Scontro tra Usa e Turchia sui curdi. Washington: “Il nemico è l’Isis”

Pubblicato il 29 agosto 2016 da ansa

Scontro tra Usa e Turchia sui curdi. Washington: “Il nemico è l’Isis”

Scontro tra Usa e Turchia sui curdi. Washington: “Il nemico è l’Isis”

ISTANBUL – Il futuro dei curdi nel nord della Siria riaccende lo scontro tra Turchia e Stati Uniti. Dopo il sostegno della Coalizione internazionale alle prime fasi dell’operazione ‘Scudo dell’Eufrate’ per cacciare l’Isis dalle zone di confine, il conflitto esplode sull’altro grande obiettivo dell’intervento militare di Ankara: la cacciata dei curdi a est della ‘linea rossa’ rappresentata dal fiume Eufrate.

Washington definisce “inaccettabili” gli scontri dei giorni scorsi “in aree in cui l’Isis non è presente” e sottolinea la sua estraneità ai raid turchi, che hanno provocato oltre 30 morti, invitando tutte le forze in campo a concentrarsi sulla “minaccia letale e comune, l’Isis”.

Dal canto suo, Ankara accusa i curdi di “pulizia etnica” e promette di bombardarli ancora se non si ritireranno, sfidando gli Usa a mantenere la “promessa” fatta la scorsa settimana durante la visita del vicepresidente Joe Biden: se non tornano sui loro passi, i curdi perderanno l’appoggio degli Stati Uniti.

Nelle ultime 24 ore l’artiglieria turca ha continuato a martellare nella regione di Jarablus, la città strategica alla frontiera strappata all’Isis nelle prime ore del suo intervento armato, colpendo 20 obiettivi con un totale di 61 colpi sparati. Prosegue anche l’avanzata dei ribelli dell’Esercito siriano libero (Esl) appoggiati da Ankara, che rivendica la conquista di altri 10 villaggi.

Dall’inizio dell’intervento, sostengono fonti militari turche, sono stati sottratti ai “terroristi” 400 km quadrati di territorio, espandendo l’azione a sud e ovest di Jarablus. Una ‘conquista’ che torna a scatenare le ire del governo di Damasco.

Dopo quella delle prime ore, la nuova condanna viene affidata a due messaggi inviati all’Onu, in cui il regime di Bashar al Assad denuncia “ripetute violazioni, aggressioni e massacri” e parla di “crimini contro l’umanità”.

– L’operazione mostra la nostra determinazione e continuerà finché organizzazioni terroristiche come Daesh (Isis), il Pkk (curdo) e il suo braccio siriano, l’Ypg, non cesseranno di essere una minaccia per i nostri cittadini – assicura il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. E oggi l’aviazione di Ankara è tornata a bombardare i ribelli curdi anche in nord Iraq, nella regione di Gara.

Il prossimo obiettivo strategico dell’operazione ‘Scudo dell’Eufrate’ campeggiava chiaro già stamani sulle prime pagine dei giornali turchi: la conquista di Manbij. Località chiave a sud di Jarablus, la cittadina era stata strappata al Califfato dalla coalizione a maggioranza curda delle Forze democratiche siriane (Sdf) un paio di settimane fa. Da Washington, ha sostenuto oggi il portavoce del governo turco, “una delle promesse fatte alla Turchia era che il Pyd avrebbe evacuato Manbij”.

I report dal fronte suggeriscono che i ribelli dell’Esl stanno marciando dritti verso quelle zone, ma i curdi non sembrano disposti ad abbandonarle. Oggi le milizie locali delle Sdf hanno annunciato un parziale ritiro a sud del fiume Sajur, affluente dell’Eufrate, per non dare ai “ribelli alcuna giustificazione per continuare a colpire i civili”.

Al momento, però, un ritiro da Manbij sembra escluso. E il confronto diretto con i ribelli sostenuti da Ankara rischia di far riprendere fiato al Califfato, frenando la grande operazione per la riconquista di Raqqa, la ‘capitale’ dello Stato islamico in Siria.

(Cristoforo Spinella/ANSAmed)

Ultima ora

16:30Mali: autobomba a base militare, morti salgono a 50

(ANSA) - GAO (NIGERIA), 18 GEN - E' salito ad almeno 50 soldati morti e un centinaio feriti il bilancio di un'autobomba esplosa questa mattina nel nord del Mali contro una base militare. Lo hanno riferito fonti militari locali. Sebbene manchi ancora la rivendicazione le autorità puntano il dito contro i gruppi estremisti islamici attivi in queste regioni del Paese. L'attacco ha colpito una base nella città di Gao che ospita oltre ai militari anche centinaia di ex combattenti che hanno siglato accordo di pace con il governo.

16:26Terremoto: Protezione civile, nessuna vittima nelle Marche

(ANSA) - ANCONA, 18 GEN - ''Non sono segnalate vittime'' al momento nelle Marche dopo le tre scosse di terremoto di stamani, ma ''il resoconto dei crolli è reso difficoltoso dalla neve, che in alcune aree ha raggiunto cumuli di 3-4 metri''. Lo rende noto la Protezione civile regionale. Tutti i comuni del versante ascolano, maceratese e fermano sono innevati e le nuove scosse hanno innescato una serie di piccole slavine. Trentamila sono le utenze senza corrente elettrica, con le maggiori criticità nell'Ascolano. 60 Comuni chiedono turbine e personale.

16:21Calcio: Roma, Spalletti,su mercato ci serve giocatore pronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Il mercato? Io ritegno la rosa della Roma forte e mi va bene così, ma se va via un giocatore allora va sostituito in funzione del periodo in cui giocheremo tantissime partite. Ma non cerchiamo 'apprendisti', ci serve un giocatore dal rendimento sicuro, pronto, che è dentro il nostro calcio e nella mentalità della squadra che deve vincere le partite. Se possibile ci serve un calciatore così, con questo profilo, un centrocampista offensivo, attaccante esterno". Questo il punto di vista di Luciano Spalletti su quello che serve alla sua Roma. Il tecnico, alla vigilia della gara di Coppa Italia con la Sampdoria, si è poi soffermato anche su alcuni nomi accostati alla squadra giallorossa: "Musonda? Conte ne parla benissimo, ma non c'è tempo per lavorare con lui. E noi non possiamo permetterci di perdere nemmeno un secondo. Io ho chiesto un solo giocatore alla società - ribadisce -. Italiano? Sarebbe un valore in più. Defrel? Lui è forte, ma non sono io a dover fare i nomi, peraltro non aiuterebbe''.

16:18Sci:Cdm, Nyman più veloce in prova Kitzbuehel,Innerhofer 8/o

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 18 DIC - Lo statunitense Steven Nyman in 1.57.25 e' stato il più' veloce nella prima prova di discesa sui 3.312 metri della Streif di Kitzbuehel, la pista piu' spettacolare e difficile del mondo. Secondo tempo per lo svizzero Beat Feuz in 1.57.62 e terzo per il francese Johann Clarey n 1.58.20. Miglior azzurro e ottavo tempo in 1.58.42 per Christof Innerhofer. Più' indietro Mattia Casse 11/o in 1.58.55 con Dominik Paris 16/ in 1.58.80 ex aequo con Peter Fill. La prova si e' svolta con dieci gradi sotto zero ma con un bel sole ed un innevamento perfetto. Per molti atleti questa prima prova e' stata soprattutto uan presa di contatto con la Streif. La seconda ed ultima prova di domani dovrebbe dare indicazioni piu' precise. Il programma di Kitzbuehel prevede per venerdi' un superg, sabato la classica discesa e domenica uno slalom speciale. Vincitore della discesa dello scorso anno e' stato Peter Fill che si impose in una gara drammatica che fu chiusa dopo la prova dei primi trenta atleti

16:15Popolarità Obama al 60%,uno dei presidenti più amati

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - Se Donald Trump e' il presidente eletto meno popolare della storia Usa, Barack Obama e' uno dei presidenti uscenti piu' amati dagli americani. La sua popolarita' - secondo un sondaggio di Cnn/Orc - e' ai livelli del 2009, quando si insedio' sulle ali dell'entusiasmo per l'elezione del primo presidente afroamericano. Il suo rating e' al 60%. Solo Bill Clinton (66%) e Ronald Reagan (64%) fecero meglio. Il 65% considera la presidenza Obama un successo. Oggi la sua ultima conferenza stampa.

16:11Wikileaks: ‘Assange pronto a rientrare negli Usa’

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - Julian Assange e' pronto a farsi estradare negli Stati Uniti. Lo riportano alcuni media americani e britannici citando un legale del fondatore di Wikileaks. Assange la scorsa settimana aveva promesso di consegnarsi agli Usa se Barack Obama avesse concesso la grazia a Chelsea Manning.

16:08Calcio:Spalletti”in C.Italia no esperimenti,gioca chi vince”

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "La partita di domani è da dentro o fuori, non ti puoi permettere di fare esperimenti. Io ho alzato un paio di coppettine, dopo ti sembra di cominciare una nuova vita. Ti senti più sicuro, più forte, e la Roma ha bisogno di vincere". Così Luciano Spalletti alla vigilia della sfida di Coppa Italia con la Sampdoria. Il tecnico giallorosso ha poi aggiunto che "noi non siamo nelle condizioni di dire che domani si fa giocare chi ha giocato poco. Si fa giocare chi vince, chi porta a casa la vittoria. Noi abbiamo bisogno di serietà assoluta per la Roma, questo bisogna fare per crescere, e noi ultimamente siamo sulla buona strada. Domani dobbiamo portare a casa il risultato". "Salah ha detto che sono ossessionato dalla vittoria? E' vero, lo siamo tutti. E se dovessi dare un titolo a un libro sulla stagione della Roma fino a questo punto gli darei 'Ossessione'. Dobbiamo per forza evidenziate il fatto che diamo il massimo in ogni momento. La vittoria per noi è un'ossessione, una ricerca continua e quotidiana"

Archivio Ultima ora