguardo della 4/a tappa, fuori dalle acque di Hong Kong. Fra i componenti il team Vestas 11th Hour racing non ci sono feriti: dall'imbarcazione - secondo quanto informano gli organizzatori - è partito il segnale di 'mayday' verso il Centro di coordinamento del soccorso in Mare di Hong Kong. Immediato l'intervento dei soccorritori che hanno potuto recuperare nove componenti dell'equipaggio, mentre il decimo è stato trasportato in ospedale con un elicottero, ma è spirato poco dopo.

12:58Sci: discesa Cortina, vittoria Vonn

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO (BELLUNO), 20 GEN - Sofia Goggia ha sbagliato, facendo uno spettacolare e pericoloso presentat'arm sul salto che immette sullo Schuss delle Tofane e ha così lasciato strada libera al successo della statunitense Lindsey Vonn nella discesa di Cdm di Cortina. Vonn ha vinto in 1'36"48, lasciandosi alle spalle Tina Weirather del Liechtenstein in 1'37"40 e l'altra statunitense Jacqueline Wiles (1'37"46). Per Vonn è il 12/o successo a Cortina, il 79/o in Coppa del mondo. Fuori Goggia - che atterrando sul salto è finita con la schiena sulla neve, scivolando per alcuni metri, ma rialzandosi indenne con un formidabile colpo di reni - per l'Italia la migliore è stata Johanna Schnarf 9/a in 1'38"29. Più indietro, al momento 16/a, c'è Nicol Delago in 1'38"69: poi, Nadia Fanchini in 1'38"80, Federica Brignone in 1'38"81, Verena Stuffer in 1'38"95. Domani per Goggia e compagne ci sarà modo di rifarsi con il SuperG che chiude la tappa di Cortina.

12:55Tennis: Australia, Berdych agli ottavi e sfiderà Fognini

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Sarà Tomas Berdych l'avversario di Fabio Fognini, negli ottavi di finale degli Open d'Australia Il ceco, 19/a testa di serie, ha regolato per 6-3, 6-3, 6-2 l'argentino Juan Martin Del Potro, n. 12 del seeding. Esce a sorpresa il tedesco Alexander Zverev, testa di serie n. 4, battuto dal sudcoreano Hyeon Chung, vincitore a novembre delle Next Gen Atp Finals, che si è imposto in 5 set con il punteggio di 5-7, 7-6 (7-3), 2-6, 6-3, 6-0. Avanza l'austriaco Dominic Thiem, testa di serie n. 5, che ha superato per 6-4, 6-2, 7-5 il francese Adrien Mannarino (n. 26). Altri risultati Sandgren-Marterer 5-7, 6-3, 7-5, 7-6 (7-5); Fucsovics-Kicker 6-3, 6-3, 6-2.

12:53Giappone: Forze di autodifesa pronte a schierare caccia F-35

(ANSA) - TOKYO, 20 GEN - Le Forze di autodifesa in Giappone sono pronte a schierare il primo caccia di quinta generazione F-35s nella base aerea di Misawa, localizzata nella prefettura di Aomori a nord est dell'arcipelago. La prima consegna avrà luogo a fine mese, rende noto il ministero della Difesa, ed è parte di un ordine di 42 aerei multiruolo F-35s, commissionati agli Stati Uniti. Ogni caccia costa 135 milioni di dollari e verrà utilizzato con l'apporto dei missili aria-superficie Jsm di fabbricazione norvegese, trasportati nelle baie interne degli F-35s dotati di una gittata di 500 chilometri. Chi si oppone alla decisione fa notare che la composizione e la disponibilità di tali apparati sono contrari al principio della costituzione pacifista del Giappone, che tramite l'Articolo 9 non riconosce allo stato il diritto di belligeranza. Lo scorso dicembre il governo di Tokyo aveva ratificato il budget per la Difesa 2018 con un record di stanziamenti - 46 miliardi di dollari - e corrispondente al 5% del budget nazionale.

12:48Sci: Cdm, nella libera a Cortina la Goggia fuori

(ANSA) - CORTINA D'AMPEZZO, 20 GEN - Delusione Goggia nella seconda discesa libera di Cdm di sci di Cortina. L'azzurra, vincitrice ieri, è uscita di pista dopo 25 secondi di gara. Scesa con il pettorale numero 3, è volata a 130 km l'ora su un salto dopo uno 'schuss' ed è rimasta in piedi ma ha saltato una porta. Al comando per ora la statunitense Lindsey Vonn, seconda ieri, in 1'36" 48. Al momento la migliore delle azzurre è Johanna Schnarf, nona con 1"81 di ritardo.

Archivio Ultima ora