Sisma: 281 morti, Renzi e Mattarella ai funerali

Pubblicato il 26 agosto 2016 da ansa

A view of Amatrice, central Italy, Friday, Aug. 26, 2016  (ANSA/AP Photo/Antonio Calanni)

A view of Amatrice, central Italy, Friday, Aug. 26, 2016 (ANSA/AP Photo/Antonio Calanni)

ROMA – Sono 281 i morti accertati finora del terremoto del 24 agosto: nella sola Amatrice sono 221 le vittime, mentre resta invariato il bilancio di Arquata del Tronto (49 vittime) ed Accumoli (11). Con il passare delle ore viene aggiornata purtroppo in rialzo la conta di coloro che hanno perso la vita nel sisma che ha sconvolto il centro Italia due notti fa. Sono 238 gli estratti vivi, resta sostanzialmente invariato a 388 il numero dei feriti ospedalizzati.

Sono state 1059 le scosse di terremoto dalla notte del 24 agosto alle 17.13 di oggi – ha spiegato la Protezione civile – e di queste 220 si sono verificate nella sola giornata odierna. Dieci delle repliche di oggi sono state di magnitudo tra 3 e 4, oltre a quella di stamani di 4.8. Il suolo si è abbassato di 20 centimetri in corrispondenza di Accumoli per azione del terremoto. Dopo una forte scossa che si è registrata stamane alle 6.20, altri due ponti sono rimasti danneggiati ad Amatrice, aggravando ulteriormente la situazione delle strade.

Per la Commissione Grandi Rischi, il terremoto del 24 agosto “può essere considerato come un tipico terremoto appenninico” e analizzando lo ‘storico’ dei sismi avvenuti nell’Appennino centrale non vengono esclusi “possibili futuri terremoti nella regione”, anche di elevata magnitudo.

Domani il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il premier Matteo Renzi parteciperanno ai funerali delle vittime marchigiane del terremoto nel Duomo di Ascoli Piceno. Mentre una celebrazione religiosa, senza salme, si svolgerà mercoledì 31 agosto alle 18 ad Amatrice. Intanto si è svolta la riunione a Palazzo Chigi tra il premier, il sottosegretario Claudio De Vincenti, il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio e i governatori delle aree colpite dal sisma.

– La ricostruzione dovrà essere dei comuni colpiti, dei centri abitati come erano, certo più sicuri ma mantenendo intatta la tradizione e le radici – ha detto al termine De Vincenti, che con il ministro del’Istruzione Giannini ha assicurato che si sta lavorando perché in tutti paesi colpiti dal sisma i bambini possano riprendere la scuola puntualmente e in condizioni di regolarità.

Tra le tante immagini dolorose che si fissano nella mente, oggi c’è quella della mamma di Giulia, la bimba di 9 anni trovata morta sotto le macerie e sorella di Giorgia, 5 anni, salvata dai vigili del fuoco. Trasportata in barella nella palestra di Ascoli, la donna ha sussurrato:

“Ciao, mamma ti ama tanto”, mentre avvicinava al volto la foto della figlia appoggiata sulla cassa. Ad Arquata del Tronto il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha incontrato due dei vigili del fuoco che hanno fatto parte della squadra che ha recuperato ancora viva la bambina nella casa crollata di Pescara del Tronto.

Sui luoghi del disastro, anche il presidente dell’Anci, Piero Fassino. Stop assoluto all’invio di nuovi aiuti, nei comuni di Amatrice e Accumoli, è stato invece deciso, per evitare l’accumularsi di generi alimentari non necessari, in un vertice tenutosi alla Provincia di Rieti. E in queste ore scoppia una nuova polemica sulla puntata di Porta a Porta di due sere fa, ospite il ministro Graziano Delrio.

– I familiari stanno piangendo i propri cari e va in scena la vergogna sulla Tv pubblica, con Bruno Vespa che afferma che il terremoto crea Pil! Ancora più grave che il ministro Delrio non si sia alzato e se ne sia andato immediatamente, invece ha avallato una follia, ha confermato che l’Aquila oggi è il più grande cantiere d’Europa – dicono i capigruppo M5S di Camera e Senato Laura Castelli e Stefano Lucidi.

Gli investimenti per ricostruire e portare avanti un programma di prevenzione ammonterebbero a miliardi ma l’Italia potrebbe ricorrere alla flessibilità offerta dal fiscal compact.

Ultima ora

17:06Maltempo: Protezione civile, in arrivo temporali al nord

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Un avviso di avverse condizioni meteo è stato emesso dal Dipartimento della Protezione civile, che prevede dal pomeriggio di oggi temporali al nord, in particolare su Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, provincia di Bolzano e Veneto. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Per oggi e domani è stata valutata allerta gialla su alcuni settori di Veneto e Piemonte, sulla provincia di Bolzano e su buona parte della Lombardia, e solo per oggi su gran parte della Valle d'Aosta. (ANSA).

17:05Calcio: Caf studia riforma, Coppa d’Africa a giugno-luglio

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Addio Coppa d'inverno, con tutte le problematiche che si portava dietro. La Coppa d'Africa 2019 non si giocherà più a gennaio-febbraio ma, quasi sicuramente, nei mesi estivi, come accade per le altre 'consorelle' continentali. Lo ha stabilito l'Esecutivo della Federcalcio africana (Caf) che ha dato mandato a un gruppo di lavoro di studiare la riforma, decidendo anche di innalzare il numero dei Paesi partecipanti da 16 a 24 e questo già dalla prossima edizione che si disputerà in Camerun nel 2019. La novità stagionale soprattutto rappresenta una grande vittoria per i club europei, costretti a rinunciare a tanti giocatori (e diverse 'stelle') in una fase cruciale della stagione. La prossime edizioni della Coppa d'Africa si disputeranno in Camerun (2019), Costa d'Avorio (2021) e Guinea (2023).

17:00Putin, non ho ancora deciso se mi candiderò nel 2018

(ANSA) - MOSCA, 21 LUG - "Non ho ancora deciso se devo continuare ad espletare le mie funzioni da presidente. Sapete che ci saranno le elezioni nel 2018, prima del voto c'è ancora tempo". Lo ha affermato il presidente russo Vladimir Putin in un incontro con i giovanissimi allievi del centro di istruzione 'Syrius' di Sochi trasmesso in diretta dal canale televisivo Ntv.

16:55Migranti: giunti 111mila, l’85% in Italia

(ANSA) - GINEVRA, 21 LUG - Un totale di 111.514 migranti e rifugiati sono giunti in Europa via mare dall'inizio dell'anno e 2.360 sono morti mentre cercavano di attraversare il Mediterraneo. Lo riferisce l'Oim (Organizzazione internazionale delle migrazioni). L'agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni precisa che circa l'85% arrivi sono stati registrati in Italia.

16:53Appalto truccato in cambio di assunzione figlio, 5 condanne

(ANSA) - SAVONA, 21 LUG - Si è concluso con 5 condanne il processo per l'inchiesta "Trash", riguardante irregolarità nell'assegnazione dell'appalto per la gestione dei rifiuti a Pietra Ligure Savona. Il tribunale di Savona ha condannato l'allora responsabile del settore servizi tecnici specializzati Fabio Basso (4 anni e 10 mesi di reclusione) ed i funzionari di Ata Spa Roberto Balbis (3 anni) e Mario Cena (2 anni e 8 mesi). Condannati anche due dipendenti del Comune, Vincenzo Trevisano ed Andrea Nencioni (per entrambi 8 mesi con la sospensione condizionale). Trevisano e Basso sono stati inoltre assolti da due dei capi d'accusa. Le indagini erano iniziate nel marzo 2013: l'accusa della Procura era che i cinque avessero "truccato" la gara per l' assegnazione del servizio di raccolta differenziata favorendo Ata Spa, società partecipata del Comune di Savona. Un "favore" ricambiato dalla promessa di assumere in azienda il figlio di Basso.(ANSA).

16:47Orban a Gentiloni, Italia chiuda i porti

(ANSA) - BUDAPEST, 21 LUG - L'Italia dovrebbe "chiudere i porti" per arginare i flussi migratori dal Mediterraneo. Lo sostiene il premier ungherese Viktor Orban, annunciando che i quattro leader del gruppo di Visegrad (oltre all'Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia) hanno scritto una lettera in questo senso al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Secondo Orban, che non esclude l'opzione militare, il problema deve essere risolto in Libia.

16:43Incendi in Toscana: Rossi, dichiarato stato emergenza

(ANSA) - FIRENZE, 21 LUG - Stato di emergenza regionale per gli incendi in Toscana. "A fronte della situazione in atto in Toscana da maggio ad oggi, e dell'intensificarsi del numero e della gravità degli incendi nell'ultimo periodo ho ritenuto indispensabile procedere alla dichiarazione di stato d'emergenza regionale che permetterà alla giunta, nell'immediato, di valutare le prime azioni necessarie da intraprendere per mitigare le criticità e i presupposti per richiedere l'eventuale dichiarazione dello stato d'emergenza nazionale", ha detto il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. "Abbiamo rafforzato l'attività di tutto il sistema antincendi e in particolare dell'attività della Sala operativa regionale che ormai costantemente, da maggio, gestisce l'emergenza 24ore su 24", ha aggiunto.

Archivio Ultima ora