Dilma in Senato: “Sono innocente, è un golpe”

Pubblicato il 29 agosto 2016 da ansa

Suspended Brazilian President Dilma Rousseff participates in a meeting with the media in Brasilia, Brazil, 18 August 2016. EPA/CADU GOMES

Suspended Brazilian President Dilma Rousseff participates in a meeting with the media in Brasilia, Brazil, 18 August 2016. EPA/CADU GOMES

SAN PAOLO – Il D-Day di Dilma Rousseff comincia in Senato con un discorso destinato più a rivalutare la sua figura politica e morale per i libri di storia che a garantirle un clamoroso ritorno sulla poltrona più importante del Brasile e concludere il suo secondo mandato presidenziale alla fine del 2018.

– Sono innocente, l’impeachment è un colpo di Stato e si invoca la costituzione per legittimare un nuovo governo che non ha legittimazione popolare e togliere di mezzo il mio governo votato da oltre 54 milioni di brasiliani – ha detto Dilma, che ha anche fatto nomi e cognomi dei presunti congiurati: il presidente ad interim Michel Temer, l’ex presidente della Camera, Eduardo Cunha, dimessosi dopo essere stato travolto da scandali di corruzione, e le elite ultraconservatrici -.

Tutti sanno che la richiesta di impeachment è stata accolta dall’allora presidente della Camera, Eduardo Cunha, come ricatto politico nei miei confronti per indurmi ad insabbiare il procedimento aperto contro di lui per corruzione. Ma non ho ceduto al ricatto. Le accuse contro di me sono ingiuste, non ho mai rubato, non ho case o conti all’estero, non ho mai commesso atti contrari al popolo che mi ha eletto.

Siamo ad un passo da una vera rottura costituzionale, da un vero colpo di stato avallato dalle elite ultraconservatrici e autoritarie per imporre il governo usurpatore di Temer -, ha rincarato Dilma, che ha sforato la mezz’ora concessale ed ha parlato per 46 minuti, interrotti solo da due momenti di commozione quando ha ricordato le torture subite in carcere durante la dittatura militare e la battaglia vinta contro il cancro.

La presidente, che è arrivata in Senato accompagnata dall’ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva, da alcuni ex ministri del suo governo e dal compositore Chico Buarque de Hollanda in rappresentanza di un folto gruppo di artisti ed intellettuali, è accusata di ‘attentato alla Costituzione’ per aver autorizzato le cosiddette ‘pedalate fiscali’, ovvero pratiche contabili illegali per occultare i dati economici negativi.

– Sono innocente, è un pretesto per mascherare il golpe – si è difesa la prima presidente donna del Brasile, che ha ringraziato “le forti donne brasiliane” per il sostegno -. Mi hanno protetta con la loro solidarietà dalle aggressioni verbali e mi hanno coperta di fiori – ha ricordato con orgoglio l’ex guerrigliera marxista di origine bulgara.

Dilma, che ha accettato di rispondere alle domande dei senatori, rischia di essere deposta al termine di una votazione che dovrebbe concludersi domani o mercoledì al più tardi. Per interrompere il secondo governo Rousseff e il regno del Partito del lavoratori, al potere ininterrottamente dal 2003 con Lula e Dilma, serviranno i voti di due terzi dei senatori, 54 su 81.

Nella precedente votazione al Senato, i voti contro Dilma furono 59. Il destino della presidente sembra quindi segnato: l’assoluzione è improbabile ma Dilma vuole almeno uscirne a testa alta e inchiodare alle proprie responsabilità chi vuole spodestarla.

(Marco Brancaccia/ANSA)

Ultima ora

22:34Corea Sud, arrestata ex presidente Park per corruzione

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Si chiude la parabola discendente dell'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye. La donna, accusata di corruzione, è stata arrestata dopo che la Corte distrettuale centrale di Seul aveva dato il via libera al suo mandato di arresto. L'agenzia di stampa Yonhap ha aggiunto che la decisione della Corte è arrivata dopo un'audizione durata circa 9 ore. Il giudice Kang Bu-young ha riferito ai giornalisti di avere preso una decisione in tal senso in quanto c'è la preoccupazione che l'ex presidente possa distruggere le prove che potrebbero essere usate contro di lei nel futuro dibattimento. Park, 65 anni, era decaduta lo scorso 10 marzo, dopo che la Corte costituzionale aveva validato l'impeachment del 9 dicembre votato dal Parlamento. Tre giorni fa la procura aveva deciso di richiedere un mandato d'arresto, descrivendo "molto seri" gli addebiti, nei suoi confronti. E' accusata di aver agito in collaborazione con la 'sciamana' Choi, anch'essa arrestata, per estorcere donazioni alle società sudcoreane.

21:58Sperona auto ex e l’accoltella, fiaccolata a Borgo Vercelli

(ANSA) - VERCELLI, 30 MAR - Fiaccolata nel centro di Borgo Vercelli per Fiorilena Ronco, la donna accoltellata due giorni fa dall'ex marito. Centinaia i cittadini che partecipano alla manifestazione, nel centro della cittadina, organizzata dai compagni di scuola. "Un atto dovuto per la nostra Fiorilena - dice il sindaco Mario Demagistri - e per riaffermare la necessità di stare vicino alle vittime di violenza". Presente anche l'assessore alle Pari opportunità della Regione Piemonte, Monica Cerutti. La piccola folla si è radunata davanti alla chiesa di Santa Caterina per poi passare in via Tavallini, dopo mercoledì l'ex marito della donna l'ha attesa fuori dal lavoro e l'ha aggredita dopo avere speronato l'auto con cui cercava di allontanarsi. L'uomo è stato arrestato. La donna è ricoverata all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli in prognosi riservata.(ANSA).

21:52Calcio: Siviglia ufficializza ‘divorzio’ ds Monchi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Adesso c'è anche l'ufficialità: Ramón Rodríguez Verdejo, per tutti Monchi, lascia la direzione tecnica del Siviglia. Lo ha annunciato il club andaluso con una nota pubblicata sul sito. "Il Siviglia ha raggiunto un accordo con il direttore sportivo Monchi, poi ratificato dal Consiglio di amministrazione del club si è riunito oggi pomeriggio". Domani è in programma una conferenza stampa alle 12.30. Da trent'anni al Siviglia, prima come calciatore e poi come dirigente, Monchi è in predicato di passare alla Roma.

21:25Questore Napoli, nessun giudizio negativo sul Comune

(ANSA) - NAPOLI, 30 MAR - "Non ho evidenziato considerazioni negative sulla gestione amministrativa e politica del Comune consapevole delle difficoltà di amministrare una città complessa, anche dal punto di vista degli aspetti di criminalità ancora persistenti, e per la circostanza che per dieci anni sono stato assente dal territorio". Così il questore Antonio De Iesu. "In merito al colloquio tra il presidente della Regione On. De Luca e l'On. Impegno in un fuori onda desidero evidenziare che il contesto che ha caratterizzato l'incontro con il Governatore nel mio ufficio riguardava il sostegno espresso nei confronti delle forze di Polizia per i fatti dell'11 marzo a Fuorigrotta. A tal riguardo ho espresso il mio rammarico per la mancata solidarietà offerta dall'amministrazione comunale in favore dei 27 agenti delle forze dell'ordine coinvolti negli incidenti. Nel corso dell'incontro non ho evidenziato considerazioni negative sulla gestione amministrativa e politica del Comune".

20:39Pd: Marcucci, Renzi vince, chi lo insegue si dia pace

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Renzi è largamente in testa nelle preferenze dei militanti. Chi insegue a grande distanza se ne faccia una ragione, lavori per il proprio programma, senza denigrare. Allo stato attuale, Renzi è il candidato reputato più in grado di far vincere il Pd dagli iscritti che votano nei congressi". Così in una nota il senatore dem Andrea Marcucci replica ai sostenitori delle mozioni Orlando ed Emiliano.

20:37Turchia: scontri con feriti davanti consolato Bruxelles

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - Una serie di scontri tra pro-Erdogan e oppositori curdi sono avvenuti davanti al consolato turco a Bruxelles. Lo riferisce l'agenzia Belga, secondo cui si è sviluppata una rissa con diversi feriti. Non si sa ancora se ci siano stati fermi o arresti e quante persone siano state coinvolte. E' comunque stata aperta un'inchiesta.

20:33Calcio: Bari, audio presunta combine Trapani, club denuncia

(ANSA) - BARI, 30 MAR - Il presidente del Bari Cosmo Giancaspro ha presentato una querela contro ignoti per calunnia e diffamazione in seguito alla diffusione in rete di un file audio di una persona non identificata che descriveva la partita Trapani-Bari (persa dai pugliesi 4-0 il 18 marzo scorso) come una gara combinata. L'audio ha poi generato forti polemiche sui forum del tifo biancorosso ed è stato commentato con durezza dal tecnico Stefano Colantuono: "Tutte invenzioni e cazz...". Alla denuncia è stato allegato il file audio in questione.

Archivio Ultima ora