Primo settembre, Caracas militarizzata

Pubblicato il 29 agosto 2016 da redazione

Primo settembre, Caracas militarizzata

Primo settembre, Caracas militarizzata

Mauro Bafile

Mancano pochi giorni al primo settembre. Nel frattempo, Governo e Opposizione si affrontano in una guerra di dichiarazioni che non concede spazio al dialogo. Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, il vicepresidente del Psuv, Diosdado Cabello, il Sindaco di Caracas, Jorge Rodríguez e altri esponenti dell’Esecutivo e del partito di governo, in tono assai brusco e intimidatorio insistono sulla presunta strategia “golpista” dell’Opposizione.

In altre parole, sull’intenzione dei partiti riuniti nella Mesa de la Unidad (MUD) di ricreare le condizioni che, nel lontano 2002, provocarono un conato d’insurrezione popolare, represso col sangue dall’estinto presidente Chávez, e un tentativo di colpo di Stato durato fortunatamente appena poche ore.

Per contrastare le presunte intenzioni dell’Opposizione, il governo del presidente Maduro ha deciso di applicare un dispositivo di sicurezza che, nella pratica, si è tradotto nella militarizzazione della capitale. Posti di blocco, mezzi anfibi collocati in zone considerate strategiche (specialmente all’entrata della città e nei quartieri commerciali di classe media), costante vigilanza di poliziotti e Guardia Nazionale in moto.

Le strade non sono più pattugliate solamente dalla Polizia Bolivariana, ma anche, appunto, dalla Guardia Nazionale e dall’Esercito. Particolarmente attiva è la Guardia Nazionale che oltre al controllo dell’ordine pubblico è impiegata nei supermarket e piccoli negozi di generi alimentari per evitare i conati di saccheggio.

La loro presenza è sempre più vistosa, soprattutto perché da qualche settimana si presenta in tenuta antisommossa, completa di fucili per i lanci di bombe lacrimogene e di pallottoloni di gomma. Una presenza, alla porta dei supermarket, che alimenta l’inossidabile ironia del venezuelano che non perde occasione per ridicolizzare anche un corpo di polizia militarizzata assai rispettata in altri tempi.

Dal canto suo, l’Opposizione non perde occasione per ripetere che la “Toma de Caracas” sarà una manifestazione pacifica e che le presunte intenzioni di “golpe” solo esistono nella fantasia del governo, che vede ormai fantasmi ovunque. Gli esponenti del Tavolo dell’Unità, poi, sottolineano che il sostegno popolare che il primo anno aveva accompagnato il “Governo Maduro” è ormai “acqua passata”.

E, stando ai sondaggi, ragioni non gli mancano. In effetti, la popolarità del governo del presidente Maduro è oramai ai minimi storici. I venezuelani apparentemente non credono più alle sue promesse e a quelle dei leader del “chavismo” anche se manifestano diffidenza nei confronti di un’opposizione che, per tanti versi, rappresenterebbe il ritorno a un passato indesiderato.

Fa da corollario alle tensioni createsi in questi giorni, la notizia della presunta chiusura di alcune stazioni della metropolitana nei quartieri dell’est di Caracas – giustificata dalla necessità di realizzare la manutenzione delle istallazioni – proprio nei giorni a cavallo della “Toma de Caracas”; e l’intervento delle forze dell’ordine che hanno proibito al corteo di rappresentanti indigeni, oltre un migliaio, che erano partiti a piedi dallo Stato Amazonia per raggiungere la capitale e partecipare alla manifestazione del 1 settembre, di attraversare alcuni ponti dello Stato Apure per continuare il loro cammino verso Caracas.

Governo e Opposizione, oggi, fanno leva sul desiderio dei venezuelani di un cambiamento. Per il momento, le loro sono solo promesse. Ma i venezuelani, per troppi anni ingannati con promesse mai realizzate, sono diffidenti.

Non mancano, poi, le minacce. Il Governo mette in guardia sui pericoli di un ritorno al passato e la conseguente perdita delle conquiste ottenute; l’Opposizione, dal canto suo, illustra i rischi che rappresenta continuare con un sistema di governo che ha provocato la crisi economica e la conseguente perdita di potere acquisitivo.

Mentre la polemica politica pare non aver fine e la radicalizzazione del conflitto non offre spazi al dialogo, se non a quello di frange considerate dissidenti dal chavismo e dal Tavolo dell’Unità, la delinquenza continua a seminare il terrore. La massiccia presenza di polizia, Guardia Nazionale ed Esercito in strada non ha provocato una riduzione della criminalità.

Non esistono cifre ufficiali. E’ vero. Le forze dell’Ordine, per disposizione espressa del Governo, non rendono noto né il numero dei delitti né le caratteristiche di questi. Ma non pare che vi siano dubbi sull’incremento degli omicidi e dei sequestri. L’Obitorio della capitale, nel quartiere di Bello Monte, è stato recintato così da evitare che gli occhi indiscreti dei giornalisti potessero raccontare la tragedia che vive ogni giorno chi deve reclamare il corpo senza vita di un figlio, di un marito o di un parente. D’altro canto, i sequestri, se ci si attiene dalle testimonianze delle vittime e degli esperti, sono il pane quotidiano.

Omicidi e sequestri, ormai, ricevono gli onori della cronaca solo quando si tratta di “vittime eccellenti”. Ad esempio, l’impiegato dell’Ambasciata spagnola, vivo per miracolo dopo essere stato ferito da un colpo di pistola a seguito di un tentativo non si sa bene se di rapina o di sequestro, con relativa sparatoria; o il funzionario dell’Ambasciata russa, il maggior alleato internazionale del governo, per la cui liberazione sono stati pagati, pare, oltre 20mila dollari.

Numeri ufficiali di sequestri non ve ne sono ma, stando alle cifre non ufficiali, sarebbero oltre 2.000 l’anno. Una cifra da capogiro anch’essa in aumento. Quello dei sequestri si è trasformato in un “affare” redditizio sia per chi sequestra sia per chi si è specializzato nel “negoziare” con i malviventi.

Caracas continua ad essere, con 120 omicidi su 100mila abitanti, la città più violenta al mondo, nonostante gli sforzi della polizia. Stando all’autorevole “Osservatorio Venezuelano della Violenza”, il 2016 potrebbe chiudersi con oltre 30 mila morti a causa della violenza. Lo scorso anno furono 27mila 875. Si stima che dal 1999 ad oggi la malavita abbia fatto 285mila vittime.

Solo il mese scorso, stando a indiscrezioni, sarebbero stati registrati nell’Obitorio di Bello Monte 535 vittime della violenza. Nei primi sette mesi dell’anno i morti sarebbero quasi 3mila 400. Sono, tutte queste, cifre da capogiro, mentre la crisi economica del paese si fa sempre più acuta e alimenta il desiderio di denaro facile.

La recessione, che quest’anno farà registrare un Pil negativo di oltre il 10 per cento, l’inflazione che, si calcola, potrebbe raggiungere a fine anno anche il 900 per cento, illustrano quanto grave sia la situazione del paese e la necessità di un giro di boa nelle politiche del governo.

Questo panorama preoccupante, dovrebbe consigliare a Governo e Opposizione una pausa per analizzare soluzioni razionali e credibili. Ma non è così. Il Governo, che in questo momento avrebbe il potere di determinare il futuro del paese, insiste nel denunciare l’esistenza di una poco credibile guerra economica e prosegue nella sua politica che, stando a industriali e organizzazioni operaie, sta distruggendo il tessuto produttivo del Paese. Alcuni analisti attribuiscono l’incapacità del governo di proporre nuove politiche alla profonda crisi che vive il Psuv e, in generale, tutto il “chavismo”.

Il Tavolo dell’Unità, contrariamente a quanto afferma il suo nome, stenta a controllare l’arcipelago di partitini e piccoli movimenti che lo compongono e trova l’unità solo su obiettivi precisi e congiunturali ma non su un programma di governo ben strutturato; un programma credibile che potrebbe essere assunto come unica alternativa per il Paese.

A tutto questo, poi, è necessario sommare l’antagonismo tra “Tribunal Supremo de Justicia” e Parlamento. Quest’ultimo, eletto democraticamente dalla stragrande maggioranza dei venezuelani, è oggi privo di ogni potere. Per analisti internazionali, quanto sta avvenendo con l’Assemblea nazionale è l’equivalente di un “colpo di Stato” di cui si starebbe macchiando il Governo.

Ultima ora

11:01Rigopiano: Stefano vivo, a Valva si riaccende la speranza

(ANSA) - VALVA (SALERNO), 21 GEN - La notizia che Stefano Feniello è vivo ed è stato individuato assieme alla fidanzata Francesca Bronzi ed altre tre persone sotto le macerie del resort Rigopiano è giunta nel cuore della notte a Valva (Salerno). "Aspettiamo qualche buona notizia'' aveva detto ieri lo zio di Stefano, Claudio, che stamattina insieme con la sorella Graziella ed il figlio Carmine si sta dirigendo a Silvi Marina dove vive la famiglia di Stefano. "Per il momento non abbiamo notizie - dice Claudio Feniello - speriamo che quando saremo a destinazione nostro nipote sia stato estratto dalle macerie". A telefono il fratello di Stefano, Andrea, che si trova in queste ore a Pescara, dice: 'Aspettiamo notizie''.

10:57Bus ungherese: A4 riaperta, rimossa carcassa pullman

(ANSA) - S.MARTINO BUONALBERGO (VERONA), 21 GEN - E' stata riaperta poco fa l'autostrada A4, chiusa dalla notte scorsa tra Verona Sud e Verona Est in seguito al tragico incidente al bus ungherese. Il traffico, sia pur lentamente, ha ripreso a scorrere in direzione di Venezia, dopo che ciò che rimaneva del pullman straniero è stato rimosso. Sul posto sono ora in azione i mezzi della società autostradale per ripulire il tratto di autostrada interessato. Si resta in attesa, da parte della Polstrada di Verona Sud, di conoscere l'esatta dinamica dell'incidente. (ANSA).

10:55Bus ungherese in fiamme, 16 morti

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - E' di 16 morti accertati il bilancio nell'incidente che ha coinvolto un pullman ungherese sul quale viaggiavano 55 persone, 39 delle quali sono rimaste ferite e sono state portate nei vari ospedali di Verona. L'incidente si è verificato poco prima di mezzanotte sulla A4 all'altezza dello svincolo di Verona Est in direzione Venezia: il pullman è andato a sbattere lateralmente contro il pilone del ponte, incendiandosi. A bordo si trovava un gruppo di ragazzi ungheresi fra i 14 e i 18 anni che stavano tornando da una gita scolastica: da una località montana della Francia il bus stava facendo ritorno a Budapest.

07:28Trump: Mattis e Kelly giurano, sono in carica

NEW YORK - L'ex generale James Mattis e il generale in congedo John Kelly hanno giurato, entrando ufficialmente in carica nell'amministrazione Trump. Mattis e' il nuovo capo del Pentagono. Kelly il ministro degli Interni.

07:25Trump in Studio Ovale, firma decreto su Obamacare

NEW YORK - Donald Trump, nel suo primo atto nello Studio Ovale, firma un decreto esecutivo diretto alle agenzie governative per ridurre il peso dell'Obamacare. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer.

07:19Trump, bene conferme Mattis e Kelly, subito al lavoro

NEW YORK - ''Sono soddisfatto della conferma dei generali Mattis e Kelly''. Lo afferma il presidente americano Donald Trump, commentando la loro conferma in Senato. ''Sono due leader qualificati che inizieranno subito a lavorare per difendere il nostro paese e mettere al sicuro i nostri confini''.

07:01Trump: Senato conferma Kelly ministro dell’interno

WASHINGTON - Il Senato americano ha confermato il generale in congedo John Kelly come segretario dell'Homeland Security Department, corrispondente al ministero dell'interno. Poche ore fa il Senato ha confermato anche la nomina dell'ex generale James Mattis a segretario della difesa.

Archivio Ultima ora