Scontro tra Usa e Turchia sui curdi. Washington: “Il nemico è l’Isis”

Pubblicato il 29 agosto 2016 da ansa

Scontro tra Usa e Turchia sui curdi. Washington: “Il nemico è l’Isis”

Scontro tra Usa e Turchia sui curdi. Washington: “Il nemico è l’Isis”

ISTANBUL – Il futuro dei curdi nel nord della Siria riaccende lo scontro tra Turchia e Stati Uniti. Dopo il sostegno della Coalizione internazionale alle prime fasi dell’operazione ‘Scudo dell’Eufrate’ per cacciare l’Isis dalle zone di confine, il conflitto esplode sull’altro grande obiettivo dell’intervento militare di Ankara: la cacciata dei curdi a est della ‘linea rossa’ rappresentata dal fiume Eufrate.

Washington definisce “inaccettabili” gli scontri dei giorni scorsi “in aree in cui l’Isis non è presente” e sottolinea la sua estraneità ai raid turchi, che hanno provocato oltre 30 morti, invitando tutte le forze in campo a concentrarsi sulla “minaccia letale e comune, l’Isis”.

Dal canto suo, Ankara accusa i curdi di “pulizia etnica” e promette di bombardarli ancora se non si ritireranno, sfidando gli Usa a mantenere la “promessa” fatta la scorsa settimana durante la visita del vicepresidente Joe Biden: se non tornano sui loro passi, i curdi perderanno l’appoggio degli Stati Uniti.

Nelle ultime 24 ore l’artiglieria turca ha continuato a martellare nella regione di Jarablus, la città strategica alla frontiera strappata all’Isis nelle prime ore del suo intervento armato, colpendo 20 obiettivi con un totale di 61 colpi sparati. Prosegue anche l’avanzata dei ribelli dell’Esercito siriano libero (Esl) appoggiati da Ankara, che rivendica la conquista di altri 10 villaggi.

Dall’inizio dell’intervento, sostengono fonti militari turche, sono stati sottratti ai “terroristi” 400 km quadrati di territorio, espandendo l’azione a sud e ovest di Jarablus. Una ‘conquista’ che torna a scatenare le ire del governo di Damasco.

Dopo quella delle prime ore, la nuova condanna viene affidata a due messaggi inviati all’Onu, in cui il regime di Bashar al Assad denuncia “ripetute violazioni, aggressioni e massacri” e parla di “crimini contro l’umanità”.

– L’operazione mostra la nostra determinazione e continuerà finché organizzazioni terroristiche come Daesh (Isis), il Pkk (curdo) e il suo braccio siriano, l’Ypg, non cesseranno di essere una minaccia per i nostri cittadini – assicura il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. E oggi l’aviazione di Ankara è tornata a bombardare i ribelli curdi anche in nord Iraq, nella regione di Gara.

Il prossimo obiettivo strategico dell’operazione ‘Scudo dell’Eufrate’ campeggiava chiaro già stamani sulle prime pagine dei giornali turchi: la conquista di Manbij. Località chiave a sud di Jarablus, la cittadina era stata strappata al Califfato dalla coalizione a maggioranza curda delle Forze democratiche siriane (Sdf) un paio di settimane fa. Da Washington, ha sostenuto oggi il portavoce del governo turco, “una delle promesse fatte alla Turchia era che il Pyd avrebbe evacuato Manbij”.

I report dal fronte suggeriscono che i ribelli dell’Esl stanno marciando dritti verso quelle zone, ma i curdi non sembrano disposti ad abbandonarle. Oggi le milizie locali delle Sdf hanno annunciato un parziale ritiro a sud del fiume Sajur, affluente dell’Eufrate, per non dare ai “ribelli alcuna giustificazione per continuare a colpire i civili”.

Al momento, però, un ritiro da Manbij sembra escluso. E il confronto diretto con i ribelli sostenuti da Ankara rischia di far riprendere fiato al Califfato, frenando la grande operazione per la riconquista di Raqqa, la ‘capitale’ dello Stato islamico in Siria.

(Cristoforo Spinella/ANSAmed)

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora