L’Ungheria annuncia una nuova barriera anti-migranti

Pubblicato il 26 agosto 2016 da ansa

L'Ungheria annuncia una nuova barriera anti-migranti

L’Ungheria annuncia una nuova barriera anti-migranti

BELGRADO – A un anno dalla costruzione del primo ‘muro difensivo’ al confine con la Serbia, l’Ungheria di Viktor Orban ha annunciato oggi una nuova barriera fortificata anti-migranti lungo la stessa frontiera meridionale. Il premier conservatore ed euroscettico ha detto di temere una nuova forte ondata di migranti, sopratutto se non dovesse funzionare al meglio l’accordo fra Ue e Turchia. Timori questi peraltro confermati dal premier turco Binali Yildirim, che è tornato a sollecitare l’Ue sulla questione della liberalizzazione dei visti per i cittadini turchi.

– I confini non si possono difendere con i fiori e con giocattoli di peluche ma con l’impiego di poliziotti, soldati e armi – ha detto Orban alla radio nazionale.

Orban, che ha ribadito le sue preoccupazioni per l’emergenza migranti e per la sicurezza durante l’incontro di oggi a Varsavia fra i quattro Paesi del Gruppo Visegrad (Ungheria, Polonia, Repubblica ceca, Slovacchia) con la cancelliera tedesca Angela Merkel, non ha precisato quando partiranno i lavori per la realizzazione della seconda barriera anti-migranti lungo i 175 km della frontiera con la Serbia. Una nuova barriera, ha osservato il premier ungherese, che sarà in grado di fermare eventualmente “centinaia di migliaia di persone”.

Attualmente sono in corso rilevamenti tecnici in vista dell’avvio dei lavori, ha detto. Di recente l’Ungheria ha disposto l’impiego di altri 3 mila poliziotti a protezione del confine meridionale, in aggiunta ai 3.500 già in servizio. Poliziotti spesso oggetto di dure critiche per le maniere brusche e violente che userebbero nei confronti dei migranti.

Ieri in un incontro fra i ministri dell’Interno serbo e ungherese, Nebojsa Stefanovic e Sandor Pinter, è stata evocata la possibile creazione di pattuglie miste di poliziotti serbi e ungheresi da inviare alle frontiere della Serbia con Bulgaria e Macedonia, i due Paesi da dove più intenso è il flusso di migranti da sud.

Belgrado sostiene che nonostante la chiusura della ‘rotta balcanica’, il flusso di migranti mediorientali non si è mai arrestato. E le autorità dell’Ungheria, attraverso la quale lo scorso anno sono transitati non meno di 400 mila migranti e profughi diretti in Europa occidentale, denunciano che malgrado le barriere metalliche e di filo spinato erette un anno fa alle frontiere con Serbia e Croazia, da gennaio sono state almeno 18 mila le persone entrate illegalmente in territorio magiaro.

Per questo il premier Orban si dice preoccupato e preme per consolidare le barriere difensive ai confini dell’Ungheria, dove il 2 ottobre si terrà un referendum indetto dal premier per legittimare il suo ‘no’ alla politica della distribuzione dei migranti nei vari paesi Ue decisa da Bruxelles.

“Dobbiamo dare priorità alla sicurezza, per questo è necessario creare un esercito comune europeo”, ha detto il premier ungherese a Varsavia, dove la cancelliera Merkel ha incontrato i leader dei quattro Paesi del Gruppo di Visegrad per parlare di migranti, sicurezza e dopo-Brexit in vista del prossimo vertice Ue di metà settembre a Bratislava.

(Franco Quintano/ANSAmed)

Ultima ora

16:13Obitorio ospedale troppo piccolo,bare con salme in corridoio

(ANSA) - SERRA SAN BRUNO (VIBO VALENTIA), 18 GEN - Lamentele e proteste nell'ospedale di Serra San Bruno per l'impossibilità di collocare le salme di persone decedute nell'obitorio del nosocomio per mancanza di spazi. La direzione dell'ospedale si é vista costretta a fare collocare in un corridoio due bare con le salme, suscitando le proteste dei parenti dei defunti. Nel corridoio in cui sono state collocate le salme, tra l'altro, si é determinato un sovraffollamento per la presenza dei parenti delle persone decedute. Una situazione difficile da gestire per i responsabili dell'ospedale, che già in passato avevano dovuto fare fronte a difficoltà dello stesso tipo. La Direzione sanitaria dell'ospedale ha reso noto, con un comunicato, di avere "ulteriormente sollecitato all'Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia la soluzione del problema", chiedendo l'ampliamento della sala mortuaria. (ANSA).

16:04Catalogna: Puigdemont chiede voto delegato in Parlament

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Il presidente catalano uscente Carles Puigdemont, e gli altri neo deputati della lista JxCat in esilio a Bruxelles Clara Ponsati e Lluis Puig hanno chiesto oggi alla nuova presidenza del Parlament di poter delegare il voto. Nella seduta costitutiva ieri è stata accolta la richiesta di voto delegato dei tre deputati in carcere a Madrid Oriol Junuqeras, Jordi Sanchez e Joaquim Forn. Il governo di Madrid ha però annunciato che farà ricorso alla Corte costituzionale se a Puigdemont sarà consentito votare dall'esilio belga.

16:04Sci: Marsaglia il migliore in prova discesa Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 18 GEN - L'azzurro Matteo Marsaglia è stato il più veloce nelle prove della discesa libera di coppa del mondo in programma sabato prossimo a Kitzbuehel, disputate su un tracciato ridotto, sulla parte alta della pista, per salvaguardare il fondo nella parte finale date le condizioni meteo non buone. Marsaglia ha fermato il cronometro sull'1'24''73, solo un centesimo più veloce del francese Brice Roger. Poco più distante si è piazzato l'austriaco Vincent Krieschmayr. Appena fuori dalla top ten si sono classificati quattro italiani: Dominik Paris 13/o, Peter Fill 14/o, Mattia Casse 16/o e Werner Hell 18/o. Molto più distanti Christof Innerhofer ed Emanuele Buzzi, che hanno preferito provare le linee da utilizzare in gara.

15:36Tennis: Australia, Struff ko, tutto facile per Federer

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Terzo turno degli Open d'Australia centrato facilmente per Roger Federer. Lo svizzero n.2 al mondo e campione in carica allo slam in corso a Melbourne ha superato in tre set con il punteggio di 6-4 6-4 7-6(4) il tedesco Jan-Lennard Struff, numero 55 Atp e al prossimo turno incontrerà il francese Richard Gasquet, numero 31 del ranking. Impresa di Fabio Fognini agli Australian open, che rimonta e batte il russo Evgeny Donskoy e vola al terzo turno. Fognini raggiunge l'altro italiano Andreas Seppi già qualificato. Lorenzo Sonego, invece, non ce l'ha fatta. Troppo forte per lui, rivelazione di questi Australian Open, la racchetta del francese Richard Gasquet. L'azzurro ha dovuto così interrompere i suoi sogni di gloria al secondo turno del torneo di Melbourne dopo aver superato di slancio la prima prova.Lorenzo Sonego non ce l'ha fatta. Sonego è stato sconfitto con il punteggio di 6-2 6-2 6-3 che lascia poco spazio all'immaginazione.

15:25Maltempo: almeno due morti in Olanda

(ANSA) - L'AJA, 18 GEN - Almeno due persone sono morte in Olanda a causa della violenta tempesta che si abbatte in queste ore sul Paese: lo ha reso noto la polizia. La prima vittima è un uomo di 62 anni colpito sul volto dal ramo di un albero nella provincia di Overijssel, nell'est dell'Olanda. L'altra è un uomo, anche lui di 62 anni, che è caduto da un'altezza di diversi metri nella città di Vuren. La polizia sta indagando sulle cause della morte ma non esclude che sia stato il vento fortissimo.

15:18Mo: Jenin, polizia conferma ‘un morto e arresti’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 GEN - "Un morto ed alcuni arresti": questo, secondo un comunicato del portavoce della polizia israeliana, il bilancio aggiornato dell'operazione condotta la scorsa notte a Jenin, in Cisgiordania, contro una cellula ritenuta responsabile della uccisione di un rabbino avvenuta il 9 gennaio. In precedenza la radio militare aveva parlato di due morti, mentre l'agenzia di stampa palestinese Maan aveva riferito di un "morto accertato" e di un "disperso", possibilmente ancora coperto dai detriti di uno di tre edifici demoliti dall'esercito. Intanto il ministero palestinese della sanità ha identificato l'ucciso in Ahmed Ismail al-Jarrar, e non Ahmed Nasr al-Jarrar. La sorte di quest'ultimo (già indicato da Hamas come un membro del proprio braccio armato) è adesso ignota.

15:17Migranti: Minniti, avanti progetto Centro rimpatri a Macomer

(ANSA) - CAGLIARI, 18 GEN - Va avanti il progetto per la realizzazione del Centro di Permanenza per il Rimpatrio (Cpr) a Macomer, nel Centro della Sardegna. La conferma è arrivata oggi, a margine dell'incontro sui migranti in prefettura a Nuoro, alla presenza del ministro dell'Interno Marco Minniti, che poco prima della riunione ha avuto un faccia a faccia con il governatore Francesco Pigliaru e il sindaco di Macomer, Antonio Onorato Succu. Il primo passo sarà quello di sottoscrivere un patto per la sicurezza dell'area del Marghine, nel Nuorese occidentale, dove sorge appunto Macomer. "Il ministro ci ha detto che la struttura di accoglienza, che é l'ex carcere a Bonu Trau, sarà un carcere vero e proprio da cui non si potrà uscire liberamente - spiega Succu - inoltre ha chiesto al presidente Pigliaru e alla prefetta Bellantoni di predisporre un patto sulla sicurezza in tutto il Marghine in vista dell'avvio della struttura". Quanto al numero dei migranti che potranno essere ospitati nel Cpr, il sindaco spiega che "il ministro non ci ha dato numeri, ma ha detto che verrà stabilito un numero massimo in base alle potenzialità della struttura di accoglienza e in base a come verrà potenziata con i lavori di ristrutturazione: sarà questo il compito dei tecnici. Ci ha, inoltre, comunicato, e questa é una cosa molto positiva - ha annunciato infine il primo cittadino - che sarà riaperta a Macomer la sede della Guardia di Finanza".(ANSA).

Archivio Ultima ora