L’Ungheria annuncia una nuova barriera anti-migranti

Pubblicato il 26 agosto 2016 da ansa

L'Ungheria annuncia una nuova barriera anti-migranti

L’Ungheria annuncia una nuova barriera anti-migranti

BELGRADO – A un anno dalla costruzione del primo ‘muro difensivo’ al confine con la Serbia, l’Ungheria di Viktor Orban ha annunciato oggi una nuova barriera fortificata anti-migranti lungo la stessa frontiera meridionale. Il premier conservatore ed euroscettico ha detto di temere una nuova forte ondata di migranti, sopratutto se non dovesse funzionare al meglio l’accordo fra Ue e Turchia. Timori questi peraltro confermati dal premier turco Binali Yildirim, che è tornato a sollecitare l’Ue sulla questione della liberalizzazione dei visti per i cittadini turchi.

– I confini non si possono difendere con i fiori e con giocattoli di peluche ma con l’impiego di poliziotti, soldati e armi – ha detto Orban alla radio nazionale.

Orban, che ha ribadito le sue preoccupazioni per l’emergenza migranti e per la sicurezza durante l’incontro di oggi a Varsavia fra i quattro Paesi del Gruppo Visegrad (Ungheria, Polonia, Repubblica ceca, Slovacchia) con la cancelliera tedesca Angela Merkel, non ha precisato quando partiranno i lavori per la realizzazione della seconda barriera anti-migranti lungo i 175 km della frontiera con la Serbia. Una nuova barriera, ha osservato il premier ungherese, che sarà in grado di fermare eventualmente “centinaia di migliaia di persone”.

Attualmente sono in corso rilevamenti tecnici in vista dell’avvio dei lavori, ha detto. Di recente l’Ungheria ha disposto l’impiego di altri 3 mila poliziotti a protezione del confine meridionale, in aggiunta ai 3.500 già in servizio. Poliziotti spesso oggetto di dure critiche per le maniere brusche e violente che userebbero nei confronti dei migranti.

Ieri in un incontro fra i ministri dell’Interno serbo e ungherese, Nebojsa Stefanovic e Sandor Pinter, è stata evocata la possibile creazione di pattuglie miste di poliziotti serbi e ungheresi da inviare alle frontiere della Serbia con Bulgaria e Macedonia, i due Paesi da dove più intenso è il flusso di migranti da sud.

Belgrado sostiene che nonostante la chiusura della ‘rotta balcanica’, il flusso di migranti mediorientali non si è mai arrestato. E le autorità dell’Ungheria, attraverso la quale lo scorso anno sono transitati non meno di 400 mila migranti e profughi diretti in Europa occidentale, denunciano che malgrado le barriere metalliche e di filo spinato erette un anno fa alle frontiere con Serbia e Croazia, da gennaio sono state almeno 18 mila le persone entrate illegalmente in territorio magiaro.

Per questo il premier Orban si dice preoccupato e preme per consolidare le barriere difensive ai confini dell’Ungheria, dove il 2 ottobre si terrà un referendum indetto dal premier per legittimare il suo ‘no’ alla politica della distribuzione dei migranti nei vari paesi Ue decisa da Bruxelles.

“Dobbiamo dare priorità alla sicurezza, per questo è necessario creare un esercito comune europeo”, ha detto il premier ungherese a Varsavia, dove la cancelliera Merkel ha incontrato i leader dei quattro Paesi del Gruppo di Visegrad per parlare di migranti, sicurezza e dopo-Brexit in vista del prossimo vertice Ue di metà settembre a Bratislava.

(Franco Quintano/ANSAmed)

Ultima ora

10:06Gambia: ultimatum a Jammeh, lascia o intervento truppe

(ANSA) - DAKAR, 20 GEN - Il presidente sconfitto del Gambia, Yahya Jammeh, dovrà lasciare il Paese di sua spontanea volontà entro mezzogiorno ora locale (le 13:00 in Italia) o sarà costretto ad andarsene con la forza: lo ha detto Marcel Alain de Souza, presidente dell'Ecowas, l'organizzazione che raggruppa i Paesi dell'Africa occidentale. Le truppe dell'Ecowas sono entrate in Gambia ieri sera, dopo il giuramento del presidente eletto Adama Barrow nell'ambasciata gambiana del vicino Senegal.

09:23Trump: viaggio e’ iniziato, voglio cambiamento reale

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - "Il viaggio e' iniziato, e' iniziato 18 mesi fa. Quello che voglio e' un cambiamento reale": cosi' Donald Trump intervenendo nel corso del concerto inaugurale. "Voglio unire il Paese e fare l'America di nuovo grande. Grande per tutti".

08:44Messico: ‘El Chapo’ estradato in Usa, in volo per NY

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 GEN - Joaquin 'El Chapo' Guzman, ex signore della droga messicano, è stato estradato verso gli Usa dove deve rispondere di accuse legate al narcotraffico. Lo ha annunciato il governo messicano, che lo ha trasferito all'aeroporto di Ciudad Juarez, dove è stato preso in consegna da agenti Usa. Funzionari statunitensi hanno confermato che l'ex capo del cartello di Sinaloa è atterrato in un aeroporto di periferia, dove lo aspettava una colonna di suv per portarlo via. Passerà la notte in una prigione di New York, prima della comparizione prevista oggi in un tribunale federale di Brooklyn. L'ex boss dei narcos si è reso protagonista di due arresti e altrettante fughe avventurose, fino a quando non è stato preso per la terza volta.

00:40Ovazione per Trump a concerto inaugurale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - Ovazione per Donald TRump all'ingresso al Lincoln Memorial, dove è in corso il concerto per l'inaugurazione. Dal pubblico si è alzato il coro 'Trump, Trump'. Il presidente eletto è arrivato mano nella mano con Melania al Lincoln Memorial. Un ingresso sulle note dei Rolling Stones, 'Heart of Stone'. Trump e Melania, sorridenti, hanno salutato il pubblico e hanno preso posto nel palco d'onore, in prima fila a fianco a Ivanka e Jared Kushner.

22:39Moda: Pitti Bimbo, Trussardi Junior partner di Brave Kid

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Debutta oggi a Pitti Bimbo 84 la prima collezione Trussardi Junior prodotta e distribuita in licenza mondiale da Brave Kid, azienda del gruppo Otb di Renzo Rosso. "Abbiamo trovato in Brave Kid il partner ideale in grado di rappresentare al meglio i valori Trussardi nell'ambito del kidswear", dice Tomaso Trussardi, Ad del gruppo. La collezione, da 4 a 14 anni, propone una versione mignon dei codici di stile dell'azienda fondata a Bergamo nel 1911: dettagli con l'iconico levrieo, stampe floreali, loghi all over. E' un total look completo, con cappottino, bomber in pelle, piumini bi-color, completi di felpa, gilet, giubboni di nylon, T-shirts.

22:11Poliziotto cede mitraglietta a pregiudicato, due in carcere

(ANSA) - LECCE, 19 GEN - Un poliziotto in servizio alla Questura di Lecce è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria, trasferito in carcere e sospeso dal servizio per aver rubato un'arma da guerra, una pistola mitraglietta Beretta M12, custodita nell'armeria della Questura, cedendola ad un pregiudicato di Merine, frazione di Lizzanello (Lecce), arrestato per detenzione illegale di arma da guerra. La mancanza dell'arma è stata scoperta durante una verifica in armeria e l'indagine interna è scattata immediatamente. L'agente sospettato ha subito ammesso le proprie responsabilità e di aver ceduto l'arma ad un pregiudicato di Merine, nella cui abitazione è stata trovata. Il poliziotto dovrà rispondere di furto e detenzione illegale di arma da guerra. Il questore di Lecce, Pierluigi D'Angelo: "E' un episodio di estrema gravità che ci addolora profondamente, ma è significativo che a portarla alla luce ed a sventare il tentativo siano stati altri poliziotti e che la struttura sia stata in grado di reagire tempestivamente".

22:11Polemica su spettacolo transgender, Arcigay invita assessore

(ANSA) - VENEZIA, 19 GEN - Ha scatenato una polemica in Veneto la programmazione il 7 marzo prossimo al teatro Astra di Vicenza dello spettacolo "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro", lavoro del regista siciliano Giuliano Scarpinato il quale racconta la storia di un bambino che non ha ancora deciso se essere maschio o femmina, o meglio, vorrebbe essere tutti e due. L'Arcigay di Vicenza ha ringraziato l'assessore regionale veneto Elena Donazzan (Fi), che ieri aveva inviato una lettera al ministro dell'istruzione, Valeria Fedeli, chiedendole di non consentire alle scuole di proporre lo spettacolo sul bambino transgender. "Ringraziamo l'assessore regionale Elena Donazzan per la notevole visibilità offerta a "Fa'afafine-Mi chiamo Alex e sono un dinosauro'" scrive l'Arcigay, che invita l'esponente regionale a vedere assieme lo spettacolo, disposto ad offrirle il biglietto di ingresso. (ANSA).

Archivio Ultima ora