Sisma: L’incubo dei bimbi, essere divorati dalle crepe

Pubblicato il 26 agosto 2016 da ansa

Un fermo immagine tratto da Sky TG24 mostra il recupero di una bambina estratta viva dalle macerie ad Amatrice, 24 agosto 2016. ANSA/SKY TG24 -

Un fermo immagine tratto da Sky TG24 mostra il recupero di una bambina estratta viva dalle macerie ad Amatrice, 24 agosto 2016.
ANSA/SKY TG24 –

GRICIANO (ACCUMOLI, RIETI) – “La loro paura più grande è che si aprano delle crepe sotto le tende, e venire divorati da queste crepe”. E’ l’incubo dei piccoli nel campo di accoglienza di Griciano, piccola frazione a tre chilometri da Accumoli l’epicentro del terremoto che ha fatto strage tra Lazio e Marche. I volontari hanno allestito un mini-campo giochi non lontano dalle tende.

Una fascetta segnaletica dai tradizionali colori bianco e rosso simula il limite di una immaginaria rete da pallavolo. I piccoli si rincorrono tutto intorno. Giocano a nascondino tra le tende allestite dai soccorritori. Vicino c’è una ‘ludoteca’: ci sono i colori per disegnare, i fumetti, le macchinine e qualche libro per i più grandi.

I bambini sono una decina, tutti tra i 3 e i 12 anni, e anche molti adolescenti, in un campo che ospita nella notte oltre 150 persone.

– Non gli diciamo cosa disegnare, li facciamo giocare, cerchiamo di riportarli alla quotidianità che hanno perso – spiega Chiara Giuliani, una giovane volontaria responsabile dei più piccoli, di Torre dei Passeri, in provincia di Pescara – Giochiamo a palla, acchiapparella, quello che vogliono. Se hanno bisogno di rilassarsi magari leggiamo un libro insieme.

L’assistenza dei volontari non è di natura terapeutica, per quella ci sono team specializzati che stanno girando tutta l’area. Qui si offrono sorrisi e scherzi. Nei disegni ci sono gli elicotteri della Croce rossa che salvano una persona. Una ragazza che grida aiuto in una casa vicino a un bosco in fiamme. Ma anche gli stemmi della Juve o della Roma, o una partita di pallavolo in spiaggia, forse quelle viste nelle Olimpiadi di Rio.

– Esprimono quello che hanno vissuto. Non è arte-terapia, è disegno puro – continua Chiara -. E’ un modo per canalizzare le energie che hanno, le loro emozioni. I bambini sono più piccoli esprimono in modo diverso dagli adulti quello che hanno vissuto e ognuno elabora in una determinata strada.

Non lontano da qui, a una quindicina di chilometri sulle montagne più alte, a Montegallo, rinomato centro turistico sui monti Sibillini, altri bambini si rincorrono gridando. Le famiglie del paese hanno trasformato un vicino camping della comunità montana in un riparo sicuro. I volontari dell’Emilia Romagna, che in quest’area sono oltre 120, hanno piazzato tende accanto ai bungalow, che ospitano soprattutto gli anziani, compreso qualche ferito.

– Nel paese ci sono circa 17 bambini, 10 sono qui. Si conoscono tutti, non hanno capito bene cosa sia successo e pensano di stare in vacanza – racconta una signora.

Accanto a lei c’è Alessio, 5 anni, il nipote.
– Non ha paura, ma quando arriva una scossa si spaventa. Allora lo abbraccio, lo coccolo e gli rispunta il sorriso – dice la zia.

Alessio fa una smorfia, gira sui tacchi e ricomincia a correre sul prato. Si azzuffa con gli altri piccoli. La comunità li guarda con amore, li sentono come figli di tutti. E sono determinati a garantire loro un futuro che spazzi via il dramma di questi giorni.

Ultima ora

22:38Calcio: Zaza show, tripletta in 8′ al Malaga

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Tre gol in otto minuti di Simone Zaza al Malaga. Uno vero e proprio show dell'attaccante italiano del Valencia che si merita la copertina nel sonante 5-0 inflitto dalla squadra di Marcelino agli andalusi, ultimi in classifica a zero punti dopo cinque partite. Il Valencia era già in vantaggio per 1-0 al 45' del primo anticipo della quinta giornata di Liga per una rete di Mina, ma Zaza ha dato la svolta all'incontro: il n.9 ha segnato al 10', al 15' e al 18' della ripresa, prima in spaccata, poi di testa e quindi di sinistro, portando a quattro il suo bottino stagionale. Al 41' è arrivato poi il 5-0 firmato da Rodrigo. Il Valencia sale provvisoriamente al terzo posto, con nove punti.

22:13Calcio: diluvio a Terni, rinviata Ternana-Brescia

(ANSA) - TERNANA, 19 SET - Gara sospesa e poi rinviata per pioggia allo stadio 'Libero Liberati' di Terni dove si stavano sfidando Ternana e Brescia. La gara, ferma sullo 0-0 è stata sospesa al 20' minuto di gioco a causa di un violentissimo nubifragio. Le due squadre sono state rimandate nello spogliatoio e intorno alle 21.10 c'è stato un sopralluogo da parte del direttore di gara, Daniele Martinelli, per verificare lo stato del terreno di gioco. Alle 21.18 a causa del perdurare della pioggia il delegato di Lega, con le due squadre d'accordo, ha deciso per il rinvio a data da destinarsi. La gara riprenderà dal minuto 20 con le due squadre sullo 0-0.

21:15Forte terremoto nel Messico centrale

(ANSA) - CITTÀ DEL MESSICO, 19 set - Un forte terremoto di magnitudo 7.1 è stato registrato nel Messico centrale. Lo riferisce l'Usgs americano. L'epicentro è nella regione di Puebla, a 10 km di profondità. L'ente geofisico nazionale ha fissato la stima preliminare a 6.8. La scossa è stata avvertita anche a Città del Messico, dove molte persone sono scese in strada.

21:15Bus Catalogna: Orlando a collega spagnolo, chiarezza

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha scritto al suo omologo spagnolo, il ministro Rafael Català Polo, esprimendo "il rammarico delle famiglie delle vittime dell'incidente stradale in cui hanno perso la vita le studentesse Erasmus italiane e auspicando che ci sia ancora la possibilità di chiarire quali siano state le cause e le circostanze dell'incidente".

20:42Consip: Musti, ‘in che pasticcio ci hanno messo?’

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Ma in che pasticcio ci sono andati a mettere?". Così il procuratore di Modena Lucia Musti - secondo quanto riporta il verbale della sua audizione al Csm dello scorso 17 luglio - si rivolge al procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, dopo che nel luglio del 2015 sul Fatto Quotidiano compare l'intercettazione della telefonata tra Matteo Renzi ed il generale della Gdf, Michele Adinolfi. L'intercettazione faceva parte dell'informativa dell'inchiesta Cpl Concordia che il pm di Napoli, Henry John Woodcock, aveva trasmesso alla collega di Modena.

20:39Calcio: a Prato l’ultimo saluto a Bersellini

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Parenti, amici, e tanti campioni del calcio si sono riuniti questo pomeriggio al Duomo di Prato per i funerali di Eugenio Bersellini, l'indimenticato allenatore morto domenica scorsa a 81 anni. Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, Giuseppe Bergomi, Evaristo Beccalossi, Alessandro Altobelli e Gabriele Oriali, giocatori dell'Inter con cui il tecnico tra il '77 e l'82 vinse uno scudetto e due Coppe Italia. Bersellini viveva da qualche anno a Prato insieme ad una delle figlie.

20:38Terrorismo: processo Meriem, sentiti primi testimoni

(ANSA) - VENEZIA, 19 SET - E' un processo senza imputata ma soprattutto senza la certezza che sia ancora viva, quello nei confronti di Meriem Rehailly, la studentessa residente nel padovano e fuggita in Siria nel 2015 per combattere con il califfato, che ha registrato oggi al Tribunale a Venezia la seconda udienza. Tra problemi di traduzione e la certezza di familiari e difesa, rappresentata dall'avv. Andrea Niero, che la ragazza sia morta, come avrebbe riferito un'altra simpatizzante dell'Isis, si sono ricostruiti alcuni passaggi della sua fuga. Prima quello che la vede impreparata - come ha raccontato chi le ha venduto i biglietti - tanto da chiedere un tagliando di sola andata per la Turchia, senza sapere che serviva anche quello di ritorno. Dall'altra i militari dei Ros che, rispondendo anche alla Pm Francesca Crupi, hanno ricostruito come la ragazzini si fosse documentata con un 'manuale' del terrorista sul web. Poi è stata la volta del padre di origini marocchine il quale ha ribadito come la figlia sia stata plagiata.

Archivio Ultima ora