Serie A: Cagliari Roma 2-2, genovesi e Sassuolo in vetta con la Juventus

Pubblicato il 29 agosto 2016 da ansa

Cagliari's Marco Borriello (R) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Cagliari Calcio vs AS Roma at Sant'Elia stadium in Cagliari, Sardinia island, Italy, 28 August 2016. ANSA/GIUSEPPE UNGARI

Cagliari’s Marco Borriello (R) scores the goal during the Italian Serie A soccer match Cagliari Calcio vs AS Roma at Sant’Elia stadium in Cagliari, Sardinia island, Italy, 28 August 2016.
ANSA/GIUSEPPE UNGARI

ROMA. – La Juve è già in fuga e dopo due giornate ha due punti su Napoli e Roma, tre su Fiorentina e Milan, cinque sull’Inter. Allo stop per le nazionali in compagnia dei bianconeri ci sono a sorpresa le due genovesi e il Sassuolo.

Dopo gli acuti di Juve e Napoli negli anticipi la seconda giornata regala soprattutto le frenate di Roma e Inter: ai giallorossi non bastano un doppio vantaggio all’inizio della ripresa perché il Cagliari merita alla fine il pari a cui contribuisce ancora l’ex Borriello. La difesa nonostante i tanti acquisti ancora non funziona.

Ma se Spalletti non ride De Boer ha quasi da piangere: contro il Palermo pochi spunti e pareggio in rimonta per un’Inter ancora in confusione e già in crisi. La notte agostana del pallone esalta il Genoa che stravince in rimonta a Crotone, la Samp che sorpassa una buona Atalanta, il Sassuolo che regola il Pescara e soprattutto il Torino che abbatte 5-1 il Bologna con una tripletta di Belotti nonostante il secondo rigore sbagliato in due partite. Primi punti per la Fiorentina e l’Udinese che fanno fuori Chievo e Empoli. In chiave azzurra, oltre a Belotti, splendida doppietta di Pavoletti.

I risultati della seconda giornata di Serie A

Cagliari-Roma 2-2
Crotone-Genoa 1-3
Fiorentina-Chievo 1-0
Sampdoria-Atalanta 2-1
Sassuolo-Pescara 2-1
Torino-Bologna 5-1
Udinese-Empoli 2-0

Pesa il ko in Champions della Roma e De Rossi perde la fascia da capitano a favore di Florenzi. Ma l’avvio è un’autostrada per Spalletti con il terzo rigore trasformato da Perotti. Ma il Cagliari schiuma rabbia e assalta il fortino giallorosso. Borriello di testa colpisce il palo. Nella ripresa entra Dzeko e in 45′ confeziona un assist per Strootman che scaccia i fantasmi del lungo infortunio e raddoppia. Ma basta un’incertezza difensiva perché il Cagliari rientri in gioco con una ribattuta dell’ex Borriello su gran tiro respinto di Sau. La Roma balla e Spalletti inserisce Fazio ma alla fine Sau spizza di testa il pallone e trova un pari meritato.

Continua l’odissea di De Boer, l’Inter stecca anche a San Siro lasciandosi imporre il pari da un modesto ma combattivo Palermo. Mezz’ora anonima, poi i nerazzurri creano quattro occasione. Nella ripresa l’ottimo Rispoli porta in vantaggio i suoi con un tiro deviato da Santon e l’Inter va in apnea. Lo scossa la crea Candreva, che crea un assist per il pari di testa di Icardi. Ma poi la squadra non morde, in attesa di Joao Mario e Gabigol.

La Fiorentina pensa al mercato ma il Chievo merita la massimo attenzione. I viola passano con Carlos Sanchez sugli sviluppi di un angolo ma i veneti nella ripresa creano grossi grattacapi. Poi la Fiorentina certifica il successo con una traversa di Ilicic.

Bella partita a Torino coi granata aggressivi che perdono ancora Ljiajc, ma sale in cattedra Belotti che punisce il Bologna di testa. Poi Taider fa tutto da solo bevendosi mezza squadra, ma il ‘Gallo’ sente aria di azzurro e trova un raddoppio da rapinatore d’area. Nella ripresa poi chiude i conti con Martinez e Benassi. Belotti poi sbaglia un rigore ma poi su azione trova egualmente il tris. Per Donadoni una severa lezione.

Il Sassuolo tiene il passo delle grandi ma il Pescara fa soffrire Di Francesco: Defrel e Berardi (che poi si infortuna) lanciano il Sassuolo, l’ex interista Manaj riporta in gioco gli abruzzesi ma è troppo tardi.

Fa harakiri invece il Crotone schiacciando il Genoa nel primo tempo: palo di Rosi, traversa di Palladino che poi porta in vantaggio i suoi. Ma la matricola s’incarta nella ripresa e in pochi minuti prima Gazpè poi una pregevole doppietta (testa e tiro al volo) di Pavoletti regala la seconda gioia a Juric.

Festeggia anche l’altra sponda genovese: la Samp fatica a carburare con l’Atalanta che passa col terzo gol di Kessiè poi un rigore di Quagliarella e un colpo di testa di Barreto costringono alla resa i bergamaschi.

Complicato il successo dell’Udinese su un ottimo Empoli: Felipe regala il vantaggio poi Saponara suona la carica e colpisce il palo, ma un rosso a Laurini rende meno problematico il finale dei friulani che raddoppiano in chiusura con Perica

Ultima ora

03:42Manchester, settimo arresto in Inghilterra

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - La polizia britannica ha arrestato una settima persona in connessione all'attentato di Manchester. Un uomo è stato fermato ieri dopo che le forze dell'ordine hanno effettuato ricerche nella città inglese di Nuneaton, circa 160 chilometri a sud di Manchester. Si tratta del primo arresto in Inghilterra a svolgersi al di fuori di Manchester dal giorno dell'attentato. Sono quindi ora in tutto sei uomini e una donna le persone arrestate nel Regno Unito nell'ambito delle indagini sull'attacco suicida che lunedì ha ucciso 22 persone al concerto della pop star Ariana Grande all'Arena.

02:07Due ragazzi trovati morti in una cava dismessa

(ANSA) - LA SPEZIA, 25 MAG - Due ragazzi albanesi poco più che maggiorenni sono stati trovati morti questa notte in una cava dismessa in località Acquasanta nel comune della Spezia. Secondo i primi accertamenti del medico legale, la morte risalirebbe ad almeno tre giorni fa. Sui copri non sono state trovate ferite da arma da taglio o da fuoco. I due sarebbero precipitati in modo accidentale dalla soprastante strada litoranea che porta alle Cinque terre, dopo un volo di 40 metri. Uno dei due giovani aveva 19 anni, si chiamava Fabiol Kycyku. Su di lui c'era una denuncia di scomparsa. I familiari, che vivono alla Spezia, non avevano sue notizie da domenica scorsa. Sul caso sta indagando la Polizia.

00:31Calcio: Mourinho, completata l’opera di Ferguson

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È una soddisfazione tipo Inter-Bayern, quando senti dal primo minuto di averla in tasca. Abbiamo iniziato benissimo, ho avuto subito la sensazione di pieno controllo della partita, che stavamo giocando come volevamo; sono stato sempre tranquillo, la squadra ha giocato bene, con tanta intelligenza tattica. Credo che tutti abbiano avuto da subito la sensazione che la coppa era nostra". José Mourinho esulta, intervistato da Sky Sport dopo la vittoria dell'Europa League nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Mi fa certamente piacere vincere tre competizioni nella stessa stagione - continua il tecnico - Non è un grande triplete, ma è importante per un club come il nostro che in questo momento non è ancora in grado di pensare a quel livello. Con Ferguson scherzavamo dicendo che io ho fatto un piccolo lavoro per lui: Sir Alex ha vinto quasi tutte le coppe, io ho vinto questa che mancava".

00:29Calcio: Pogba, ora nessuno può più criticarci

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Volevamo vincere questa coppa, siamo arrivati fino a qui e siamo molto orgogliosi: ora nessuno può più parlare. Forse non è stata una stagione positiva al 100%, ma abbiamo raggiunto questo risultato e non abbiamo rimpianti". È un Paul Pogba che non trattiene la voglia di zittire le critiche, a lui e al Manchester United, quello che solleva il trofeo dell'Europa League al termine della finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Abbiamo iniziato bene e segnato presto - continua l'ex bianconero - Poi abbiamo retto bene, anche soffrendo un po', e segnato il secondo gol. La Juventus? Sono contento se vincerà la Champions e mi farà piacere sfidarla per la Supercoppa". Più contenuta la gioia di Zlatan Ibrahimovic, fuori per infortunio. "Certamente mi dispiace non aver giocato - ammette a Sky Sport - D'altronde, ora abbiamo vinto ed è quel che conta. Ogni trofeo è collettivo e quest'anno ne abbiamo vinti tre. Il mio futuro? Lavoro e vado avanti, torno fra qualche settimana. Dove? Vediamo, bella domanda...".

00:14Brasile:Temer mobilita militari contro proteste Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 MAG - Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha mobilitato le forze armate per difendere la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate oggi nella capitale federale. La decisione del capo di Stato - formalizzata da un apposito decreto e comunicata dal ministro della Difesa, Raul Jungmann - è stata criticata tanto dalla maggioranza quanto dall' opposizione. "Spero che la notizia non sia vera", ha commentato il giudice della Corte suprema, Marco Aurelio.

00:12Indonesia: due kamikaze si fanno esplodere, tre agenti morti

(ANSA) - GIACARTA, 24 MAG - Almeno tre agenti di polizia sono rimasti uccisi e una decina di altre persone, fra cui cinque agenti, sono rimaste ferite in Indonesia, dove due kamikaze si sono fatti esplodere la scorsa notte a pochi minuti l'uno dall'altro in una stazione di autobus nell'affollato quartiere orientale di Kampung Melayu, a Giacarta, capitale federale della più popolata nazione a maggioranza islamica del mondo. Il portavoce della polizia ha confermato quanto si era saputo in precedenza sulla dinamica del duplice attentato, compiuto, ha detto, da due terroristi suicidi, entrambi uomini, che si aggiungono al computo delle vittime. La zona è piena di agenti, con artificieri e unità cinofile. Filmati ripresi da passanti con il cellulare e postati su Youtube mostrano un poliziotto ferito portato in ambulanza in barella. Un altro filmato mostra brandelli di carne sparsi a terra sul marciapiede. In Indonesia, da anni si combatte contro formazioni jihadiste, prima legate ad Al Qaida, ora con militanti collegati all'Isis.

00:05Calcio: Darmian, vittoria per le vittime di Manchester

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È stato un percorso lunghissimo e faticoso; la nostra presenza qui in finale non era scontata. È stata una partita difficile, ma abbiamo meritato di vincere questo trofeo che il club non aveva mai vinto nella sua storia. E poi con questo pubblico meraviglioso...". Lo ha detto Matteo Darmian a Sky Sport poco dopo la conquista dell'Europa League con lo United, nella finale di Stoccolma contro l'Ajax, a 48 ore dall'attentato terroristico di Manchester. "È stato un avvenimento drammatico che ci lascia un po' di amaro in bocca, nonostante questa fantastica serata - ha osservato il difensore - La vittoria è per tutte le vittime e per le persone che stanno soffrendo". Tornando a parlare di calcio, poi, Darmian ha dribblato la domanda sui suoi rapporti con il tecnico José Mourinho. "Io ho cercato sempre di lavorare - ha detto l'ex granata - Queste sono serate che ogni giocatore si augura di giocare: fortunatamente ne ho avuto l'opportunità e l'ho sfruttata. Ma l'importante è che la squadra abbia vinto".

Archivio Ultima ora